Orsomando

LA GIORNATA DAVINOTTICA DI giovedì, 17/06/21

Se volete inserire voi una segnalazione, è sufficiente che andiate nella scheda del film il cui passaggio volete segnalare e clicchiate (sotto al titolo) su IN TV/SATELLITE: troverete il modulo da compilare. Clicca qui per vedere i canali e i loro numeri.
  • ALLE ORE 06:20 su Cine 34

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Gole ruggenti (1992)


    Didda23: Film ingiustamente bistrattato in quasi ogni dove, che soffre - forse - del pregiudizio nei confronti del Bagaglino. Se visto in un'ottica leggera e caciarona è un'opera per certi versi sorprendente che prende in giro il tran tran che sta dietro al festival canora più famoso d'Italia (non discostandosi troppo dalla realtà). Geniali le canzoni, con momenti di puro cinema comico ("Non ho più piume sul mio culo") e un cast in formissima con Mattioli vero mattatore (in una delle sue interpretazioni migliori). Imperdibile e inimitabile.
  • ALLE ORE 07:00 su Rai Movie

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Le tigri di Mompracem (1970)


    Galbo: Anche se la versione di Sollima, interpretata da Kabir Bedi è entrata indelebilmente nella memoria del pubblico italiano, bisogna ammettere che questa versione delle avventure della Tigre della Malesia non è così malvagia. Certamente una versione penalizzata da una certa carenza di mezzi, ma tutto sommato un onesto e godibile film di avventura che si segue piacevolmente con un sentimento di fondo di dolce malinconia.
  • ALLE ORE 07:45 su Iris

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Ursus nella valle dei leoni (1961)


    Reeves: Mitologico abbastanza ricco nel quale si denunciano origini nobili per l'eroe Ursus e si moltiplicano gli utilizzi delle bestie del circo Orfei (anche gli elefanti, che in una piazza dell'EUR riconoscibilissima si lanciano in una assurda scena di tortura che precede l'immancabile rivolta finale. Storia tirata via con stratagemmi narrativi puerili (i passaggi segreti, i tradimenti ovviamente prevedibili). Da guardare con animo predisposto.
  • ALLE ORE 08:45 su Rai Movie

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Io la conoscevo bene (1965)


    Faggi: In un'Italia nella parabola da sbornia di miracolo economico appare Adriana, un simbolo; ovvero una cosa che sta al posto di un'altra cosa. Nessuno è autorizzato a dire di conoscerla bene: è qui, infatti, che le acque si intorbidano. Pietrangeli gira con grazia, acutezza, sensibilità; l'espressione plastica ammalia (inquadrature, sequenze, primi piani, danze della cinepresa). Folgoranti gli sguardi in macchina della Sandrelli (scelta formale decisiva); incisivo il florilegio di canzoni, formidabili certe figure ancillari (Tognazzi, Salerno).
  • ALLE ORE 09:50 su Iris

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    La notte dell'agguato (1968)


    Galbo: Dopo il notevole Il buio oltre la siepe, si rinnova il sodalizio artistico tra il regista Robert Mulligan e Gregory Peck. Ancora una volta l'attore americano interpreta un personaggio dalla forte connotazione morale in un western solo a tratti rientrante nei parametri classici del genere. Ritmi lenti (specie nella prima parte) e riflessivi; si punta sulla caratterizzazione dei personaggi e sulla descrizione degli ambienti, fino al climax finale. Nel complesso, un film godibile.
  • ALLE ORE 10:45 su Rai Movie

    Geppo annuncia che trasmetteranno:

    Sfrattato cerca casa equo canone (1983)


    Geppo: È decisamente il miglior film di Pippo Franco e di Pingitore. Dopo il pessimo Il casinista si rifanno entrambi con questa straordinaria pelliccola davvero spassosa e ricca di gag strepitose grazie anche agli ottimi caratteristi che fanno da contorno alla storia. È il ruolo giusto per Pippo Franco, qui davvero bravissimo. Il povero Stroppaghetti Marino (Pippo Franco) per trovar casa a tutti i costi passa da una disavventura all'altra. Bravi Enzo Cannavale, Gigi Reder (sopratutto), Roberto Della Casa... e poi naturale... Bombolo non si discute. Cult!
  • ALLE ORE 12:00 su Iris

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Il grande Jake (1971)


