2. Tuttototò: Il tuttofare

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1967
Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Note: Telefilm di 50 minuti della serie "Tuttototò".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Tra i più celebri episodi della serie TUTTOTOTO’, mandata in onda dal Programma Nazionale per la prima volta nel 1967, IL TUTTOFARE ha alla base uno sketch della rivista “Bada che ti mangio” (la sceneggiatura è infatti dell'autore Michele Galdieri con Totò e Bruno Corbucci), successivamente rielaborato e riambientato, all'interno de IL PIU’ COMICO SPETTACOLO DEL MONDO, in un coiffeur pour dames. E’ qui che è girato gran parte dell'episodio (dopo una scenetta iniziale all'ufficio di collocamento, con Totò che prova a farsi assumere prima come interprete poi come balia per accettare infine il posto di inserviente presso un parrucchiere): ovviamente a suo...Leggi tutto agio con la spalla prediletta Mario Castellani (è Camillo, il titolare del salone), Totò dà vita a deliziosi duetti comici assistito perfettamente: prima le lunghe presentazioni e brevi cenni sul tipo di lavoro, poi i contatti con i clienti; ed è con loro che l'apprendista parrucchiere Totò (ribattezzato Lallo da Camillo/Castellani) si scatena, infilando una giovane signora sotto un casco bollente e rinchiudendo in un'enorme macchina per dimagrire un donnone di 100 kg. Per finire arrivano pure un conte (Giuseppe Anatrelli, futuro Calboni nei primi Fantozzi) e una contessa, coi quali si equivoca sul nome di un amico spagnolo, Josè (leggasi “cos’è”). La totale assenza di una storia trasforma tutto in brevi sketch a volte un po' troppo tirati per le lunghe, ma la forza distruttiva di Totò e il valore di una spalla come Castellani (con accento forzatamente francese, per l'occasione) fanno dimenticare i difetti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 27/05/08 21:32 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Garbato episodio del ciclo televisivo (come catalogato dal Davinotti questo è il secondo episodio) Tuttototò. La regia dello specialista della fiction d'alta classe (cito solo l'indimenticabile I Racconti Fantastici di Edgar Allan Poe, 1979) garantisce la canonica ora (scarsa) ad alto ritmo, nella quale viene riproposto il repertorio classico degli sketches già affrontati nella rivista (Bada che ti mangio!) e nel film Il Più comico Spettacolo del Mondo (1953), ovvero quello dell'irresistibile (combinaguai) parrucchiere per signora.

Smoker85 8/05/14 17:12 - 390 commenti

I gusti di Smoker85

Tra i più gustosi (e più replicati) episodi della serie dedicata al repertorio teatrale del Principe, davvero esilarante nei primi venti minuti, soprattutto nei duetti con gli impiegati dell'ufficio collocamento (con la storia battuta "poi dice che uno si butta a sinistra!") e con Mario Castellani qui nei panni di un raffinato parrucchiere per signore. Quando però entrano in scena le clienti la trama inizia ad afflosciarsi e anche il protagonista ne soffre. Tutto sommato gradevole.
MEMORABILE: La prova di francese; Totò "mutilato dai reumatismi"; "Mi chiamo Rio de Janer, in italiano Rosario de Gennaro".

Minitina80 14/04/15 09:26 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Buon episodio della serie, con Totò che svolge il compito con diligenza e vivacità. C’è una impostazione teatrale che in ambito televisivo non rende molto e fa perdere molta efficacia alle scene. È questo il limite principale, ma ciononostante gli affezionati di Totò troveranno sicuramente godimento nella visione.

Gabrius79 25/11/15 23:23 - 1193 commenti

I gusti di Gabrius79

Totò, grazie all'ottimo aiuto della sua spalla Mario Castellani, tenta di ravvivare questo episodio improvvisando come può su una sceneggiatura fatta di sketch visti e rivisti. Alcuni giochi di parole e qualche gag riuscita salvano un prodotto altrimenti scadente con riprese televisive a volte approssimative. Buono il cast di contorno.

