7. Gli incubi di Dario Argento (da "Giallo"): Addormentarsi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1987
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Note: Appartiene agli "Incubi di Dario Argento", corti di di 3 minuti contenuti all'interno della trasmissione tv con Enzo Tortora "Giallo". Il commento fuori campo è di Dario Argento.
Numero commenti presenti: 10
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Nell’ambito della trasmissione televisiva GIALLO, condotta per Raidue da Enzo Tortora, Dario Argento ricopriva un ruolo importante. Oltre a presentare i minitelefilm a quiz finale “Turno di notte”, diretti alternativamente da Lamberto Bava e Luigi Cozzi, era anche il narratore, nonché il regista, di questi “incubi”, miniclip di due o tre minuti che raccontavano sogni terrorizzanti. C’era una prima introduzione di Argento, che riassumeva a parole la situazione in cui si trovava il protagonista, poi cominciava il cortometraggio vero e proprio, saltuariamente interrotto dallo stesso Argento il cui viso compariva per narrare le scene di raccordo tra una situazione e l’altra. Girati con una certa cura, artisticamente notevoli a partire...Leggi tutto dalla fotografia, gli “incubi si avvalevano, come i telefilm di “Turno di notte”, di una colonna sonora strappata ai vari film argentiani (soprattutto PHENOMENA). A dominare su tutte l’inquietante “The maggots” di Simon Boswell (da PHENOMENA), presente in quasi tutti gli episodi, poi “Piume di cristallo” di Morricone (in “La strega”), “Opera” di Simonetti, “Jennifer (da PHENOMENA) dei Goblin ed altre canzoni pop legate al momento. 7. ADDORMENTARSI Lino (Salemme) non riesce ad addormentarsi perché il suo cane abbaia: strane ombre si muovono sul soffitto, finché un coltello prende Lino al collo. Lui però non muore: la sua bocca si allarga, si trasforma e , in soggettiva dall’interno (un po’ come in ALIEN 2 SULLA TERRA), l’uomo si divora il cane. Finale insolitamente crudele per un incubo un po’ insulso ma comunque interessante. Come si vede le storie sono minimali, ridotte all’osso (d’altronde in tre minuti non si possono dire molte cose). Però l’esperimento è riuscito e in alcuni episodi l’atmosfera da incubo è ben resa, grazie anche alla voce insinuante del narratore Argento. A prima vista sembrano stupidaggini e il finale troppo improvviso può apparire deludente, in realtà è un’operazione televisiva riuscita (baciata anche dal successo di pubblico), senz’altro pure coraggiosa nel mostrare in prima serata molto sangue. Tortora si ammalò...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 18/05/07 22:33 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Il regista è qui preso tra due fuochi: da una parte chi lo vuole ricondurre alla "ragione" (per tramite di Tortora, ora anche mediatore/giudice dell'operato di Argento), dall'altra il pubblico di curiosi, sempre maggiore e sempre più affascinato dall'insolita operazione televisiva. L'episodio in questione, pur se lascia l'amaro in bocca per la semplicità e per la puerile conclusione, è realizzato risolutamente bene, soprattutto nell'ottica del mini-corto (3 minuti circa). Porta il cinema (vero) in tv, destando l'attenzione dello spettatore.

Lucius 2/04/10 11:26 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

C'è molto gore con rimandi a Demoni, in questo brevissimo corto di Argento. La soggettiva della bocca gigantesca ricorda quella della bocca della pianta de La piccola bottega degli orrori. Il corto, in sé per sé, è valido solo se lo si considera come un esercizio di stile sugli effetti sanguinolenti.

Deepred89 6/05/10 23:24 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Gore e Sex Pistols. Corto di poco superiore ai due minuti, con una prima parte quasi inquietante (le ombre diaboloche sul soffitto non sono male) ed una seconda completamente folle, grottesca, che si chiude come una delle splatter-gag di Peter Jackson. Effetti speciali poco speciali, The Wind (da Phenomena) e Anarchy in UK in colonna sonora (rispettivamente prima e seconda parte del corto). In virtù della sua discreta dose di follia e della sua brevissima durata, merita assolutamente un'occhiata!

