7 cadaveri per Scotland Yard

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Jack, el destripador de Londres
Anno: 1971
Genere: thriller (colore)
Note: Aka "Sette cadaveri per Scotland Yard".
Numero commenti presenti: 19
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 2/02/07 08:41 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Terribile. Si salva solo un po' la parte centrale del film. Poverissimo e girato con due soldi.

Il Gobbo 2/04/07 10:01 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Orrendo. La pretesa ambientazione inglese è contraddetta dalla villosità del cast (non solo Naschy/Molina, ma soprattutto degli irsutissimi generici che sembrano usciti da Barbagia la società del malessere). Lentezze spagnolesche, effetti goffi, si salva la colonna sonora. Dopo averlo visto ho abiurato le mie contumelie ai gialli di Pradeaux.

Undying 31/07/07 00:02 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Caotico, confusionario, girato con scenografie povere e mal sfruttate, con abbondante uso di zoom e primi piani, questo pastrocchio italo-spagnolo tenta vanamente di accodarsi (anche per via di un titolo truffaldino e smemorato: contate i cadaveri!) al giallo italiano. La presenza di Paul Naschy (sottratto ai temi prettamente horror) nulla aggiunge all'inutile sperpero di pellicola, italianizzata "de facto" dalla presenza di una mal sfruttata Orchidea De Santis. Peccato, perché la storia di Tito Carpi aveva buone ragioni per essere valorizzata.

Cotola 15/03/08 22:59 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Diverse prostitute vengono uccise secondo strane modalità. Il colpevole sembrerebbe chiaro ma in realtà... Debole thrillerino caratterizzato da una regia piuttosto approssimativa e da una sceneggiatura di routine che utilizza elementi usuali senza riuscire a creare un briciolo di tensione nonostante alcuni colpi di scena nella parte finale che peggiorano la situazione invece di migliorarla. Per giunta il plot è pieno di buchi ed è molto inverosimile. Gli attori poi sono piuttosto scadenti. Bruttino.

Ciavazzaro 29/03/08 14:41 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Naschy ha fatto decisamente di meglio. Ciononostante questo giallo non è poi così orrendo e presenta un cast molto interessante. Coraggiosi gli effetti di sangue, anche se penso di aver visto una versione tagliata (quela Mediaset). Discreto, non così orrendo come tutti affermano. Bravi Naschy e la bella De Santis.

Homesick 19/06/08 11:35 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Grezzo pasticcio italo-iberico sulle orme del poliziesco inglese (un serial-killer in stile Jack lo Squartatore, le inchieste del commmissario), del thriller hitchcockiano (il sospettato che cerca di difendere la propria innocenza) e di quello argentiano (le soggettive, i dettagli delle armi bianche). Il film è molto al di sotto degli standard accettabili per un prodotto di genere, a causa di una regia trasandata, incapace di evocare la tensione necessaria,, e di una improbabile location londinese.

Dr.schock 1/09/09 16:30 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Thrilleraccio grezzo e abbastanza convenzionale dei bei tempi che furono (cioè gli anni 70). Non è originalissimo, è girato con i soldi del monopoli (e si vede) e il colpo di scena finale è a dir poco inverosimile. Però ha quella genuinità trash tipica delle pellicole del'epoca che lo rende almeno vedibile (una sola volta però!) e Naschy è sempre Naschy, anche se non è proprio il suo ruolo più memorabile.

Gestarsh99 16/08/10 13:22 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Deprimente e poveristico filmettino girato da un regista più portato per il western (diciamo...), con protagonista Paul Naschy che si trascina claudicante per tutta la storia, muovendosi tra miserrime scenografie ed insulsi flashback, virati in blu, del proprio sventurato passato circense. L'incipit non era malvagio, rifacendo in salsa spagnola quello del magistrale L'occhio che uccide, di Michael Powell, il proseguo però smorza ogni fievole entusiasmo, con effetti gore indegni ed una trama a metà strada tra giallo sbiadito e telenovela cilena.

