Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ALLEGRO FANTASMA

All'interno del forum, per questo film:
L'allegro fantasma
Dati:Anno: 1941Genere: comico (bianco e nero)
Regia:Amleto Palermi
Cast:Totò, Franco Coop, Elli Parvo, Amelia Chellini, Dina Perbellini, Trio Primavera, Luigi Pavese, Augusto Di Giovanni, Claudio Ermelli, Jone Salinas, Giulio Donadio, Mario Giannini, Livia Minelli
Note:(aka "Totò allegro fantasma" o "Totò l'allegro fantasma")
Visite:793
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 27/12/11 1:46 - 4175 commenti

Farsaccia (quasi un musicarello) con trama abborracciata e non troppo divertente, che ha l'unica nota interessante nel farci vedere un giovane Totò impegnato i tre ruoli. Il resto del cast non brilla, un po' per la vicenda davvero insignificante (pure con dialoghi alla Qui, Quo e Qua), un po' per chiare difficolta recitative (il Trio Primavera, a parziale esclusione di Isa Bellini). Non più di *½ (Morandini, sorprendentemente, dà **½).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Puppigallo 12/1/09 18:52 - 4045 commenti

Scemenza che neanche Totò riesce a salvare, con le sue espressioni, i suoi movimenti, insomma, quel linguaggio del corpo che è un suo marchio di fabbrica. Ma anche una Ferrari (Totò), se alimentata con acqua sporca, al posto della benzina (la sceneggiatura), non può che avere problemi; e non basta neppure che da uno diventi trino, per salvare la baracca, che sembra più un'opera teatrale di bassa lega, nonostante gli attori (a parte le tre nipotine canterine) siano di tutto rispetto. E' triste dirlo, visto il calibro dell'attore, ma questo Totò si può anche evitare di vederlo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il maggiordomo, ex portalettere, che serve colazioni e pasti vestito ancora da postino.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Rambo90 22/2/18 21:30 - 5128 commenti

Trama esilissima per un Totò ancora acerbo cinematograficamente ma che tuttavia riesce a risollevare più di una situazione. In particolare i duetti con Pavese e Di Giovanni sono gustosi; più stucchevoli e datate le parti in cui Totò intepreta il gemello maestro di musica. Cast di comprimari non male in cui si distingue anche Stoppa, mentre il Trio Primavera è abbastanza insopportabile.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Rufus68 14/5/18 22:20 - 1817 commenti

Piacevole commediola, pur inconsistente nella sceneggiatura, sorretta da Totò uno e trino: ancora lunare e simil Pierrot, ma già coi vezzi e le smorfie del Totò maggiore, dai bamboleggiamenti con le signore alle impennate manesche contro i prepotenti. Purtroppo la vicenda vien tirata troppo per le lunghe risultando ancor più esile. Simpatico il trio Primavera dell'EIAR composto da gorgheggiatrici giovanissime, note per non aver mai registrato un disco.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 12/11/16 7:44 - 1590 commenti

Tra le primissime opere cinematografiche di Totò, ancora strettamente legato alla maschera che lo ha reso celebre nelle opere di rivista. Il copione non è esattamente il massimo e se escludiamo qualche ventata di ilarità suscitata dal comico napoletano, non resta molto in grado di accattivare lo spettatore. Le interpretazioni, poi, sono eccessivamente impostate risultando piuttosto leziose. Noioso e piuttosto insipido, a malapena potabile per chi vuole approfondire la filmografia del Principe De Curtis, qui comunque in piena forma.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Furetto60 14/1/15 8:59 - 1129 commenti

Commedia con vari intermezzi musicali messa in piedi per mostrare la versatilità di Totò che si divide in vari ruoli e arriva anche a cantare. Il Trio Primavera è limite e simbolo del film (stiamo nel 1941): secondo i gusti attuali ne rallenta il ritmo, ma considerando che la trama è quel che è e che all'epoca ci si divertiva anche così, la sufficienza gliela si può concedere.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Graf 10/10/12 3:49 - 595 commenti

Un film appena sufficiente salvato dall'arte recitativa di Totò che interpreta tre gemelli modulando gamme e tonalità diverse all'interno di una connotazione recitativa sostanzialmente marionettistica e pantomimica lontana dai tratti più realistici e partenopei. Un Totò astratto ma gentile, irreale ma spigliato, fiabesco ma divertente, scaraventato dentro un film caotico e sciatto girato palesemente in gran fretta tutto in interni. Più che un film pare un cartone animato... Divertenti i duetti di Totò con Luigi Pavese e Augusto Di Giovanni. Film minore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Deliziosi gli intermezzi canterini del Trio Primavera, anche se rallentano notevolmente il ritmo del racconto.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Smoker85 7/1/12 15:58 - 314 commenti

Uno dei migliori film del "primo" Totò, ancora nella sua fase più surreale e "candida", che mostra il suo potenziale interpretando tre personaggi anche abbastanza eterogenei. La trama di per se stessa non è cattiva, ma è diluita dagli evitabili interventi musicali del Trio Primavera (non per nulla l'unico momento musicale che si ricorda è quello in cui il grande artista partenopeo interpreta la sua "Margherita"). Molte ingenuità ormai chiaramente datate, ma complessivamente godibile (sempre che non si abbiano troppe aspettative).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Totò che canta "Margherita".
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)