Orsomando

I FILM IN TV DI Sabato, 25/05/24

Sabato 25 Maggio

Che film ci sono stasera in tv in prima serata?
Ma non solo questa sera, anche la mattina o il pomeriggio, se capita una giornata di pausa. E i più nottambuli possono trovare anche i film che vanno in onda a tarda notte, i cosiddetti fuori orario. Cliccate sulle frecce per cercare tra i palinsesti passati e futuri oppure controllate direttamente tutta la settimana.
Cliccate sull'icona calendario a fianco della scheda per appuntare un promemoria su quel film in agenda. Se siete loggati potete cliccare anche sulla stella per contribuire alle segnalazioni. Come? Scopritelo cliccando qui.
  • ALLE ORE 06:00 su Cine 34

    Ladri si diventa (1998)


    Pessoa: Pingitore perde per strada molte delle star del capitolo precedente (in realtà un film molto diverso, con cui ha in comune solo il gioco di parole del titolo) e prova a scopiazzare canovacci classici. Ma la sceneggiatura è povera anche per una produzione tv e gli interpreti principali sembrano meno convinti, per cui il prodotto sa di già visto e suscita solo qualche rara risata. Fugaci e inutili comparsate per Franco e Lionello, con il primo palesemente fuori parte. Uno dei prodotti più fiacchi del Bagaglino, che si può tranquillamente evitare.
  • ALLE ORE 06:20 su Rai Movie

    Una diecimilalire (2015)


    Ruber: E' un film di riscatto sociale, con un bambino che dal povero paese del sud Italia raggiunge la capitale e con tanti sforzi si fa largo cercando di occupare una posizione nella società. Le situazioni abbondano di retorica e sono parecchio "telefonate", non facendo fare allo spettatore alcun tipo di sforzo per capire quale sia la scena seguente. E' tutto troppo facile e scontato per il povero guappo del mezzoggiorno. Cast televisivo con il buon Somma relegato a dispensare consigli e pacche sulle spalle del giovane. Scritto malamente e diretto alla meno peggio.
  • ALLE ORE 07:00 su RTV San Marino

    Una coppia modello (2014)


    Homesick: La Ferrari per due non c’è più, così questo secondo episodio del ciclo “Purché finisca bene” rallenta parecchio, facendosi raggiungere dalle banalità e dalle scontatezze delle fiction contemporanee. La regia di Costa guida secondo i logori canovacci della commedia degli equivoci ma è ancora piuttosto vivace, mentre il riservato Sergio Assisi e l’esuberante Davide Pecci formano una nuova “strana coppia” che tuttavia non funziona bene come quella di Neri Marcorè e Giampaolo Morelli. Caricaturale Simona Marchini. In risalto l'ambientazione bolzanina.
  • ALLE ORE 07:10 su Cine 34

    L'infermiera di notte (1979)


    Markus: Il titolo è di quelli epocali, il film decisamente meno. Certo la Guida infermierina col camice vedo-non-vedo sulla carta poteva far sperare in pruriginose immagini ma, in realtà, il tutto si tramuta in una sequela di fiacche gag allineate alla media del genere sexy-pecoreccio del periodo; tuttavia il ritmo alla pellicola non manca e la verve di Banfi aiuta non poco. Per la bionda bolognese c’è anche una parentesi disco-dance con il brano “La musica è” (tanto per far cadenzare il piedino allo spettatore).
  • ALLE ORE 08:05 su Rai Movie

    Il professor Cenerentolo (2015)


    Galbo: Discostandosi dalla produzione degli ultimi anni, Leonardo Pieraccioni realizza una tenue favola carceraria che purtroppo spreca troppo presto l'unica buona trovata della sceneggiatura. Il film ha il pregio di una piacevole ambientazione, qualche buona gag, e propone una protagonista femminile piacevolmente autoironica. Di contro la sceneggiatura gira troppo spesso a vuoto e il regista pare un po' appannato come attore. Brava e autoironica la Chiatti, Nel complesso, non male.
  • ALLE ORE 08:50 su Cine 34

    La soldatessa alla visita militare (1977)


    Herrkinski: Micidiale commedia scorreggiona (è proprio il caso di dirlo, viste alcune scene imperniate sulle flatulenze dei soldati). È incredibile pensare come una volta potessero essere realizzati film del genere. Volgarità assortite, personaggi che sono delle macchiette, la solita Fenech... Le gag ci sono, seppur di infimo livello, e il film potrebbe piacere agli appassionati del genere. Disgustose le sequenze della visita anale e del tipo con le pulci. Comunque il cast offre molte "star" dell'epoca.
  • ALLE ORE 09:35 su Iris

    Apocalypse now (1979)


    Panino: Un capolavoro assoluto. Un caposaldo della storia del cinema. Un grandissimo affresco visivo. Coppola realizza tra mille difficoltà produttive un film dell’orrore che racconta di un viaggio all’inferno attraverso una guerra inutile e sanguinaria che ha sconvolto l’America per sempre. Scritto dal regista con John Milius prendendo spunto da "Cuore di tenebra" di Conrad, interpretato dall’intenso Martin Sheen con la partecipazione di Marlon Brando e Robert Duvall (straordinari), tecnicamente ineccepibile per la spettacolare fotografia di Vittorio Storaro. Esistono tre versioni del film.
  • ALLE ORE 09:45 su Rete 4

    [11.01] Poirot: fermate il boia (2008)


    Belfagor: Un procuratore si rivolge a Poirot per scoprire la verità su un giovane condannato a morte, forse ingiustamente, per omicidio. Adattamento solido e classico di un romanzo della Christie, con il solito gruppo di sospettati e una buona quantità di segreti, nel quale fa capolino anche un attentato alla vita del nostro amato detective. Gli elementi tipici, per quanto conosciuti, non deludono: l'interpretazione di Suchet è ottima come sempre e la soluzione del mistero (tutti riuniti, come da tradizione) si rivela interessante.
  • ALLE ORE 10:10 su Rai Movie

    Forza 10 da Navarone (1978)


