Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA CARBONARA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/1/08 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Galbo, Panza
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Rambo90


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 9/1/08 6:07 - 9828 commenti

Nel 1825 in una locanda alle porte di Roma, gestita da Cecilia, arrivano alcuni rivoltosi che vogliono rapire un cardinale di passaggio per chiedere in cambio il rilascio di alcuni compagni incarcerati e condannati a morte. Ennesimo film storico romano per Magni che ritorna al tempo di uno dei suoi film più conosciuti. Tuttavia anche se il contesto storico è discretamente ricostruito, il film non supera il contesto bozzettistico con qualche momento divertente ma è privo di un valore di insieme. Non tutto il cast è all'altezza.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Rambo90 18/11/17 16:18 - 4952 commenti

Un Magni un po' appannato, che ricrea una delle sue commedie storiche ma senza il mordente degli anni precedenti. La vicenda è interessante e a tratti si fa seguire, ma il ritmo non è dei migliori e la confezione sa più di fiction che di cinema. La ricostruzione d'epoca non è male, ma non tutti gli attori sono azzeccati: la Della Rovere che parla in romanesco non sempre è efficace; molto meglio la spontaneità di Amendola e di Mastrandrea, così come l'innata classe di Manfredi. Vedibile, ma mi aspettavo di più.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Panza   13/6/16 11:38 - 1277 commenti

Un'altra incursione nella Roma papalina per Magni con due personaggi ben resi: Cecilia, padrona del ristorante "La Carbonara" (e qui c'è un gioco di parole sul nome del locale...) e il cardinale interpretato da Manfredi. La vicenda si lascia seguire e Magni si conferma bravo regista, ma il film complessivamente non si eleva da un prodotto realizzato con mestiere, non di certo un capolavoro. Peccato per una certa lentezza in certe fasi; soprattutto gli ultimi quindici minuti che potevano essere tranquillamente sfoltiti...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Vedete cosa vuol dire avere il puttanesimo nel sangue?" .
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)