il Davinotti

il Davinotti: migliaia di recensioni e commenti cinematografici completi di giudizi arbitrari da correggere

ELLERY QUEEN
episodio per episodio
ENTRA
275131 commenti | 9064 papiri originali | 48908 titoli | 19987 Location

AL CINEMA

LOCATION ZONE

  • Film: L'esigenza di unirmi ogni volta con te (2015)
  • Luogo del film: Il piazzale dove Leonardo (Bocci) ferma l'auto e racconta a Giuliana di sua moglie a letto con suo f
  • Luogo reale: Piazzale antistante il Cimitero Comunale di Tricase, Strada Comunale Posti, Tricase, Lecce
VEDI
  • Film: Laura nuda (1961)
  • Luogo del film: La clinica dove Claudia (Vernon) va a partorire
  • Luogo reale: Lungadige Sammicheli 7, Verona, Verona
VEDI
  CINEPROSPETTIVE

ULTIMI COMMENTI

Commento di: Modo
Film drammatico etichettato forse troppo frettolosamente come commedia sexy nonostante la bella Ciuffini si mostri senza veli. In verità si tratta di un triangolo amoroso tra il padre professore universitario, la sua giovane sposina e il conturbante figlio. L'ex valletta recita pure discretamente e la struttura narrativa, togliendo momenti tardo adolescenziali, si presta dignitosamente alla visione. Finale non male.
Commento di: Reeves
Cast internazionale, scenari lussuosi e grandi mezzi per un film finanziato dall'agenzia anti narcotici delle Nazioni Unite per dissuadere dall'uso di stupefacenti. Ma tutto questo ben di Dio è dissipato da una storia contorta, piena di incongruenze e di comicità involontaria (come l'eroina visualizzata come se fosse una caramella da ingerire). Insomma, un fine nobile ma un risultato controproducente. Allora fu un flop. La mano di Young è visibile solo nella scena del treno, ma non basta.
Commento di: Cotola
Un terrorista pentito ha l'opportunità di tornare ad una vita normale: ma ciò si rivelerà più difficile del previsto. Dramma algerino dalle movenze thriller che sa coinvolgere ed interessare grazie ad una sceneggiatura che con la sua ellitticità copre bene le sue carte e crea il giusto grado di curiosità. C'è anche una buona capacità nel descrivere le contraddizioni di un paese dilaniato tra la voglia di perdono e tolleranza e quella di violenza ed intransigenza nonché tra il desiderio di mettersi il passato alle spalle, senza però riuscirci. Buon film.   
Commento di: Paulaster
Due episodi tra crisi e tradimenti amorosi, con la Vitti presente in entrambi. Nel primo con Tognazzi viene riproposta una comicità desueta che forse con L'anatra all'arancia funzionava ancora; Di Francesco serve per svecchiare ma pasticcia il tutto. Nel secondo c'è Abatantuono che riempie i dialoghi col suo stile ma il soggetto della scrittrice che parla di sesso viene sfruttato al minimo. Non vi sono comunque cadute di stile o nel becero, al massimo volano un paio di ceffoni...
Commento di: Kinodrop
Quante bugie siamo disposti a mettere in campo per proteggere una figlia colpevole di omicidio! Dramma che mette in rilievo importanti questioni sull'eticità di certe decisioni, coinvolgendo lo spettatore dall'interno, che si sente catturato dal moltiplicarsi di menzogne e azioni sempre più esecrabili. Sceneggiatura piuttosto coerente e di tutto rispetto, sostenuta dall'intensa prova di Enos e Sarsgaard, i due genitori che "si ritrovano" in questo vortice lacerante e contraddittorio. Per la tematica può ricordare il ben più duro e drammatico Il caso Kerenes.
Commento di: Paulaster
Un gruppo di sostegno va a trovare un paraplegico. Il tema della disabilità è trattato con sincerità d’intenti includendo anche la sofferenza di chi assiste. Il clima man mano diviene più pesante, anche se involontariamente, a volte, si alleggerisce con cadute nel grottesco. Nella seconda parte, quando la responsabile esce di scena, alcune situazioni sembrano portate al limite. Nel complesso un film coraggioso che riesce a chiudere con un velo di ottimismo senza tirare in ballo contenuti religiosi.

