Decalogo 4

Media utenti
Titolo originale: Dekalog, cztery
Anno: 1990
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Il Decalogo 4". Film ispirato al quarto Comandamento "Onora il padre e la madre"
Numero commenti presenti: 15

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/10/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 14/10/07 23:01 - 1556 commenti

I gusti di Renato

Quarto episodio, forse il migliore in assoluto. La convivenza tra Michal ed Anka -padre e figlia- è piuttosto particolare, ed una misteriosa lettera rivelatrice sembrerà chiarire il motivo di questo rapporto sostanzialmente equivoco... ma Kieslowski non si fermerà qui, andando ben oltre nella riflessione sui ruoli prestabiliti dalla società e sulle conseguenze che ne derivano, con un finale aperto di rara intelligenza. Emozionante, intenso, universale... un'ora di Cinema con la C maiuscola.

Redeyes 13/11/08 17:00 - 2142 commenti

I gusti di Redeyes

Un comandamento non semplice da rendere, facile, al contrario, da banalizzare che, tuttavia, Kieslowski esalta e disegna in modo eccelso. Il quasi morboso rapporto padre\figlia (esemplificato perfettamente nel momento in cui i due si bagneranno a vicenda come innamorati) non disturba, suona strano ma non contronatura. Un menage che parrà districarsi nello scorrere delle scene salvo, poi, lasciarci interdetti. Un mediometraggio di rara bellezza. Immanente ma non grave. Consigliato.

Pigro 17/03/09 08:36 - 7785 commenti

I gusti di Pigro

Padre e figlia sono legatissimi, ma lei scopre una lettera della madre che dice che il padre è un altro: quindi il legame tra i due può trasformarsi in amore, ma... La trama lineare della storia nasconde una complessità da brividi, con continue evoluzioni e sorprese. Kieslowski corre sul filo delicatissimo eppure sostanziale dei legami famigliari. Come in tutti gli episodi del Decalogo, anche qui un testimone muto e misterioso (in questo caso un canoista) osserva per due volte gli accadimenti, senza interagire e senza giudicare.

Pinhead80 21/01/10 17:57 - 3945 commenti

I gusti di Pinhead80

Quale rapporto può essere più controverso, ambiguo e affascinante di quello tra padre e figlia. E se il rapporto poi non è definito bene... Ancora una volta Kieslowski riesce con il proprio cimema a far sì che lo spettatore si interroghi sulle cose e in questo caso sulle varie sfaccettature che può avere la parola amore. Sempre lasciando una porta aperta ad ogni interpretazione. Cinquanta minuti di grande cinema.

Nando 18/05/10 15:31 - 3472 commenti

I gusti di Nando

Un intenso rapporto tra padre e figlia nasconde una rivelazione emotivamente sconvolgente che conduce il film ad un lucido quanto sofferto confronto. Il regista polacco s'ispira al IV comandamento biblico con una narrazione chiara ed attenta che analizza i due interpreti lasciando aperto il finale. L'acqua, filo conduttore dell'opera, si manifesta con il ticchettio delle gocce in cantina e con l'inquadratura del canoista che pagaia sulla Vistola.

Galbo 21/05/10 17:03 - 11385 commenti

I gusti di Galbo

Ispirato al quarto dei dieci comandamenti (Onora il padre e la madre), Decalogo 4 è tra gli episodi migliori della filmografia di Kieslowski. Una rappresentazione apparentmente ambigua (molto vicina all'incesto) diventa un'illustrazione sentimentale normale e poi ancora cambia un un finale quantomai incerto. I continui cambi di registro costringono quasi lo spettatore a riflettere sui sentimenti genitoriali e sui rapporti d'amore.

Cotola 31/08/10 10:59 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Grandissimo episodio della serie (uno dei migliori di tutto il Decalogo) in bilico tra realtà e finzione. Ne viene fuori una pellicola molto coraggiosa, forte ed intensa con continui ribaltamenti di prospettiva ed un finale aperto che non mette un punto fermo alla vicenda. Consigliatissimo.

Luchi78 14/01/11 11:35 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Forte, intenso ed enigmatico. Un padre e una figlia mettono a nudo il loro rapporto equiparandolo a quello di un uomo e una donna. Il dado è tratto e onorare il padre e la madre è il comandamento infranto. L'inganno della figlia cha falsifica la lettera della madre è il segno più forte di un equilibrio che viene spezzato e in quel mozzicone di lettera bruciata il dubbio rimane. Cinquanta minuti di cinema intenso.