Homesick 15/11/10 18:11 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un corto scindibile in due parti: la prima è inerente la classica inquietudine prima di addormentarsi, impauriti dalle sinistre fattezze assunte nel buio anche da elementi familiari (il cane); la seconda si risolve in un’esplosione di effettacci gore con tanto di metamorfosi e finale delirante sugli energici accordi dei Sex Pistols. Protagonista Lino Salemme, attore feticcio di molte produzioni horror e thriller del periodo al pari di Coralina Castaldi Tassoni, che come in ogni puntata di “Giallo” assiste in studio Argento sgranando gli occhi senza proferir parola.

Disorder 17/11/10 13:18 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Poco interessante. Da segnalare solo la buona atmosfera onirica che si respira, per il resto nulla lascia davvero il segno. Non ho sinceramente capito la funzione di "Anarchy in the UK" come sottofondo alla scena splatter (anche se si sente proprio il verso in cui Rotten urla "No dogs body!"...). Insomma, un reperto curioso e nulla più: in questa serie si è visto di meglio.

Cotola 26/08/11 23:46 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Tra i più violenti episodi della serie e sicuramente il più folle ed anarchico negli sviluppi narrativi. Un po’ di splatter, tanto make-up, ma tensione e atmosfera latitano. Chissà l’idea di base non è così male: forse con più minuti a disposizione si poteva fare decisamente meglio.

Buiomega71 7/01/12 01:05 - 2212 commenti

I gusti di Buiomega71

Di quelli che ho visto è sicuramente il peggiore. A parte la figura incappucciata armata di coltello che si staglia alla finestra e ricorda Inferno, il resto è una trashata demenziale sullo stile del Bosco, con bocche carnose fagogitatrici che manco negli z movie di Harry Novak e il povero Salemme che ringhia e sbava come nei Dèmoni baviani (ma qui sembra affetto da rabbia canina, più che altro) con un coltello piantato nel collo (citazione al Gabriele Lavia di Inferno?). Soggettive pacchiane e il povero cagnolino pappato in un sol boccone.
MEMORABILE: Le falene e la figura incappucciata alla finestra: almeno si riconosce qualcosa di argentiano...

Herrkinski 9/07/14 01:03 - 4969 commenti

I gusti di Herrkinski

Uno degli episodi più folli, che parte come un classico incubo, passa per il gore argentiano di maniera (la coltellata in gola) e degenera in un finale inaspettato e delirante, reminescente di certe trasformazioni grottesche di Demoni (belli gli SPFX). Fa piacere vedere il mitico Lino Salemme, volto noto del nostro cinemabis; spassoso il povero cagnolino, che però sembra spaventarsi davvero!

Pinhead80 12/08/15 16:42 - 3837 commenti

I gusti di Pinhead80

Questo "incubo" vede un uomo osservare con inquietudine il soffitto mentre ombre che al principio sembrano innocue diventano via via sempre più inquietanti (ma l'uomo non è l'unico spettatore). Tra gli incubi presentati da Dario Argento è uno di quelli che fa un uso massiccio di effetti speciali ed è anche uno dei più anarchici. La piega che prende la vicenda è talmente assurda che si fa fatica a credere a quanto si sta vedendo.

Rufus68 19/06/19 22:01 - 3015 commenti

I gusti di Rufus68

Esilarante nel suo afflato politicamente scorretto, goffamente trash negli effettacci raffazzonati... Argento si autocita, si sforza poco, ma dimostra ancora una volta perché, nonostante il suo innegabile declino, rimanga il punto di riferimento dell'horror-thriller italiano: egli è libero. Libero di odiare i gatti, di far divorare cagnolini, di piantare coltelli nelle carotidi e quant'altro. Uno degli ultimi veterani anarchici, privo di costrizioni moralistiche e commerciali.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Rambo90 • 27/02/10 16:49
    Pianificazione e progetti - 314 interventi
    Il protagonista non mi sembra per nulla Vincenzo Salemme...
  • Discussione Zender • 27/02/10 17:04
    Consigliere - 43824 interventi
    Infatti, è Lino Salemme, non Vincenzo, c'è un errore nelle note che vado a correggere.