3. Hansel e Gretel

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1988
Genere: horror (colore)
Note: Serie "Maestri del thriller" (Lucio Fulci presenta).
Numero commenti presenti: 21
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Degli otto film girati per la serie “I Maestri del thriller” e patrocinata da Lucio Fulci, HANSEL E GRETEL è forse il peggiore. Un primato conquistato dopo ardua lotta, ma vinto grazie una povertà complessiva desolante. A cominciare dalla scelta dei due bambini che devono ricoprire il ruolo dei fantasmi vendicatori: lei col piumino senza maniche, lui in maglioncino, vestono alla perfezione due tra i fantasmi più inespressivi della storia. Quando poi, nel momento in cui la loro “azione” sta per portare alla morte le vittime, gli occhi si cerchiano di una luce rossa, la dimensione trash dei personaggi è completata. Li hanno trucidati per espiantarne gli organi e rivenderli e loro sono risaliti...Leggi tutto dalle tombe (con uno scialbo effetto trasparenza) in cui li hanno seppelliti per vendicarsi di chi li ha uccisi e di chi, pur a conoscenza del laido traffico di organi, non fa nulla per impedirlo. Uno ad uno cadranno gli occupanti di una villa di campagna, a cominciare da Lucia Prato (la responsabile principale), mentre una poliziotta giunta in loco (Elisabete Boaretto) e un commissario (Maurice Poli) tentano di indagare sulle misteriose morti. I due bimbi li vedono tutti (d'altronde l'unico accenno di make-up è il loro volto sbiancato) e vengono sempre annunciati da una nenia infantile che nessuno capisce da dove esca. Non uccidono personalmente ma provocano la morte nei modi più bizzarri (anche perché gli effetti sono patetici e splatter in un'unica occasione, quando a una vecchia un chiodo da dietro fa fuoriuscire il bulbo oculare). Regia ai minimi storici (e dire che Fulci pare vi abbia in parte collaborato), recitazione scadente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 6/04/07 14:12 - 3311 commenti

I gusti di Deepred89

Uno dei migliori esempi di horror-trash italico. Fotografia semiamatoriale, regia pessima e caratterizzata da alcune scelte davvero incomprensibili, un gusto per l'approssimazione che lascia stupefatti e decine di errori sparsi per tutta la pellicola. Le scene da antologia del trash sono oltre una decina, anche se basta l'espressione dei due bambini (i mitici fratelli Cipollone) per morire dal ridere. Sugli altri attori (escluso il povero Maurice Poli) e sulle musiche meglio sorvolare.

Undying 10/05/07 00:27 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Questa "perla" del ciclo Lucio Fulci presenta si contende il titolo (assieme a Sodoma's Ghost) di peggior tassello, incastrato (malissimo) nella miserevole serie televisiva. Fulci sceneggia "per contratto" (interpretare per sottrazione) assieme al regista, tentando di dare uno spessore impegnato al film (incentrato sulle violenze ai minori, con attenzione sul disumano traffico di organi). Insignificante la messa in scena, condita da dialoghi farneticanti, corollario dell'inettitudine di Nannerini e Lucidi (artefici - come produttori - del ciclo).
MEMORABILE: Il contadino, vittima della falciatrice.

Herrkinski 15/05/08 14:41 - 5297 commenti

I gusti di Herrkinski

Veramente pessimo e avvilente. Regia assente, fotografia amatoriale, effetti speciali ridicoli (da vedere il contadino smembrato sotto la falciatrice). È uno dei rari casi di brutto film in cui non riesco a trovare qualcosa di salvabile. Tra quelli della serie, è superato solo da Bloody Psycho. Gira ogni tanto di notte su Mediaset. Da non credere.

Ghostship 30/05/08 13:53 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Non si può parlare di film, questa è una vera porcheria. Tutto, dico tutto, è fatto male: la sceneggiatura non si regge in piedi un attimo, gli attori sono scadentissimi, gli effetti speciali risibili, le musiche (?)... Chi cerca un buon horror lasci perdere, chi cerca un trash involontario coi fiocchi ha forse sottomano un capolavoro.

