Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CASO "VENERE PRIVATA"

All'interno del forum, per questo film:
Il caso
Titolo originale:Cran d'arrêt
Dati:Anno: 1970Genere: giallo (colore)
Regia:Yves Boisset
Cast:Bruno Cremer, Renaud Verlay, Marianne Comtell, Raffaella Carrà, Claudio Gora, Jean Martin, Marina Berti, Mario Adorf
Note:Aka "Il caso Venere privata". Tratto da romanzo di Scerbanenco.
Visite:2942
Approfondimenti:1) SCERBANENCO AL CINEMA
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 27
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/3/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/3/11


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 13/3/07 1:05 - 4061 commenti

Scerbanenco secondo i francesi. Bruno Cremer, ennesimo futuro Maigret, indaga su quello che pareva un suicidio. È un film non brutto, ma che non riesce ad acquisire una vera personalità. Da vedere, senza alcun dubbio, ma solo perché presenta Raffaella Carrà come mamma l'ha fatta. Non è ripresa da distanza ravvicinata, ma è immortalata in indiscutibili pose sado-maso...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 8/4/08 21:23 - 3971 commenti

Il rimorso di Davide (Renaud Verley) si manifesta quando viene rinvenuto il cadavere di Alberta (una splendida Raffaella Carrà): una giovane ragazza incontrata tempo prima, che sentendosi minacciata aveva - inutilmente - chiesto il suo aiuto. Scavando nel suo passato, grazie all'aiuto di un investigatore, si scopre che la vittima aveva posato nuda per compromettenti servizi fotografici. Interessante coproduzione italo-francese, ispirata ad un noir del grande Scerbanenco, che passa raramente (cut purtroppo) in TV. Lento, ma con finale risolto.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 29/5/07 9:08 - 2990 commenti

L'inizio folgorante, con la Carrà seviziata giustamente in previsione dei futuri orrori a base di fagiolini nel barattolo, fa sperare in un filmone, poi la greve regia di Boisset ammazza il ritmo, spreca il pur magnifico Cremer (circondato però da comprimari bolsi) e sfrutta poco anche Adorf ossigenato e cattivo. Un po' di vita nel finale. Incipit a parte, se ne può fare a meno.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 27/8/08 8:48 - 6672 commenti

Ragazza di facili costumi si suicida e l’ultimo giovane con cui è stata cade in depressione: un medico vuole aiutarlo indagando sul suicidio. Alla trama del giallo, già di per sé non particolarmente avvincente, il regista ha tolto la ‘carne’ (i labirinti psicologici dei personaggi coinvolti e l’ambiente sociale) per lasciargli solo la ‘pelle’ (la struttura del ‘noir’), che però da sola non regge perché molto fragile. Il finale, poi, è semplicemente orrendo. Peccato perché qua e là si vedono sprazzi interessanti di uso della cinepresa.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 19/8/07 17:27 - 5714 commenti

Dal romanzo di Scerbanenco, un giallo milanese basato su un trio di detectives improvvisati a caccia di un maniaco sessuale, il biondo e sfuggente Adorf. I momenti migliori sono il prologo sado/maso con la Carrà, alcune sequenze notturne e l'inseguimento finale sul lago. Piccole parti per Agostina Belli e Vanna Brosio in discoteca. Discreto, nulla più.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 20/5/09 11:15 - 1500 commenti

Ordinaria riduzione del bel romanzo di Scerbanenco, ha dalla sua una certa cura formale ed un buon cast (anche se il ragazzino è inespressivo come pochi), ma l'atmosfera della pagina non filtra che in minima parte, purtroppo. Molte cose sono state ammorbidite (il personaggio di Livia, soprattutto) e là dove il film prende strade diverse dal libro (il finale, certo, ma non solo) toppa in modo clamoroso: perché quelle divagazioni leggere, come quando Livia viene arrestata dalla buoncostume? Dignitoso.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 24/6/08 13:09 - 6493 commenti

