Cerca per genere
Attori/registi più presenti

•[1.08] MASTERS OF HORROR: INCUBO MORTALE

All'interno del forum, per questo film:
•[1.08] Masters of Horror: Incubo mortale
Titolo originale:John Carpenter's Cigarette burns
Dati:Anno: 2005Genere: horror (colore)
Regia:John Carpenter
Cast:Norman Reedus, Udo Kier, Gary Hetherington, Christopher Britton, Zara Taylor, Chris Gauthier, Douglas Arthurs
Note:Fa parte della serie ideata da Mick Garris "Masters of Horror"
Visite:2367
Il film ricorda:Il seme della follia (a Fabbiu, Undying, Redeyes, Tromeo), Il signore del male (a Buiomega71), La nona porta (a Caesars, Fabbiu, Undying)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 33
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 22/6/08 0:47 - 3971 commenti

La Fin Absolue du Monde è pellicola, realizzata da un eccentrico regista dell'Est, che si dice essere maledetta: dopo una prima proiezione, nella quale l'intero pubblico ha trovato la morte, pare essere rimasta una sola copia. Il proprietario d'un piccolo cinema, tale Kirby Sweetman (Norman Reedus), incaricato -dietro lauto compenso economico- dal ricco (e perverso) Bellinger (Udo Kier) si mette sulle tracce del nefàsto film ed inizia ad evere strane visioni. Piccola perla, di rara bellezza, nella prima serie dei Masters, in parte in linea con Il Seme della Follia. Carpenter omaggia Argento.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 24/6/07 22:15 - 3893 commenti

Bravo il giovane protagonista, ossessionato dal passato e strangolato dai debiti nel presente (incontrerà un individuo, anche lui ossessionato, ma da una pellicola creduta distrutta). A tratti questo mediometraggio è quasi delirante, ma con una forza perversa e maligna che lo rende assolutamente meritevole di visione. L’indagine è interessante e i dialoghi sono piacevoli. Segnalo: l’angelo, il critico, i cerchi del cambiorullo, cinema verità, gli occhi, la “pellicola alternativa”. Giusto finale (un sunto del delirio). Notevole!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il critico: "Questo non è un film; è un proiettile sparato nella scatola cranica dello spettatore".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 3/12/09 12:23 - 5589 commenti

La celebrazione cinefila nella prima parte - dal culto feticistico e divorante della pellicola introvabile e "maledetta" fino a Udo Kier e Profondo rosso - è promessa di un viaggio nei meandri arcani della psiche e del Male: promessa purtroppo non mantenuta, in quanto il senso di mistero e la tensione richiesti evaporano in una saga dello splatter più radicale e folle (stile Saw) e degli snuff movies, rivelando un Carpenter a corto di idee. Derivative musiche di Cody Carpenter, figlio del regista.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Schramm 19/11/07 16:59 - 1996 commenti

Sorta di variazione diramazione propaggine e quasi remake de Il seme della follia (là un libro, qua una pellicola), il discorso metafilmico non è fortunatamente sgomitato e asfissiante e Carpenter si conferma in grandissima forma, traslando sempre più in là il tema a lui più caro nell'immaginario cinefilo collettivo. La mitologia filmica come definitivo assedio del reale, stavolta senza ratio possibile a difesa del fortino. Un divertissment che lascia ben sperare sulla sua produzione futura.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 25/7/08 3:10 - 6317 commenti

Uno dei grandi maestri del genere ci regala uno dei migliori episodi della prima serie (se non il più bello in assoluto). Le atmosfere sono abbastanza inquietanti e malsane, la storia è piuttosto accattivante e coinvolgente ed evita di scivolare in banalità e facilonerie assortite, il ritmo è sempre abbastanza alto e non manca qualche bel momento splatter. Gustoso e divertente nonchè la conferma che Carpenter, anche a mezzo servizio se così possiamo dire, è sempre bravo e non scende mai sotto il livello di guardia.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 25/3/14 9:35 - 6123 commenti

