Cerca per genere
Attori/registi più presenti

XX - DONNE DA MORIRE

All'interno del forum, per questo film:
XX - Donne da morire
Titolo originale:XX
Dati:Anno: 2017Genere: horror (colore)
Regia:[4e] Vari
Cast:Natalie Brown, Jonathan Watton, Peter DaCunha, Peyton Kennedy, Melanie Lynskey, Seth Duhame, Sanai Victoria, Sheila Vand, Casey Adams, Breeda Wool, Angela Trimbur, Morgan Krantz, Christina Kirk, Kyle Allen, Mike Doyle, Brenda Wehle
Note:Episodi: "Don't Fall", di Roxanne Benjamin; "Her Only Living Son", di Karyn Kusama; "The Birthday Cake", di St. Vincent; "The Box", di Jovanka Vuckovic.
Visite:208
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/8/17 DAL BENEMERITO HACKETT

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Hackett 13/8/17 19:20 - 1544 commenti

Film antologico composto da quattro episodi che hanno donne come protagoniste e fulcro della vicenda. Si parte subito bene con un primo capitolo che lascia una sottile inquietudine, successivamente si gioca sul filo dell'ironia e l'episodio finale è un chiaro omaggio al filone demoniaco alla Rosemary's baby. Ciò che stona invero è il terzo episodio, abbastanza slegato dal resto, che tralascia l'elemento di fondo (la maternità) presente e preponderante nel resto del film.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Il ferrini 12/10/17 17:29 - 1132 commenti

Antologia tutta femminile (script, regia e protagoniste) e per questo prima e unica nell'horror, come viene specificato negli extra. Il risultato è diseguale: buono "The Box" (che ricorda vagamente One point O) divertente "The Birthday Party", che punta più sul black humor, più scontati gli ultimi due; "Don’t Fall" (solita strage di campeggiatori alla Venerdì 13) e "Her Only Living Son" (ennesimo ragazzino anticristo) anche se girato molto bene dalla Kusama (già apprezzata per The invitation). Belli gli intermezzi in stop motion fra gli episodi.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Pumpkh75 16/10/17 14:47 - 1056 commenti

Non del tutto appagante. Parte bene con l’oscuro disagio di un primo episodio perfetto nel suscitare brividi e un secondo, con toni da black comedy, riuscitissimo nonostante si camuffi da sciocchezza. Eccoci però alle note dolenti: la Kusama ha estro ma lo spreca in una rilettura convenzionale del tema dell’antictisto, il terzo episodio è un incoerente pugno nell’occhio in cui solo il make-up della creatura è da salvare. Stessa sorte per la stop-motion che lega gli episodi: da uno stupito “Ellapeppa!” a un seccato “Che pizza!!!”. Diseguale.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Anthonyvm 15/3/18 1:52 - 383 commenti

Meno "femminista" di quanto mi aspettassi (Holidays lo è di più), è un film antologico modesto la cui cornice (le surreali vicissitudini di una bambola vivente animata in stop motion, che ricorda Svankmajer) è meglio degli episodi stessi. "The box" è criptico ed efficace, si presta a diverse letture, peccato per il finale che non soddisfa; "The birthday cake" è una barzelletta nera; "Don't fall" sembra uscito da Creepshow ed è l'episodio più banale ma il più divertente; "Her only living son" è Rosemary's baby 18 anni dopo, niente di che. Decente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le splendide animazioni a passo uno che separano un episodio dall'altro, in un clima sospeso da fiaba dark: salvano il film stesso dalla mediocrità.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Fedeerra 17/1/18 5:06 - 223 commenti

"The box": senza dubbio l'esperimento più misterioso e malato della pellicola, pieno di atmosfere malate e con un gran finale sospeso. "The birthday party": non un horror ma un godibile racconto che si diverte a giocare con un'ironia macabra e grottesca. "Don't fall": slasher che si ispira ai classici degli Anni 70/80, violento, adrenalinico, dalla struttura semplice ma efficacissima. A chiudere l'opera ci pensa il polanskiano "Her only living son", una sorta di Rosemary's baby proiettato ai giorni nostri. Una piccola ma lussuosa antologia, da vedere.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)