Children of the corn 666 - Il ritorno di Isaac

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Children of the Corn 666: Isaac's Return
Anno: 1999
Genere: horror (colore)
Note: Sequel di "Grano rosso sangue". Aka "Children of the corn 666 - Il ritorno di Isaac".
Numero commenti presenti: 3
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 29/04/11 00:28 - 2297 commenti

I gusti di Buiomega71

Sequel che si ricollega direttamente al capostipite. La regia della Skogland non è malaccio (si sente la mano femminile) e la fotografia di Richard Clabaugh dà una buona atmosfera. Ma il film convince poco; colpa di uno script debole, con situazioni viste e straviste in mille altri film. Franklin in coma stile Patrick, si risveglia e altri non è che uno "gnomo", degno erede di Arnold! La caccia tra i campi di grano con moto tipo Ktm non si può vedere. Bello l'inizio, con la falce tra i filari, poi vince la noia e il deja vu. Mediocre.
MEMORABILE: Il suicidio con la falce; Isaac con machete che spacca la testa in due ad una ragazza come fosse un melone; i bimbi che circondano la Ramsey.

Herrkinski 21/05/14 01:02 - 5290 commenti

I gusti di Herrkinski

Per il sesto capitolo si tenta la riabilitazione della saga, ormai moribonda, riallacciandosi (pretestuosamente e con poca coerenza narrativa) al capostipite e richiamandone pertanto il mèntore, quell'Isaac che tanto impressionò nell'indimenticato prototipo. Ma la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti, Franklin/Isaac è incolore, Keach e la Allen poco più che comparse, il ritmo barcolla e il finale è deludente. Peccato, perché la confezione era buona (ottima la fotografia) e il primo quarto d'ora lasciava ben sperare. Guardabile ma nulla più.

Taxius 18/02/20 18:34 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Arrivati al sesto capitolo ci si ricollega direttamente al primo, riproponendo il personaggio di Isaac interpretato sempre da John Franklin. L'idea iniziale del sequel diretto non era male, purtroppo il tutto viene gettato alle ortiche con una trama zoppicante e zeppa di cliché. Il personaggio di Isaac è marginale e poco incisivo, tutti gli altri sono uno più banale dell'altro. Insieme al secondo il peggiore della saga. Per fortuna dura poco...
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 29/04/11 00:31
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso John Franklin ( Isaac) con Tim Sulka.
  • Curiosità Buiomega71 • 29/04/11 10:16
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Il film arrivò in italia solo nel 2006, direttamente in dvd per la Dimension/Miramax.
  • Discussione Buiomega71 • 29/04/11 10:48
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    L'unica cosa davvero terrificante di questo sciapo sequel ( che non è l'ultimo, ci sarebbe ancora il Revelation di Guy Magar, datato 2002, che leggo in giro non male, ma inedito da noi ) è la presenza di John Franklin ( come sottolinea, giustamente, il sommo Davinotti nella scheda ) . Un ridicolo nanetto, alto un c**** e un barattolo ( per dirla alla Moretti ), che sembra un bimbetto malato di progeria. Se nel capostipite era davvero inquietante , quì fà davvero pena e pietà. Da sbellicarsi, poi, a vederlo in coma con gli occhi aperti, che li muove su e giù, con quel faccione! Patrick iè fà nà pippa! Già basterebbe questo per smadonnare contro questo inutile e raffazonato sesto capitolo. Dopo il secondo capitolo, è l'unico sequel che tenta di ricollegarsi al capolavoro di zio Fritz, anche se la continuity va a farsi friggere comunque. Isaac non era stato fagogitato dal dio del granturco? Nancy Allen ( fà piacere, almeno, ritrovare l'ex signora De Palma )dovrebbe essere Rachel , Julie Maddalena nel primo film, ma non era morta ? La ragazza non credo sia la piccola Sarah, a parte che quì e Hannah, e fù data in adozione appena nata, mentre Sarah, nel primo film, aveva otto o nove anni. A parte le incongruenze, i 78 minuti del film sono pieni di noia e luoghi comuni. Restano la bella fotografia, la buona regia della Skogland ( si sente , comunque, la mano femminile, in certi momenti sembra un film di donne , dalla poliziotta Cora, sino al confronto madre figlia, tra la Allen e la Ramsey ). C'è qualche scheggia splatter e una certa atmosfera "gotico rurale" sul genere Non aprite quella porta ( il remake, però ). Poi tra matti che delirano, bambini che compaiono e scompaiono, inseguimenti con pick-up tra i filari, stile Radio killer , i soliti sacrifici tra i campi di pannocchie, corvacci morti , scene d'amore tipo spot della Denim, e un ridicolo finale tra le caldaie alla Nightmare ( il nadir della tristezza e vedere Isaac fatto "ballare " e lievitare da un demone! ) si conclude un capitolo che non ha ragione di esistere, se non negli scaffali polverosi delle videoteche ( finchè arriva uno come me, e se lo piglia ).Nè è passata di acqua sotto i ponti da quella mitica strage nel bar di Gatlin,e per il sottoscritto la serie finisce qui ( e meno male, direte voi ). Consiglio, se volete ricordavi di come era Isaac nel capostipite, NON vedetevi questo 666, la tristezza potrebbe avvilirvi.
    Ultima modifica: 21/07/19 17:43 da Buiomega71
  • Discussione Zender • 29/04/11 11:34
    Consigliere - 43744 interventi
    Sì, hai ragione, è un po' patetico il leggendario Isaac, qui. Bella l'idea di richiamarlo, ma per il resto... uno dei più deboli dell'intera saga in assoluto.