    Rambo90: Riuscito sequel di quel gioiello che era I cannoni di Navarone, qui Hamilton imprime più ritmo alla storia e si ha l'impressione che lo schema derivi più da film come Dove osano le aquile o Quella sporca dozzina, che dal prototipo. I colpi di scena e gli imprevisti non mancano, così non c'è mai un momento di stanca, inoltre il tutto è sostenuto dalla simpatica marcia in colonna sonora. Ottimo e ricco cast: Ford-Shaw su tutti, ma bene anche Fox, Franco Nero e l'inaspettato (in film simili) Weathers. Notevole.
  • ALLE ORE 10:35 su Cine 34

    Iago (2009)


    Galbo: Storia di amori e gelosia ambientata nella Venezia dei giorni nostri tra studenti di architettura i cui nomi (e le vicende) richiamano quelli del celebre Otello. Il sommo Shakespeare si starà rivoltando nella tomba costretto ad assistere alla trasposizione del suo capolavoro sotto forma di orrenda commedia giovanilista interpretata dai soliti attori senza arte nè parte (tranne Gabriele Lavia che non si capisce cosa ci faccia in un film come questo) che ci fa rimpiangere perfino i cinepanettoni con De Sica. Terribile.
  • ALLE ORE 12:20 su Rai Movie

    Pane, amore e... (1955)


    Saintgifts: De Sica e Tina Pica, maresciallo e governante salutano i compaesani dei due precedenti capitoli e si trasferiscono a Sorrento, passando dai monti al mare e dal bianco/nero al colore. Completamente incentrato su De Sica nella veste di dongiovanni (ruolo in cui l'attore si esprime al massimo delle sue capacità caricaturali, cambiando divisa, da carabiniere a "metropolitano"). Solo Sophia Loren sembra tenergli testa con una recitazione spontanea (siamo nel suo territorio) e un fisico prorompente. Bene il resto del cast. Soggetto meno articolato dei precedenti.
  • ALLE ORE 12:30 su Iris

    Presunto innocente (1990)


    Luchi78: I thriller giudiziari sono sempre molto difficili da realizzare e quando vanno nella media si ottiene subito noia e scontatezza. Inizialmente la reazione sembra proprio questa, dato che la parte degli avvocati difensori sembra esser affidata a due allocchi di prim'ordine, ma nel finale la storia si riprende con qualche piccolo colpo di scena. Ford abbastanza monoespressivo, ma chissà perché sembra sempre essere nella parte.
  • ALLE ORE 12:40 su Cine 34

    Made in Italy (2018)


    Nando: Flop registico del cantautore che oramai inanella album col pilota automatico lontani dai fasti di un tempo. La vita di provincia tra un salumificio, una moglie accattivante e le solite serate da vitellone. Nulla di nuovo; anzi, abbastanza vecchio con un finale retorico che vorrebbe portare speranza invece genera una sottile rabbia. Evitabile, nonostante gli accattivanti titoli iniziali.
  • ALLE ORE 14:00 su La7

    L'uomo della pioggia - The rainmaker (1997)


    Delpiero89: Dramma giudiziario diretto con grande perizia da Francis Ford Coppola. Nonostante qualche caduta e molte deviazioni dall'obiettivo principale (la storia della donna picchiata dal marito è di troppo, i problemi di testamento della signora anziani del tutto inutili), il film regge bene e si lascia vedere con interesse e partecipazione. Cast ricchissimo.
  • ALLE ORE 14:10 su Rai Movie

    Il sapore del successo (2015)


    Puppigallo: Mediocre filmetto culinario, che usa la cucina come pretesto per far dare il meglio-peggio di sè al protagonista, esageratamente sopra le righe; e non giustificato dal suo passato di tossicodipendente e alcolizzato (terrorista no?). Il resto, tranne qualche duetto col proprietario del ristorante e col braccio destro (una donna di carattere), è poca cosa. Andrà avanti senza particolari sussulti, compreso il fraintendimento sui critici, non colpendo nemmeno con il finale, che almeno avrebbe potuto dare una piccola scossa, se meglio studiato.
  • ALLE ORE 14:20 su Rai 4

    Influencer - L'isola delle illusioni (2022)


    Anthonyvm: Popolare vlogger si reca da sola in Thailandia e fa amicizia con una bella e misteriosa ragazza: non sarà un incontro fortunato. Uno di quei film da guardare sapendone il meno possibile: anche senza ostentare eclatanti colpi di scena, lo script segue un tracciato godibilmente twisty che rivisita in salsa "social" espedienti narrativi non inediti del genere thriller. Dopo una prima parte tesa e allettante, il plot dà l'impressione di girare un po' a vuoto; un finale spiazzante avrebbe risollevato il giudizio, ma non è questo il caso. Resta un prodotto più che dignitoso e ben diretto.
  • ALLE ORE 14:20 su Italia 1

    Dante's peak - La furia della montagna (1997)


    Daniela: Un vulcanologo cerca di convincere gli abitanti di un ameno paesino che il vulcano locale, inattivo da millenni, sta per risvegliarsi. L'unica che gli dà corda (in tutti i sensi) è la combattiva sindachessa con prole a seguito. Catastrofico di routine, modesto sotto il punto di vista della sceneggiatura e del cast (gli sviluppi sono prevedibili, i dialoghi banali, Brosnan è troppo aitante per essere credibile), mentre si salva sul versante spettacolare per i discreti effetti speciali. Come spesso avviene nel genere, i prodromi della catastrofe sono narrati meglio delle vicende post-patatrac.
  • ALLE ORE 14:55 su RTV San Marino

    In punta di piedi (2018)


    Siska80: Undicenne sogna di diventare ballerina, ma deve nascondersi a causa del padre camorrista. Amara realtà descritta senza eccessi di violenza e/o patetismo che procede senza sbavature sino a un finale commovente e aperto alla speranza d'un cambiamento, A questo proposito risulta molto bello il personaggio di Nunzia (interpretato da un'intensa Dell'Anna), all'inizio donna frivola che pensa solo a spendere e spandere senza curarsi della provenienza del denaro che le passa il marito, in seguito madre pronta all'estremo sacrificio. Il resto del cast è modesto, ma il film è comunque buono.
  • ALLE ORE 15:00 su Cine 34

    Se mi vuoi bene (2019)


