13 peccati

Media utenti
Titolo originale: 13 Sins
Anno: 2014
Genere: horror (colore)
Note: Remake dell'horror thailandese "13 Beloved" (2006).
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/03/14 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 28/03/14 11:47 - 9393 commenti

I gusti di Daniela

Un tizio pieno di debiti, fresco di licenziamento e con molti problemi familiari riceve una telefonata che lo invita a partecipare ad un gioco a premi, con la possibilità di vincere una fortuna se saprà superare 13 prove di crescente difficoltà... Remake di un bel film thailandese, con scostamenti che lo rendono meno incisivo, in quanto mancano le prove più ripugnanti ed anche il finale convince poco, tuttavia la storia è così ben congegnata nella sua semplicità che si fa seguire senza annoiare, pur conoscendo in anticipo dove si andrà a parare.
MEMORABILE: All'inizio, l'anziano professore costretto a raccontare storielle zozze ad un convegno in suo onore

Myvincent 26/04/14 08:24 - 2551 commenti

I gusti di Myvincent

Può un uomo commettere un crescendo di peccati per tirarsi fuori dai guai e diventare ricco? La risposta si ha seguendo il filo di questo horror dal meccanismo a filastrocca che, sebbene semplice, ha il pregio di farsi seguire fino alla fine con curiosità. Il mondo, per quanto cambiato, persegue comportamenti la cui morale da secoli ha lo stesso peso sul comportamento umano.

Gestarsh99 5/08/14 00:57 - 1322 commenti

I gusti di Gestarsh99

Trascrizione occidentalizzata di un bigino del sadismo vomitivo made in Thailand. Trattandosi di un remake, l'effetto sorpresa viene un po' meno ma il divertimento non schioda neppure di un ångström: lo spettatore sa già a quali sfide orribili andrà incontro il disgraziatone di turno, però da buon scopofilo ha ugualmente smania di vederlo schiattare di vergogna, fatica, ribrezzo e umiliazione. La sceneggiatura rende la trama meno contorta rifinendola nei passaggi irrisolti, a scapito però dell'aspetto ironico, che trova uno spazio risicato solo nella scena al fast-food e nei minuti conclusivi.
MEMORABILE: Il macabro sketch col morto al fast-food; quando si scopre che il gioco ha i connotati massonici di una secolare catena di crimini sanguinari.

Rambo90 24/09/17 20:40 - 6345 commenti

I gusti di Rambo90

Un thriller, più che un horror, accattivante fin dalle premesse. Il meccanismo del gioco a cui si sottopone il protagonista attira lo spettatore nel suo stesso mood di voler scoprire dove andrà a finire e ci si chiede quale sarà la prossima sfida. Certo la messa in scena non è curatissima, ma per fortuna la sceneggiatura brilla di luce propria e verso la fine regala anche un paio di twist ben giocati (tranne l'ultimissimo colpo di coda prevedibile). Bravo il protagonista, un po' troppo in ombra Perlman. Ritmo veloce, buono.

Pumpkh75 27/11/17 15:33 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

Le prove da affrontare (alcune piacevolmente splatter, alcune dense di umori macabri, altre semplicemente stupidotte e irrisorie) sono l’esclusivo leitmotiv: per divertirsi ci si diverte, ma a tre quarti di film parte il conto alla rovescia e non è un ottimo segno. C’è una notevole diseguaglianza nell’effetto dei piccoli twist sparsi in chiusura, Webber ha la faccia smaccatamente perfetta per il ruolo ma alla lunga diventa un eccesso. Non prometteva tantissimo ma in fondo lo mantiene; sul tema, però, Le dodici fatiche di Asterix sono meglio.

Taxius 20/12/17 16:18 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Il nostro protagonista è un disoccupato con figlio in arrivo e casualmente si ritroverà coinvolto in un gioco perverso in cui dovrà superare tredici prove in cambio di denaro, sempre più difficili ma sempre più remunerative. Il difetto principale del film di Daniel Stamm è quello di spingere troppo poco sul pedale dell'acceleratore: si aspetta sempre qualcosa che poi non arriverà mai. Peccato per il finale eccessivamente buonista che rovina un po' il resto. Nel complesso comunque non è male e intrattiene piuttosto bene.