Discreto film, tratto da un bel romanzo di Scerbanenco, che ha il suo punto di forza nelle ambientazioni che vengono tratteggiate in maniera molto riuscita. Non male gli attori, con Adorf una spanna sopra gli altri e qua e là c'è anche qualche guizzo registico. Non un capolavoro, ma un solido e godibile prodotto di intrattenimento.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 1/12/09 23:48 - 1449 commenti

Onesto adattamento di un classico di Scerbanenco, il film semplifica la storia riducendola a un giallo d'investigazione, dove tre improvvisati detective (tra cui spicca l'ex medico Duca Lamberti, interpretato dal bravo Cremer) cercano l'assassino di una ragazzotta. Dopo i titoli di testa cartolineschi, Boisset risale usando bene alcuni scorci milanesi di periferia, tra cui il "solito" Naviglio pavese (vedi Milano Calibro 9) con le case di ringhiera ai margini della città, del benessere, di tutto quanto. Ironia della sorte, oggi costano una fortuna...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nel film appaiono le pubblicità di alcuni film francesi dell'epoca come "Tradimento" di Dassin.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Caesars 3/9/10 18:02 - 2245 commenti

Trasposizione cinematografica del bel romanzo di Scerbanenco, che, pur essendo abbastanza fedele all'originale letterario, non riesce a trasmetterne atmosfera e suspense. Colpa del regista più che degli interpreti chiamati a raccolta. Suscita curiosità la presenza di una giovanissima Raffaella Carrà e, in una particina, si fa notare anche la splendida Agostina Belli. Buona l'interpretazione di Bruno Cremer, che però non riesce a sollevare più di tanto le sorti di una pellicola. Da vedere sì, ma non certo memorabile.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 14/4/11 14:14 - 3282 commenti

Impostato in modo classico ma vario a livello di situazioni e location, il lavoro di Boisset si rivela interessante e alterna momenti gustosi (dagli shoot fotografici all'arrivo del dottore nella villa, al "total look" di Adorf) ad altri più prevedibili e ingessati. Alcune potenzialità rimangono sulla carta, ma è un film discreto.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 28/11/14 16:43 - 1305 commenti

Alcune cose buone per un piccolo film tratto dal classico del milanese di Kiev, che tanto ha influenzato il noir cinematografico italiano. Coppia d'attori ben scelta, buone location con bel senso opprimente e melanconico ma il film nel secondo tempo non raggiunge la tensione adeguata dipanandosi abbastanza piattamente nella soluzione del caso. Adorf, sempre magnifico caratterista (che incontrerà Scerbanenco di nuovo) ha le physique du rôle ma si vede poco. Un'occasione in parte perduta di girare un gioiellino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La "terapia"di Lamberti a base di rimorchio; Il cameo della giovane e deliziosa Raffa.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Daidae 15/8/09 0:14 - 2238 commenti

Bello. Si distingue per la validità degli attori (Cremer su tutti, bene anche gli altri). Una dolce e insolita Raffaella Carrà alle prese con un ancora più insolito Adorf con parruccone biondo. Finale un po' arruffato, con un errore tecnico madornale che solo i più accorti scopriranno.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Trivex 9/10/10 14:11 - 1309 commenti

Milano quaranta anni fa, con le macchine libere di inquinare Piazza Duomo, con le ragazze in minigonna e le trasgressioni ancora come vergogna. Dopo Romina, anche Raffaella è in catene nuda (ma la versione televisiva manca di qualcosa). Un giallo e nero, dove forse il buio è preponderante più del sole, con dei gran bei tocchi retrò e le problematiche asfissianti dei ricconi annoiati, che richiedono le cure di un (ex) medico praticante l'eutanasia. E tra un whisky e una sigaretta, osserviamo attenti investigatori capaci, giudici severi e boia crudeli.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Saintgifts 15/3/15 19:04 - 4099 commenti

È una sorpresa questo giallo (più thriller), ha un fascino particolare che non risiede in una caratteristica individuabile ma in un insieme che funziona bene, nonostante alcune pecche, per lo più attoriali, ma di contorno. Riesce a intrigare per le sue atmosfere che variano come le diverse ambientazioni. La figura di Cremer è determinante, leader indiscusso dai modi spicci; bene anche la Comtell e naturalmente il misterioso biondo (Adorf). La regia appare sicura, priva di fronzoli ed efficace. Buona e calibrata la colonna sonora.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 10/7/13 13:05 - 3100 commenti