    Ultimo: Un buon film firmato da Fausto Brizzi, nel quale Bisio impersona un avvocato in depressione che trova un modo per rendere felici le persone a lui care. La sceneggiatura originale permette alla pellicola di scorrere senza problemi e alla fine ci consegna una buona morale. Bene tra gli altri Sergio Rubini, mentre Insinna pare troppo sopra le righe. Qualche momento divertente c'è, ma complessivamente è più un film dalla finalità riflessiva. Consigliato.
  • ALLE ORE 15:05 su Iris

    I 3 dell'Operazione Drago (1973)

    (29 commenti) arti marziali (colore) di Robert Clouse con Bruce Lee, John Saxon, Jim Kelly, Anna Capri, Shin Kien, Yang Sze

    Roger68: Il film "a più alto budget" interpretato da Bruce Lee, caratterizzato da uno stile e da contenuti poco orientali e per questo forse il meno interessante di tutti. Alcuni passaggi, come il viaggio sulle barche dei tre protagonisti, sono veramente noiosi, così come sono banali certe situazioni e soprattutto alcuni dialoghi. Bruce Lee, nella recitazione, è molto teso e meno naturale del solito, forse per la grande responsabilità che aveva alle prese con un film hollywoodiano. Film comunque spettacolare che richiedeva una trama meno banale, più articolata e soprattutto più profonda.
  • ALLE ORE 15:05 su Rai Storia

    I cento passi (2000)


    Noodles: Film d'impegno sociale, che racconta con uno stile secco e piacevole una delle pagine più torbide della recente storia italiana, non lesinando qualche velato giudizio critico da parte del regista, nascosto tra le pieghe di una sceneggiatura ordinata. La vicenda è ripercorsa con precisione e ci si immerge subito nella situazione, anche grazie alla coinvolgente prova di Luigi Lo Cascio. Una cronaca pulita, impreziosita da una bella fotografia. Peccato per il cast. A parte i quattro o cinque attori principali, il resto è molto mediocre. Da vedere, per non dimenticare.
  • ALLE ORE 15:50 su Rai Movie

    La casa dei libri (2017)


    Galbo: Una vedova si trasferisce in una piccola città di mare dove apre una graziosa libreria attirandosi le antipatie di alcuni abitanti del luogo. Un film dai toni sommessi che parla agli animi sensibili su sfondi paesaggistici da cartolina e musiche romantiche. Gli attori offrono una prova professionale. Il limite è quello di una confezione un po’ troppo “patinata” che cede spesso alle tentazioni stilistiche a discapito dei contenuti. Si può vedere ma non emoziona più di tanto. 
  • ALLE ORE 16:00 su Rai Gulp

    Mister Link (2019)

    (4 commenti) animazione (colore) di Chris Butler con (animazione)

    Katullo: Finalmente un buon lavoro per grandi e piccini che vince sulla retorica del politically-correct  colpendo nel vero segno dell'integrazione, senza inflazionati perbenismi. Sì, c'è tutto questo in "Mr. Link", insieme con l'avventura e, non scontato, il divertimento a suon di risate. Il sasquatch pacioccone in cerca di simili è perfetto per rappresentare al meglio il valore dell'inclusione, i suoi amici di viaggio altrettanto indovinati tra sentimento e sprezzo del pericolo; a condire il tutto un'ottima realizzazione tecnica. Inaspettato e godibile fino a risultare un po' sorprendente.
  • ALLE ORE 16:10 su La5

    Licenza di matrimonio (2007)


    Skinner: Commedia sentimentale dove un invadente reverendo addetto a un corso prematrimoniale metterà (apparentemente) in crisi l'amore di due giovani sposini. Discreto, divertente, retto da un Robin Williams in buona forma che tuttavia quando scompare dalla scena fa pesare la debolezza del canovaccio e dei due coprotagonisti. Molto disneyano.
  • ALLE ORE 17:10 su Iris

    Wyatt Earp (1994)


    Puppigallo: Pellicola chilometrica, che non sempre giustifica la durata con ciò che viene proposto. E' giusto che si parli dei fatti che hanno scolpito la figura di una famosa leggenda del west, ma è altresì vero che ci sarebbe voluta una regia coi controcosiddetti e attori in stato di grazia per permettere allo spettatore di arrivare alla fine senza sofferenza. Purtroppo qui non c'è nessuno di questi due fondamentali elementi. Infatti, se si esclude un Costner (Earp) in parte (giustamente ombroso e poco incline a esprimere sentimenti), il resto dei personaggi, tranne Doc Holliday, è quasi insignificante.
  • ALLE ORE 17:10 su Cine 34

    Piper (2007)


    Ultimo: Film per la televisione in perfetto stile Vanzina, con un viaggio negli anni 60 agli albori dello storico locale romano. Nulla di eccelso ma un prodotto per tutta la famiglia, con il difetto di un cast di livello basso (Branciamore, Ghini e le bellezze Stella, Falchi e Carol Alt). In certi momenti fa anche ridere, sopratutto quando entra in scena Mattioli. Come accade per parecchi prodotti dei fratelli Vanzina, anche qui emerge una certa nostalgia per il tempo passato. Con un suo perché.
  • ALLE ORE 17:30 su La7

    Master & Commander - Sfida ai confini del mare (2003)


    Daniela: Filmone da vedere obbligatoriamente in sala, non tanto per le immagini (pure spettacolari) quanto per il comparto sonoro: durante le scene degli scontri, con un buon impianto audio sembra di essere in mezzo alle cannonate, con la chiglia che si sfascia sotto i colpi. Per il resto, messa in scena e disegno dei personaggi molto accurati, grande pregio formale, interpretazioni impeccabili da parte di Crowe e Bettany. Unico appunto: tutte le menate sull'onore militare, anche se presentate con tanta eleganza, sempre menate restano...
  • ALLE ORE 17:40 su Rai Movie

    Nati stanchi (2002)


    Geppo: Una semplice commedia come quelle che si facevano negli anni '70-'80 interpretate da Bombolo & Cannavale oppure da Franco & Ciccio. Certo, non sarà un film di qualità, ma questa pellicola fa proprio capire come ci si possano fare due risate senza mettere in scena la volgarità. Purtroppo, di questi tempi in tv si vedono vergogne di ogni tipo... almeno salviamo la semplicità, anche banale, dei giorni nostri.
  • ALLE ORE 18:40 su Cartoonito

