40.000 dollari per non morire

Media utenti
Titolo originale: The Gambler
Anno: 1974
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Quarantamila dollari per non morire" o "40000 dollari per non morire". Sceneggiatura di James Toback.
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/04/15 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 15/04/15 20:44 - 2211 commenti

I gusti di Buiomega71

Intenso dramma che unisce la passione del gioco (in realtà due, quella di una sfavillante Las Vegas e il basket) con sottotrama da "crime movie" (una mafia lontana dai soliti luoghi comuni). Quasi mulliganiana ed europea la mesta regia di Reisz, con un James Caan di rara sofferenza e introspettività (forse uno dei suoi ruoli migliori), un loser antieroico quasi peckinpahiano. Da una Las Vegas tentacolare, sino al disperato finale in un quartiere nero. Reisz firma uno dei più empirici film americani settantiani. Di contorno, ma bellissima, Lauren Hutton.
MEMORABILE: La sofferta e dolorosa scelta finale di Caan; Il confronto con il nonno milionario; La corruzione del promettente studente/giocatore.

Caesars 25/05/20 14:58 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Reisz è regista troppo spesso dimenticato, ma indubbiamente ha realizzato pellicole molto buone. Questo "The gambler" fa parte a pieno diritto di quei film della "Nuova Hollywood" che vede dei protagonisti "perdenti". James Caan offre un'ottima interpretazione, ma non sfigurano accanto a lui Paul Sorvino e una splendida Lauren Hutton. Intenso il ritratto che il regista ci offre di un giocatore, che tale non è tanto per speranza di vincere soldi, quanto per quella sensazione particolare che offre il rischio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 16/04/15 17:22
    Pianificazione e progetti - 21656 interventi
    Quando il cinema americano settantiano era visto da occhi europei (penso anche Alla maniera di Cutter di Ivan Passer, che però settantiano non è), un pò come sarà I Guerrieri dell'Inferno (altro lavoro sottovalutato di Reisz) Molto mulliganiano, con un James Caan introspettivo e in stato di grazia Mai editato in vhs e nemmeno in dvd (per ora) Io ho una vecchia registrazione da RaisatCinema Richard Brooks lo terrà a mente per La Febbre del Gioco Imperdibile per chi ama il cinema americano (quello realistico e sofferto) degli anni '70 Finale doloroso e da puro loser peckinpahniano Rifatto nel 2014 da Rupert Wyatt con Mark Whalberg nel ruolo che fù di James Caan.
    Ultima modifica: 16/04/15 19:29 da Buiomega71
  • Discussione Caesars • 17/04/15 11:35
    Scrivano - 10219 interventi
    Bella "davinottata", Buio. Non mi ricordavo affatto di questo film di Reisz che penso proprio sia interessante (cinema '70 alla Mullighan...)
  • Discussione Buiomega71 • 17/04/15 17:35
    Pianificazione e progetti - 21656 interventi
    Caesars ebbe a dire: Bella "davinottata", Buio. Non mi ricordavo affatto di questo film di Reisz che penso proprio sia interessante (cinema '70 alla Mullighan...) Grazie, Caesars. Sì, se ami certo cinema americano ti dovrebbe sicuramente piacere.