Daidae 21/01/09 13:37 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Orrido. Non ci sono altre parole per definire questa schifezza. Già il cinema trash italiano anni 90 è "discutibile", ma quando è troppo... 2 bambini finiscono nelle mani di una banda di predatori di organi: risusciteranno come fantasmi (effetti speciali simili a Patrick vive ancora) per compiere la loro vendetta. Recitazione -0, sceneggiatura 0, battute orripilanti ("l'ultima volta che ti ho visto stavi succhiando un grosso biberon..."), effetti speciali ancora peggio (l'uomo investito dalla falciatrice). Sicuramente uno dei peggiori film mai girati.

Disorder 12/06/09 15:37 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Più che un film, un collage di improbabili incidenti domestici; gli sventurati protagonisti periranno infatti uno ad uno nei modi più assurdi, chi affogato nel letame, chi ustionato dalla doccia troppo calda ecc... Regia poverissima, grossolani errori di montaggio, ritmo lentissimo, effetti speciali assolutamente non speciali...Che altro aggiungere?
MEMORABILE: Il contadino tranciato dalla falciatrice: chiaramente un quarto di bue con i vestiti del personaggio!

Ale56 25/07/09 16:49 - 225 commenti

I gusti di Ale56

Di sicuro questo filmetto non è certo da salvare completamente, ma ci sono diverse scene anche di buon impatto visivo. C'è per esempio la scena dell'uomo affogato nel letame, l'uomo ucciso nella cantina e l'estrazione degli organi (scena rovinata da un penoso rene finto). Regista e fotografo fanno il meglio che possono ma c'è poco da fare contro lo sceneggiatore e l'effettista: il primo crea un disastro (anche se il film doveva essere televisivo) mentre il secondo crea effetti risibili (colpa anche del budget). Come film tv comunque è discreto.
MEMORABILE: L'occhio dell'anziana perforato, il trashosissimo effetto "occhi rossi", la morte nella cantina, la falciatrice "trancia-vitelli".

Ciavazzaro 2/09/09 11:58 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Mamma mia... Salvando il buon Paul Muller procuratore, in parte Poli e Russo, il cast è davvero un qualcosa di atroce (non che la sceneggiatura aiuti, intendiamoci). Il sangue è presente, ma con effetti speciali abbastanza ridicoli. Memorabili (negli annali del trash) gli occhi rossi dei bambini. Spiace che Fulci sia in minima parte coinvolto in questa roba...
MEMORABILE: Le scene con Paul Muller.

Buck ii 7/11/09 12:03 - 55 commenti

I gusti di Buck ii

Non si può catalogare né come capolavoro "cult" né come capolavoro "scult" (Terror! il castello delle donne maledette, quello sì che era un capolavor scult). La pellicola di Simonelli è abbastanza bruttina. Il budget è limitato va bene, ma quanti film a budget limitato sono risultati per lo meno discreti? Invece Hansel e Gretel è girato piuttosto maluccio, con effetti speciali che non sono affatto speciali. Quello che abbiamo visto sembra lo "story-board", un abbozzo, insomma un qualcosa da rivedere e montare di un film non ancora pronto.
MEMORABILE: L'abbigliamento, le auto, la pellicola, in stile anni 80.

Gfgl77 3/07/10 00:05 - 3 commenti

I gusti di Gfgl77

Film che in un certo senso rappresenta un confine, un limite al di là del quale non si può andare. Ammetto senz'altro che il budget non fosse da kolossal e che spesso il cinema italiano ha vissuto e vive di queste produzioni che definire insulse è un complimento, ma questa "cosa" (non riesco a parlare di essa come di un film) è assolutamente ignobile: non credo sarebbe venuta peggio nemmeno se l'avessero fatto apposta. Peccato davvero, forse l'idea di partenza era buona ma...

Homesick 8/07/10 18:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Nonostante gli autorevoli riferimenti letterari (i fratelli Grimm, “Giro di vite” di Henry James) e cinematografici (Operazione paura) e la valida idea di partenza – i bambini rapiti e uccisi per il traffico di organi – il film di Simonelli non si distingue dalle altre pellicole della infausta serie “Lucio Fulci presenta”: faciloneria generale, realizzazione miserrima, tensione nulla, musiche dozzinali e attori scadenti (la scampano solo i veterani Poli e Muller) con inevitabili intermezzi di splatter-trash e di nudi femminili.

