L'uomo dal fiore in bocca

Media utenti
Anno: 1970
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Note: Trasmesso dalla Rai il 10 dicembre 1970.
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/01/09 DAL BENEMERITO GUGLY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 4/01/09 18:16 - 1015 commenti

I gusti di Gugly

Un dialogo tra due sconosciuti (in realtà un monologo del primo) nasconde un dramma... Un atto unico brevissimo, meno di trenta minuti nel quale Gassman è fin troppo bello per un ruolo che dovrebbe trasudare dolore e rabbia, mentre qui si vira verso la dolcezza e la sensualità della vita che scorre e che si perde. Solo gli occhi emanano qua e là tristezza. Quasi un presagio del grande protagonista di Profumo di donna. Consiglio di vederli insieme, uno dopo l'altro.

Panza 3/08/18 14:18 - 1492 commenti

I gusti di Panza

Un monologo (dato che l'interlocutore sembra disinteressato o incapace di rispondere al protagonista) su cosa fare per attendere l'imminente morte a causa di un epitelioma. L'ottimo testo pirandelliano permette a Gassman di rendere abilmente tutte le sfumature del suo personaggio, altero e dignitoso anche nel momento più tragico che gli potesse capitare. Sguardo e mimica di Gassman danno ancora più valore e profondità alle sue riflessioni. Una ventina di minuti capaci di grande pathos e incisività davvero spiazzante.
MEMORABILE: L'ombra della moglie; I dettagli di un negozio avidamente osservati.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gugly • 4/01/09 21:25
    Segretario - 4677 interventi
    Come ho scritto anche nel commento, mentre vedevo questo breve pezzo teatrale mi è venuto in mente Profumo di donna.
    In entrambi i lavori l'aspetto di Gassman è molto simile, entrambi i personaggi hanno un interlocutore che si limita a raccogliere la disperazione del protagonista.
    Cambia l'agire del medesimo, che è speculare nei due lavori: nell'Uomo dal fiore in bocca, antecedente al film, il protagonista vorrebbe succhiare attraverso l'osservazione della vita la stessa; Fausto Consolo, il quale osserva non con la vista bensì con tutti gli altri sensi,della vita vorrebbe privarsi.

    Inutile dire che li consiglio entrambi;)
    Ultima modifica: 5/01/09 05:32 da Gugly
  • Discussione Tarabas • 6/01/09 11:21
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    Ne esiste anche una bella versione (sempre RAI) con Michele Placido.Ce l'ho registrata su vhs.Se mai dovessi trovarla,guardala. Ciao.
  • Discussione Gugly • 6/01/09 11:22
    Segretario - 4677 interventi
    grazie, ne ho sentito parlare e negli extra del dvd si sa un breve confronto tra le due interpretazioni.