Cerca per genere
Attori/registi più presenti

COME UN GATTO IN TANGENZIALE

All'interno del forum, per questo film:
Come un gatto in tangenziale
Dati:Anno: 2017Genere: commedia (colore)
Regia:Riccardo Milani
Cast:Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, Luca Angeletti, Antonio D'Ausilio, Alice Maselli, Simone de Bianchi, Claudio Amendola
Visite:613
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/1/18 DAL DAVINOTTI
E' ancora una volta l'incontro/scontro tra alto e basso, ricco e povero, coatto e borghese a dare linfa vitale per una commedia che sul contrasto tra due mondi apparentemente inconciliabili pone le proprie basi. La differenza, in casi simili, la fa l'approccio; che può essere serioso, agrodolce o, come in questo caso, decisamente teso alla commedia disimpegnata e farsesca. E infatti si ride in più occasioni, maggiormente rispetto alla media grazie anche a una coppia d'attori eccellenti nei rispettivi ruoli, capaci di dare insospettato spessore anche a personaggi disegnati piuttosto grossolanamente. Monica (Cortellesi) e Giovanni (Albanese) stanno agli antipodi, ma i loro figli si piacciono. E così si finisce in un'INDOVINA CHI VIENE A CENA filtrato dall'ottica progressista di lui, che ha cresciuto la figlia nel rispetto dell'uguaglianza sociale ma che di fronte all'idea di vederla uscire con un ragazzetto di Bastogi (quartiere romano che "al confronto Scampia è un centro benessere, una spa") si accorge di quanto gli ideali valgan bene finché non toccano interessi propri (vecchio adagio sempre valido). Il film favorisce le esagerazioni dialettali di una Cortellesi in gran forma (anche fisica) e i più contenuti rimproveri di un Albanese che sa gestire ancora una volta nel migliore dei modi il disagio interiore. L'abilità di Milani e dei suoi sceneggiatori sta nel limitare le banalità legate agli stereotipi individuando tra i due un possibile punto d'incontro, una vicinanza insospettabile che trova in sequenze come quella al cinema (a vedere un film armeno sottotitolato) la dimostrazione di come poter raccontare le differenze senza ricorrere alle abituali sguaiataggini. Proprio perché i due protagonisti mostrano un eccellente affiatamento, la complicità velata anima situazioni spassose come la parte sulla spiaggia di Coccia di Morto, un mondo "ai confini della realtà", come lo definisce Giovanni. Le non sempre felicissime trovate del soggetto si fanno invece evidenti quando mancano attori in grado di coprirne i difetti: troppo ripetitiva l'idea dello "shopping compulsivo" delle due gemellone ladruncole da supermarket ad esempio, interpretata con eccessivo macchiettismo teatrale la figura dell'ex moglie di lui, Luce (Bergamasco), che prevedibilmente passa dalla gioia (sulla carta) per la figlia innamorata di un ragazzo del popolo alla presa di coscienza che quando è troppo e troppo, specie all'apparire, durante una cena, del padre (Amendola) del ragazzo, appena uscito dal carcere per aver "spanzato" un tizio in fila al bar. La seconda parte infatti, in cui più si sente l'esigenza di trovare una morale al tutto per nobilitare gli intenti, tende lentamente a spegnersi nei ripensamenti dei due protagonisti, spaesati e indecisi. Un film quindi imperfetto, un po' qualunquista, per certi versi non all'altezza delle potenzialità della coppia protagonista ma a tratti centrato ed efficace, certamente più nelle sue ambizioni comiche che in quelle di facile denuncia sociale. Il gatto in tangenziale è il paragone usato da Monica per definire qualsiasi cosa abbia vita evidentemente molto corta...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 4/1/18 18:11 - 2410 commenti

