Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA SCERIFFA

All'interno del forum, per questo film:
La sceriffa
Dati:Anno: 1959Genere: comico (bianco e nero)
Regia:Roberto Bianchi Montero
Cast:Tina Pica, Ugo Tognazzi, Livio Lorenzon, Tino Scotti, Carlo Sposito, Alberto Sorrentino, Carlo Pisacane, Anita Todesco, Tom Felleghy, Tina De Mola, Fanfulla
Visite:481
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/07 DAL BENEMERITO RENATO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 23/4/18
A Rio Ciuccio, in Arizona, lo sceriffo è la napoletana Carmela Esposito (Pica), amata e rispettata anche perché a chi può offre vino e maccheroni. Non fa mistero quindi delle sue origini napoletane e vive col nipote Gen (abbreviazione di Gennarino, da lei stessa definito “femminiello”, che stira, cucina e ha paura di tutto), con l'indiano Brutto Tempo (Sorrentino) e la di lui figlia Nuvola Rosa (Todesco). Minacciati dal perfido Donovan (Felleghy) e dal bandito Jesse (Lorenzon), gli abitanti di Rio Ciuccio vivono come un po' tutti nel west, tra risse (interminabili) al saloon, qualche cantatina della discinta Dolly (De Mola), screzi e pistolettate. Almeno fino all'entrata in scena del temuto Colorado Joe (Tognazzi), che arriva da chissà dove col suo cavallo per vendicarsi di Jesse. Sono venti minuti in cui la centralità di Tina Pica si perde per lasciare spazio al “divo” Tognazzi, che aumenta la dose di giochi di parole (dal primo botta e risposta con la sceriffa: “Ho distrutto l'interà tribù dei Piedi Piatti” “Verme!” “E tutto da solo!” “Allora sei un verme solitario”) confermando come la base della comicità sia quella, nel film: una serie di calembour talvolta divertenti e azzeccati (“E' la cassa del mezzogiorno”, detto in riferimento alla bara in arrivo a mezzodì per seppellire Jesse alle prese con una roulette russa), in alcuni casi un po' troppo artificiosi per coinvincere (“Apri quella finestra!”, detto dalla sceriffa a Gen, ”Ma io ho paura, è meglio che vada a preparare la minestra”, e qui non serve proseguire...). Ad ogni modo il caratteristico accento napoletano della Pica nel west ha una sua buffa efficacia, gli agganci alle tradizioni del nostro Sud creano simpatiche sensazioni di straniamento (la tombolata a colpi di smorfia) e considerati gli anni che il film si porta sulle spalle (è antecedente all'esplosione dello spaghetti western) va ammesso che alcune gag hanno retto fors'anche più del previsto. Il problema sta semmai nella regia di Montero, costretta ad allungare il brodo spesso ignominiosamente (scazzottate e sparatorie infinite, cavalcate tra i monti, numeri musicali, addirittura una sfida alla “passatella” che c'entra come i cavoli a merenda) e poco capace di dare grinta alla storia; non può pensare a questo solo la Pica, che in alcuni frangenti sembra non trovare accanto chi le offra la battuta al momento giusto. Sposito nei panni di Gen è una macchietta invadente dai tratti eccessivamente effeminati, gli altri caratteristi che affollano il set poco possono di fronte a un copione misero e lo stesso Tognazzi è ancora lontano dal possedere la presenza e il magnetismo che tutti gli riconosceranno in seguito. Dalla sua uscita in avanti il film ha una flessione dalla quale non si riprenderà più, arrivando nel finale a una sfida all'Ok Corral che lascerà spazio ai cascatori e a una nuova sparatoria aperta incidentalmente da uno starnuto (con pernacchia) della Pica. Chiusura surreale sulle note di “Funicolì funicolà”...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 6/9/09 19:03 - 4177 commenti

Meglio del previsto. L'inserimento di elementi partenopei nei "tòpoi" del western funziona meglio di quanto si potesse pensare. Merito non solo della Pica, gustosissima, ma anche di altri aspetti che risultano divertenti, come il mogio pellerossa di Alberto Sorrentino, che qui si chiama Brutto Tempo, o il buffo personaggio del mitissimo, nonché casalingo, Carlo Sposito. Alcuni momenti di stanca abbassano però la valutazione complessiva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I primi minuti di Tino Scotti, nei panni del giudice.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Renato 7/11/07 23:52 - 1495 commenti

Sorta di western comico costruito interamente sul personaggio di Tina Pica, tremenda vecchietta in grado di farsi sentire anche dai fuorilegge del selvaggio west. Che poi in questo film sono più che altro macchiette da avanspettacolo corrette e riviste... Ad ogni modo, il film è simpatico e non annoia (se non in un paio di sequenze, palesemente girate per fare metraggio). Vedibile, una volta e non di più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ugo Tognazzi rinchiuso in cella che si toglie uno stivale per sentirsi "a piede libero".
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Caesars 17/9/10 10:30 - 2307 commenti

La Pica come sceriffa nel west funziona, così come certi giochi di parole o i riferimenti di matrice partenopea. È la storia che invece incomincia ben presto ad annoiare: ad aggravare la cosa sono state inserite, allo scopo di far metraggio, sequenze lunghissime ed inutili (vedi rissa nel saloon). Ugo Tognazzi fa poco più che una comparsata e il resto dei caratteristi se la cava, resta però insopportabile il personaggio del nipote della sceriffa. Se il film fosse durato solo un'oretta sarebbe stato molto meglio.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Rufus68 24/4/18 23:25 - 1823 commenti

Debole parodia partenopea, datata e senza sugo, del genere americano par excellence. Come film lascia il tempo che trova. L'unico pregio (al di là delle intenzioni dei registi) consiste nell'insinuare nello spettatore, grazie all'esasperazione ridanciana di alcuni topoi, il sospetto che parecchi western, anche famosi, non fossero poi così distanti da tale puerile drammaturgia. Battutine all'acqua di rose, al limite dell'imbarazzo. La Pica e Tognazzi navigano nell'ordinario.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Il Dandi 4/7/17 19:34 - 1273 commenti

Western comico-partenopeo con la Pica protagonista: singolare perché anticipa la nascita dello spaghetti western (che non sempre sfuggirà ai medesimi anacronismi degli della prima serie di Tex) mentre sembra realizzato sulla falsariga delle parodie di Totò. Comicità d'altri tempi, con valide spalle (Scotti, Lorenzon, Pisacane) e signori doppiatori che (essendo spesso gli stessi impegnati nei prodotti "originali") creano un effetto straniante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tina Pica fa "il sotto" nel gioco della "passatella" col vino, anticipando la scena analoga di Celentano ne Er più.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)