    Goool! (2013)

    (2 commenti) animazione (colore) di Juan José Campanella con (animazione)

    Redeyes: Campanella cala un manipolo di ometti del biliardino a sostenere l'ennesimo sfigato, dal cuore buono, alle prese con il Cristiano Ronaldo di turno in versione ancora più spocchiosa. L'animazione è graziosa e la caratterizzazione dei personaggi gradevole fino a un certo punto: Loco diverte per non oltre 3 minuti, poi speri in una decapitazione; Beto ricorda Cotechiño, e i comprimari non sono dei fenomeni. La storia di per sè non ha molto da dire, tuttavia qualche sorriso riesce a strapparlo grazie a qualche "giochessa".
  • ALLE ORE 19:15 su Rai Movie

    R Fuori controllo (2010)


    Nando: Una giovane ricercatrice viene assassinata davanti agli occhi del padre detective che inizierà ad indagare. Servizi segreti collusi e agenzie nucleari speculative, trama molto prevedibile che presenta risaputi ma efficaci colpi di scena. Gibson torna in auge con una discreta interpretazione.
  • ALLE ORE 19:20 su Cine 34

    7 ore per farti innamorare (2020)


    Ultimo: Gradevole commedia, grazie alla coppia Morelli-Rossi ben affiata e a un cast di contorno (gli "studenti" della Rossi, intenti a imparare l'arte del "rimorchiare"...) composto da attori simpatici. La pellicola scorre senza intoppi e si conclude in maniera scontata ma coerente con lo svolgimento. Piccola parte anche per Salemme, che non lascia il segno. Tutto sommato promosso.
  • ALLE ORE 20:30 su Rai Gulp

    Tito e gli alieni (2017)


    Daniela: Uno scienziato napoletano depresso che lavora nel bel mezzo del deserto del Nevada per captare segnali provenienti dalle stelle riceve in "eredità" due nipoti rimasti orfani che il fratello, prima di morire, gli ha affidato con un video messaggio... Fantascienza minimalista, pretesto per parlare di elaborazioni del lutto dolorose e della necessità di interiorizzare il ricordo della persona cara ed andare avanti, in un film non del tutto riuscito per un certo compiacimento della propria bizzarria ma coraggioso nel voler percorrere strade poco battute ed anche commercialmente poco appetibili.
  • ALLE ORE 21:05 su 20 Mediaset

    10.000 AC (2008)


    Von Leppe: Film che racconta una preistoria fantasiosa ma poco riuscita, con una trama banale: la ragazza con qualche tratto somatico europeo (in questo caso gli occhi chiari, per questo più pregiata o più evoluta) che viene rapita. Da qui il viaggio per ritrovarla in un guazzabuglio geografico e di razze... La parte egiziana poteva anche starci, ma risulta poco affascinante nella ricostruzione della civiltà pre egizia. Gli effetti al computer sono perlopiù scadenti. Pessima la voce narrante.
  • ALLE ORE 21:10 su Iris

    Conspiracy - La cospirazione (2016)


    Galbo: Sconclusionato legal thriller in cui a dispetto dei nomi altisonanti del cast (che partecipano pare solo per onore di firma e di salario) non c'è quasi nulla da salvare. Trama macchinosa e talora poco comprensibile, dialoghi banali e buchi grandi quanto voragini nella sceneggiatura. Infine un regista che più che alla storia sembra badare all'inquadratura d'effetto, con il risultato totalmente privo di ritmo e assai soporifero. Da evitare.
  • ALLE ORE 21:10 su Rai Movie

    La stranezza (2022)


    Caesars: Pellicola che ha il merito di distaccarsi dalla normale produzione nazionale per diventare sentito omaggio al teatro (soprattutto a quello "ruspante", popolato da attori dilettanti). Ficarra e Picone ben si addicono ai rispettivi ruoli e non sfigurano davanti a un mostro sacro come Servillo; buona la prova anche del resto del cast. Andò riesce a ricreare la giusta atmosfera e un corretto quadro storico; quella che convince meno è la sceneggiatura che, verso fine pellicola, rimane invischiata in troppo lunghe ricostruzioni delle rappresentazioni teatrali. Comunque da vedere.
  • ALLE ORE 21:10 su Rai Storia

    Non essere cattivo (2015)


    Ultimo: La vita di due amici di sempre nella periferia romana (siamo sul mare, a Ostia lido), con i problemi relativi alla criminalità, alla droga e chi più ne ha più ne metta. Ottimo film, girato con sapienza dal prematuramente scomparso Caligari, che non lascia nulla al caso. Regia cupa, spesso notturna, intensa ed e attenta a ogni particolare, a cominciare dalla caratterizzazione dei personaggi (bravissimo Marinelli e bravo Borghi). Gira un po' a rilento nella parte centrale, ma resta notevole e merita senza dubbio la visione.
  • ALLE ORE 21:10 su Twenty Seven

    Le streghe di Eastwick (1987)


    Stubby: Commedia con un piccolissimo tocco horror, con quattro mostri sacri del cinema americano. Jack Nicholson è il massimo del luciferino con quel suo sguardo e quel modo di accavallare il sopracciglio(per non parlare del ghigno con il sorriso appena accennat; insomma la parte del diavolo è fatta apposta per lui. Le altre tre protagoniste sono belle e brave; detto questo il film non è certamente memorabile ma merita almeno di essere visto una volta.
  • ALLE ORE 21:10 su Top Crime

    [10.03] Poirot: Dopo le esequie (2006)


    Myvincent: Dopo le esequie di un ricco proprietario si sospetta il suo assassinio e per questo verrà ingaggiato il famoso ispettore belga ad illuminare questo ennesimo mistero. Gli elementi sono i medesimi, come la rapacità e le ambiguità dei personaggi, tutti più o meno interessati alla dipartita del vetusto parente. Ma questa volta il finale rivelerà marchingegni narrativi davvero originali. Nel cast un giovane, magro e indubbiamente promettente Michael Fassbender.
  • ALLE ORE 21:15 su Cine 34

