Hellraiser 6: Hellseeker

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Hellraiser: Hellseeker
Anno: 2002
Genere: horror (colore)
Regia: Rick Bota
Note: sequel di "Hellraiser"
Numero commenti presenti: 11
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La saga di HELLRAISER, che almeno fino al quarto capitolo era riuscita in qualche modo a mantenere un fascino decisamente superiore rispetto alle altre serie horror, sta affondando definitivamente. Clive Barker resta ormai nei titoli solo in quanto creatore dei personaggi originali, perché poi storia e produzione sono esterni e si sente. Pinhead (lo stakanovista Doug Bradley, che non manca mai) fa la sua comparsa quasi unicamente come icona simbolica, ma ha perso quella posizione centrale che gli era un tempo dovuta. Qui la vittima designata è tale Trevor (Dean Winters), compagno della rediviva Kirstie (Ashley Laurence), che con lei finisce subito in fiume...Leggi tutto con l'auto. Si salverà (lei no) ma comincerà ad avere strane (strane? Sì, vabbè…) allucinazioni che gli faranno continuamente confondere la realtà con gli incubi. Le donne che lo avvicinano (Gwen, la sua principale in ufficio nonché sua amante, la vicina di casa…) finiscono trucidate non si sa da chi e lui è sempre sulla scena del delitto. Ovvio che la polizia si spazientisca quando lui persevera a proclamarsi innocente. Il film di Rick Bota è tutto così: Dean Winters che sgrana gli occhi, deglutisce spaventato, non capisce. Almeno fino ai dieci minuti conclusivi, quando finalmente Pinhead e i suoi amici di catena ricompaiono per le spiegazioni finali, che comprendono un colpo di scena già ampiamente sfruttato al cinema e che coinvolgerà la bella Laurence. HELLSEEKER sembra un film di fantasmi riuscito male: noiosissimo, privo di effetti speciali o sangue che non sia quello scontato sparso tra frattaglie e catene, mal recitato, imbarazzante nei passaggi spezzati tra realtà e sogno. In una parola inutile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 10/03/07 18:03 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Per il sesto capitolo della saga torna in scena Ashley Lawrence e i fatti narrati si riallacciano direttamente ai primi due film (e questo è già un bene). La trama è più da giallo soprannaturale, ma è molto intigrante e il finale a sorpresa fa il suo effetto. Di tutti i film è forse quello con più riferimenti espliciti al mondo sadomaso. Godibile, meglio del capitolo precedente. Dopo questo episodio sono stati realizzati in contemporanea anche i capitoli 7 e 8, tutt'ora inediti in Italia.

Undying 20/04/07 18:57 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Il sesto Hellraiser ha ancora (contrariamente a quanto ci si possa attendere) parecchie cose da raccontare; lo fa con gusto, con una raffinatezza ed una cura del dettaglio che accarezza sempre il lato malinconico dello spettatore, qui costretto ad identificarsi nello sventurato/predestinato Trevor, non consapevole (singolo, ma metafora della società umana) di quanto sta accadendo attorno a lui. Non conosce le persone vicine (Kirsty, l'elemento di continuità che ROMPE con il passato) o meglio le vede nell'ottica sbagliata. Agghiacciante.
MEMORABILE: Pinhead: "Cosa trovi più esilarante, Trevor: piacere o dolore? Personalmente io preferisco la sofferenza."

Giapo 13/07/07 15:22 - 232 commenti

I gusti di Giapo

Ennesimo capitolo sulla saga di Pinhead, davvero poco convincente. Impostato più sul giallo-thriller che sull’horror (anche se non mancano le scene decisamente “forti”), si incarta in una trama poco originale di stampo presuntuosamente lynchiano che presto stanca, diventando contorta e confusionaria (oltre che prevedibile). Tutto sommato non male il finale, ma siamo lontani anni luce dal (capo)lavoro di esordio di Clive Barker. Godibile se si ama il genere e si è di bocca buona.

Herrkinski 28/07/08 18:32 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Penoso sesto episodio della saga, in cui ormai il villain Pinhead compare per pochi minuti giusto per onorare il contratto e per giustificare l'appartenenza di questa boiata alla serie. Assistiamo infatti a un film a sè stante, una specie di thriller con risvolti soprannaturali degno dei peggiori TV-Movies. La protagonista "storica" Ashley Laurence ricompare, dimostrando tra l'altro di non aver subito l'usura del tempo, ma non basta a risollevare le sorti di questo obbrobrio. Noioso, inutile, inguardabile.

