Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• VISITOR Q

All'interno del forum, per questo film:
• Visitor Q
Titolo originale:Bijitâ Q
Dati:Anno: 2001Genere: drammatico (colore)
Regia:Takashi Miike
Cast:Kenichi Endo, Shungiku Uchida, Kazushi Watanabe, Jun Mutô, Fujiko
Visite:775
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/11/07 DAL BENEMERITO SCHRAMM

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 26/11/07 0:23 - 2051 commenti

Forse l'opera più assurda e scalmanata di Miike: pazzesca variazione de Teorema (ma anche lo spettro di Bunuel non tarda a ululare) assortita di necro, copro e scopofilia, incesto, nonnismo a suon di fireworks, sassate repentine, milking a piovere, madri eroinomani, figli maneschi and many more. Difficile capire quando inizia il divertimento e finisce il turbamento e viceversa. Da non mancare.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 3/8/11 2:59 - 6466 commenti

Teorema” orientale dall’assunto non così poi tanto originale e dalla dimostrazione estrema che fa male, molto male. Miike sfida il buon gusto e propina allo spettatore una serie di nefandezze di grado crescente, anche se l’ultima parte è talmente folle e sopra le righe che ci ha il pelo sullo stomaco potrebbe anche ridere. Ne vale la pena? Forse: a mio avviso però se ne può fare tranquillamente a meno. Assolutamente non per tutti i gusti: le anime sensibili si astengano.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 8/7/15 7:31 - 6459 commenti

Se l'ospite pasoliniano era un angelo venuto a scoperchiare il sepolcro imbiancato di una ricca famiglia borghese, questo visitatore ha ben poco di perturbare, tanto da far venire il sospetto che anche in sua assenza la storia avrebbe imboccato la strada della follia omicida, paradossalmente unificante le quattro monadi incomunicanti. Fra tragico e comico, M. passeggia sul filo dell'assurdo, inanellando una serie di perversioni e sgradevolezze che, proprio per il loro carattere eccessivo, spesso suscitano un riso imbarazzato ma anche liberatorio. Film miikeano fino al midollo celluloidico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Latte a zampillo; rimedi casalinghi contro gli effetti del rigor mortis .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 17/1/11 0:49 - 2843 commenti

La famiglia secondo Takashi Miike: una specie di Teorema dove Pasolini va a braccetto con Lloyd Kaufman, con risultati che oltrepassano continuamente la soglia del buon gusto. Un susseguirsi di nefandezze che l'appassionato troverà indubbiamente spassoso, non privo peraltro di considerazioni interessanti (anche se non troppo innovative) sul rapporto realtà-immagini video. Paradossalmente il sangue versato è pochissimo; peccato solo per la pessima fotografia in digitale, funzionale solo a tratti e per il cast troppo sopra le righe.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 10/8/17 23:31 - 3264 commenti

Takashi Mike a ruota libera nel descrivere ogni sorta di perversione anche se mancano ritmo e solidità per trasformarlo in qualcosa di veramente duro, di veramente spiazzante. I protagonisti, a cominciare dalla madre, svolgono egregiamente il loro ruolo ma si è portati più a sorridere (vedi la scena col cadavere e nella vasca) che a provare sgomento. Utile vederlo.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Supercruel 11/2/09 18:17 - 498 commenti

Ficcante apologia ed insieme distruzione del concetto di nucleo familirare e dei suoi legami. Miike declina la sua indagine con la sua notoria cifra stilistico-visiva, lasciandosi al solito andare a sequenze dall'impatto durissimo, al limite tra genialità e perversione. Le scene più forti, però, non sono un banale atto provocatorio, bensì sottendono ben più pregne metafore. La regia, un digitale sporco e funzionale, ha un qualcosa di documentaristico (ma non si lesina affatto la classe), in sintonia con l'analisi in atto. Ottimo.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Trivex 15/1/09 22:07 - 1302 commenti

Siamo in una famiglia giapponese, in cui la violenza è componente normale e morale. Ma l'odio e la sopraffazione sono presenti anche fuori di essa, forse quindi è la società stessa che determina i risultati nel focolare domestico o viceversa? La speranza e la redenzione arrivano da fuori, da un visitatore, ma è solo apparenza. Alla fine tutto esplode o implode oppure tutto non ha nulla a che fare con quanto visto prima, perché l'irragionevole ha preso il controllo e si sfoga: necrofilia, coprofagia, etc. E poi il ritorno al latte materno... completamente folle!
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pinhead80 5/6/10 15:54 - 2908 commenti