    Delitto in Formula Uno (1984)


    Herrkinski: Assai meglio sia del precedente che del successivo, questo film della serie si fa ricordare per una sceneggiatura tutto sommato ben scritta, che a un intreccio giallo più che discreto aggiunge il proverbiale lato comico/romanesco (efficace e un po' meno volgare del solito) e addirittura qualche accenno drammatico (la bella scena in auto con Milian e la Di Nardo). Validi i caratteristi, come sempre, che oltre ai bravi Bombolo e Vanni annoverano pure i mitici Di Pinto e Antonelli. Stracult il ballo di Milian.
  • ALLE ORE 21:15 su Italia 2

    Nightmare - Dal profondo della notte (1984)


    Rickblaine: Classico horror che caratterizza Craven e classico personaggio che si muove nel buio dei sogni, facendo penare chi lo ospita. Ricorda un po' Halloween di Carpenter, dove però l'assassino è reale. Film salvabile e con un finale terrificante che lascia alcuni punti interrogativi, viste le vicende che lo hanno preceduto.
  • ALLE ORE 21:15 su Rai 5

    Sogno di una notte d'estate (1983)


    Markus: Esordio alla regia cinematografica di Salvatores, che non fece altro che portare sul grande schermo la sua personale rivisitazione teatrale del noto “sogno shakespeariano” in chiave giovanilistica-punk. La riduzione cinematografica pecca di tagli sull'opera e comunque l'idea fondamentale non si è rivelata azzeccata poiché il pubblico cinematografico (che disertò le sale) non è quello del teatro d'avanguardia (che riempì i teatri per un'intera stagione). Un film di non facile presa. Salvatores si rifarà.
  • ALLE ORE 21:20 su Rai 4

    La cospirazione del Cairo (2022)


    Cotola: Saleh firma un bel film che si districa bene tra il dramma a sfondo politico-religioso e il thriller. Il merito è principalmente di una sceneggiatura sobria e matura - che ha vinto a Cannes 2022 - in cui certamente non tutto è imprevedibile, ma il coinvolgimento si mantiene sempre vivo - non è cosa da poco - e certe tematiche sono molto interessanti. Forse il finale può lasciare un po' insoddisfatti, per diversi motivi, ma ci può stare. Affascinante l'ambientazione nella scuola cairota con sullo sfondo l'elemento urbano. Ottimo anche tutto il cast.
  • ALLE ORE 21:20 su LA7D

    Emma (1996)


    Galbo: Il celebre romanzo di Jane Austen in una trasposizione cinematografica diretta Douglas McGrath che risulta formalmente corretta. Buona la ricostruzione ambientale, con scene e costumi molto curati. Decisamente di ottimo livello l'interpretazione della Paltrow, davvero aderente al personaggio. Il grosso limite del film è la "freddezza" di fondo. Un film che al di là della rappresentazione calligrafica non emoziona mai, e lascia piuttosto indifferenti come un compito svolto correttamente ma privo di anima.
  • ALLE ORE 21:20 su Cielo

    Penombra (1985)


    Herrkinski: Operazione di riciclaggio da non credere: Gaburro gira pochi minuti di raccordo e mette insieme un "greatest hits" di Maladonna e Malombra, riducendoli in pratica a due cortometraggi malamente tenuti insieme. Chi ha visto entrambi i film può quindi risparmiarsi questa disonesta perdita di tempo, gli altri ci capiranno invece poco o nulla e dovranno accontentarsi di qualche nudo e scena softcore, amori tormentati e dialoghi inverosimili e addormentevoli, tutto avvolto in una cornice barocca e decadente esasperata dalla malinconica e onnipresente ost. Micidiale a dir poco.
  • ALLE ORE 21:20 su Italia 1

    Shrek Terzo (2007)

    (16 commenti) animazione (colore) di Chris Miller, Roman Hui con (animazione)

    Harrys: Carino. Forse perché non mi aspettavo granchè viste le fiacche recensioni. Due le scene memorabili: la morte del Re e Pan di Zenzero che "vede la sua vita passargli davanti". Il resto è il solito clichè dei film d'animazione; sono lontani i tempi dell'orco burbero e scontroso...
  • ALLE ORE 21:25 su Rete 4

    Unknown - Senza identità (2011)


    Bruce: Buon thriller, con evidenti richiami a Frantic, girato a Berlino e con Liam Neeson protagonista sullo stile di Io vi troverò. La vicenda intriga non poco, anche se nella seconda parte il meccanismo si complica eccessivamente e tende ad incepparsi, con il subentrare di figure poco credibili, perdendo un po' di interesse.
  • ALLE ORE 22:00 su Rai Gulp

    Fuga dal pianeta terra (2013)

    (2 commenti) animazione (colore) di Cal Brunker con (animazione)

    Pigro: Il solito aspirante dominatore dell’universo cattura alieni geniali da sfruttare per le loro capacità: il classico plot si intreccia alle dinamiche tra il supereroe e il fratello poco super, con buon dosaggio dei vari spunti narrativi, così come con buon ritmo. tante gag, situazioni, ammiccamenti citazionisti arricchiscono il film, che tuttavia non riesce mai ad avere quella spinta in più che pure molti spunti avrebbero consentito. La pellicola è comunque discretamente godibile, soprattutto da una fascia d’età infantile.
  • ALLE ORE 22:50 su Rai Storia

    Hitchcock Truffaut (2015)


    Kinodrop: Un documentario che sta rapidamente diventando un classico, quasi quanto i due protagonisti a confronto. Colpisce la vicenda umana che lega l'"allievo" francese e il Maestro, che fu anche una storia di collaborazione tecnica ed estetica senza devozionalismi reciproci e per questo più sincera e fruttuosa. Interessanti i commenti di alcuni registi intervistati che dicono la loro anche sui particolari tecnici, di originalità e invenzione, relativi ai celebri film di entrambi. Indispensabile per un approccio serio al cinema d'autore.
  • ALLE ORE 23:00 su Rai Movie

    Carabina Quigley (1990)