Funesto 31/12/10 13:23 - 525 commenti

I gusti di Funesto

E dire che l'inizio era buono (a parte un paio di incongruenze di plot): si dava la giusta drammaticità all'orribile sorte dei fratellini; poi stendiamo un velo. Milioni di errori di trama, di cose insensate, attori (salvo la vecchia) che paiono presi dalla strada (una coltellata sapere che c'era Poli, il mio attore preferito), una protagonista fiacca, SFX scandalosi (se ne salvano giusto un paio), musiche (di L. Perini!) piazzate senza senso, fotografia lasciata al caso... e poi il trash, su cui si potrebbe scrivere un libro. Almeno non annoia!
MEMORABILE: Il tizio col fucile che prende in ostaggio la protagonista.

Ryo 1/02/12 20:27 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Horrorino senza pretese che riesce a tirare fuori una nutrita dose di ridicolo senza neppure avere il pregio di divertire. I bambini che si vendicano hanno assurde luci rosse sparate negli occhi (in certe scene si avverte addirittura il fastidio che i bambini provano a stare immobili a subire le sopracitate luci) e non trasmettono un briciolo di timore. Il resto del cast è scadente e la regia approssimativa.

Gestarsh99 3/08/12 23:37 - 1335 commenti

I gusti di Gestarsh99

Hansel e Gretel contro i trafficanti d'organi. Altro motivo pseudocinematografico con cui infangare la memoria del maestro Fulci, imprimendo biasimevolmente il suo nome sui titoli di testa dell'ennesima lordizia paratelevisiva. Simonelli sembra voler dare una risciacquata nerofavolistica al laidume eccidiario dei Landi e Bianchi d'inizio anni '80 ma getta via i bambini con l'acqua sporca giù nello scolo fognario del dilettantismo più stolto e sgrammaticato. Pensare di giudicarne seriamente interpreti, contenuti e meriti di regia sarebbe un po' come prendersi a bottigliate sui testicoli. Detestabile esempio di Grimminalità orfanizzata.
MEMORABILE: Il bovaro che affoga nella vasca del letame; I dialoghi beoti e sgrammaticati (che avrebbero fatto pena persino al peggior Regnoli...)

Cangaceiro 4/12/12 18:49 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Lucio Fulci presenta... uno dei peggiori abomini partoriti dalla scena horror italica. L'aggravante peggiore è l'aver dato il cambio dietro alla cinepresa (non si sa bene quanto e come) al suo già stagionato lavorante. L'elenco delle brutture è chilometrico; tra le tante rimangono più impresse l'abuso di quarti di bue spacciati bellamente per corpi squartati, due malcapitati bambini che compaiono qua e là, svogliatamente manovrati come muti burattini e truccati alla meno peggio oltre che la mulatta protagonista: una specie di zombi in impermeabile.

Markus 30/05/16 13:00 - 3331 commenti

I gusti di Markus

La morte ingiusta di due bambini (Hansel e Gretel...), una volta risuscitati come fantasmi, dà il via a tutta una serie di efferati delitti scaturiti dal senso di vendetta. Con questo semplice ma funzionale meccanismo (peraltro abusato nel genere horror) si assiste a una a dir poco bizzarra e scalcagnata opera, salvabile solamente se vista in ottica trash. Tra risate involontarie, evidente low budget e musiche invadenti (seppur amabili) si assiste al decesso del cinema di genere italiano alla fine degli anni Ottanta.

Minitina80 5/07/17 12:02 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Desolante è, forse, l’aggettivo che meglio sintetizza l’esito del lavoro di Simonelli. Non basta una produzione miserrima a depauperare un soggetto traballante che stenta non poco, fotogramma dopo fotogramma, a conquistarsi un minimo di credibilità. Si fatica a trovare un elemento positivo per cui spendere qualche parola che ne incoraggi la visione, anche solo tiepidamente. Difficile credere che sia stato concepito per una destinazione televisiva. Si può considerare solo per completezza nell’ambito della serie a cui appartiene.