ULTIMI PAPIRI DIGITALI

L'ambientazione si rifà un po' a Crystal Lake (non c'è il lago, ma uno dei protagonisti dice di averlo incontrato lì nei pressi e che la cosa gli ha fatto per l'appunto venire in mente VENERDI' 13), il tipo di film guarda invece nella sua estetica semiamatoriale (e anche per i luoghi, certo) ai misteri della strega di Blair, con un gruppo di amici che decide di campeggiare in un bosco nel quale si odono...Leggi tutto strani suoni (o forse li sentiamo solo noi, perché i ragazzi non ci fan proprio caso). Sono tutti frequentatori di un esclusivo centro sportivo di Roma: il maestro di tennis (Avallone) con una relazione appassionata alle spalle, il suo amico (Calabrese) che pensa solo alle donne, la ex escort (Cruz) fidanzata spregiudicata di un brutto ceffo con precedenti penali ma oggi direttore di banca (!), la coppia di lesbiche (Bellagamba e Zero) e i due giovani piccioncini (Carletti e Molinari) che si guardano negli occhi, si sbaciucchiano e si scambiano affettuose coccole. Sono in sette e si dirigono (dopo un'introduzione girata quasi per intero al centro sportivo) verso un fantomatico campeggio. In realtà li vediamo fermarsi in uno spiazzo tra gli alberi dove piantano le tende e cominciano a scambiarsi frasi di circostanza. L'infoiato assalta quasi subito la escort che ci sta e con cui prende ad amoreggiare davanti a tutti appena calano le tenebre, il maestro di tennis se ne sta in disparte, le altre due coppie si scambiano tenerezze e, nel caso delle due lesbiche, si danno alla cocaina. E' difficile poterlo credere ma non succede quasi null'altro per gran parte del tempo, solo considerazioni qualsiasi sulle prime cose che passano in mente ai nostri protagonisti, che chi guarda fa oltretutto spesso fatica a comprendere per via di una presa diretta piuttosto tragica aggravata dall'uso sconsiderato del romanesco, che porta a mangiarsi le parole e a rendere incomprensibili alcuni passaggi (sarà il sonoro, sarà la dizione...). Quello a cui quindi punta la regista Sasha Alessandra Carlesi è cercare di inventarsi un clima di tensione tra gli alberi che però non si percepisce proprio, se non quando qualcuno se ne parte in solitaria per il bosco accompagnato da riprese che lo inquadrano come fosse seguito da qualcuno che si nasconde nell'ombra. Purtroppo la fotografia e le interpretazioni non aiutano proprio ad aprezzare lo sforzo e la cosa non aiuta a capire dove si voglia andare a parare. Quando scende la notte, però, qualcosa effettivamente succede, dando un'inaspettata svolta al tutto destinata però a precipitare il film in direzione del ridicolo, con spunti cui manca ogni substrato di plausibilità rappresentativa. Quando tuttavia i genitori dei nostri cominciano a preoccuparsi circa la fine dei loro figli, la scena si allarga al centro sportivo e ci dà modo di rivedere su schermo nientemeno che la Gegia (la madre di una delle due lesbiche) e Patrizia Pellegrino (immediatamente riconoscibile). Il mistero riguarda però chi è fermo nel bosco aprendo d'improvviso all'imponderabile con una sfacciataggine che lascia allibiti. L'idea (non nuova) poteva essere simpatica, ma viene svolta pedestremente e continuando a seguire una sceneggiatura fitta di frasi banali (talvolta imbarazzanti) che proprio non aiuta ad amare il film. Si può essere naturalmente indulgenti di fronte a una chiara produzione in economia, mantenere il massimo rispetto per chi cerca comunque di fare cinema con poco, ciò non toglie che il risultato lasci molto a desiderare. La chiusura, poi, ha dell'improponibile...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
Refn ci seppellisce nello stesso incubo che perseguita Harry Caine (Turturro), ossessionato dalla morte della moglie che stava per darle un bambino, uccisa nel garage del supermarket in Wisconsin dove lui lavora come sorvegliante. Il colpo di pistola di un killer misterioso, senza apparente motivo, che nell'agguato ha poi fatto fuori anche un poliziotto probabilmente corrotto. Annientato, annichilito dal dolore, ridotto a una larva umana, John impiega il suo tempo visionando vecchie vhs della sorveglianza nella speranza di scoprire un dettaglio che lo possa condurre alla verità, ma un...Leggi tutto indizio vero gli arriva solo da una fotografia trovata nella casa di fronte alla sua, abitata da qualcuno che non c'è mai ma che forse qualcosa sapeva, perché è in quella casa che, in un sogno ricorrente, Harry vede entrare sua moglie. Una prima forte coincidenza: la fotografia mostra una donna col proprio bambino sostare di fronte alla stessa tavola calda del Montana dove lui e la moglie erano stati qualche tempo prima. Ce n'è abbastanza per partire in caccia, una ricerca che vorremmo seguire con passione ma che Refn si diverte a frantumare nello sguardo quasi sempre assente di un John Turturro in parte rallentato dai riflessi di chi sembra farsi condurre verso la soluzione da una forza superiore. E' in questo strano territorio di mezzo, tra l'acuta ricerca e il destino già segnato, che Refn affonda i colpi giocando con le immagini e i colori, staccando l'esperienza ai confini col surreale di Harry