12 SPLENDIDE FOTO DI SCENA INEDITE DA "ZEDER"

23 febbraio 2009

Per il secondo viaggio di Avati nei territori della paura, il gentilissimo Luca Servini (che cura un sito dedicato al film, www.zederfilm.it) ci ha fatto avere sei splendide foto di scena scattate da Piermaria Formento (fotografo di scena sul set del film) e che a lui sono state donate insieme a tutti i suoi archivi fotografici dai set di Avati a cui ha collaborato. Le foto, tratte da diapositive scattate da Formento, sono state riversate su digitale da Luca Servini stesso.
Quattro su sei vedono in scena il maggiolone bianco che Lavia usava nel film per spostarsi di città in città. Nella seconda e terza foto si vedono elementi riconducibili alla stazione di servizio dell’Amoco (oggi scomparsa, come potrete verificare voi stessi nello speciale location del film) che nel film – ma solo nel film – stava di fronte alla colonia abbandonata.
Un Pupi Avati di mezz’età, con la barba ancora nerissima, è presente in tutte le foto tranne la terza. Fondamentale come testimonanza l’ultima, in cui il regista è piegato sopra la fossa nel terreno K! Fondamentale anche perché la persona chinata dietro la macchina da presa, coi capelli lunghi, è proprio Cesare Bastelli!
Successivamente, in data 26/2/2010, Luca ci ha spedito ALTRE 6 splendide foto di scena, scattate questa volta dallo scenografo del film Leonardo Scarpa. Sono le ultime sei che trovate nell'elenco qui sotto. Testimonianze preziose, che ovviamente siamo orgogliosi di presentarvi.
Ancora un grande ringraziamento a Luca Servini, a Piermaria Formento e a Leonardo Scarpa. Naturalmente, come sempre, CLICCATE SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE.


 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLO INSERITO DAL BENEMERITO ZENDER

Articoli simili

commenti (4)

RISULTATI: DI 4
    Caesars

    26 febbraio 2010 16:30

    Un enorme grazie a Luca per il bellissimo regalo.
    Markus

    26 febbraio 2010 16:41

    Grande Luca! Grazie anche da parte mia!
    Ellerre

    26 febbraio 2010 23:13

    Interessanti foto di scena che vanno ad aggiungersi al prezioso materiale/testimonianza dei set del migliore Avati. Grazie Luca.
    Mrgabry

    24 marzo 2010 05:09

    Siamo assetati di altre chicche!!!