Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE RING 3

All'interno del forum, per questo film:
The Ring 3
Titolo originale:Rings
Dati:Anno: 2017Genere: horror (colore)
Regia:F. Javier Gutiérrez
Cast:Matilda Anna Ingrid Lutz, Alex Roe, Johnny Galecki, Vincent D'Onofrio, Aimee Teegarden, Bonnie Morgan, Chuck David Willis
Note:Terzo capitolo della serie americana di "The Ring".
Visite:337
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/3/17 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 14/7/17
Sequel che ricalca l'eccellente remake americano del 2002 riproponendosi come ulteriore remake mascherato con variazioni. Dal classico di Verbinski riprende soprattutto la struttura divisa in due parti distinte: la prima di orrore puro legata alle apparizioni shock di Samara (Morgan), la seconda articolata seguendo una precisa fase di detection in cui i protagonisti partono in viaggio per rintracciare le origini della ragazzina maledetta. Gutiérrez perde per strada, inevitabilmente, molto del fascino che nasceva dalla qualità della regia di Verbinski e dalla particolare fotografia immersa nell'azzurro scuro dell'modello (qui si vira più in direzione del verde), ma sa comunque gestire con discreta abilità entrambe le fasi. Un po' meno la prima a dire il vero, in cui la solita solfa della VHS killer ci porta a qualche vaga riflessione sul vintage e l'obsolescenza della tecnologia. Il resto è occupato dal settarismo giovanile tra studenti e dalle peripezie di Julia (Lutz), una ragazza che finisce in pieno dramma per colpa del proprio partner (Roe), tra le tante vittime del video maledetto costretto a cercare una "coda", ovvero un'altra persona a cui mostrarlo per salvarsi (o dopo sette giorni addio). Lo aiuta appunto Julia, decisa a sottoporsi alla visione – contro il volere di lui - per impedire che muoia. La reazione del video sulla giovane è però singolare, perché si scopre che la "sua" copia del filmato è più pesante e nasconde segmenti inediti, mai visti da nessuno. E' seguendo questi (e le indicazioni di un professore) che la coppia protagonista raggiungerà Sacrament Valley, la cittadina di Samara. Qui si apre la parte meno originale ma più stimolante, non del tutto sfruttata a dovere dal regista ma che nell'ultima fase ritrova una bella capacità di fondere la realtà di interni spettrali con sequenze inedite del video di Samara (ancora una volta i momenti più suggestivi del'intero film, a conferma di quanto la forza della saga sia racchiusa tra i frame interrotti e disturbati della VHS etichettata con l'esplicativo "Watch me"). Banalizzando il lavoro di Verbinsky Gutiérrez riesce comunque a ricavarne un horror di un certo fascino, privo di vera tensione ma più intrigante di buona parte di ciò che passa il genere. Poco convinto il ripescaggio del tipico make-up dei volti devastati al momento del trapasso.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 16/7/17 10:57 - 3913 commenti

Senza infamia e senza lode questa riproposizione delle gesta di Samara, che ha un suo perchè solo grazie al fatto che vengano rivelati alcuni segreti, portati nella tomba dalla ragazzina. Il ritmo non è certo frenetico, gli attori fanno il compitino (il migliore è D'Onofrio, che si vede molto meno, rispetto ai protagonisti); e di davvero nuovo, a parte cercare "la coda", c'è proprio solo qualche approfondimento con rivelazione. Si può vedere, ma scivola via quasi senza lasciare traccia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sempre piacevole uscita di Samara.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Rambo90 27/3/17 23:23 - 4725 commenti

Samara torna ancora, in un sequel che almeno nella prima parte riesce a discostarsi dai capitoli precedenti con una storia discretamente innovativa. Poi purtroppo il tutto stenta a decollare, finendo in una seconda parte staccata di netto dove si tornano a cercare le origini della ragazza in una serie di déjà vu inevitabili, appesantiti da un ritmo non esaltante. Qualche sequenza buona c'è, il cast è azzeccato, ma gli spaventi si contano sulle dita. Fotografia non male, finale ai limiti del grottesco. Così così.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Piero68 14/7/17 13:07 - 2120 commenti

Remake di un remake ovvero come rovinare uno dei migliori horror degli ultimi 20 anni. Ma questo terzo film versione occidentale (sesto in tutto) non ha proprio nulla a che fare né con quello di Verbinsky né con quello di Nakata. Le cupe atmosfere, la tensione incredibile e l'inquietante fotografia qui sono solo un vago ricordo visto che Gutiérrez non solo la butta sul didascalico a tutti i costi ma riesce persino a trasformare il film in una sorta di teen-movie dai risvolti sentimentali. Cast pessimo con D'Onofrio molto lontano dai suoi standard.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Didda23 22/6/17 10:05 - 1739 commenti

A distanza di dodici anni dal numero 2 tornano le vicende di Samara e famiglia, con un rinnovato senso estetico e con spunti che si ancorano alle nuove tecnologie. La regia di Gutiérrez non è peregrina e confeziona sequenze orrorifiche (non moltissime a dire il vero) che lasciano il segno. Il tessuto narrativo è simile ai precedenti, con elementi da giallo che fanno sempre il loro lavoro. Da segnalare il cast, sopra la media del genere, e una seconda parte interessante con accenni al recente Man in the dark. Nulla di nuovo, ma condotto con bravura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il laboratorio per l'esperimento; La ferita sulla mano della protagonista; La chiesa.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ryo 27/4/17 2:04 - 1475 commenti

Reboot/remake del franchising presentato come sequel (il 3 del titolo è un'invenzione italiana). Noioso sotto ogni punto di vista. Sostanzialmente si tratta del primo film ma affrontato con le tecnologie odierne. Nonostante il richiamo vintage col videoregistratore, il video riversato diventa virale tramite internet e le mail. Il video è esattamente lo stesso del film originale ma con un paio di aggiunte che ne smorzano l'impatto primordiale. Risoluzione dell'enigma piuttosto forzata e fortuita. Regia di una lentezza esasperante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il personaggio di Vincent d'Onofrio.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)