Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DEADPOOL 2

All'interno del forum, per questo film:
Deadpool 2
Titolo originale:Deadpool 2
Dati:Anno: 2018Genere: action (colore)
Regia:David Leitch
Cast:Josh Brolin, Ryan Reynolds, Morena Baccarin, Zazie Beetz, Brianna Hildebrand, Brad Pitt, Bill Skarsgård, Matt Damon, T.J. Miller, Terry Crews, Rob Delaney, Alan Tudyk, Julian Dennison, Lewis Tan, Jack Kesy
Visite:354
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/5/18 DAL DAVINOTTI
Esagerato? Certo: che ci si poteva aspettare dopo un numero 1 tanto scatenato, caotico e irriverente? Deadpool è l'altra faccia dell'universo Marvel, quella che di tutta l'indistinta massa fumettistica sbancabotteghini fa un unico fascio da prendere per i fondelli in un'orgia di citazioni cinematografiche e metacinematografiche. Parodia insomma, appena edulcorata da una sua storia di fondo che esiste e vede il nostro (Reynolds) combattere per vendicare la fidanzata uccisa. Ci riesce in pochi minuti, ma depresso viene poi ingaggiato come “stagista” negli X-men e chiamato a fronteggiare il giovane Russel (Dennison), un ragazzo grassoccio che spara palle di fuoco dalle mani. Finiti in prigione entrambi, si troveranno in breve a capire chi sia Cable (Brolin), un uomo venuto dal futuro le cui intenzioni sembrano alquanto fumose. Deadpool in questo sequel salta da destra a sinistra, sbatte contro i parabrezza e si fa esplodere riportandoci alle evoluzioni al fulmicotone del numero 1. Perché ci sono tonnellate di azione nel film, e prima ancora della dissacrante ironia che lo pervade è quella a dare la direzione. Eppure l'anima demenziale sa emergere comunque in maniera preponderante liberando gag in alcuni casi memorabili: la missione in paracadute della squadra di X-force (un nome scelto in contrapposizione a quello “sessista” degli X-men) lascia allibiti per come si conclude e segna il solco rispetto all'ironia comunque contenuta sempre in buone dosi nella gran parte dei prodotti Marvel (premio fantasia per l'averla commentata con la milionesima utilizzazione al cinema di "Thunderstruck" degli AC/DC). Ci mostra quanto la sceneggiatura, pur offuscata dalla frastornante azione, dal ricorso costante agli effetti speciali, dal montaggio serratissimo, sia molto più studiata nelle situazioni e nelle battute rispetto alla gran parte dei copioni utilizzati dagli ormai numerosissimi film legati all'universo Marvel. Deadpool è a suo modo unico, pur non essendo certo il primo esempio di “parodia mascherata” (in ogni senso) di un genere che oggi tira come pochi altri. Esibisce una grinta spesso sconosciuta ai colleghi, una brillantezza nei botta e risposta (grande merito va anche a Francesco Venditti, perfetto nel doppiare il protagonista) che lo colloca inevitabilmente nell'alveo dei simpatici, dove anzi si può dire primeggi. Sarebbe ingiusto chiedere, di fronte al gran numero di gag prodotte, una qualità costantemente alta, ma ci si può accontentare di ciò che davvero diverte e stupisce per l'immaginazione a sostegno di alcune idee. Rispetto a una prima parte fin troppo sgangherata e caotica, la seconda, dall'arruolamento della squadra di supereroi in avanti, si fa più trascinante, viva e ricca di personaggi azzeccati nella loro stramberia: lo svanitore, la fortunata, quello coll'alito corrosivo, il normalissimo “uomo coi baffi”... Alle prese con problemi di difficile risoluzione, Deadpool più volte giunge sulla soglia dell'Aldilà e dell'incontro con la sua ragazza defunta per poi vedersi ricatturare dalla vita, che lo riporta indietro non appena le cellule si rigenerano. Eccellente ancora una volta la scelta dei brani musicali a commento, con particolare menzione per la splendida versione "Mtv unplugged" di "Take On Me" degli A-ha. Naturale che a fine film - e dopo gli immancabili scherzi sui titoli di coda - si provi la sensazione di aver visto una gigantesca sciocchezza. DEADPOOL 2 lo è, ma Ryan Reynolds, che (non da solo) ha scritto, prodotto e interpretato da protagonista questo sequel riproponendo con gusto la stessa identica formula del numero 1, conferma un talento non comune. Brad Pitt si vede per un attimo all'apparire dello svanitore.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 20/5/18 19:31 - 4057 commenti

Per un simile personaggio l'originalità del primo impatto assoluto è determinante; e qui, essendo un secondo capitolo, questa fondamentale caratteristica non c'è più. Ma bisogna ammettere che, dopo un inizio non proprio benaugurante, soprattutto per la parentesi nel carcere (poco interessante), la pellicola decolla, letteralmente, con l'aereo e il lancio della squadra, che resterà nella storia. In più, battute e scambi, come sempre oltre il limite, ma decisamente sfiziosi, riescono a fare da carburante a questo carrozzone di fenomeni da baraccone e psicopatici, più che di super eroi. Riuscito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "L'amavo come l'oceano ama l'acqua". "Ma l'oceano è acqua"; Al viaggiatore del tempo: "Quanti Sharknado hanno girato?"; Le gambine accavallate. .
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

124c 21/5/18 2:02 - 2544 commenti

Ryan Raynolds è nuovamente Deadpdool, l'assassino mutante chiacchierone e il film è, comw da prassi, una commedia action politicamente scorretta e violenta dove il protagonista vomita riuscite battute di ogni risma. Ryan Raynolds si circonda di buone spalle, come il Cable di Josh "Thanos" Brolin e la Domino di Zazie Beetz, seguendo una strampalata trama che fa molto parodia di Terminator. Non mancano i camei di Colosso e di Morena Baccarin, mentre una divertita Celine Dion intona la canzone del film. Divertente, sboccato e fuori di testa.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Fabbiu 21/5/18 2:05 - 1821 commenti

Temevo che la ricetta dell'irriverente primo Deadpool avrebbe potuto stancare, in un sequel, ma non è affatto così! C'è da divertirsi, non solo per i folli e sterminati dialoghi colmi di riferimenti e insiti nella logorrea del protagonista (ma anche del suo amico barista) o per alcune gag che hanno del memorabile, ma anche per il costante osare, eccedere, ostentare - in modo costantemente strafottente e spassoso - la presa in giro al filone, questa volta grazie anche a una nutrita squadra di comprimari e folli eroi. Non smette mai di stupire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Atterraggio con il paracadute della squadra X-Force; Il mitico Peter.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)