    Rambo90: Ottimo western anni '70, sicuramente uno dei migliori sia del decennio che degli ultimi girati da Wayne. La sua interpretazione è straordinaria come sempre, perfettamente in parte nonostante una dose di violenza più marcata rispetto allo standard dei suoi film. Ma sono ottimi anche il ritmo, le numerose sequenze d'azione, il rapporto fra i personaggi e i loro dialoghi, i tocchi d'humour. Unica pecca il cast di contorno che, a parte il valido Boone e una partecipazione della O'Hara, conta ben poche facce. Buona la colonna sonora.
  • ALLE ORE 14:05 su Tv8

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Morte in onda (2019)


    Pinhead80: Una psicologa conduce un programma radiofonico in cui convince le donne a lasciare il compagno in maniera decisa. Un imprevisto cambierà la sua vita. Philippe Gagnon è un regista specializzato in questi film per la televisione che fungono da intrattenimento senza troppe pretese. Si arriva facilmente a tirare le somme della vicenda già a metà, però la confezione è buona. Sufficienza raggiunta meritatamente.
  • ALLE ORE 16:30 su Rete 4

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Borotalco (1982)


    Zender: Verdone abbandona Furio e gli altri sbilanciando la commedia in direzione sentimentale. Trova in una Giorgi brillante e per il tempo inedita l'esuberanza che dolcemente lo travolge, da sedurre solo con l'inganno nascondendosi dietro la scorza dell'avventuroso Manuel Fantoni. Per un De Sica poco incisivo in versione partenopea ci sono dall'altra un Brega debordante che si aggiudica i momenti più comici e un Infanti fanfarone da Oscar. Leggero e volatile come il borotalco, tenero e ancora ingenuo ma accorato, sincero.
  • ALLE ORE 18:50 su Cine 34

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Dimmi che fai tutto per me (1976)


    Paulaster: Un bottino di tre miliardi è appetito dal nipote di un gangster. Clima iniziale da commedia, con qualche gag trita, con Dorelli tombeur de femmes e poco altro. La svolta successiva nel giallo dà struttura e ritmo al film che termina coi tempi giusti. Spigliata e divertente la Villoresi (anche con nudo gratuito) e piccolo ruolo per Svampa il quale, benché si sia a Treviso, fa sempre il milanese. Qualche porta in faccia si poteva evitare...
  • ALLE ORE 19:50 su Rai Movie

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    I diavoli volanti (1939)


    Rambo90: Grandioso film della grandissima coppia di comici. Pur non godendo di un ritmo troppo veloce o di una sceneggiatura particolarmente brillante (a parte l'inaspettato finale) Laurel e Hardy riescono a piazzare alcune gag davvero memorabili che rendono il film imperdibile. Famosa la canzoncina cantata nella Legione Straniera, ottime le scene nella stanza della pensione all'inizio, quella dell'arpa arrangiata con la rete del letto, la lunga sequenza in aereo e la dichiarazione di Ollio a Giorgetta. Per me è un cult.
  • ALLE ORE 21:00 su Rai Movie

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    La regola del silenzio - The company you keep (2012)


    Capannelle: Chiudere i conti col passato per i membri di una ex organizzazione terroristica ma anche confrontarsi con i propri vissuti personali. Un tema classico che Redford sviluppa secondo tempi e stili ultra classici. Gli riesce a metà: riflessione e azione si fondono discretamente ma alla resa dei conti manca sempre qualcosa. Il peso di La Boeuf è eccessivo se messo a confronto con quello dei mostri sacri che gli girano attorno. Buone le musiche d'atmosfera di Martinez anche se riciclano temi già conosciuti (vedi Sunshine).
  • ALLE ORE 21:05 su 20 Mediaset

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Repo men (2010)


    Daniela: A dieci minuti dalla fine, nonostante un bel match a due di delirante intimità, il giudizio si era assestato sui due pallini e mezzo. L'interessante spunto di partenza ed il cast molto azzeccato mi sembravano mortificati dalla scarsa originalità della rappresentazione del futuro prossimo venturo in chiave tecno-cenciosa, dalla prevedibile degli sviluppi (il protagonista perde il cuore e scopre di avere una coscienza) e da certe forzature da action-man spaccatutto. E' l'epilogo, di quelli che rovesciano le carte in tavola, a far tornare i conti ed alzare la valutazione.
  • ALLE ORE 21:10 su Iris