    Piero68: Western atipico ma che di atipico ha alla fine solo l'ambientanzione australiana, con aborigeni al posto di pellerossa a fare la parte delle povere vittime predestinate. Solito cliché manicheo dei film di genere dove ci sono l'eroe senza macchia e senza paura e il cattivissimo proprietario terriero di turno, che vuole sterminare tutti i poveracci (con codazzo di carogne varie al seguito che, prima o poi, fanno una brutta fine). Nemmeno la fotografia convince, anche se lo scenario si prestava bene. Buona prova di Selleck e Rickman e nulla più.
  • ALLE ORE 23:05 su Italia 2

    Il luogo delle ombre (2013)


    Jena: All'inizio stuzzica con una specie di medium che vede gli spiriti e con l'introduzione di alcuni bizzarri personaggi (tra cui i demoni bodachs, abbastanza ben fatti). Poi però, dopo qualche momento divertente, il film perde colpi e diventa una piuttosto prevedibile e banale corsa contro il tempo per evitare la solita strage di massa americana. Sommers stranamente lesina sugli effetti speciali, rinnegando la magniloquenza di altre sue opere. Yelchin sufficiente, totalmente sprecata la presenza di Dafoe.
  • ALLE ORE 23:10 su Twenty Seven

    Nonno scatenato (2016)


    Ryo: Il titolo gioca sull'assonanza col grande film di Scorsese di cui De Niro fu protagonista, ma com'era facile aspettarsi è una trovata tutta italiana forse per nascondere la commedia abbastanza leggera e semplice e a tratti condita da una comicità grottesca che rasenta lo squallore. De Niro è sempre De Niro ed è l'unico che riesce a strappare qualche risata con i suoi atteggiamenti sicuri e strafottenti, spesso fuori luogo. C'è il tempo per riflettere sulla condizione della vecchiaia, sottolineata dall'emblematica scena con Danny Glover.
  • ALLE ORE 23:15 su Italia 1

    Ozzy cucciolo coraggioso (2016)

    (1 commento) animazione (colore) di Alberto Rodríguez, Nacho La Casa con (animazione)

    Pigro: L’hotel per cani non è altro che una spietata prigione dove gli animali sono costretti ai lavori forzati in un clima di intimidazione. La parte centrale del film è inquietante: un vero prison-movie che fa pochi sconti al pubblico infantile a cui si dovrebbe rivolgere. Ma la discreta caratterizzazione dei personaggi e alcune situazioni azzeccate, nonostante gli inevitabili stereotipi e ovvietà narrative, riescono a convincere. Buon ritmo e disegno efficace. Adatto soprattutto ai bambini con qualche margine per gli adulti.
  • ALLE ORE 23:15 su Cine 34

    Il giustiziere sfida la città (1975)


    Deepred89: Discreto poliziesco di Lenzi in cui Milian interpreta un personaggio forse un po' transitorio ma comunque memorabile. Ottima la regia, discreta ma non troppo originale la sceneggiatura (nonostante alcune perle, come l'impagabile monologo del buco), belle scene d'azione, musiche orecchiabili ma non memorabili. Notevolissimo il cast. Si può vedere.
  • ALLE ORE 23:20 su TV2000

    Avalon (1990)


    Buiomega71: Levinson e i ricordi d'infanzia, come nel peggior Tornatore, fuochi d'artificio e artificiosità ruffiana giusto per compiacere l'Academy. Saga familiare modello Scola, in cui il regista sembra credere ma che manca totalmente di anima. Qualche parafellinata, coralità altmaniana, bravi attori che non convincono. Trionfo del tronfio e della retorica, della stuchevolezza e delle ambizioni smisurate del regista di Bugsy (di cui condivide la chincaglieria per la magniloquenza). Noioso e troppo lungo, con solo il piccolo Elijah Wood che promette bene. Brutte pure le musiche di Randy Newman.
  • ALLE ORE 23:25 su Rai 4

    Hannibal Lecter - Le origini del male (2007)


    Flazich: Sembrerò irriverente ma alla fine del film mi è scappata una grossa risata e non quella imbarazzante parvenza di ghigno del protagonista. Questo episodio è una boiata pazzesca a partire dalla triste storia della sorellina. Mi piacerebbe capire anche che cavolo centra il Giappone in tutto questo (probabilmente è trendy). Insomma questo prequel non è proprio degno di nota. Il regista, se proprio voleva girare una pellicola sulla vendetta, avrebbe dovuto guardarsi la trilogia di Park Chan-wook.
  • ALLE ORE 23:25 su Iris

    Velluto blu (1986)


    Xamini: Tra le opere più comprensibili di Lynch, "Blue Velvet" ci porta nell'America pulita dei quartieri residenziali di ville con giardino e ne ribalta completamente la facciata, a partire da un orecchio mozzato e giocando con i volti candidi dei giovani MacLachlan e Dern. Il primo si presta molto bene a viaggiare nel torbido, qui raffigurato da una Rossellini e un Hopper diversamente disturbati. Ma l'autore non esagera e si limita a generare suggestioni, manovrando i colori alla sua maniera (i soliti drappi rossi!) e distillando inquietudine qua e là. Non travolgente ma riuscito.
  • ALLE ORE 23:30 su LA7D

    L'uomo della pioggia - The rainmaker (1997)


    Silvestro: Niente di nuovo sotto al sole in questo film giuridico che ha i suoi punti di forza nell'ottima interpretazione del cast (Danny DeVito su tutti) e nei personaggi di contorno, con un ottimo Mickey Rourke nella parte dell'avvocato pescecane. Per il resto la vicenda scorre su binari già noti, non regalando particolari sussulti ma mantenendo sempre un buono standard. Nel complesso un film che si lascia vedere.
  • ALLE ORE 23:30 su 20 Mediaset

    Le regine del crimine (2019)


    Kinodrop: Per una rapina non riuscita, tre malavitosi vengono arrestati e le rispettive mogli, rimaste in bolletta, prendono in mano le redini dei loschi affari dei mariti facendosi via via largo tra taglieggiamenti e non poche sparatorie. Un dramma che ha però più l'andamento da commedia e che non sa miscelare l'aspetto un po' favolistico dei presupposti con quello realistico del mondo del crimine, anche qui portato avanti con una certa faciloneria. Si nota qualche spunto meno banale, ma resta un prodotto irrisolto ed equivoco nel messaggio, con un cast limitato da uno script modesto.
  • ALLE ORE 00:35 su Rete 4

    Mai con uno sconosciuto (1995)


    Atticus85: Thriller risibile, diretto da un regista che un tempo nutriva ben altre ambizioni. Personalmente lo ricordo per una delle scene di sesso più ridicole mai viste sullo schermo (quando la DeMornay prende a morsi le chiappe del tenebroso Banderas). All'epoca incassò anche qualche soldo, giusto per non umiliare il divo del momento che, fortunatamente, negli anni ha dimostrato di avere ben altro carisma.
  • ALLE ORE 01:00 su 7Gold

    I colori dell'anima - Modigliani (2004)


    Deepred89: Mediocre film biografico sul celebre pittore. Funziona l'interpretazione di Andy Garcia, così come la fotografia; non funziona tutto il resto. La sceneggiatura è discontinua, mal strutturata, poco interessante e soprattutto lascia vari punti oscuri sul personaggio; non va meglio con la regia: compiaciuta, effettistica e fin troppo confusionaria. Molto brutte alcune sequenze, come quella accompagnata da un'Ave Maria in versione rap. Evitabile.
  • ALLE ORE 01:00 su Nove

    Presa mortale (2006)


    Nando: Action fracassone in cui Cena sembra praticamente immortale. Lo sviluppo narrativo è abbastanza scontato, con ex marine che deve trovare la moglie rapita da una banda di efferati rapinatori. Tra varie sparatorie e spericolati inseguimenti si assiste a qualche siparietto grottesco dei cattivi. Nel complesso modesto, con Cena monolitico. Da segnalare le due sensuali interpreti femminili.
  • ALLE ORE 01:05 su Rai Movie

    Basic (2003)


    Enzus79: Un agente della narcotici viene chiamato dall'esercito a indagare sulla scomparsa di un sergente. Buon thriller a carattere investigativo. Ben ideato e scritto, con risvolti narrativi interessanti e coinvolgenti. Buona dose di tensione. John Travolta in una delle sue ultime migliori interpretazioni, anche se gigioneggia un po'. Regia di John McTiernan più che efficace.
  • ALLE ORE 01:05 su Cine 34

    R Fuga di cervelli (2013)


    Metuant: Pensare di realizzare un remake in salsa nostrana di una commedia estera non è uno sbaglio di per sè; lo sbaglio, almeno in questo caso, è stato voler fare il film senza tenere minimamente conto del livello del cast sia tecnico che artistico. Il risultato è questo pasticcio scurrile e ben poco divertente fatto di macchiette e di gag che non avrebbero accettato nemmeno al Bagaglino. Ruffini ce la mette tutta, di questo gliene va dato atto, ma le buone intenzioni non bastano.
  • ALLE ORE 01:20 su TV8

    Una notte in giallo (2014)


    Hearty76: Filmetto sbrigativo tutto gag sceme e situazioni improbabili tipicamente all'americana, che però si lascia vedere con disincantata simpatia. La protagonista simpatica e prorompente, ma non stucchevolmente "burrosa", corre all'impazzata da un capo all'altro della città per non bruciare un'importante occasione di carriera. Tra peripezie che rasentano quasi l'autoparodia e qualche incontro fortuito che ispira tenerezza, ci si può gustare questa commediola degli equivoci con compiacente leggerezza.
  • ALLE ORE 01:30 su Rai 4

    The room - La stanza del desiderio (2019)


    Buiomega71: Tra i geni delle lampade e le scatolette misteriose, Volckman dà una svolta fiabesca (le surreali giosità avide dei doni che la stanza offre) che sfocia nel terrifico, con lo spettro dell'infanzia dannata che lambisce territori incestuosi (e ricorda un certo Bava) e non poco morbosi. Porte escheriane da socchiudere, una famiglia sterminata che viene dal passato e un finale dubbioso nella camera di un motel. Nel mezzo magici boschi dentro casa, il tema del doppelgänger, ansiogene battute thrilling e un prefinale ingegnoso a scatole cinesi che mischia il reale con l'immaginario.
  • ALLE ORE 01:50 su Iris

    L'urlo di Chen terrorizza tutti i continenti (1971)


    wangyu: In effetti il titolo del film è assolutamente inappropriato: il titolo in inglese è più calzante (Rider of revenge), ma si sa che negli anni 70 i nomi che piu attiravano al cinema erano Bruce Lee e Wang Yu. Comunque il film è spettacolare, con drammatico finale. Gli attori principali Tien Peng, Kong Ban Polly Shan Kuan sono stati protagonisti di molti altri film dello stesso genere come Il boxer dalle dita d'acciaio, Il triangolo giallo, I sette diavoli del tai kik, Per un pugno di spade, Kung fu urlo di morte.
  • ALLE ORE 02:45 su Cine 34

    Il medico... la studentessa (1976)


    Markus: Con questa commedia sexy si conclude il binomio Amadio/Guida. Se i canoni della pochade viaggiano sui collaudati binari del genere tanto in voga in quegli anni e il lato rallegrante è tutto nelle mani di Dufilho (nell'eterna parte di militare fascista), c’è da rilevare un inatteso ritmo narrativo che, anche grazie alla presenza di un Colizzi in parte e alla statuaria bellezza della Guida, concorrono a un discreto livello sopra la media del genere. Certo, la pellicola è inchiodata al periodo di uscita.
  • ALLE ORE 02:45 su Rai Movie

    Vita privata di Sherlock Holmes (1970)


    Giùan: Come tanto Wilder (anche quello all'apparenza più leggero), è così complesso da risultare a volte respingente. Segnato particolarmente da quel nichilismo amarognolo (e spesso funebre) che diventerà sempre più caratteristica identitaria del suo cinema. Magistrale in alcune sezioni (quella magnifica del balletto russo coi suoi equivoci e agnizioni) ma altrettanto "stanco" in altre parti (in generale il caso spionistico), curatissimo scenograficamente e recitato con perfetta aderenza (Stephens dona a Sherlock un'efebica spasmodicità, la Page al contempo seduttiva e retrattile). Lacuale.
  • ALLE ORE 03:00 su Focus

    Le meraviglie del mare (2017)


    Digital: Suggestivo documentario prodotto e in parte commentato da Arnold Schwarzenegger (doppiato magnificamente da Alessandro Rossi). Jacques Cousteau con i figli Celine e Fabien ci porta alla scoperta degli oceani e di tutte le creature che vi abitano, in un tripudio di colori sgargianti, con singolari pesci ripresi dettagliatamente e le stupefacenti barriere coralline. L’unica pècca, se così la si vuol chiamare, è data dalla morale sin troppo abusata del dobbiamo proteggere l’ecosistema sennò son guai, ma resta un lavoro di pregevole realizzazione.
  • ALLE ORE 03:10 su Rai 4

    The voices (2014)


    Daniela: Con qualche problema psichiatrico alle spalle, Jerry ora lavora in una fabbrica come magazziniere. Timido e gentile, vive in un'ex sala da boiling con un cane ed un gatto, con i quali parla. E loro gli rispondono... Tono iniziale bonario che lascia intravedere uno sviluppo in chiave sentimentale, ma ben presto si vira decisamente sul nero con un retrogusto tragico (il rapporto con la madre). Amalgama di toni non del tutto riuscito ma Reynolds risulta convincente come schizoide in bilico fra allucinazioni rassicuranti e realtà squallida ed alcune trovate restano impresse.
  • ALLE ORE 03:10 su Italia 1

    Paulo Roberto Cotechiño, centravanti di sfondamento (1983)


    Fabbiu: Alvaro Vitali e Mario Carotenuto devono sostenere quasi da soli una commedia calcistica che avrebbe dovuto competere con il tifoso, l'arbitro e il calciatore di Vitali ed Eccezzziunale...Veramente di Abatantuono, entrambi coevi o quasi. Sicuramente il film è il peggiore di tutti e tre: Vitali sembra affaticato da un doppio ruolo e difficilmente lo si sopporta, Carotenuto è invece piuttosto coerente al suo personaggio; ma una elogio particolare va a Murgia in un ruolo simpatico che sembra fatto su misura per lui.
  • ALLE ORE 03:25 su Iris

    Lotta all'ultimo sangue (2017)


    Herrkinski: Come gli altri lavori recenti di Daniels, è un throwback a certo cinema action e di arti marziali dei 90s ma con un budget ancora più risicato; se all'epoca si potevano accettare certe sue sottoproduzioni in virtù della moda del periodo e delle abilità dell'attore, adesso risulta anacronistico seppur come ultra-cinquantenne abbia ancora un fisico invidiabile. I combattimenti comunque sono lenti e risentono dei limiti dell'età e la vicenda - un intrigo con scommesse clandestine in Messico - è improbabile e con buchi di script evidenti. Resta potabile per i fans del sottostimato Gary.
  • ALLE ORE 04:15 su Rete 4

    Il sindacalista (1972)


    Gabrius79: Luciano Salce dirige questa commedia con molte frecce al proprio arco ma spesso e volentieri il bersaglio non viene centrato, anche se vi sono alcuni momenti spassosi grazie all'indovinata coppia Buzzanca-Montagnani (su tutti il pernacchiometro). Per il resto fanno da contorni buoni caratteristi come Piero Vida e Isabella Biagini.
  • ALLE ORE 04:30 su Cine 34

    Voto di castità (1976)


    Stefania: Asfittica commedia erotica, penalizzata da un montaggio discutibile e -forse- anche dal taglio della sequenza iniziale imposto dalla censura dell'epoca. Avendolo visionato integralmente, posso dire che secondo me quella scena non migliorava il film: resta il fatto che la pochade erotica è scolorita, e comunque non si integra affatto con i tormenti esistenziali a sfondo edipico del giovane protagonista. Risibile l'incursione nella comune tardo hippie e lo spezzone onirico con fantasie omicide. Dissociato, e senza fascino alcuno!
  • ALLE ORE 04:35 su Italia 1

    Mezzo destro, mezzo sinistro - 2 calciatori senza pallone (1985)


    Azione70: Senza pretese ma molto divertente. Le vicende di una squadra di calcio neopromossa in seria A (la Marchigiana) sono sostenute da nuovi acquisti (Andrea alias Margheritoni, centravanti col vizio delle donne), un presidente (Spaccesi) ruspante come i polli dello sponsor (Vukotic, “amante” di molti giocatori) e improbabili allenatori (fantastico Gullotta, sergente di ferro con parlata spagnola). Battute e battutacce, qualche nudo, volti famosi del calcio, la gradevole musica dei De Angelis. Da vedere.
  • ALLE ORE 04:50 su Rai 3

    L'uccello dalle piume di cristallo (1970)


    Samdalmas: Esordio epocale per Dario Argento. "L'uccello dalle piume di cristallo" diede il via alla stagione del thriller nostrano (spesso con un animale nel titolo). La scena dell'omicidio nella galleria d'arte, girata con rara perizia dal giovane regista romano, vale da sola il film. Tony Musante si chiama Sam Dalmas in omaggio allo pseudonimo di Massimo Dallamano quando era direttore della fotografia di Sergio Leone.
  • ALLE ORE 05:00 su Rai Movie

    Rollerball (1975)


    Samdalmas: In un futuro prossimo, dove sono abolite le guerre e la violenza, l'unica valvola di sfogo è uno sport a metà tra il motociclismo e l'hockey che esalta le masse. Uno dei migliori film di Norman Jewison, abile regista canadese, spesso sottovalutato dalla critica, che realizza spettacolari scene sportive. Perfetto James Caan nel ruolo del campione veterano che si ribella alle regole. Interessante l'uso della musica classica.
  • ALLE ORE 05:50 su 20 Mediaset

    In time (2011)


    Didda23: I primi 25 minuti fanno ben sperare nella visione di un discreto film fantascientifico: purtroppo la geniale idea di partenza viene sviluppata con superficialità e il plot contiene una sequela disarmante di banalità. Nel parterre attoriale Murphy sfodera una prova interessante, la Seyfried oltre alla perticolare bellezza non incide e Timberlake mostra la propria mancanza di versalità. Dispiace per l'occasione mancata. Mediocre.