Fauno 24/12/10 11:28 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Un ultratrash imperdibile per capire come si sbaglia un film. Spiegazioni strambe per non dire astruse, effetti splatter da fumetto, la De Sanctis che svanisce come un dente di leone al primo soffio... Eppure la tenerezza che fa Dockermann (Naschy), sfortunatissimo e perseguitato fino all'ultima scena lo renderebbe quasi uno stracult. Facendo la media diciamo che il film si salva con una giornata d'anticipo...

Herrkinski 2/05/11 01:45 - 5036 commenti

I gusti di Herrkinski

Insipida commistione di vari generi di giallo anni '70: da quello spagnolo a quello italiano, con un pizzico di thriller vecchio stampo all'inglese (anche a causa della location londinese e di vari dettagli che cercano di ricreare quelle atmosfere). Cast non certo di prim'ordine ma tutto sommato passabile, fotografia sciatta (ma almeno comprensibile nelle scene buie), un po' di sangue versato e un intreccio mal costruito, abbastanza confusionario. Ho visto di peggio, ma certamente del periodo è uno di quei film che si possono tralasciare. **

Trivex 3/08/11 09:35 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Trash o non trash? Personalmente trash, please. L'atmosfera inglese è accennata e non determinante, mentre sono presenti torbidi esempi paralleli che alla fine devieranno verso un punto comune: il colpevole! Ecco, gli omicidi non sono esemplari ed il movimento lento non aiuta a superare la fatica. Strambo, a tratti si vorrebbe spegnere la tv ed incendiare il disco, ma poi qualche colpo di mano c'è e si ritorna alla domanda posta all'inizio del discorso: è trash. Quindi vedo di non esagerare e concedo le solite attenuanti generiche a questo genere. **

Digital 27/03/12 15:36 - 1117 commenti

I gusti di Digital

Thriller frutto di una coproduzione italo-ispanica (in quegli anni andava di moda), decisamente sciatto nella confezione e piuttosto debole nella sceneggiatura. La vicenda ricalca quella di analoghi film e ciò non può che suscitare un senso di déjà vu, negli habituè di questo genere cinematografico. Ulteriore nota dolente è la semplicità - nonostante i ripetuti depistaggi - con cui si riesce a rintracciare l'identità dell'assassino. Perdibile, senza remora alcuna. **.

Manfrin 16/05/13 09:35 - 324 commenti

I gusti di Manfrin

In realtà i cadaveri sono ben più di sette in questa co-produzione italo-spagnola che si regge sulla caccia a un emulo di Jack lo Squartatore in una Londra poco esibita. Qualche accenno di splatter, ritmo non eccelso e qualche inevitabile incongruenza (uno zoppo che scappa saltando da una finestra), ma tutto sommato il risultato è sopra la sufficienza grazie anche a una (leggera) incertezza sul colpevole.

Daidae 21/05/13 01:41 - 2730 commenti

I gusti di Daidae

Una mediocrità e una banalità sconcertanti. Gli attori non sono male, ma già a metà film ho capito chi era il vero assassino,; tecnicamente è il canonico giallo anni 70 e francamente non lo trovo così scarso, sotto questo aspetto. Magari con qualche assurdità in meno...
MEMORABILE: Il finale, già che eravamo in tema di circo...

Motorship 3/11/13 18:08 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Davvero brutto. Forse (ma escludiamolo anche il forse) il peggior thriller mai visto dal sottoscritto. Inoltre si vede che è stato girato con due soldi, ergo gli effetti sono ridicoli e facilmente individuabili, per non parlare poi del finale orrendo. In definitiva un filmaccio da dimenticare che inizia male e non decolla mai. Peccato perché alla fine il cast male non è: ci sono Naschy e la bellissima Orchidea, entrambi malissimo sfruttati (ma con questo film era difficile fare di meglio). Da dimenticare.