Buiomega71 4/02/11 00:27 - 2228 commenti

I gusti di Buiomega71

Metà del film è fuffa e non ti spieghi come mai tutte le donne vogliono farsi il protagonista, manco fosse Rocco Siffredi! Sembra di assistere alla versione poveristica di Allucinazione perversa (di cui questo sesto capitolo ne è una scialba fotocopia), con le solite visioni che ormai vengono a noia. Ma il filmaccio si riscatta nel geniale finale, dove tutto collima, con Kirstie che chiude il cerchio e il debito con Pinhead (e riserva più di una sorpresa). Alla fine non così pessimo, ma per me la serie finisce qui.
MEMORABILE: I pestaggi e le torture alla stazione di polizia; il finale.

Zuni 26/12/11 16:38 - 68 commenti

I gusti di Zuni

Si continua raccontando le vite di anime perse che in un modo o nell'altro si imbattono nella configurazione del lamento. Qui riappare anche il personaggio di Kirsty che chiude in un certo senso il percorso iniziato con i primi due film, ma la struttura è palesemente quella del capitolo precedente. Ci mette parecchio ad ingranare il film, ma paradossalmente risulta tutto troppo scontato nel suo voler essere ostentatamente "colpo di scena". Non da gettare comunque, con qualche bel colpo basso sferrato alla traditora.
MEMORABILE: l'anguilla vomitata; La risoluzione finale.

Myvincent 23/03/13 06:11 - 2521 commenti

I gusti di Myvincent

Il taglio thriller-poliziesco non nuoce a quest'ennesimo capitolo che si muove continuamente oscillando fra due piani, quello reale e quello immaginifico, coltivando sino in fondo il beneficio del dubbio. Chi è l'autore dei delitti a sfondo sessuale che si verificano in un clima onirico? Sullo sfondo l'evanescente figura di Pinhead, l'orrido traghettatore dell'aldilà...

Marione 9/10/15 17:39 - 103 commenti

I gusti di Marione

Che fine hanno fatto la marcescenza, l'angoscia e le urla del primo capitolo? Andate, a favore di uno pseudo-thriller (stessa psico-trama trita e banale, stesso intro, addirittura stessa dvd cover del quinto episodio) senza più l'ombra di un effetto speciale e soprattutto senza horror. Il ritorno di Kirsty (incantevole) e la comparsata di Pinhead giustificano tuttavia una visione, almeno nella loro attesa. Qualcuno avrebbe dovuto spiegare agli autori che Hellraiser era un horror... Va bene il direct to video, ma si poteva fare meglio. Noioso.
MEMORABILE: Ashley Laurence, alias Kirsty, moolto più bella che nei primi due; Pinhead che discute il patto.

Daidae 12/01/16 19:09 - 2727 commenti

I gusti di Daidae

Premessa: rispetto allo scadente Hellraiser 5 è un capolavoro. Purtroppo nel tentare di ricollegarsi al primo capitolo si riprendono un po' troppe scene e l'originalità ne risente. Tolto questo, bella l'idea (anche se pure questa mi sa di già visto) di confondere finzione e realtà. Diciamo senza infamia né lode, ma rispetto ai primi Hellreaiser siamo lontani.

Minitina80 13/04/17 12:40 - 2300 commenti

I gusti di Minitina80

Ancora una volta i cenobiti, cioè il motivo principale del successo di Hellraiser, hanno un ruolo secondario, cosa che fa inevitabilmente perdere un po’ di interesse. Se non ci fossero loro dietro quel titolo, difficilmente ci si avvicinerebbe a questo film; non inguardabile ma privo dei mezzi per farcela da solo. Meglio nella seconda parte e soprattutto nell’ultima, in cui il cerchio si chiude. Ritorna Ashley Laurence per cui il tempo sembra non passare mai, anche se non è lei la vera protagonista. Sbiadito e impalpabile nell’economia della serie.

Pinhead80 14/06/17 14:24 - 3884 commenti

I gusti di Pinhead80

Sesto film che tira in ballo il perverso e malefico mondo di Hellraiser. La saga ha perso da tempo immemore lo smalto dei primi film e qui lo conferma con un'opera fiacca, incapace di sviluppare qualcosa di sensato. Se questo non bastasse, abbiamo pure pochissimo sangue e una penuria mai vista finora di cenobiti (in pratica il solo Pinhead che però sembra docile e ragionevole). Imbarazzante.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Harrys • 1/11/09 01:17
    Call center Davinotti - 651 interventi
    La locandina sembra uguale a quella del precedente episodio. Cambia solamente la cromatura: qui rossa, nel quinto gialla.
  • Curiosità Buiomega71 • 4/02/11 10:52
    Pianificazione e progetti - 21749 interventi
    Passaggio dietro la macchina da presa del direttore della fotografia Rick Bota ( Il Mistero Della Casa Sulla Collina, Valentine : appuntamento con la morte, Delitti Inquietanti, la serie di Tales From The Crypt).