Questo è un film che ti prende a pugni nello stomaco, fin dalle prime inquadrature. Parla di famiglia e lo fa spezzando quelli che sono i cosiddetti "legami forti". Tutto è capovolto e pervertito, in una serie di aberrazioni, che trascinano la famiglia in un vortice di perversione allucinata. Miike parla di disgregazione della famiglia e lo fa senza alcun ritegno e senza limiti, come nel suo stile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della vasca da bagno.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 10/9/15 14:36 - 2334 commenti

Confesso di non amar granché Miike e di non provare eccessiva curiosità per il suo cinema. Visitor Q, nello specifico, è un film da cui traspare innegabile un genio registico originale e "squilibrato", con alcune rabbrividenti punte di inarrivabile macabro grottesco (la scena necrofila). Così come incontrovertibile è la precisa coscienza di una messa in scena di sobria imprudenza. Eppure a disturbarmi (senza riuscire a esser disturbante) è la mancata giusta distanza con cui la mdp "guarda" il suo Teorema, con un distacco che non sa farsi straniamento.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Mickes2 19/8/11 18:40 - 1551 commenti

Delirante. Sapevo che Miike fosse un pazzo, ma non così tanto. Il nichilismo più corrosivo passando per le perversioni più estreme; la violenza come arma primaria, che sia utilizzata per comandare una madre a bacchetta o per spaccare la testa e intrufolarsi in casa di una famiglia. Il concetto della stessa viene raso al suolo, rovesciato, analizzato con aspra provocazione; un duro scandagliare le ipocrisie della società giapponese, quasi sbeffeggiata dal regista che non lesina dal mostrare: necrofilia, incesto, stupro gli ingredienti primari.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza iniziale.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Ryo 12/11/13 21:16 - 1487 commenti

Per Takashi Miike questo film rappresenta la più controversa fra tutte le sue opere prodotte sino a quel momento. Zeppo di perversioni tenute insieme da una sceneggiatura che sembra quasi un espediente per mostrare quanto di marcio ci può essere al mondo, nascosto dall'ipocrisia. La famiglia protagonista, apparentemente normale, vede il padre (proprio a inizio film) fare sesso con la figlia prostituta. Spiazzante, davvero particolare. Farà storcere il naso a molti, un forte pugno al ventre per i più deboli di stomaco. Parecchio azzardato. Proprio per questo merita di essere visto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ospite che tranquillo mangia mentre in casa succede di tutto; La madre che ribellandosi lancia un coltello al figlio.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Greymouser 6/6/10 0:24 - 1442 commenti

Una delle opere più malsane della geniale follia cinematografica di Miike, "Visitor Q" trova le corde dell'orrore nella rappresentazione dimessa e "domestica" delle più efferate manifestazioni di violenza, sopraffazione, depravazione e follia. Non facile nello svolgimento rapsodico della trama, il film ci obbliga a sostenere un crescendo morboso di atrocità, con scoppi di violenza tanto imprevedibili quanto devastanti. Imprescindibile capolavoro.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Mdmaster 1/10/10 7:59 - 802 commenti

Solo Miike poteva riuscire a prendere un teorema qualsiasi e trasformaro in una sua personale lucida ma delirante visione. Orrendamente critico nei confronti della famiglia moderna, il regista di Yao mette in fila una serie di perversioni davvero da manuale, raramente viste prima. Questo potrebbe facilmente allontanare lo spettatore casuale, ma d'altronde è proprio quello che vorrebbe Miike: resistete fino alla fine e avrete, forse, qualche elemento in più per decifrare il puzzle.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Sunchaser 1/9/08 14:34 - 130 commenti

Miike Takashi è un regista che non ha precedenti nella cinematografia mondiale: ultraprolifico (oltre 70 film in quindici anni), capace di radicali cambi di stile e con una predisposizione naturale per lo shock e l'eccesso sia tematico che visivo. In questo caso, con un budget di appena 60.000 $, ha confezionato un impietoso ed allo stesso tempo irridente ritratto della famiglia moderna, che partendo da assunti potenzialmente reali, sconfina nel fantastico iperrealistico. Per stomaci forti e cinefili corazzati, s'intende.
I gusti di Sunchaser (Fantascienza - Musicale - Thriller)