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Resa dei conti a Little Tokyo (1991)


    Disorder: Onesto action-poliziesco, certo non impressionante per complessità ma che in fin dei conti mantiene ciò che promette, ovvero un'oretta e mezza di puro intrattenimento a base di azione e arti marziali (oltre alla consueta spruzzata romantica, che non guasta mai). Lundgren è decisamente in forma e funziona bene assieme a un inedito Lee versione spalla comica: sarebbe stato interessante vederli ancora assieme, se il destino non avesse purtroppo deciso diversamente. Belle anche le location. Non male insomma...
  • ALLE ORE 21:10 su La5

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Sweet november - Dolce novembre (2001)


    Mco: Un dolce rifacimento (del film di Robert E. Miller targato 1968) con una coppia di protagonisti in grande forma, malgrado la parte della Theron richieda più che una difficoltà di simbiosi attoriale. Semplice il messaggio, una morale che si potrebbe liquidare con poche parole ma che, al contrario, non deve mai fare abbassare la guardia: se si ama e di amore lato sensu, non si potrà mai morire. Fuor di misticismo o religiosità, ci si commuove per la delicatezza con cui ogni situazione viene trattata, anche la più scabrosa. Bellissimo.
  • ALLE ORE 21:20 su Italia 1

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Ti presento i miei (2000)


    Pigro: Il fidanzato si presenta ai genitori di lei e ne viene fuori un weekend fantozziano. Se il matrimonio è un tema abusato nel cinema Usa, la presentazione in famiglia ne è un indispensabile corollario, che diventa esplosivo quando si tratta (praticamente sempre) di portare in rotta di collisione mondi diversi. In questo caso la deflagrazione è divertente per il crescendo di gag catastrofiche dell’imbranato Ben Stiller a soggezione di un implacabile (e bravo) Robert De Niro. Film simpatico, per passare senza soffrire quasi due ore (forse troppe).
  • ALLE ORE 21:20 su Spike

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Robocop (1987)


    Gestarsh99: Una gabbia di Faraday che calamita a sé tutte le scariche ideologiche, i processi ambientali e gli imperativi capitali(stici) dell'ecosfera reaganiana: il cane mangia cane edonistico, lo sfacelo industriale delle detritiche periferie metropolitane, la selvaggia tracotanza speculatoria delle corporazioni private, lo strumento scientifico chinato ai profitti finanziari meno limpidi e solidaristici. Verhoeven vi insuffla manometricamente quel graffiante coup de gueule sarcastico che recidiverà con espansività cancerosa anche nella sua fantascienza ventura, ammanettando l'attrattiva umorale del pugno di ferro al moralismo più cattivo, irridente e catastrofistico.
  • ALLE ORE 21:30 su Spike

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Robocop (2014)


    Panza: Buon remake di un film considerato (a torto o a ragione) un classico, ma questa volta con effetti speciali di ottima fattura. Fortunatamente si è impreziosito il film con considerazioni politiche che lo distaccano dalla solita americanata tutta azione e poco arrosto. Notare come tranne qualche particolare il futuro qui non sia così remoto come si possa credere. Regia abbastanza capace. Davvero bravo Samuel L. Jackson, che appare qua e là nel corso del film. Un film coinvolgente, sebbene sia pervaso da una pesantezza che lo fa sembrare più lungo.
  • ALLE ORE 22:50 su Cine 34

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Il comandante e la cicogna (2012)


    Galbo: Regista che alterna i temi drammatici e quelli più leggeri, Silvio Soldini utilizza prevalentemente i secondi ne Il comandante e la cicogna. Sebbene non sia il film più riuscito del regista, si tratta di un'opera godibile con alcune buone idee e personaggi complessivamente ben scritti e su misura per gli attori: in particolare Valerio Mastandrea si rivela scelta felice e arricchisce delle giuste sfumature un personaggio che vive in uno stato di malinconia sospesa, come trapare dallo strano rapporto con la moglie defunta.
  • ALLE ORE 23:15 su Cielo

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Nerone e Poppea (1982)