"La fin absolue du monde" è una pellicola maledetta che perde chi la cerca e porta alla morte chi la guarda... Uno dei pochi veri "master" della serie ripaga l'inclusione con quello che, insieme al "politico" Candidato maledetto, è il suo capitolo migliore, certo quello più potente e visionario. Il film nel film viene mostrato giustamente solo a spezzoni, talvolta lampi subliminari, perché Carpenter sa bene che nulla di quanto può essere mostrato può inorridire quanto quello che possiamo immaginare. Allucinato, perturbante.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 24/4/08 13:36 - 2019 commenti

Carpenter perfeziona in meno di un'ora l'apparato metafilmico già innescato altrove: il processo creativo si fa varco dimensionale e linguaggio degli iniziati; la follia liberata, invasione delle forze entropiche nel reale; il mondo, espressione dell'ordito immanente e indecifrabile del Male. Per Carpenter lo splatter è politico: più dimostrativo di un'infrazione allo sguardo che funzionale al racconto. Alcune soluzioni visive restano un tantino ingenue ma la tensione è feconda di orrori, la ritmica inarrestabile e avvolgente, musiche spettrali. Millenaristico e arcano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La proiezione delle viscere; il regista di snuff.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 1/3/07 11:13 - 2229 commenti

Carpenter ha girato veri capolavori ma ogni tanto ci regala anche film poco riusciti; purtroppo "Cigarette burns" appartiene proprio a quest'ultima categoria. La storia non riesce a decollare mai ed è piena di ingenuità (possibile che fosse così difficile immaginare chi avesse l'unica copia della pellicola?) e la mano di Carpenter si sente decisamente poco. Gli amanti dello splatter saranno soddisfatti in un paio di frangenti, ma per il resto niente da ricordare.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 12/4/08 14:37 - 4576 commenti

Carpenter dirige con stile ed eleganza e crea un clima di tensione davvero all'altezza (si può tagliare con il coltello!). Gli attori sono abbastanza sconosciuti (eccezion fatta per la partecipazione del mito Udo Kier), ma la storia procede senza intoppi fino a un degno e sanguinoso finale. Ottimo, ottimo. Da segnalare il momento in cui il detective si imbatte nell'uomo che commisiona per se stesso snuff-movie.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 31/12/08 16:30 - 2752 commenti

Capitolo della serie Masters of horror riuscito ed interessante. La prima parte è magistrale e soprattutto per chiunque si fosse cimentato nella ricerca di film "introvabili" (qui abbiamo un detective alla ricerca di un film "maledetto" andato quasi perduto). Nel secondo tempo il registro cambia, i toni diventano quelli dell'horror onirico e se alcuni passaggi funzionano alla grande, molte soluzioni stonano abbastanza ed altre appaiono assai semplicistiche. Comunque un film intrigante e godibilissimo.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Matalo! 8/11/08 16:51 - 1267 commenti

Interessante film per la tv di Carpenter, anche se devo dire che la parte finale mi ha un po' deluso; non per come finisce ma per la breve messinscena del film maledetto, che tanta impressione non fa (era meglio non mostrare nulla). Ma Udo Kier che proietta le viscere, l'aria tormentata del protagonista e il regista snuff colgono nel segno un corto impregnato di disperazione sulfurea. Beh che dire? Da noi nessuno gira un telefilm così; neanche Argento (e troviamo un omaggio da parte di Carpenter). Ma non glielo farebbero neanche fare.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 15/4/11 1:30 - 3547 commenti

Episodio firmato da Carpenter, che realizza una storia abbastanza inquietante, con echi dal suo classico Il seme della follia. Niente male l'atmosfera funerea e macabra, così come l'idea di partenza; non mancano nemmeno un sentito omaggio all'amico/collega Argento e qualche gustosa scena splatter. Il cast non brilla, anche se fa piacere rivedere il mitico Udo Kier. Lo svolgimento è talvolta un po' frammentario e tutto sommato qualche lungaggine per raggiungere il minutaggio si nota, ma nel complesso è un lavoro prossimo al buono.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