Ispirato da un romanzo di Scerbanenco, il film appare come un noir discretamente strutturato che, nonostante non vi siano grandi sorprese, si guarda con interesse. Le inquietudini del giovane protagonista vengono mitigate da un corretto Cremer. Accattivante la Carrá che appare in un fugace nudo vedo non vedo, mentre la Comtell sorprende per eleganza e travestitismo; un laido Adorf completa il tutto. Valido.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Lucius  11/6/10 1:51 - 2580 commenti

Un buon giallo, forte nella parte iniziale, ma che comunque si mantiene su livelli di piena suficienza, grazie soprattutto alle buone interpretazioni maschili. La Carrà adatta per la parte, interpretata con estrema naturalezza, esce di scena troppo presto; peccato perché il suo personaggio incuriosiva. Belle le location e la colonna sonora. Se solo la sceneggiatura avesse osato di più avremmo avuto un valido thriller.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 22/9/13 7:13 - 2343 commenti

Uno di quei film impossibili da apprezzare per chi ha assaporato lo spessore della fonte letteraria. Boisset, pur in buona fede cinematografica, svilisce il robusto plot di Scerbanenco, aiutandone la fruibilità ma rendendogli un cattivo servizio. Così la pellicola scorre senza colpo ferire (e per un giallo non è un complimento), penalizzando particolarmente lo sviluppo dei rapporti tra i personaggi (Duca Lamberti/Davide e ancor più Duca/Livia). Cremer è credibile ma sfocato, Adorf laido il giusto, Raffa non è male... fin quando non le tocca fare il piagnisteo.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 23/8/14 8:44 - 1888 commenti

Il suicidio di una prostituta manda in crisi profonda un giovane di una famiglia perbene, con tutti i colpi di scena che ci si aspetta da un thriller. Si tratta in realtà solo di un giallo pallido con screziature noir, dove l'introspezione psicologica (che nel libro da cui è tratto c'è) viene superficialmente sorvolata, puntando sull'effetto action. Tra gli interpreti una giovanissima Raffaella Carrà (non doppiata) che, fortunatamente per lei e noi, prenderà altre strade nel sulfureo mondo dello spettacolo.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Fauno 2/2/11 16:02 - 1596 commenti

Per derivare da un racconto di Scerbanenco è nettamente inferiore agli altri film, firmati Tessari o Di Leo. Per fortuna Boisset non è un regista mediocre e con un cast limitato come numero di attori, ma valido per qualità, non ci fa sentire la tradizione francese dei film lenti e inconcludenti, almeno in quel periodo. Scene pese non ce ne sono, ma variazioni sul tema sì e il carisma di Cremer è un ottimo motore...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena dell'istigazione al suicidio, che è un bel calcio in bocca all'autolesionismo così comune nei giovani. Il maggiordomo impeccabile.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 14/9/16 11:56 - 1309 commenti

Molto meglio leggere il bel romanzo di Giorgio Scerbanenco anziché perdere tempo con questa sua fiacca e deludente trasposizione cinematografica, nettamente inferiore a quelle di Di Leo e, sopratutto, Tessari. Boisset altrove è riuscito a conciliare efficacemente spettacolo e denuncia sociale, ma qui fallisce su entrambi i fronti. Cremer era un buon attore, ma non c'entrava nulla con Duca Lamberti. Alla fine rimangono impressi l'insolito ruolo della Carrà e l'improbabile look di Mario Adorf. Trascurabile.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Tomastich 7/3/09 10:41 - 1169 commenti

Primo film derivato da un libro di Scerbanenco: si tratta di "Venere privata". Il film prende vita solo nella seconda parte, quando avviene l'incontro con la Ussaro e quando entra di scena il superlativo Mario Adorf (che anche in una parte di 5 minuti riesce a far cambiare giudizio sul film). A Raffaella Carrà fanno proprio una bella carrambata... povera Raffa.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Il Dandi 12/2/10 17:29 - 1161 commenti

