LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Seconda trasposizione cinematografica delle avventure del commissario Salvatore Santamaria di Torino (ovviamente sempre tratta da un romanzo di Fruttero & Lucentini) dopo LA DONNA DELLA DOMENICA. Giunge in ritardo, con un Mastroianni stanco che comunque conferma un buon affiatamento col personaggio e uno sforzo corale che seguendo la trama gialla ha lo scopo di portare sulla scena personaggi bizzarri e singolari, equamente distribuiti tra indiziati e colleghi d'ufficio. Questa volta tocca indagare sulla morte di Don Pezza (Carpentieri), un parroco dalle idee ben poco tradizionaliste con un buon numero di seguaci che hanno assistito alla sua spettacolare, tragica caduta...Leggi tutto dall'alto di una scala a spirale che sale fin quasi al soffitto dell'alta chiesa. Curiosamente in molti hanno abbandonato l'edificio prima della funzione e c'è da capire il perché. Così come sono da stabilire i rapporti che col parroco avevano un'anziana insegnante (Chaldiny) con un debole per lui, un aiutante (Gullotta) dello stesso, un ingegnere della Fiat molto altolocato (Haber), la bella restauratrice Chantal Guidi (Laforet), madre di una figlia adolescente (Sciò) innamorata d'un "ragioniere della mala" (Fantastichini), un misterioso venditore di matite (Pelligra), due fratelli veronesi dallo spiccato accento veneto e altri ancora. Nello staff di Santamaria si segnalano invece la sua assistente Luigina Pietrobono (Finocchiaro), l'agente scelto ("scelto da chi?") Orrù (Loche) e il soprintendente Dalmasso (Monni). Più sullo sfondo, figura austera e di gran cultura, l'arcivescovo di Torino (Von Sydow, doppiato inconfondibilmente da Carlo Valli), al quale Santamaria non fa sconti parlandoci con schiettezza fin esagerata. Un gran numero di personaggi (e di facce note, c'è pure Adriana Russo nel ruolo della prostituta Italia) che sfilano di fronte alla cinepresa di un Nanni Loy non troppo in vena, che si perde in divagazioni evitabili (si veda l'interminable siparietto a casa dei fratelli veronesi o quello con la Chaldiny) e si concede a macchiettismi d'ogni sorta (lo stesso Gulotta calca esageratamente la mano salendo costantemente sopra le righe) alla ricerca di un folklore che si fa spesso qualunquismo a buon mercato, mentre la Finocchiaro alterna momenti in cui la sua stramba lunarità le concede di emergere con candore ad altri in cui si fa quasi insopportabile. In un tale groviglio di caratteri e di dialoghi estranei all'intreccio principale la trama gialla stinge; invece esisterebbe e avrebbe persino un suo perché, con un'ultima parte in cui finalmente la qualità del racconto ha modo di farsi valere. Quando insomma tutti i nodi vengono al pettine c'è modo di apprezzare la buona mano degli sceneggiatori e l'efficacia della penna di Fruttero & Lucentini, ma la resa televisiva (come lo fu quella cinematografica per LA DONNA DELLA DOMENICA in fondo) fatica a cogliere l'ironia e il gusto dei due scrittori; ne risulta una riduzione che si fa in definitiva diminutio. Si segue, comunque, a patto di accettare anche le molte pause, il gran numero di scene superflue o comunque trascinate oltre il limite (sono due puntate per un totale di tre ore), con una Torino poco "presente", al di là dei tanti esterni. Resta impresso, lo sceneggiato, come valida testimonianza della bravura di Mastroianni, anche a pochi mesi dalla sua morte.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/09/09 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 26/01/21
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 8/10/10 23:18 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Durante una delle sue controverse prediche Don Pezza, parroco pericolosamente incline alle eresie gnostiche, viene ucciso. L'indagine tocca al commissario Santamaria... Mastroianni torna a vestire i panni del poliziotto creato da Fruttero & Lucentini. Rispetto al sublime romanzo molte licenze, una inevitabile perdita di nuances e notazioni impagabili, pur nel sostanziale rispetto del plot. Regia senza guizzi, qualche orrore di casting (ma eccellenti Von Sydow - doppiato da Carlo Valli - e Haber), ritmo blando. Sufficiente.

Toporosso 25/08/14 10:32 - 77 commenti

I gusti di Toporosso

Crepuscolare e malinconica trasposizione televisiva di un sontuoso romanzo a cui rende solo parzialmente giustizia. Sull'intera opera aleggia il profumo amaro del commiato: il regista Nanni Loy mancherà l'anno seguente, seguito, alcuni mesi dopo, dal protagonista Mastroianni che, affaticato e appesantito, rende bene un disilluso e tristemente ironico Commissario Santamaria. Buone prove di Haber e Loche, una Finocchiaro leggermente sopra le righe. Fastidioso e inopportuno il reiterato uso di un dialetto che diventa parodia.

Matalo! 3/08/15 21:06 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Torna l'amabile Santamaria, commissario amaro, onesto, umano de La donna della domenica. La malinconica levità del film di Comencini cede il posto a un'innocua autunnalità priva di brio nonostante l'ottimo cast. Un giallo che poco avvince a causa della puntuale ma piatta regia di Loy. Ritorna "Boston" ma senza dilemmi di pronuncia. Poco intrigo, molta lentezza. Marie Laforet è di una bellezza annichilente. Carpentieri predica come padre Mapple.
MEMORABILE: Il carabiniere esperto di registratori, davvero simpaticamente impunito.

Marcello Mastroianni HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Il Gobbo • 8/10/10 23:19
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Pubblicato in (due) dvd nella collana da edicola della Fabbri, dedicata ai grandi sceneggiati Rai "Giallo e mistero"
  • Homevideo Galbo • 12/06/11 23:44
    Consigliere massimo - 3816 interventi
    Specifiche tecniche

    Formato video 1,33:1
    Formato audio 1.0 Dolby Digital: Italiano

    Libretto monografico di 12 pagine
  • Homevideo Geppo • 18/11/12 13:11
    Capo call center Davinotti - 4068 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Comprato ieri il cofanetto Rai Trade Elleu a € 7,90 (!).




    Grande Markus, hai fatto bene a prenderlo. Di questo film si parlerá nel mio prossimo approfondimento davinottico.
    Ultima modifica: 18/11/12 13:14 da Geppo
  • Homevideo Markus • 18/11/12 13:19
    Scrivano - 4807 interventi
    Ah! Lo leggerò doppiamente volentieri ;)
    Di questa serie Rai trade ne ho comprati diversi e al Mondadori store di Milano (ex Messaggerie musicali) sono davvero a buon prezzo.
  • Discussione Buiomega71 • 3/11/19 14:31
    Pianificazione e progetti - 22416 interventi
    E' mancata Marie Laforêt

    https://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2019/11/03/news/e_morta_marie_lafore_t-240128642/