Cosa accadrebbe se la figlia teen-ager di un benestante radical-chic prendesse una cotta per un quattordicenne di borgata romana con madre coatta? Ce lo spiega Milani attraverso il classico meccanismo dell'incrocio tra due personalità del tutto diverse, qui reso ridanciano e coinvolgente grazie soprattutto alla straordinarietà dell'accoppiata Albanese/Cortellesi, in stato di grazia. Un'ora e mezzo di sano umorismo molto ben spalmato su di una struttura narrativa complessivamente convincente, così come lo sono alcuni dei coprotagonisti.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Mco 7/1/18 12:47 - 1882 commenti

Poli opposti in cerca di attrazione. Uno è confinato nella critica banlieue, l'altro suggella i suoi pensieri in conferenze internazionali. Ma le distanze non sono incolmabili e la spiaggia dove si mangiano peperoni non è così lontana da quella deserta dove si leggono romanzi d'élite. Albanese-Cortellesi è un duetto che funziona, più per l'istrionismo di lei a dire la verità, sebbene all'Antonio nazionale non manchi la verve autoriale. Un filo di retorica lo si concede in un contesto come questo. Ma il divertimento intelligente è assicurato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La discussione a tavola tra Albanese e Amendola.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Rambo90 4/1/18 23:24 - 5033 commenti

Divertente. Una commedia che abbonda di stereotipi e dalla trama abbastanza abusata ma declinata nel modo migliore: tante gag, aria di farsa ma mai sgangherata. La sceneggiatura è ben oliata e il ritmo giusto senza mai rallentare troppo o velocizzare i passaggi. Ci sta anche una moralina finale, condivisibile ed espressa in modo non eccessivamente pedante o improvviso. Bravissimi i due protagonisti, un Albanese naturale e una Cortellesi sopra le righe ma con classe (e un breve ma gustoso intervento di Amendola). Da vedere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Ultimo 5/1/18 13:59 - 1087 commenti

Una buona commedia di Riccardo Milani, ben riuscita grazia alla prova convincente del duo Albanese/Cortellesi, due personaggi agli antipodi le cui vite si incrociano per "volere" dei rispettivi figli. L'idea è quella di rappresenzare il disagio di alcune aree periferiche delle città mantenendo un ritmo quasi sempre alto che permette al film di scorrere senza problemi. Come spesso accade in pellicole di questo genere si cede un po' nel finale. Promosso in ogni caso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La spiaggia di Coccia di morto; La sequenza iniziale (occhio al parabrezza dell'auto).
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Gabrius79 5/1/18 23:58 - 1023 commenti

Riccardo Milani riunisce la coppia Albanese-Cortellesi e per buona parte centra l’obiettivo con un film un po' moralistico ma a tratti efficace grazie anche alla bravura dei protagonisti. La Cortellesi con la sua rozzaggine diverte, mentre Albanese è più misurato e a freno. Gustosi camei di Franca Leosini e Claudio Amendola. La Bergamasco sulla sufficienza. Buon ritmo che nel finale tende a spegnersi, ma lo spettacolo è comunque godibile.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Gius 8/1/18 10:47 - 35 commenti

Pesante commediola con un Albanese che purtroppo non fa ridere e una pessima Cortellesi, che qui recita non al meglio. Il film non brilla per originalità e si dilunga stancamente con gag ormai stereotipate. Compare per poco anche Amendola, bravo nella parte a lui congeniale di coatto. Per il resto solo una gran noia. Peccato solo per Albanese, qui decisamente sprecato.
I gusti di Gius (Giallo - Horror - Poliziesco)

Hiphop 22/1/18 10:50 - 10 commenti

Sulla base di stereotipi consolidati e invero poco originali ecco invece un film fresco, che non annoia e qualche sorriso lo strappa. Validi i due protagonisti, meno le figure di contorno. La Cortellesi è comunque bella, il che non guasta. Albanese misurato rende abbastanza, il che non è una novità. Meglio i ricchi o i poveri? Pareggio, in attesa dei supplementari.
I gusti di Hiphop (Animali assassini - Documentario - Drammatico)