Piero68 10/08/18 10:15 - 2758 commenti

I gusti di Piero68

Tra le strade di New Orleans un uomo disperato e squattrinato viene introdotto a un gioco macabro dietro promessa di lauti compensi. Non ho visto l'originale, ma trovo questo thriller ben realizzato e con una ottima carica di suspense. Soprattutto se si considera che non è proprio un prodotto di punta. Il cast funziona e la narrazione si segue facilmente. E se si considera che il regista riesce persino a introdurre scene splatter senza pagare pegno, il prodotto può essere sicuramente considerato riuscito. Bene Perlman. Ancora meglio Webber.
MEMORABILE: L'incipit con la conferenza del professore; I due fratelli; La corsa in moto.

Pinhead80 26/10/18 13:51 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

Quando si è con l'acqua alla cosa saremmo disposti a vendere l'anima al diavolo; ed è quello che accade al nostro sventurato protagonista in balia di un gioco perverso e distruttivo. Interessante horror che pur essendo un remake ha la forza di convincere il pubblico attraverso una narrazione semplice e lineare in grado di confondere al modo giusto. L'escalation delle prove da superare è durissima (la scena dei bikers su tutte), ma alla fine si vuole arrivare alla fine del gioco.

Anthonyvm 2/11/18 19:05 - 1932 commenti

I gusti di Anthonyvm

Idea semplice ed efficace alla base, esecuzione corretta e buone prove attoriali: un onesto thriller con venature horror (più che altro si tratta delle sequenze gore, piuttosto grottesche e inutilmente esplicite in realtà). La forza del film sta nell'immediatezza del meccanismo alla base degli eventi mostrati e la naturalezza con cui si passa dai "peccati" innocenti a quelli più tremendi. Il subplot dell'organizzazione internazionale è esagerato, ma in un film del genere è accettabile. Qualche discreto colpo di scena completa il quadro. Buono.
MEMORABILE: Il braccio mozzato in dettaglio; La banda di motociclisti decapitata con un cavo teso; Le rivelazioni finali.

Il ferrini 20/07/20 12:31 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Se non ci si fanno troppe domande ci si può divertire. Il meccanismo infatti è molto efficace, anche se copiato: un gioco in cui si può vincere una grossa cifra commettendo, appunto, tredici peccati in ordine crescente di gravità. Le prove da superare infatti sono intriganti (la migliore è quella del cadavere che prende il caffè) e Mark Webber è perfettamente in parte, restituendo allo spettatore sia l'eccitazione che lo smarrimento di fronte a una vicenda sempre più grottesca. Ritmo e azione ben calibrati; dopo L'ultimo esorcismo Stamm si conferma regista da tenere d'occhio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 6/08/17 08:56
    Segretario - 3035 interventi
    Dvd e Blu-ray Blue Swan disponibile dal 04/10/2017.
  • Discussione Daniela • 20/09/17 12:20
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Versione doppiata in italiano distribuita con il titolo 13 Peccati.
  • Discussione Schramm • 20/09/17 12:24
    Risorse umane - 6710 interventi
    domanda per chi ha avuto la fortuna o il dispiacere di averci a che fare: le prove che il protagonista affronta sono le medesime della matrice? noto che è quasi uguale anche la locandina...
  • Discussione Rambo90 • 26/09/17 18:34
    Pianificazione e progetti - 317 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    domanda per chi ha avuto la fortuna o il dispiacere di averci a che fare: le prove che il protagonista affronta sono le medesime della matrice? noto che è quasi uguale anche la locandina...

    Non ho visto l'originale, ma a me questo è piaciuto
  • Discussione Daniela • 26/09/17 23:45
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    domanda per chi ha avuto la fortuna o il dispiacere di averci a che fare: le prove che il protagonista affronta sono le medesime della matrice? noto che è quasi uguale anche la locandina...

    come ho scritto nel commento, a mio parere nel remake americano le prove sono più "smussate" e comunque l'epilogo è del tutto diverso
    Ultima modifica: 26/09/17 23:47 da Daniela
  • Discussione Mco • 29/03/18 12:39
    Scrivano - 9683 interventi
    Titolo italiano del film in dvd e bluetto: 13 PECCATI.