Giùan 21/08/11 12:00 - 2988 commenti

I gusti di Giùan

Onora il padre e la madre. L'episodio più "scritto" dell'intero Decalogo, quello in cui Kieslowki (con Piesiewicz) pare divertirsi più che in altri a cambiar prospettiva, punto di vista, registro alla storia. Non a caso a complicare le cose Anka studia recitazione. D'altra parte quale modo migliore per descrivere un rapporto tanto vitale e foriero quale quello Genitori-Figli e al contempo per connotare cinematograficamente uno dei Comandamenti più controversi. Eppure tale complessità, "concentrata" in soli 58min, rischia di farlo scivolar via. Grande Janos.

Mushroom 30/05/12 19:48 - 36 commenti

I gusti di Mushroom

Quarto episodio del Dekalog di Kieslowky e forse uno dei migliori. Ispirandosi al quarto comandamento parla del rapporto che si è instaurato tra padre e figlia, orfana di madre. Un tema duro da affrontare, non facile, eppure il regista ci riesce pienamente, tanto che si rimane sbigottiti alla fine davanti al genio che c'è dietro. "Onore il padre e la madre", è la capacità con cui Kieslowski riesce a portarlo sullo schermo che lo conferma ancora una volta uno dei migliori cineasti europei.

Paulaster 10/03/16 10:35 - 2777 commenti

I gusti di Paulaster

In bilico tra sapere la verità o divincolarsi all’interno di un rapporto chiaramente morboso, ci si interroga sulle derive a cui può portare. Realtà affiancata al mondo della finzione (la scena alla scuola di arte) che anche se si capisce non sfocerà nei sensi, rompe però un equilibrio nei ruoli. Pochi simbolismi e silenzi che accompagnano le scelte dei singoli (la gravidanza indesiderata appare però forzata) a rendere il quadro crudo e diretto.

Hackett 5/01/18 10:18 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Kieslowski si avventura sul terreno minato dei legami familiari, in particolare di un rapporto padre figlia che si scoprirà avere sfaccettature impensate e molto più complesse del previsto. Si parla di amore, in maniera ambigua ma delicata, senza permettere allo spettatore di arrivare a conclusioni ma lasciandolo, come i protagonisti, appeso all'idea che si è fatto.

Lou 15/02/19 14:21 - 958 commenti

I gusti di Lou

Fin dall'inizio appare chiaro che il rapporto di Anka col padre Michael ha qualcosa di speciale e la lettera che la madre morente aveva scritto per la figlia potrà chiarire la situazione, ma con Kieslowski nulla è scontato. Il delicato e scabroso tema della figlia cresciuta da un uomo che potrebbe non essere il vero padre biologico viene sviluppato con la consueta intensità e con un finale ambiguo e intrigante che lascia aperte interpretazioni e interrogativi, come solo il grande cinema sa fare.

Mickes2 27/04/20 23:17 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Poderoso squarcio d’umanità sul rapporto carnale quanto affettivamente indissolubile tra padre e figlia. La capacità regina del Maestro in questo episodio sta nello scandagliare codesto legame ribaltando di continuo i punti di vista e i giochi tra debolezze e ambiguità, attrazione e dovere, bene fisico e dell’anima, amore platonico e carnale. Pressoché unica la maestrìa nel rendere lo sviluppo narrativo in bilico tra il sottilmente erotico e il dramma a fior di pelle. Cinema immortale legato a doppio filo con la vita pratica dell’essere umano.
MEMORABILE: La scena di recitazione; La lettura “a memoria” della lettera; Anka che si spoglia.

Bubobubo 21/07/20 11:21 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

È sufficiente lo sguardo che Michal (Gajos) rivolge nelle prime sequenze a una seminuda Anka (Biedrzynska) in vasca da bagno per capire che, nel loro rapporto genitore-figlia, ci sia qualcosa di inusuale. Ad accendere la miccia, una lettera testamentaria scritta dal padre di Anka... Dopo un terzo capitolo sottotono, Kieslowski schiaccia sull'acceleratore ed esplora le implicazioni di un amore che, per convenzioni sociali o circostanze del caso, sembra farsi impossibile. L'ansia del tutto conoscere del primo capitolo si rovescia qui nel desiderio di non sapere. Sottile, potente.
MEMORABILE: Dialogo in ascensore; La combustione della lettera.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Redeyes • 12/05/10 16:26
    Contratto a progetto - 840 interventi
    Propongo di cambiare il genere cinematografico da Commedia a Drammatico.
    Possibile?
  • Discussione Zender • 12/05/10 17:29
    Consigliere - 43512 interventi
    Vedo che il 10, il 3 e il 4 son segnati come commedie, gli altri drammatico. E0' un errore o sempicemente ce n'è alcuni che tendono alla commedia?
  • Discussione Zender • 12/05/10 18:44
    Consigliere - 43512 interventi
    Ok, cambiati 3 e 4.