Cittadino X

Media utenti
Titolo originale: Citizen X
Anno: 1995
Genere: drammatico (colore)
Note: Tratto dal celebre libro di David Grieco (Il Comunista che Mangiava i Bambini) al quale è ispirato anche Evilenko. Ispirato alla reale figura del serial killer russo Andrei Romanovich Chikatilo.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/12/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 13/12/07 23:37 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Ispirato al tristemente noto Andrei Romanovich Chikatilo (ovvero il comunista che mangiava i bambini, protagonista dell'omonimo libro di David Grieco dal quale è stato tratto anche l'italianissimo Evilenko), "Cittadino X", girato a Budapest, può contare sulla presenza di Donald Sutherland e Max Von Sydow, di per sè un valido motivo per renderlo titolo di certo interesse. La pellicola rifugge dal semplice sensazionalismo (poche le scene gore) in favore di un'ottima sceneggiatura, curata nei dialoghi e nell'approfondimento della psicologia del killer.

Lucius 2/12/10 13:23 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Torbido. Ispirata a una storia vera sulle prime pagine dei giornali russi per circa dieci anni, la pellicola si fa apprezzare perché rifugge il gore gratuito, pur presentando sequenze voltastomaco e soprattutto perché evidenzia la grettezza del sistema sociale e burocratico russo. Un serial killer spietato che inveisce sulle sue vittime senza pietà, fa muovere goffamente le indagini negli ambienti omosessuali e medici. Crudo e spietato.

Tnex 18/12/10 08:11 - 62 commenti

I gusti di Tnex

Storia agghiacciante di uno dei più sinistri serial-killer della storia. Il film, attravrso il dramma e qualche scena forte, mostra l'ambiente poliziesco-giudiziario tristemente burocratico della Russia nel passaggio dall'era Breznev a quella di Gorbaciov. Sullo sfondo la tragedia della psicopatia, figlia dell'infanzia negata e stuprata. Nonostante la presenza di attori come Sutherland e Von Sydov il film non riesce però a trovare quella marcia in più. Rimane comunque un prodotto più che discreto.

Gestarsh99 8/02/12 21:06 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Cronistoria romanzata della lunga e macchinosa inchiesta che portò in 8 anni di ricerche, arresti ed interrogatori alla cattura di Andrej Chikatilo, serial killer ucraino tra i più feroci della storia del crimine. Il film mantiene un profilo semitelevisivo freddo e dimesso, che non lascia posto a compiacimenti e lenisce contegnosamente ogni ridondanza emotiva, dando a Gerolmo anche carta bianca per un quadernetto di secche annotazioni "burocratiche" sui sotterfugi di potere e le intralcianti complicanze politiche tipiche dell'Urss ancora sotto regime. Un prodotto di media validità.
MEMORABILE: Jeffrey DeMunn che solleva la bocca insanguinata dal suo pasto "infantile".

Daniela 10/07/13 13:01 - 9224 commenti

I gusti di Daniela

Pur a prezzo di qualche inevitabile semplificazione, una ricostruzione piuttosto convincente di una terribile serie di delitti a sfondo sessuale che si verificò nell'URSS nel corso degli anni ottanta. Il registro adottato è quello cronachistico, scevro da ogni morbosità, incentrato più sulle dinamiche interne del gruppo degli investigatori - il cui lavoro è intralciato da censure e burocrazia - che sulla figura dell'assassino. Gli interpreti si adeguano al disegno generale, per un risultato dignitoso, corretto ma forse un poco anonimo.

Anthonyvm 30/04/19 18:11 - 1792 commenti

I gusti di Anthonyvm

Veramente ottimo dramma: cupo, fosco, intenso. Molto più vero del suo cugino Evilenko, pone meno l'accento sulla figura di Chikatilo e concede più spazio all'ambiente politico e sociale dell'Unione Sovietica degli anni '80. Chissà quanto realisticamente è stata resa la Russia dell'epoca, ma il clima buio, opprimente e freddo è reso magistralmente. Ottimi gli interpreti, fra cui spicca un Sutherland severo ma comprensivo. Lento ma per nulla noioso, è forse uno dei migliori biopic su serial killer in circolazione.
MEMORABILE: Il povero medico forense costretto ad analizzare decine di resti di bambini; Squallidi sprazzi di vita di Chikatilo; Il confronto con Von Sydow.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 21/07/08 00:39
    Scrivano - 7633 interventi
    Tristemente ispirato a fatti di cronaca, come lo è l'italiano Evilenko.
    Tra il 1978 ed il 1990 "il comunista che mangiava i bambini", ovvero il russo Andrei Romanovich Chikatilo, si è macchiato di un cospicuo numero di delitti: 53.

    Il killer venne giustiziato a morte (con un colpo di pistola alla nuca) il 14 febbraio 1994.
  • Curiosità Lucius • 2/12/10 13:26
    Scrivano - 8343 interventi
    La pellicola si ispira ai delitti compiuti in Russia da uno spietato assassino pedofilo.Nel 1982 a Rostov furono trovati i primi otto cadaveri, orribilmente mutilati.Il mostro fu arrestato nel novembre del 1990. Solo grazie alla perestrojka di Gorbaciov si poté risolvere il caso: la soluzione fu a lungo impedita dalle autorità del Pcus perché il sospettato era un fedele sostenitore del Partito.
  • Homevideo Lucius • 2/12/10 13:33
    Scrivano - 8343 interventi
    Realizzato appositamente per l'home video.
    (In origine per la TV cavo).
    Ultima modifica: 2/12/10 13:35 da Lucius