    Schramm: Per cavalcare finché ancora crepita e scalpita il drago scandalistico, Mattei s'accoda al caligoleggiare pallido ma assorto proprio no. Ancora la stessa Storia da Novella2000 a.C., il cui plagio ricade pure sui quotes ("come vorrei che il popolo avesse una testa sola per decapitarlo!"). Guadagna in estetismi inusuali per il regista (si veda il calligrafismo fotografico), ma è anche meno trucido turpe scabroso licenzioso di quanto il sotto-filone esige. Formalmente mancherebbe tutto il resto, ma che vogliamo farci, son quisquilie. Il completista si prepari a recitare l'atto di dolore.
  • ALLE ORE 23:20 su La5

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Pleasantville (1998)


    Galbo: Piacevole e riuscita commedia di Gary Ross, che rappresenta una satira garbata (ma non priva di elementi graffianti, vedi le allusioni sessuali) della televisione e della società americana degli Anni Cinquanta. L'idilliaco mondo di Pleasantville (cittadina dal sole perenne, dove il sesso e bandito e i cittadini sembrano vivere di futilità prima della vera "rivoluzione" apportata dai protagonisti) è lo specchio di un mondo che un certo tipo di spettacolo televisivo vorrebbe proporci. Buona la sceneggiatura, azzeccato il cast.
  • ALLE ORE 23:20 su La7d

    Caesars annuncia che trasmetteranno:

    Robinson Crusoe (1997)


    Cotola: Il romanzo di Defoe viene gratuitamente stravolto dagli sceneggiatori (forse per raggiungere un pubblico più ampio?) in questa breve e frettolosa versione in celluloide che cambia quasi tutto dell'opera letteraria, alterandone così i suoi profondi significati. La libertà di cambiare è legittima, per carità, ma così non resta che una storiellina, girata da due misconosciuti registi di film per la tv. E si vede: lo stile è televisivo e non regala alcun momento memorabile né belle inquadrature che mostrino un po' di estro tecnico. La scelta di Brosnan? Si cali un velo pietoso.
  • ALLE ORE 00:40 su Rete 4

    Buiomega71 annuncia che trasmetteranno:

    I soliti rapinatori a Milano (1961)


    Dusso: Film sulla scia dei Soliti ignoti che forse, se girato qualche anno dopo, sarebbe finito nel filone dei colpi all'italiana (magari con una vicenda più interessante). Pur se la sceneggiatura si rivela solo un pretesto per inserire scenette comiche (specialmente verbali) su un debole soggetto tutto basato su di una truffa a una ricca signora sposata (Dori Dorika), il film fa spesso sorridere: merito del buon cast e di scambi di battute ben realizzati.
  • ALLE ORE 00:55 su Rai Movie

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    The giver - Il mondo di Jonas (2014)


    Ryo: Una miscela formata da Equilibrium, 1984, Blak Mirror e Hunger games. Maryl Streep e Jeff Bridges sono una garanzia di qualità, ma non si può dire lo stesso del cast giovane. Discutibile la fotografia, ma azzeccata la trama, con vari riferimenti anche a Quarto potere. Purtroppo la storia si interrompe, essendo tratto da una trilogia di libri (e ti pareva).
  • ALLE ORE 01:00 su Cine 34

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    La casa dalle finestre che ridono (1976)


    Xamini: Se esistono delle pecche in questo lavoro sono da ascrivere a leggerezze in fase recitativa. L'incipit pare un quadro, tale è la perizia nella scelta dei colori e ci si rende conto presto di quanto questo presagio suscitato dall'autore sia centrale. L'ambientazione è comune campagna e i personaggi sembrano soggetti da ritratto; i giochi di chiaroscuri in villa distruggono la tranquillità della luce solare, eppure è proprio la giornata di sole degli ultimi minuti a fare davvero paura. Finale memorabile.
  • ALLE ORE 05:10 su Iris

    Gestarsh99 annuncia che trasmetteranno:

    Il caimano del Piave (1951)


    Markus: Storie di giovani, spionaggio e affetti a San Donà di Piave durante il primo conflitto mondiale. L'opera di Bianchi pecca per eccesso di messaggi patriottici (peraltro esternati fuori tempo massimo, benché sia un film d'ambientazione storica), ma è dotato di buoni momenti di tensione avvalorati dal continuo uso di brani popolari che ci riconducono a quel (brutto) periodo. Gino Cervi è indubbiamente un valore aggiunto sul fronte delle interpretazioni, mentre Milly Vitale si ha la netta sensazione che sia lì per soddisfare l'occhio maschile.