Anthonyvm 12/06/18 23:00 - 2137 commenti

I gusti di Anthonyvm

Aberrante scempio che si colloca di diritto fra i peggiori film mai prodotti in Italia e forse anche oltre i confini nazionali. Talmente brutto che è impossibile non ridere, fra effetti speciali che definire ignobili è un eufemismo e dialoghi che sembrano scritti da sceneggiatori di fumetti underground autoprodotti. Attori scadenti, capacità nulla di generare suspense o anche solo ribrezzo (e pensare che il tema principale è il traffico d'organi a danno di bambini), errori logici e di montaggio. Una chicca per i trash seeker, da recuperare.
MEMORABILE: La registrazione audio dell'agonia di una delle vittime dei bambini fantasma, con impressa la colonna sonora utilizzata in quel tratto di film!

Rufus68 18/03/19 22:27 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

Un filmino televisivo e senza nerbo che non riesce a svicolare dalle miserie del budget con una messa in scena davvero stringata e simbolica. Recitazione e dialoghi alla buona, effetti speciali da tinello, musichine da synth, coppia moccioso-assassina raffazzonata da Shining e dintorni. La protagonista, almeno, è una discreta sventola. Per i collezionisti: c'è (forse) un omicidio (sovrannaturale) sotto la doccia.

Noodles 12/09/19 22:54 - 951 commenti

I gusti di Noodles

Difficile trovare di peggio. Un'ora e mezza di dialoghi orrendi, effetti speciali ridicoli, banalità in sequenza, il tutto sceneggiato malissimo, diretto e recitato peggio. Per non parlare del finale, inguardabile. La catena di delitti splatter può anche essere gustosa, ma in mezzo c'è il nulla cosmico. Difficile trovare qualcosa di buono, ed è difficile accettare che a questo film sia accostato il nome di Fulci. Una serie da dimenticare.

Siska80 20/01/20 16:27 - 845 commenti

I gusti di Siska80

Originale l'idea di utilizzare il tema del commercio illegale di organi per un film horror, ma il tutto scade nel ridicolo involontario: pessimo cast, effetti speciali di una pochezza disarmante, bloopers grossolani, dialoghi privi di contenuto... La mano di Fulci si nota soltanto nella dinamica dei crimini splatter, mentre il nonsense alberga ovunque (le vittime rimaste vittime della loro stessa crudeltà!). Se preso come un film demenziale, è da vedere per farsi due risate.
MEMORABILE: La registrazione della voce dei bimbi durante la morte della donna zoppa, con annessa la musica inserita in quella scena!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ciavazzaro • 31/01/11 20:59
    Scrivano - 5612 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Cameo di Rolando Stefanelli regista del pluripremiato corto "La matta dei fiori", in giacca in piedi accanto all'auto.
    In che ruolo ?
    Ultima modifica: 1/02/11 08:34 da Zender
  • Discussione Lucius • 31/01/11 21:52
    Scrivano - 8308 interventi
    E' in giacca in piedi accanto all'auto, non mi ricordo bene il film.Se guardi tra i titoli di coda potrebbe esserci il suo nome, non so se ha fatto addirittura l'aiuto regista.
    Ultima modifica: 31/01/11 21:54 da Lucius
  • Curiosità Funesto • 6/07/11 20:24
    Call center Davinotti - 1419 interventi
    Vorrei segnalare le inquietanti somiglianze fra questo film e un altro horror, Operazione Paura (1966), di Mario Bava, a cui potrebbe essersi un po' rifatto a questo film.

    -La prima cosa che balza all'occhio è il tema dei bambini fantasma: i due bimbi del film dell''89 sono molto accostabili a Melissa di Operazione Paura, soprattutto per il modo in cui mietono le vittime: se vengono a farti visita e incroci il loro sguardo, la tua sorte è segnata e a momenti morirai con un decesso che o scambieranno per suicidio o per una disgrazia.



