Cinema

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1988
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Note: E non "Cinema cinema". Da un racconto di Antonio Tabucchi. Il film fa parte del ciclo televisivo "Amori" assieme ad altri 5 mediometraggi.
Numero commenti presenti: 1
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sboccia l'amore sul set di un film italo-spagnolo centrato sulla vita di Goya. Goya è Lando Buzzanca (con grosse basette), che durante una scena d'amore con la presunta primadonna (Virna Lisi) si innamora perdutamente e cerca di farle ricordare cosa avevano passato sul set di un precedente film spagnolo. Durante una pausa la condurrà a Segovia convinto di poterle far tornare la memoria. Ma era davvero lei, la protagonista di quei ricordi? Love story senile in salsa televisiva per Luigi Magni, che sceneggia e dirige un racconto di Antonio Tabucchi con la produzione dei fratelli Vanzina. Il risultato è anonimo, appena vivacizzato dalla professionalità dei due protagonisti, bravi a contenersi e a dare la necessaria credibilità ai loro personaggi....Leggi tutto Per il resto ci sono una buona attenzione alla scelta delle location, che mostrano palazzi e castelli lontani dalle grandi mete turistiche e una regia che Magni sa gestire anch’egli con buon mestiere. Insolita la scelta di non doppiare in alcun modo la troupe spagnola, col rischio di far perdere qualcosa allo spettatore ma riuscendo così a isolare al meglio i due protagonisti italiani (la Lisi e Buzzanca). Finale non certo esaltante, ma nel complesso come prodotto televisivo s’è visto di peggio e poter ammirare Buzzanca in un periodo in cui era piuttosto dimenticato dal cinema non dispiace affatto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/03/10 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Panza 24/05/13 21:55 - 1502 commenti

I gusti di Panza

Da alcune paginette di Tabucchi, Magni cava sangue dalle rape riuscendo a imbastire una storiella d'amore interpretata da un Buzzanca in vena drammatica. Peccato per i break comici che rompono il ritmo abbassando il ritmo generale. La durata scarsa (1h) non impedisce che in alcuni passaggi il ritmo sia blando (sintomatica il viaggio in macchina con la Lisi annacquato con le inquadrature di un airone che vola). Magni si perde nei castelli madrileni ma concede spazio alla storia comunque non esaltante. Mediocre, ma oggi in TV c'è di peggio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Lucius • 10/04/13 20:23
    Scrivano - 8308 interventi
    Il brano "Magna-Corta-Magna-Spagna" è incluso nell'lp Amori, targato Reteitalia.
    Rif.Discografico BL74126.

    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius,l'lp originale che racchiude i brani della serie "Amori":

    Ultima modifica: 12/04/13 17:09 da Zender
  • Curiosità Zender • 12/04/13 16:50
    Consigliere - 43730 interventi
    IL FILM FA PARTE DEL CICLO "AMORI" (1989)
    Parte oggi un ciclo di film per la tv intitolato Amori, costituito da sei titoli diversi che vantano altrettante firme prestigiosissime: Dino Risi, Mario Monicelli, Alberto Lattuda, Lina Wertmüller, Nanni Loy e Luigi Magni. Stasera si parte con "Il vizio di vivere", racconto di Dino Risi ispirato alla vicenda, autentica, di Rosanna Benzi (…)
    Amori è una produzione di varie tv. Intimorisce però scroprire alla voce “produttori esecutivi” per tutti e sei i film il nome dei fratelli Vanzina.
    Fonte: articolo della Stampa scovato da Panza (e Kanon e Fedemelis).

    Vennero trasmessi:

    1) Il vizio di vivere (Dino Risi) [18.04.1989]
    2) La moglie ingenua e il marito malato (Mario Monicelli) [24.04.1989]
    3) Mano rubata (Alberto Lattuada) [02.05.1989]
    4) Il decimo clandestino (Lina Wertmüller) [16.05.1989]
    5) Gioco di società (Nanni Loy) [23.05.1989]
    6) Cinema (Luigi Magni) [30.05.1989]
  • Musiche Panza • 4/06/13 16:39
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    La canzone "Ven y Ven (Retana Gomez)" è cantata da Imperio Argentina.

    Presente anche la canzone Amapola (J. R. La Calle [José María Lacalle García])

    La presenza della canzone Amori della Martini è segnalata nei titoli di coda con una scritta aggiunta posteriormente.
    Ultima modifica: 4/06/13 18:19 da Zender
  • Curiosità Panza • 4/06/13 16:47
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    Il film è dedicato al medico (e oggi anche scrittore per ragazzi) Giulio Levi: