Orsomando

I FILM IN TV DI lunedì, 29/11/21

Che film volete vedere stasera in tv?
Ma non solo questa sera, anche la mattina o il pomeriggio, se vi capita una giornata di pausa. E i più nottambuli possono trovare anche i film che vanno in onda a tarda notte, i cosiddetti fuori orario. Cliccate sulle frecce per cercare tra i palinsesti passati e futuri oppure controllate direttamente tutta la settimana.
Volete invece contribuire? Scoprite come si fa cliccando qui.
  • ALLE ORE 15:20 su Iris

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Sfida nell'Alta Sierra (1962)


    Giùan: Prima di "sfidare" e contribuir energicamente a rivoluzionare il genere d'elezione del cinema americano, Peckinpah gioca molto seriamente con "Ride the high country" la partita del western tradizionale, utilizzandone gli stilemi canonici (il crepuscolarismo; l'amicizia virile tra i grandi McCrea e Scott in primis) per inserire tuttavia alcune distonie che poi saran tipiche delle sue regie: la violenza sia culturale (la famiglia bigotta) che "carnale" (i fratelli minatori) pronta ad esplodere costantemente nel maschio. Ballard e Oates diventeran suoi fidi.
  • ALLE ORE 21:00 su Rai Movie

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Dove la terra scotta (1958)


    Galbo: Un ex bandito è costretto a seguire un gruppo di criminali e coinvolto in una rapina in banca. Titolo italiano stravolto (così da richiamare il celebre Là dove scende il fiume dello stesso regista), per un western di stampo tradizionale, piuttosto piacevole caratterizzato da una suggestiva fotografia che sfrutta bene i paesaggi e da una buona interpretazione di un Gary Cooper, non più giovane ma ancora credibile.
  • ALLE ORE 21:10 su Iris

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Barriere (2016)


    Galbo: Le barriere del titolo sono quelle razziali e quelle che dividono i componenti della famiglia del protagonista. L'origine teatrale dell'opera è chiaramente evidente e si avverte la mancanza di un "progetto" cinematografico autonomo. La stessa regia di Washington non brilla per personalità e si limita ad "assecondare"la vicenda. Il Washington attore è invece autore di una prestazione impeccabile mostrando peraltro un notevole affiatamento con la sua partner Viola Davis, con la quale peraltro ha interpretato anche la versione teatrale.
  • ALLE ORE 21:10 su Cielo

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Lady Macbeth (2016)


    Pigro: Non è il potere, come nella tragedia shakespeariana, ma l’amore a motivare questa giovane lady Macbeth che trova nello stalliere ciò che il marito non le dà. Eppure, sotto la storia classica di sesso e passione contro la noia familiare, vibra proprio una tagliente rappresentazione del potere, con l’evidenza del divario tra servi e padroni, solo apparentemente colmato dalla solidarietà. Straordinaria la raffinatezza visiva nella costruzione delle inquadrature, tra interni austeri e insidiosi paesaggi, e nella qualità cromatica.
  • ALLE ORE 21:20 su Rai 4

    Buiomega71 annuncia che trasmetteranno:

    Lucky (2020)


    Cotola: L'idea di partenza è interessante e incuriosisce. Ben presto si capisce che nella situazione reiterata della protagonista c'è qualcosa di "altro", di non letterale. E verso la fine (se si è scafati anche prima) si capisce cosa, ma il disvelamento anziché gettare una nuova e positiva sulla pellicola, si rivela ferale per la riuscita della pellicola. Era proprio necessario colorarla di tinte femministe? Non era già pieno il genere di final girl? Peccato: con qualche idea in più ed un twist diverso, la riuscita del film sarebbe stata ben altra. Comunque, non un disastro totale.
  • ALLE ORE 21:20 su Italia 1

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Lucy (2014)


    Xamini: Occorre serrare le proprie capacità cerebrali ben sotto il 10% dello standard per poter apprezzare questo action di targa bessoniana. Un po' Nikita, un po' Akira, un po' Quinto elemento, il film si regge sull'accoppiata ritmo/Johansson, ormai a proprio agio con il genere. Sfortunatamente decide di darsi ai grandi temi filosofici, finendo per sconfinare e per provare a dire più di quel che sia nelle proprie corde. Pur di considerarlo entro i propri confini di genere, riesce comunque abbastanza godibile.
  • ALLE ORE 21:30 su Tv8

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Spider-man: Homecoming (2017)


    Galbo: Alla sesta versione cinematografica Spiderman acquisisce una dimensione adolescenziale che lo allontana dallo stereotipo ormai un po’ logoro del super eroe con super problemi. Il tono è decisamente ed efficacemente più pop e alla riuscita della pellicola contribuisce la presenza di un grande Michael Keaton in un ruolo auto ironico. Buona anche la scelta dell'attore protagonista. Effetti speciali di livello e un buon ritmo ne fanno un film piacevole, migliore degli ultimi dedicati al personaggio.
  • ALLE ORE 22:15 su Rai 5

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Il Casanova di Federico Fellini (1976)


    B. Legnani: Curioso che l'episodio più riuscito (la gigantessa) sia quello inventato di sana pianta. Perché mai è il migliore? Ma perché è il più felliniano di tutti, è ovvio. Fellini negli Anni Settanta non può che essere Fellini. Quell'automa a mo' di uccello che gorgheggia, le scene ginnico-erotiche saranno (non dico di no) allegorie del meccanicistico amoreggiar del personaggio, che va verso il funebre, ma ciò non toglie che possano regalare un senso di delusione e di inattesa vacuità da parte del Maestro. Francesco De Rosa fa il servo del protagonista! Stupenda, come (quasi) sempre, la Aumont. **
  • ALLE ORE 22:30 su 20 Mediaset

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Lone survivor (2013)


    Capannelle: Film notevole come action (di guerra) e ritmo. Peccato per qualche punta di patriottismo non richiesta, ma se non ci fai caso ti prende dall'inizio alla fine offrendo scontri a fuoco e percorsi di fuga molto realistici e ben girati. Non da meno il makeup dei protagonisti, che una volta tanto non escono dalle sparatorie come uscissero dal fitness serale. Il film prende spunto da un'operazione realmente accaduta in Afghanistan gonfiando un po' (siamo al cinema, bellezza!) il numero degli avversari e la drammaticità dell'epilogo.
  • ALLE ORE 22:45 su Rai 4

    Buiomega71 annuncia che trasmetteranno:

    The dark and the wicked (2020)


    Herrkinski: Horror della nuova scuola di difficile catalogazione; parrebbe una sorta di riflessione sul male assoluto, qui canalizzato in una famiglia di campagna attraverso il padre morente in coma; il film vive sull'atmosfera plumbea d'ineluttabile tragedia, non dissimile da Hereditary a cui forse in parte il regista si è ispirato. I risultati non sono quelli sperati e nonostante un'aura "creepy" riuscita, con alcune scene inquietanti, lo script è troppo vacuo, non dà appiglio alcuno per comprendere la storia e il ritmo è di una lentezza esasperante. Armati di pazienza, qualche scena merita.
  • ALLE ORE 23:10 su Cine 34

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Attila flagello di Dio (1982)


    Caesars: Quasi inguardabile, se non fosse perché Abatantuono è al suo meglio (nei "vecchi" panni del terrunciello) e Rita Rusic una gran bonazza (lasciamo perdere invece il lato attoriale). Per il resto siamo di fronte ad un vuoto desolante, aggravato dal fatto di dare l'impressione di essere stato girato con quattro soldi (sperando che sia effettivamente così), con poche battute che strappano il sorriso (lo spelling del nome) e molte situazioni che suggerirebbero di schiacciare il tasto FF. Lo credevo decisamente più simpatico. Con tanta generosità *!
  • ALLE ORE 01:15 su Cine 34

    Buiomega71 annuncia che trasmetteranno:

    Non escludo il ritorno (2014)


    Il Dandi: Gli ultimi anni di Franco Califano: le piccole soddisfazioni e le grandi frustrazioni, gli autografi ai devoti e il mancato riconoscimento dei critici, i concerti nei localetti e l'esclusione da Sanremo, la triste malattia e le feroci polemiche sulla legge Bacchelli. Calvagna riesce a restituire con rispetto il declino dell'artista e a far funzionare maschere come Salvi e la Rinaldi in un contesto drammatico a loro pertinente. Sincero e appassionato istant-movie, che non cerca l'exploitation né scade nell'agiografia da fiction Rai.
  • ALLE ORE 02:20 su Iris

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    I trasgressori (1992)


    Daniela: Mentre stanno cercando un bottino nascosto in un grande edificio dismesso, 2 pompieri vengono assediati da una banda di spacciatori e devono vendere cara la pelle... Nonostante l'ambientazione piuttosto suggestiva, il film è meno raffinato dal punto di vista visivo rispetto ai capolavori di Hill delle decadi precedenti ed inoltre risulta penalizzato dalla banalità di certi personaggi, soprattutto nel settore "cattivi" (si fa per dire, "buoni" non ce ne sono) tuttavia è un Hill al 100%: azione spiccia, dialoghi veloci, musiche in tono di Ry Cooder e un bel finale, beffardamente hustoniano.
  • ALLE ORE 02:50 su Rai Movie

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Selma - La strada per la libertà (2014)


    Xamini: Questo biopic si concentra su uno dei momenti centrali della vita di Martin Luther King, quello relativo alle manifestazioni di Selma, al bloody sunday e alla marcia su Montgomery. Caratterizzato da un bel lavoro di fotografia e da una buona regia, il film regala una serie di grandi prove di recitazione, a cominciare da quella del protagonista. E riesce nell'intento di veicolare il fondamentale messaggio di libertà di fondo.
  • ALLE ORE 03:05 su Cine 34

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    La donna è una cosa meravigliosa (1964)


    Zampanò: Ci vorrebbe Bolognini in persona per dar conto dell'insulso secondo episodio. Non basta che i protagonisti abbiano armi a sufficienza (la Milo sparata di bianco sembra rifinita a matita), ma si poteva stringere in 10 minuti. Per contro, allo stesso regista potremmo chiedere perché non abbia desunto un unico film dal primo, un quadro freak molto poetico sulla donna cannone e i lilliput. Anche le "strane" creature circensi sono sconvolte dai problemi di tutti: gli scioperi, le tresche d'amore e di morte. Nel penultimo chiaroscuro il volto di Eros anticipa la smorfia feroce di It.