11. Heimat - La festa dei vivi e dei morti

Media utenti
Titolo originale: Heimat - Eine Chronik in elf Teilen - Das Fest der Lebenden und der Toten
Anno: 1984
Genere: drammatico (colore)
Note: Undicesimo film e ultimo della saga di Heimat. Il film è sia in bianco e nero che a colori.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/01/10 DAL BENEMERITO PINHEAD80
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pinhead80 13/01/10 13:46 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

Siamo arrivati dunque alla fine dell'epopea delle famiglia Simon e delle altre famiglie di Schabbach. Ed è la festa dei vivi e dei morti, chi muore e chi fa festa. Tutto ciò dà una sensazione di continuità; altre generazioni costruiranno la storia di Schabbach e della Germania. Anche quest'ultimo film è poetico e raffinato. Ricordatevi che in cielo si parla il dialetto dell'Unsruch...

Saintgifts 11/03/14 16:42 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La bara di Maria lasciata in mezzo alla strada sotto il temporale è una delle tante speciali immagini di questo lungo racconto che va dal 1919 al 1982, dove la vita di Schabbach rappresenta la vita della Germania prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale. Anche in quest'ultimo capitolo Reitz mantiene la grande qualità che ha connotato tutto il lavoro e con la morte di Maria, personaggio centrale e di Glasisch, voce narrante e cronista, si riesce ad andare oltre e a rivedere, in un aldilà vicinissimo a noi, tutti coloro che li hanno preceduti.

Cotola 24/08/19 13:03 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Anche Maria è passata a miglior vita e con la sua morte si chiude un'era a Schabach. Ultimo bellissimo episodio della "serie" pieno di toni funebri e melanconici: regala svariati momenti indimenticabili (il funerale di Maria con la bara sotto la pioggia lasciata incustodita per strada; Maria che incontra tutti i morti; la casa dei morti) e frasi memorabili. L'ultima parte, con la festa dei morti e dei vivi, non si può dimenticare. E forse tutta la vita non è altro che una festa di vita e morte che convivono e banchettano insieme in modo più (in)consapevole. La degna chiusa di un capolavoro.
MEMORABILE: Maria sulla tv: "è roba per gente che vuole morire sola"; Paul ad Hermann: "Abbiamo girato il mondo senza aver capito nulla".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 14/01/10 16:02
    Consigliere - 43515 interventi
    Sì, era scritto male, grazie Renato.