Il giallo e il noir (spesso contrapposti) si fondono, tingendosi a tratti anche di rosa. La gran varietà di registri sconcerta molti spettatori, ma alcune atmosfere riuscite hanno fascino e la sceneggiatura si fa forza di riprendere alcuni ottimi dialoghi del romanzo di Scerbanenco. Anche se il finale è piuttoso edulcorato e "traditore" del libro, Cremer è un Duca Lamberti perfetto. Ambientazioni, costumi e colonna sonora (di Michel Magne) assai golose per i nostalgici dell'epoca.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'insofferenza reciproca tra Duca Lamberti e il maggiordomo. "Io prendo il caffè" -"Ho ritenuto mio dovere avvertire l'ingegnere..." -"Con dei tost".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Furetto60 8/3/13 9:27 - 1133 commenti

Tratto da uno dei migliori racconti di Scerbanenco cui il film si attiene abbastanza, pur eliminando alcuni personaggi, tra cui il poliziotto (Mascaranti). Cremer (il futuro perfido Espinosa de La piovra) offre un’ottima prova; peraltro beve come una spugna e fuma come una ciminiera, come costume dell’epoca (Bond docet). Appare anche la Carrà in versione bonazza, concedendo persino un nudo, peraltro molto castigato. Per una volta la Milano rappresentata è solare, a differenza di varie altre pellicole. Piacevole la colonna sonora funky style.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Faggi 9/11/17 16:55 - 930 commenti

A Milano, all'inizio di un decennio italico turbolento che sarà riscaldato da minigonne, solcato da trame incriptate, incendiato da bombe e colpito da pallottole; Bruno Cremer si muove disinvolto in un giallo (tratto dal mago Scerbanenco) virato in thriller dalle venature morbose. Oggetto inquieto, emotivo, non eccellente ma decente; intrattiene con onestà di genere. Non dispiace la giovane Raffaella Carrà e conquista il solido Mario Adorf nella parte di un ambiguo e viscido (nonché pericoloso) personaggio, squilibrato quanto basta.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Delpiero89 1/6/13 16:29 - 263 commenti

Non è facile esprimersi su questo film avendo letto da poco anche il libro da cui è tratto, un formidabile romanzo del grande Serbanenco. Se il libro può essere considerato nel suo genere una sorta di capolavoro, del film non si può dire certamente altrettanto. È sicuramente godibile, scorre discretamente e con una Milano affascinante, ma manca l'introspezione dei personaggi e un po' di virtuosismo nell'indagine. Si poteva sicuramente fare di meglio. Grandissimo, anche se per pochi minuti, Adorf.
I gusti di Delpiero89 (Giallo - Poliziesco - Western)

Mark 13/5/08 13:49 - 232 commenti

Di solito quando di un romanzo viene realizzata la versione cinematografica è sempre meglio non leggerne prima il libro perché poi, si sa, la delusione è quasi assicurata. Come prevedevo, la crudeltà, l'efferatezza, la mordacità del romanzo di Scerbanenco lasciano il posto ad una versione cinematografica incredibilmente ammorbidita, confezionata "ad hoc" in versione famiglia (se fossimo ai giorni nostri parleremmo di fiction e non certo di film). È come mettere Scerbanenco togliendo il nero della sua penna: che senso ha?
I gusti di Mark (Giallo - Poliziesco - Thriller)

ShangaiJoe 31/5/07 15:00 - 32 commenti

Pur essendo lontano anni luce dalle suggestioni del romanzo di Scerbanenco dal quale prende spunto, il film è comunque guardabile nella sua totalità... Se non altro per il curioso trio "Carrà mora, Adorf biondo, Cremer stonenghiano". Per il resto rimane, probabilmente, la trasposizione cinematografica meno riuscita tra le opere dello scrittore milanese interessate da tale manovra (e non sono poche). Sorprendenti le soluzioni ritmiche della colonna sonora.
I gusti di ShangaiJoe (Giallo - Horror - Thriller)