Arctic predator: Terrore tra i ghiacci

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/07/14 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 3/07/14 11:38 - 4487 commenti

I gusti di Puppigallo

Dopo il verdurone de La cosa da un altro mondo e l'ammasso organico copiante del remake, ecco l'extraterrestre finito nell'Antartico (precipitano tutti lì), modello Alien di ghiaccio, che secca, surgela e sbriciola le persone. Si tratta di una pellicola inutile, appestata da dialoghi tappabuchi e rimandi al passato, dove il fattaccio ha avuto inizio. I personaggi sono poca cosa (tocca anche sorbirsi le schermaglie tra piccioncini), gli effetti altrettanto e il tutto procede per inerzia fino al finale non certo eclatante. Nota di "merito" per la frase "Non vuole farci del male" (come no...).
MEMORABILE: Il mostro in versione ghiaccio e gas...; "Dobbiamo amputarti il braccio!". "Vorrei sentire il parere di un altro medico...".

Ruber 3/07/14 15:37 - 661 commenti

I gusti di Ruber

Pessimo film tv che vorrebbe imitare i mostroni di Hollywood e in particolare Predator e La cosa ma cade nel ridicolo. La sceneggiatura e la regia sono decisamente carenti e pochi minuti bastano e avanzano per capire che ci si ritrova davanti a un pastrocchio low budget con effetti speciali da videogame anni '80. Il mostrone ritrovato tra i ghiacci del polo artico non è che il solito escamotage per cercare di far reggere una storiella patetica e banale. Non si salva nulla, neanche la neve dello pseudo Polo Nord!

Cangaceiro 7/09/14 11:14 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Lascia quasi senza parole questo filmettino dove la sciatterìa e il dilettantismo spadroneggiano incontrastati. Va bene il low budget però di pellicole fatte con quattro soldi ma più che dignitose ne è piena la storia del cinema. Qui c'è la morte delle idee, della cura nella messa in scena e della recitazione. Il rimpallo tra l'antefatto ottocentesco e il presente risulta surreale, la totale assenza di pathos e consistenza narrativa è inspiegabile e indigesta; eppure sulla carta la vicenda si presterebbe parecchio a toni tragici/eroici. Fantaspazzatura.

Cotola 9/04/17 00:11 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Tra Alien, Predator e La cosa, un filmaccio di fantascienza che presenta situazioni al confine tra il risibile e lo scontato. Tra momenti impresentabili e dialoghi che lasciano il segno (in negativo!) non si salva nulla. Se si aggiungono degli attori privi di attrattive che danno vita a personaggi visti mille volte e di nessuna empatia, il quadro dovrebbe essere chiaro.

Anthonyvm 30/06/19 18:20 - 1701 commenti

I gusti di Anthonyvm

Minuscolo prodotto televisivo pessimo sotto ogni punto di vista. Prendendo spunto da La cosa (per l'ambientazione), Predator e Alien (per il design della creatura), la storia si trascina senza un briciolo di originalità o di suspense fra attori mediocri, personaggi insipidi ed effetti speciali in CG che fanno gridare al miracolo per la loro bruttezza (si prenda l'orrido green screen all'inizio, con una neve finta appiccicata in post-produzione). L'animazione del mostro è passabile, ma solo quella. Sconsigliato anche come so bad it's so good.
MEMORABILE: Dopo il primo attacco del predatore, l'unico superstite batte in ritirata... e scontra un pezzo della farlocca scenografia "artica", Ed Wood style.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.