    -Anche un paio di delitti sono simili: quello iniziale con la donna che, istigata da Melissa nel film del 1966, cade da una considerevole altezza (infilzandosi sulle guglie di un cancelletto) nel film di Bava, nel film di Simonelli è ripreso in modo simile verso la fine, con Gaetano Russo che provando a fuggire dai fantasmi viene fatto sfracellare su delle rocce.



    -L'altro paraomicidio ripreso dal film di Bava (quello della ragazzina perseguitata dallo spettro che viene fatta avvicinare ad uno spunzone di ferro fino a squarciarsi al petto) (NELLA FIGURA GLI SPUNZONI SONO STATI RICALCATI COL BIANCO), nel film di Simonelli è quello in cui una donna viene avvicinata ad un muro da cui sporge un aguzzo spillone che le trapasserà la testa riuscendole da una cavità oculare. Per di più, in entrambe queste ultime due scene i fantasmi spiavano le vittime di notte dal vetro di una finestra.



    - In entrambi i film le vittime sanno già di morire e per mano di chi, ma non vengono creduti dal(la) protagonista nonostante i morti si susseguano.
  • Homevideo Xtron • 17/03/12 12:45
    Servizio caffè - 1834 interventi
    Io ho il dvd uscito in edicola nella collana "I maestri della paura"

    La grafica è quella del dvd Avo, ma c'è il logo della Quinto Piano.

    Durata 1h26m31s
    immagine a 54:53

    Ultima modifica: 11/12/17 17:57 da Zender
  • Discussione Cangaceiro • 4/12/12 19:02
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Appena visto e commentato il "film". Letto anche il divertente speciale di Funesto. Vorrei aggiungere un paio di chicche:
    1) Il trucchetto del quarto di bue è usato, oltre che per il patrigno trucidato dalla falciatrice, anche per i due rapitori che una volta caduti nella diga vengono tritati dagli ingranaggi e trasportati via dall'acqua sotto forma appunto di quarti di bue con qualche straccio addosso.
    2) Un altro personaggio (se non ho capito male di nome si chiama "Stanco" e già qui si ride) muore affogato in una vasca piena di letame. Ebbene viene proprio risucchiato completamente tipo sabbie mobili. Peccato che poco dopo la protagonista rinviene il suo corpo lì in bella vista, risalito a galla da solo non si sa bene come...
  • Discussione Zender • 5/12/12 09:55
    Consigliere - 43742 interventi
    Aggiunto anche allo "speciale" di Funesto, in coda.
  • Discussione Markus • 30/05/16 11:48
    Scrivano - 4801 interventi
    Funesto, nel tuo speciale:

    "Qui i malintenzionati credono che un infallibile esca per avvicinare due bimbi possa essere una Wolkswagen (un modello ai tempi comunissimo, tra l'altro)"

    Non è una Volkswagen, bensì una Mercedes (mi pare una 180 o 280 degli anni Settanta, quindi già allora - 1988 - vecchia). Solo per precisazione.
  • Discussione Zender • 30/05/16 15:07
    Consigliere - 43742 interventi
    Grazie Mark, corretto.
  • Discussione Carlitos • 14/04/20 14:35
    Galoppino - 54 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Funesto, nel tuo speciale:

    "Qui i malintenzionati credono che un infallibile esca per avvicinare due bimbi possa essere una Wolkswagen (un modello ai tempi comunissimo, tra l'altro)"

    Non è una Volkswagen, bensì una Mercedes (mi pare una 180 o 280 degli anni Settanta, quindi già allora - 1988 - vecchia). Solo per precisazione.


    L’auto la ricordo benissimo. È una Mercedes 190 E.
    Lo stesso modello si vede negli altri film della serie Lucio Fulci Presenta. Comunque il film è del 1990 non del 1988. E inoltre Lucio Fulci non ha partecipato come regista. Sarebbero da correggiere questi due piccoli errori..
  • Discussione Zender • 14/04/20 15:12
    Consigliere - 43742 interventi
    Mah bisognerebbe in effetti capire come dare la data a tutti i film di questa serie. Immagino guardando alla data della prima pubblicazione in vhs...