G.Godardi 23/5/07 18:55 - 960 commenti

Un Carpenter in grande forma, con una storia metacinematografica (e autoriflessiva, che è anche un omaggio al cinema d'avanguardia) che pare una variante de Il seme della follia. Onirico e allucinato, Carpenter fa i conti con altri autori (Lynch) e altre cinematografie horror (giappone - The Ring - ma anche il cinema europeo, vedi la presenza di Kier), lavora direttamente sulla materia filmica (la pellicola) e rende inquetanti quei piccoli cerchi ("bruciature di sigarette") che di tanto in tanto captiamo mentre vediamo un film. Un piccolo gioiellino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apparizione dell'inqueietante angelo senza ali.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Hackett 6/11/08 16:40 - 1332 commenti

Uno dei migliori episodi di una serie (Masters of Horror) spesso abbastanza deludente. Il film di Carpenter ha una buona visionarietà ed una trama che (pur ispirandosi al presedente film del regista, il seme della follia con qualche spruzzata del polanskiano la nona porta) risulta avvincente e a tratti davvero inquietante. Gli angeli cinematografici di Wenders sono un po' lontani, sangue ovunque, ci si diverte.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 28/10/10 20:50 - 395 commenti

Si contende la palma di migliore episodio della serie insieme al mediometraggio di Miike. Possiede una qualità rara, l'originalità che latita nel panorama attuale. È una storia metacinematografia, mediante la quale il regista si dimostra anche un buon direttori d'attori: riuscire nell'impresa di far recitare bene Udo Kier è sempre una nota di merito. Visionario e citazionista (omaggio a Profondo rosso).
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Redeyes 2/8/15 11:31 - 1809 commenti

Carpenter riprende e, può apparir sacrilego lo so, migliora il suo folle seme. Nonostante la breve durata si fatica a trovar difetti apparenti al film e si prova difficoltà persino a paragonarlo al resto della serie in cui è contenuto. Con un senso di desolazione e marciume, di rancore e autoflagellamento si giunge fino a un finale che d'accordo, ci aspettiamo, ma che non delude per niente. Musiche azzeccate e buone prove attoriali. Eccellente!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 8/3/10 9:01 - 1768 commenti

è un horror girato con stile e gusto, che sa essere originale nonostante strizzi l'occhio a diverse pellicole del genere (in primis Il seme della follia dello stesso Carpenter); il protagonista è molto bravo. Sono coinvolgenti le musiche in sottofondo; ciò che proprio non ho sopportato sono state certe "chiacchierate" troppo dispersive ed improbabili ma che si riescono a perdonare visto l'accuratezza di tutto il resto. Il film infatti scorre tranquillo senza sostanziali ricadute; con decenti momenti angosciosi.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Supercruel 25/5/10 14:46 - 498 commenti

Carpenter trae spunto dal proprio lavoro e dirige una variazione del canovaccio narrativo de Il seme della follia. La mano del Maestro è davvero ispirata, per uno dei migliori episodi della prima stagione della serie Masters of Horror. La creazione della tensione è da manuale, le interpretazioni sono tutte di livello (grande Udo Kier) e la sceneggiatura si rivela solida e senza momenti inutili. Molto azzeccato il finale, uno svolazzo horror-onirico di pregevolissima fattura. Un gioiellino.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Pinhead80 15/6/09 14:08 - 2782 commenti

Forse insieme ad Imprint di Takashi Miike, uno degli episodi più riusciti della serie. La pellicola "la fin absolue du mond" rivelerà a chi la guarda la vera essenza dell'animo umano e le persone sono spinte da un irrefrenabile ricerca di questa visione, di questa "realtà". Vi sono presenti alcune scene di notevole impatto visivo ed emotivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Un nuovo tipo di pellicola nel videoproiettore...".
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Belfagor 24/2/12 10:11 - 2451 commenti

La ricerca di un film maledetto ("La fin absolue du monde", già dal titolo...) è alla base di uno degli episodi migliori della serie. Carpenter sa ancora come fare il proprio lavoro, nonostante le limitazioni del cast non molto brillante (con l'eccezione di Kier) e del taglio televisivo. Al di là dell'uso argentiano del sangue, che non manca, piacerà ai cinefili anche per la morale ironica: l'ego registico e l'ossessione per il metacinema sono due bestie da tenere ben strette al guinzaglio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La proiezione "viscerale".
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 4/1/12 17:14 - 2280 commenti