da quella di chi invece (Remar) si insospettisce quando l'uomo mostra la foto chiave alla tavola calda nella speranza di arrivare all'identità della donna. Una storia sotto però c'è, eccome; lo si capisce fin da subito, dall'analisi di Harry dei filmati in vhs. Refn s'impossessa degli stilemi tipici del thriller per piegarli a una concezione più alta di cinema che li fonde insieme a uno studio profondo dei personaggi (in primis quello di Turturro, naturalmente), da osservare anche quando tacciono per cercare di leggerne i pensieri e quindi le mosse, altrimenti non sempre chiare. Così come colpisce l'inserimento di coincidenze che talvolta tali sono destinate a rimanere (scelta non certo comune, al cinema). Un film quindi assai particolare, figlio legittimo di un regista che prendendo spunto dai maestri del campo (il linguaggio cinematografico di Lynch e Kubrick è ampiamente saccheggiato) sa ammaliare, pur irritando a tratti per l'estenuante lentezza con cui guida le scene; una lentezza tuttavia parte costitutiva del fascino che l'opera emana, e scendere a compromessi Refn non può. FEAR X è a tratti davvero conturbante, avvolto in una colonna sonora ipnotica (cui ha partecipato il celebre Brian Eno) che ne diventa elemento fondamentale. Il finale lascia interdetti, ma è evidente quanto si sia lontani dall'approccio tradizionale al genere.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
Dalla raccolta di racconti di James Franco (presente nel cast) tradotta da noi col titolo di “In stato di ebbrezza” Gia Coppola trae l'ennesimo ritratto di gioventù americana in cui emerge una solitudine dissimulata dall'esuberanza, nascosta dietro la facciata turbolenta di due amici modereatamente ribelli e di una loro coetanea, April (Roberts), che li fequenta marginalmente coltivando problemi diversi a partire da quelli in famiglia: sua madre è donna di rara superficialità, il patrigno fumato (Val Kilmer, in partecipazione straordinaria, si ritaglia un...Leggi tutto paio di veloci e spassose scenette ma è lì giusto per accompagnare l'esordio su grande schermo del figlio Jack) vive in un mondo a parte e chi attrae la sua attenzione è semmai il coach (Franco) della squadra di calcio femminile in cui gioca. April gli fa da babysitter al figlio, ma le compagne la convincono che lui la guarda con occhio interessato. I due amici invece, Fred (Wolff) e Teddy (Jack Kilmer), si divertono alle feste, approfittano a turno sessualmente della bambolina disponibile (Levin), bevono e si lanciano in discorsi spesso senza alcun costrutto. Il liceo dove studiano resta uno sfondo secondario: pochi i momenti in classe (i più frequenti sono durante il corso di disegno) perché la vita pulsa all'esterno, magari in uno dei parchi di Palo Alto (California) che vediamo ripresi di notte con belle luci a esaltare le forme degli alberi. Il racconto è volutamente frammentato, interrotto e non sempre ripreso dallo stesso punto, utile a far emergere il caratteri dei protagonisti e il loro modo di interagire con chi li circonda. C'è più interesse ad avvicinare davvero il loro mondo che a cesellare una sceneggiatura di qualità. Contano di più gli sguardi, i primi piani sui volti espressivi, i tormenti di April indecisa sulle decisioni da prendere soprattutto nel suo contrastato rapporto col coach, i discorsi tra ragazze sulla “carineria” delle controparti maschili, sul sesso ma senza mai caricare. Come se lo sguardo della Coppola non volesse insistere troppo su un singolo tema scegliendo piuttosto una sorta di panoramica ampia che prenda le distanze dalla volgarità (nonostante qualche inevitabile ricorso a una terminologia non sempre oxfordiana) per cogliere i sentimenti più profondi o inquadrare qualche momento di insospettabile imbarazzo (l'incontro tra Teddy e il padre di Fred). C'è gusto, c'è capacità nel mantenere esemplare misura, ma anche un approccio anonimo nel modo di raccontare che non incide e che in definitiva condanna il film all'irrilevanza. Curioso come si citino Stallone e Rocky per poi recuperare Adriana (Shire) nel ruolo della signora che ascolta i piani scolastici futuri di April.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi

Il tenente Colombo

Da sempre una grande passione del Davinotti, il tenente Colombo ha storicamente avuto sul sito uno spazio fondamentale. Ogni puntata uscita ha un suo singolo commento da parte di Marcel MJ Davinotti jr. e di molti altri fan, ma per Colombo è stata creata fin dagli albori del Davinotti una homepage personale che raccoglie non solo i commenti ma anche informazioni e curiosità su uno dei più grandi personaggi televisivi mai apparsi. ENTRA

L'ISPETTORE DERRICK

L'unico altro telefilm che col tempo ha raggiunto un'importanza paragonabile a Colombo (con le dovute differenze) sul Davinotti è “L'ispettore Derrick”. Anche qui ogni singolo episodio della serie (e sono 281!) è stato commentato, da Zender prima e da molti altri fan poi, ma con un approccio più sdrammatizzante, in ricercato contrasto con la compostezza del telefilm. Il link porta a una pagina collegata anche agli approfondimenti in tema. ENTRA

SFOGLIA PER GENERE