Il Dandi 15/07/16 14:51 - 1747 commenti

I gusti di Il Dandi

Un emulo di Jack lo squartatore scrive lettere di sfida alla polizia e riesce a far ricadere i sospetti sul malcapitato loser di turno. Giallo spagnolo di stile filo-italiano e ambientazione inglese: il primo è garantito da soggettive argentiane e da una piacevole colonna sonora acid-jazz; la seconda è appena passabile nonostante il cast prettamente latino. Godibile (ma anche prevedibile) per gli amanti del genere; forse il fatto che non vada mai in onda prima delle 3 di notte aiuta a perdonarne i buchi. **! con un po' di generosità.
MEMORABILE: Il primo omicidio nel prologo, che sembra davvero ambientato nella Londra vittoriana di Jack anziché in quella contemporanea che segue.

Ronax 29/11/17 00:37 - 899 commenti

I gusti di Ronax

Con una sceneggiatura meno sgangherata e una regia meno tirata via, la storia avrebbe anche potuto funzionare, ma così è veramente inguardabile. Già reduce dal pessimo Le Manie di Mr Winninger, il regista spagnolo José Luis Madrid riesce a fare ancora di peggio. Girato e montato in modo rozzo ed elementare, il film si snoda con una piattezza e una ripetitività veramente desolanti. Se Naschy sa conferire una carica dolente al suo personaggio, gli altri sono totalmente inespressivi o, come la bella Orchidea, del tutto fuori parte.
MEMORABILE: Naschy, invalido, che riesce a stendere tutti quelli che lo affrontano.

Keyser3 24/03/20 22:29 - 103 commenti

I gusti di Keyser3

Josè Madrid non è certo Dario Argento, ma la pellicola è godibile e si lascia vedere sino al finale, nonostante lo spettatore più accorto capisca già a metà strada l’identità del colpevole. La storia non è delle più originali e la messa in scena è ovviamente poveristica, ma già la sola presenza del buon Naschy, qui nelle vesti del circense fallito, ne giustifica una visione. Fra le seconde linee spicca il personaggio del soprintendente Chambers, doppiato nientemeno che dal divino Cigoli.
MEMORABILE: Il flashback dell’incidente di Naschy.

Alex75 2/07/20 19:28 - 667 commenti

I gusti di Alex75

Coproduzione italoiberica che cerca di attualizzare la storia di Jack lo Squartatore combinando stilemi del giallo all’inglese con la moda argentiana. Colpevole e movente sono facilmente intuibili e la sequenza donna svestita-pugnale insanguinato viene proposta a ripetizione senza particolari tocchi d’originalità; colpi di scena poco convincenti tengono però desta l’attenzione, pur enfatizzando i difetti dell’intreccio. In mezzo a una pletora di generici spagnoli, tra un Naschy dignitoso ma piuttosto monocorde e una De Santis fuori parte, Marignano ha un ruolo di quasi protagonista.
MEMORABILE: I messaggi con cui “Jack” rivendica i delitti; Il “doppio delitto” degli amici di Peter.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 21/04/10 23:15
    Scrivano - 7634 interventi
    Unico momento memorabile del film è quello iniziale, che propone la soggettiva del killer intento a seguire una peripatetica, e ciò similmente ad una analoga sequenza intravista ne L'occhio che uccide (Michael Powell, 1960), della quale - probabilmente - Josè Luis Madrid vuole qui fare citazione.
  • Curiosità Ciavazzaro • 1/06/10 20:38
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Nel disegno del manifesto spagnolo del film è riciclata una scena da Il cadavere di helen non mi dava pace (il disegno della gola tagliata alla gimpera usata per la locandina italiana del film il cadavere di helen).
  • Homevideo Digital • 1/07/17 10:41
    Segretario - 3026 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 27/09/2017.
    Ultima modifica: 1/07/17 10:44 da Digital
  • Musiche Alex75 • 13/07/20 19:21
    Call center Davinotti - 604 interventi
    Dalla colonna sonora, i brani "Seven murders" e "The investigation starts", di Piero Piccioni:

    https://www.youtube.com/watch?v=FqxN3gEcJbA
    https://www.youtube.com/watch?v=3Dmc8h57jHU