L'episodio di Carpenter è la indimenticabile buccia di sigaretta sulla scontata ed alimentare serie M.O.H. Il buon John torna in quello che fin dagli esordi è stato il suo territorio di pertinenza, il metacinema, ma per la prima volta lo fa direttamente, senza diaframmi, parlando cinema al cinema e divertendosi ancora a terrorizzarci con le nostre ossessioni. Non è un'opera impeccabile: alla complessa concettualità corrisponde un immaginario visivo giocoforza televisivo (lo stesso dicasi per il cast con l'eccezione di Kier), ma c'è del genio sulfureo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'angelo; I due titoli: La fin absolute du monde e Cigarette burns.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Buiomega71 14/12/10 21:55 - 1619 commenti

Probabilmente il miglior episodio dell'intera serie. A 4 anni di distanza da Fantasmi da Marte, il sommo Carpenter torna più feroce e visionario che mai e condensa in 56 minuti quello che è forse il suo capolavoro del nuovo millenio: citazioni colte cinematografiche, snuff movie, splatter, intestini usati come macabra pellicola, finale apocalittico e l angelo incatenato, senza ali, non si scorda più! L'absolute fin du monde: vieni, vedi e impazzisci!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, un pugno nello stomaco come non se ne vedevano da tempo.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Stefania 26/8/11 4:16 - 1602 commenti

"La fin absolue du monde" sono le Colonne d'Ercole dell'universo razionale. Oltre, si spalanca l'inferno che brucia dentro a ciascuno: i desideri più perversi, i rimorsi più tenebrosi, i segreti più inconfessabili, "le future attrazioni dell'anima" per l'invincibile magnete del Male. Perciò, i titoli di coda de "La fin absolue du monde" sono la liberazione di un angelo in catene. Non trova, questa apocalisse dell'anima, altra epifania che l'orgia di sangue di un splatter tutto sommato prevedibile, ma non c'era spazio per un linguaggio più allusivo. Siamo MOLTO contenti lo stesso...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apparizione della ragazza nell'ascensore. L'angelo incatenato. L'autosbudellamento e le viscere nel proiettore. .
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Greymouser 27/5/10 9:19 - 1442 commenti

Caro John, visto che sei ancora capace di concepire per la TV un gioiello terribilmente sublime come "Cigarette burns", non credi sia giunto il momento di tornare dietro la MdP e regalarci un grande film come ai vecchi tempi? La domanda mi è sorta d'imperio, perchè - signori - di fronte alla visione di un lavoro come questo, dalla trama morbosamente intrigante, dalle invenzioni visive conturbanti, dal concept complesso e affascinante, c'è solo da togliersi il cappello. Se fosse stato un lungometraggio, sarebbe un capolavoro senza condizioni. Pessimo il titolo italiano.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Tomastich 12/1/13 10:49 - 1169 commenti

Un grande John Carpenter svetta su tutti gli altri suoi colleghi in questa prima serie di M.O.R. Riesce a creare una pellicola che ben si riallaccia alla sua filmografia e nello stesso tempo offre nuovi spunti di paura veramente oltre la soglia concessa allo spettatore medio.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 4/7/15 11:27 - 1090 commenti

Una delle punte più alte della serie ci è regalata da John Carpenter, che confeziona questo piccolo gioiellino di puro orrore intriso di metacinema. Soffre poco l’impostazione televisiva e gode di un buon cast, dove spicca Udo Kier, perfetto nei panni di un ambiguo collezionista. Avrebbe meritato un doppiaggio differente, con delle voci meno televisive, ma ancora una volta Carpenter si conferma sopra la media.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Mdmaster 12/11/10 15:50 - 802 commenti