Pessoa 29/01/17 00:28 - 1159 commenti

I gusti di Pessoa

Una delle ultime apparizioni del Principe, ormai vicino alla fine. Il canovaccio è quello di vecchi sketch di Totò riproposti sul piccolo schermo. Ma mentre in passato la vulcanica improvvisazione del protagonista aveva riempito le voragini della sceneggiatura, in questo caso Totò, già molto minato nel fisico, spesso arranca nella routine lasciando la scena al fido Castellani. Si ride, naturalmente, ma Totò ci aveva regalato ben altre risate e tutto il film sembra pervaso da un alone di malinconia. Appena guardabile.
MEMORABILE: I minuti iniziali all'ufficio di collocamento.

Panza 22/06/19 16:25 - 1495 commenti

I gusti di Panza

Anche questa farsa rimane nella modesta media della serie: Totò, che di nuovo ha fatto il militare a Cuneo, appare affaticato e al servizio di copioni, provenienti dalle vecchie riviste teatrali, non ispirati. Qua a una parte più vivace ambientata nell'ufficio di collocamento (spassoso l'equivoco sull'interprete) ne segue una più lunga al salone di parrucchiere di Castellani, che si conferma per l'ennesima volta attore di razza, conclusa troppo rumorosamente. Rimane sicuramente uno degli episodi di questa sfortunata serie.

Rambo90 8/02/20 19:16 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Episodio godibile nel quale Totò rispolvera un classico del suo repertorio, ben spalleggiato dal fido Castellani. Fa molto ridere anche l'inedita apertura all'ufficio di collocamento, dove il protagonista imprime già al tutto un ritmo discretamente vivace, nonostante una regia molto povera e una messa in scena davvero sciatta (anche per la televisione di allora). Poco riuscito lo scambio con la Sofio, ma per il resto si ride.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 27/05/08 21:39
    Scrivano - 7630 interventi
    Secondo episodio della serie televisiva Tuttototò (diretta dal còlto Daniele D'Anza) ed andato in onda, per la prima volta, il 10 maggio 1967.

    La serie di disavventure di Rosario De Gennaro, detto Lallo (Totò), di professione parrucchiere per signora, era già stata affrontata dall'attore napoletano nella rivista (la prima volta in assoluto il 3 Marzo 1949 al Teatro Nuovo di Milano).
    I guai del parrucchiere pasticcione si erano dunque visti nella commedia teatrale, scritta da Michele Galdieri (per inciso: l'autore preferito da De Curtis), Bada che ti Mangio! e - in seguito - nella pellicola Totò a Colori (1952).
  • Discussione Zender • 29/05/08 10:35
    Consigliere - 43523 interventi
    Per Undying: sei sicuro che lo sketch sia presente anche in TOTO' A COLORI? Rileggendo la paginetta del Davinotti vedo che viene citato IL PIU' COMICO SPETTACOLO DEL MONDO, non TOTO' A COLORI, che pur essendo un collages di vecchi sketch non mi pare contenga anche questo.
  • Discussione Undying • 30/05/08 00:41
    Scrivano - 7630 interventi
    Mi sembrava che una sequenza con Totò parrucchiere fosse inserita anche in Totò a Colori.
    Dovrei verificarne la presenza: cosa che farò.
  • Discussione Zender • 30/05/08 01:13
    Consigliere - 43523 interventi
    E' che non vorrei che ti confondessi con LO SPETTACOLO PIU' COMICO DEL MONDO, che è ugualmente a colori (sgargianti) e pure in 3D
  • Discussione Undying • 30/05/08 01:20
    Scrivano - 7630 interventi
    Zender ebbe a dire:
    E' che non vorrei che ti confondessi con LO SPETTACOLO PIU' COMICO DEL MONDO, che è ugualmente a colori (sgargianti) e pure in 3D

    Hai ragione Mauro.
    Vado a correggere...