13° piano: fermata per l'inferno

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Nightmare on the 13th floor
Anno: 1990
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "Tredicesimo piano: fermata per l'inferno" o "Ascensore per l'inferno".
Numero commenti presenti: 5
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un ottimo soggetto, non c'è che dire; non del tutto originale, ma perlomeno più vivo e interessante di quello dei troppi cloni che infestano il mondo horror degli ultimi anni. Notevoli e inquietanti anche l'arredamento e più in generale le scenografie che caratterizzano il fantomatico tredicesimo piano dell'Hotel Wassel, accessibile solo attraverso una speciale manomissione della pulsantiera di un ascensore. Peccato che la realizzazione del film sia condotta con superficialità e poco impegno fin dalla scelta del cast: Michele Greene (già avvocatessa nel telefilm "L.A. LAW" e presente in molte produzioni televisive americane) è poco credibile e, nonostante l'impegno, pare più adatta a proseguire la sua carriera televisiva che a tentare...Leggi tutto la strada del cinema puro. Gli altri comprimari, tuttavia, sembrano ancora meno convincenti (c'è un barbone che ha tutto tranne l'aria del barbone) a eccezione del sergente di polizia, il quale perlomeno si salva grazie a qualche risposta ad effetto. Regia e fotografia sono assolutamente piatte e anonime, mentre la sceneggiatura denota troppi cali di tensione e momenti morti. Una confezione quindi nel complesso pessima (non ci sono effetti speciali e anzi, pure un semplice colpo di pistola sembra cogliere impreparata la vittima, che aspetta due secondi buoni prima di accorgersene) che difetta anche sul versante sanguinario, nonostante la vicenda suggerisca il contrario. Interrogativi mal chiariti, incongruenze dovute alla palese negligenza degli sceneggiatori sono una costante, eppure NIGHTMARE ON THE 13th FLOOR conserva un fascino particolare, un frustrato desiderio di emergere dal mucchio con una storia rattoppata ma intrigante.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 5/09/07 12:16 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Filmetto horror con un punto di partenza interessante, ovvero il tredicesimo piano nascosto, l'antica maledizione, la lunga scia di sangue.. E nel cast c'è pure qualche bravo attore di stampo televisivo. Grauman è un regista televisivo e si vede: nulla di esaltante, ma non così brutto. Evitabile il colpo di scena finale.

Herrkinski 22/09/11 22:20 - 5284 commenti

I gusti di Herrkinski

L'idea iniziale, seppur non molto originale (Shining) e parimenti improbabile (ci mettono mezzo film per capire una cosa che chiunque avrebbe scoperto in 5 minuti), poteva comunque essere intrigante; purtroppo il regista sembra disinteressato a confezionare degnamente il film e il tutto si risolve in un horrorino di maniera, tremendamente televisivo e quindi epurato completamente di ogni traccia di sangue. Fotografia piatta, cast nella media, finale deludente... Si lascia guardare, ma rimane un'occasione sprecata. Del tutto trascurabile.

Daidae 7/02/15 22:05 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Ha tutti i limiti di un film per la tv, in primis il budget evidentemente non troppo generoso. Eppure è coinvolgente, ha una trama piacevole e gli attori non sono malaccio; se patiti del genere orrore piacerà. Un film che merita sicuramente una visione.

Anthonyvm 24/02/18 23:46 - 2122 commenti

I gusti di Anthonyvm

Un film televisivo dalle premesse molto interessanti. L'idea di un piano segreto, all'interno di un albergo (e si sa che hotel e simili hanno da sempre un rapporto viscerale con l'horror), dove si consumano orribili delitti è vincente a dir poco. Purtroppo la realizzazione non va oltre quella di un qualsiasi film TV e il climax finale è una vera delusione. Non bastano citazioni vagamente polanskiane e alcuni bei nomi nel cast per salvare il tutto dalla mediocrità. Comunque riesce a conservare una sua dignità e la prima parte è molto valida.
MEMORABILE: I delitti con ascia accompagnati da una canzoncina retrò, in stanze dalle tinte scarlatte, molto suggestive.

Gestarsh99 12/01/20 16:34 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Già occupàtosi di ascensori "problematici" in Un giorno di terrore, il prolificissimo Grauman (più di 300 regie fra cinema e tv) riatta il suo impianto-cabina in ponte (e)levatoio d'accesso al vero càssero oscuro d'una vicenda costellata di liturgie omicide che riallacciano ad antiche cronache nere. Per esser un film destinato al piccolo schermo, c'è da dire che svolge il proprio compito con estrema onorevolezza: un giallo-gothic vecchio stampo in cui risuonano i cigolìi dei classici horror della Hammer e dei thriller di casa Italia, con accenni curiosi e mai impudenti allo Shining di Kubrick.
MEMORABILE: L'ascia accuratamente ripulita e riposta in bacheca dopo ogni omicidio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.