Komodo vs Cobra

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Komodo vs. Cobra
Anno: 2005
Genere: animali assassini (colore)
Note: e non "Komodo vs Cobra" o "Comodo vs Cobra"
Numero commenti presenti: 5
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/06 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 20/03/07 22:41 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Al peggio non c'è mai fine. Veramente originali gli ingredienti di questa ultima fatica: un'isola misteriosa, esperimenti genetici sugli animali, un gruppo di ambientalisti e una giornalista in cerca di successo. Mixate tutti gli ingredienti e avrete: animali giganti e quasi tutti i personaggi morti ammazzati da queste strane creature. Effetti speciali da serie B e colonna sonora da vomito. Se volete buttare via un paio d'ore della vostra vista ora sapete come farlo. Inguardabile.

Undying 5/04/09 23:02 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Per rivitalizzare il genere animali assassini s'è ben pensato di raddoppiare la dose: su in'isola tropicale gli abitanti cadon vittime del varano (qui gigantesco) di Komodo e di un altrettanto gigantesco cobra. L'isola vien dichiarata off limits ed interviene l'esercito, mentre alcuni ambientalisti (sottoforma di vacanzieri) indagano su presunti esperimenti genetici effettuati in loco. Dopo La maledizione di Komodo, Wynorski (il suo miglior film rimane Supermarket horror) torna sul tema e male utilizza effetti digitali (il cobra) miscelati a pessimi trucchi animatronici (il varano). (S)komodo.

Ciavazzaro 7/04/09 16:19 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Come al solito gli effetti speciali sono fastidiosissimi e rendono il film pessimo. Se poi si cerca di contare sulla penosa interpretazione degli attori si va di male in peggio. Come al solito di questi "film" resta solamente un brutto ricordo.

Puppigallo 27/07/10 22:47 - 4524 commenti

I gusti di Puppigallo

Che sia un filmaccio è fuori dubbio. Non c’è un minimo di originalità nella sceneggiatura e i due mostri fanno quello che possono (il mega varano sembra più un’iguana con seri problemi alla schiena. Mentre il super cobra tende agguati sott’acqua come un’anaconda). Ma almeno ingoiano parecchie persone, in linea di massima meritevoli di morte (quasi tutte insopportabili). Poi però ci si scontra con dialoghi piuttosto pietosi e frasone e frasi fatte da latte alle ginocchia, rendendo più difficile la visione. Sicuramente evitabile, ma se l’alternativa è una tribuna politica…in quel caso…
MEMORABILE: L'insensata colonna sonora stile primi 007; Il varano che ruggisce; L'ultimo fotogramma, che certifica la boiata.

Ryo 8/08/15 16:13 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Tentativo maldestro di proseguire il già fallimentare La maledizione di Komodo riciclando qua e là battute celebri del mondo del cinema e qualche idea da Jurassic Park. Trama ingenua e dalla totale assenza di credibilità. La CGI dei mostri è roba da Playstation One e gli attori non si impegnano nemmeno un po' a recitare le loro parti, trasformando alcune scene in notevoli ridicolaggini.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Puppigallo • 27/07/10 22:56
    Scrivano - 502 interventi
    Due "momentoni" della pellicola

    Il grano gigante
    Il gruppetto giunge davanti a una piantagione di granturco alto come una casa. A quel punto, mentre gli altri guardano stupefatti, il protagonista (che li ha portati in barca) ci delizia con: "Ci vuole un trattore gigantesco per mietere quel grano".

    Seppellimenti...
    I nostri eroi trovano uno degli scienziati sfigurato e rantolante.
    Il poveretto muore tra le braccia della figlia del responsabile degli esperimenti e l'ambientalista vuole seppellirlo. Purtroppo, è quasi sera e il pericolo incombe; così, il protagonista entra nuovamente in azione: "Lasciamolo lì". Naturalmente, l'ambientalista insiste: "Ma come, vuoi lasciarlo lì senza seppellirlo?". E lui: "Non preoccuparti, è biodegradabile".