Il primo episodio della serie Masters of Horror che son riuscito a vedere, in effetti ha alzato parecchio il tiro rispetto agli altri. Carpenter traccia un sentiero piuttosto unico, che ricorda effettivamente La nona porta vs 8MM, ma introduce l'elemento originale del film maledetto che mi è davvero piaciuta. Il finale esplode in una goduria grandguignolesca come solo John sa fare, stemperando un po' la tensione. Discreto il cast, fa piacere soprattutto rivedere il buon Udo. Certamente non meraviglioso, ma godibile; poi rispetto alla media...
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Vito 19/3/17 16:06 - 393 commenti

Episodio allucinato e onirico by John Carpenter. La ricerca del film maledetto "La Fin Absolue du Monde" è un viaggio nel terrore più puro tra follia, snuff movies e cannibalismo, un vero e proprio pugno in faccia allo spettatore. Mi ha molto ricordato Il seme della follia; anzi, dato il finale di quello, sembra un vero e proprio sequel.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'angelo con le ali strappate; Udo Kier che mette le proprie budella nel proiettore; La citazione a Profondo rosso durante la scena nel cinema.
I gusti di Vito (Fantastico - Horror - Western)

Manowar79 18/6/09 15:09 - 309 commenti

Genio e sregolatezza. Carpenter supera se stesso e ogni aspettativa regalandoci una confezione intrisa di visioni, paura, sangue e delirio, perfetta in ogni sua parte, oscura e nichilista ben oltre qualsiasi standard. Argento sarà stato pure un grande Master of Horror ma, per come stanno adesso le cose, Carpenter è indiscutibilmente il Numero Uno: angeli in catene, ossessioni che conducono all'irrazionalità, bruciature di sigarette dolorose come gli spettri del passato. Un autentico capolavoro.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Ale56 8/7/10 16:54 - 229 commenti

Uno degli episodi più belli della serie americana dedicata ai maestri dell'orrore. Diretto dal maestro Carpenter, "Cigarett Burns" è interpretato ottimamente da Reedus e Udo Kier, miliardario che prima di morire è disposto a pagare 200.000 dollari pur di poter vedere "La fin absolue du mond", trucido splatter che in una proiezione fece svariate vittime. Surreale, a tratti visionario, Carpenter dirige con gran maestria un capolavoro della serie con un occhio rivolto a Darione Nostro, ommaggiato diverse volte. Eccezionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Diversi inserti splatter notevoli, della ditta Nicotero/Berger, l'incontro con la moglie del regista, le budella riavvolte, lo score musicale.
I gusti di Ale56 (Comico - Horror - Thriller)

Cinevision 20/11/07 20:57 - 72 commenti

Un film maledetto ("La fin absolue du monde") che provocò un delirio di sangue alla proiezione è il motore di questo interessante episodio. Un detective, su commissione di un ricco collezionista, si mette alla ricerca della pellicola talmente malefica da provocargli terribili visioni tanto che ad un certo punto non si capisce più cosa è realtà e cosa è sogno. Bello e ricco di trovate il finale, debole la parte centrale e banale il ritrovamento del film. Non male comunque, Carpenter è sempre grande.
I gusti di Cinevision (Fantascienza - Horror - Poliziesco)

Tromeo 23/4/08 15:41 - 52 commenti

Grande film televisivo diretto da un maestro dell'horror. "Cigarette burns" dimostra come Carpenter sia ancora capace di dirigere un film splendido, con sequenze ad alto tasso splatter (come mai aveva fatto prima), con una storia spaventosa e tesa sino all'ultimo.
I gusti di Tromeo (Horror - Poliziesco - Thriller)

Almanot 22/12/16 14:26 - 39 commenti

L'azione è strutturata in forma investigativa, scandita nel contraltare incalzante di ambienti e referenti ben differenziati, sostenuta da una tensione che non lascia pause e che fa dimenticare il tempo che passa. Il carattere di fondo, invece, è quello di un horror metafisico, giocato sul doppio piano della proiezione del film maledetto e dei suoi effetti sulla realtà. Le descrizioni del film e i frammenti mostrati - di grande suggestione visiva - si dispongono su di un'unica traiettoria emotiva. Sontuoso episodio della serie.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La tortura dell'angelo.
I gusti di Almanot (Azione - Guerra - Horror)