    PS: scusa se ti rompo sempre, Buio. Potresti scrivere

    (parola)
    e non
    ( parola )

    Tutto il resto va benissimo e complimenti per la rifelessione :)
  • Discussione Buiomega71 • 29/04/11 11:37
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Hai ragione , Zender, ah, queste parentesi :). Grazie a te per sopportare i miei sproloqui deliranti sui "figli del granturco" :)
  • Discussione Zender • 29/04/11 13:23
    Consigliere - 43744 interventi
    Non è che sopporto, a me interessano proprio. Anch'io sono abbastanza fanatico della saga. Anche se poi m'è piaciuto quasi solo il primo me li son visti tutti (remake a parte).
  • Discussione Buiomega71 • 29/04/11 13:38
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Quindi, Zender, ti sarai visto il terzo e il settimo. Quelli mi mancano, ahimè.
  • Curiosità Buiomega71 • 29/04/11 14:11
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    L'ottimo direttore della fotografia, Richard Clabaugh, è lo stesso che ha illuminato il miglior episodio della saga, Inferno a Gran Island.
  • Discussione Zender • 29/04/11 16:08
    Consigliere - 43744 interventi
    Il terzo sì perché l'han fatto da poco su Rai 4 come ti dicevo, doppiato oltretutto, e lo aspettavo da una vita. Il settimo non so se sia uscito in Italia e nemmeno ne sapevo l'esistenza.
  • Discussione Buiomega71 • 29/04/11 16:52
    Pianificazione e progetti - 22100 interventi
    Il settimo, cioè Children of the corn : Revelation di Guy Magar 2002, non è mai stato distribuito da noi su nessun supporto, praticamente è rimasto inedito. Da quel che leggo in giro non deve essere malaccio , una girnalista, indagando sui fatti che sconvolsero Gatlin, scopre che gli spiriti dei "figli del grano" sono annidati tra le pannocchie del campo di filari. Rimane un mistero perchè non sia stato editato da noi. Sul terzo , ahimè, non ho il digitale terrestre, indi per cui, me lo sono perso.
    Ultima modifica: 29/04/11 16:52 da Buiomega71