Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SPLIT

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/1/17 DAL BENEMERITO SOCRATE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 27/3/17 13:10 - 3877 commenti

Una matrioska di personalità, con sovrumana ciliegina, per un qualcosa che sa di già visto e non brilla in quanto a trovate. Risulta piuttosto bloccato, sia per l'argomento, che facilita la stagnazione, penalizzando la scorrevolezza, che per dialoghi non illuminanti, dove emergono i vari lui (anche lei), intervallati da sedute psicanalitiche e ricerche della stessa psicologa, preoccupata per il suo "pazienti" (non è un errore). Nel complesso, è una pellicola abbastanza superflua, se non fosse per un finale che, almeno, riesce a dare un suo perchè al tutto, trovando un punto di contatto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "A lui ci penso io, non preoccupatevi"; "Abbraccione" forte alla psicologa; "Il dolore ci rende superiori".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 4/4/17 23:56 - 6034 commenti

Parzialmente ispirato ad un fatto di cronaca, un horror che mantiene il piede in due staffe: quella psichiatrica, in realtà davvero eccezionale dato il gran numero delle personalità multiple del protagonista, e quella soprannaturale, legata proprio alla natura e alle caratteristiche di una di tali "persone". Sotto questo aspetto il film riesce a inquietare grazie alla prestazione del versatile McAvoy, mentre convincono meno le parti riguardanti le tre giovani vittime ed i loro tentativi di fuga, nonché il ruolo della psicologa. Nel complesso interessante, anche se non del tutto riuscito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'auto-omaggio dopo l'inizio dei titoli di coda.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 1/3/17 10:06 - 2011 commenti

Fuori dalla logica del twist finale, l'opera di Shymalan si fonda su una narrazione classica, sedotta dai luoghi oscuri del cinema, che accentra la risoluzione del conflitto nel melodramma familiare, ibrida le superfici dei generi per cogliere l'emotività dei personaggi - qui le personalità multiple di un ispiratissimo McAvoy – e dichiarare la propria cifra allegorica. Split è un thriller solido e coeso, che collocando un cross-over sull'orizzonte degli eventi, propone una nuova concezione del supereroe quale risultante di un doloroso processo di integrazione tra potenziale fisico e psichico.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 16/2/17 12:51 - 2743 commenti

Shyamalan azzarda la via dello psycho-kammerspiel (tizio con una ventina di personalità segrega tre ragazze) e riesce a tenere alto il ritmo e a scansare l'insidia (sempre dietro l'angolo) della monotonia, sostenuto da un McAvoy dotato della versalitità necessaria per il ruolo. Con l'ultimo superomistico segmento si rischia un impatto frontale col ridicolo involontario (e il cammeo finale del Willis Unbreakable non aiuta), ma il film nel complesso regge e i tristi flashback della protagonista lasciano un apprezzabile senso di amarezza.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 25/3/17 0:40 - 3158 commenti

McAvoy si sdoppia, anzi fa molto di più per rendere avvincente il film. E anche la Taylor Joy pare entrare nel ruolo. Però la parte centrale non prende come dovrebbe, traballa su diversi spunti che si incatenano come le personalità del tipo e nonostante un adeguato senso di claustrofobia e ambiguità non decolla veramente. Non manca di sequenze interessanti, cerca di mantenere una propria personalità narrativa ma non "trova la luce".
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 6/2/17 15:59 - 2407 commenti

Ancora uno psicopatico serial killer da trasformare in anti-eroe, dopo il Joker di Heath Ledger che era un terrorista agente del caos; questa volta ha le fattezze di quel Jamws McAvoy che era stato già un killer in Wanted. Qui non solo fa il serial killer, ma ha persino diverse personalità, perché trasforma lo scantinato dov'è girato la maggior parte del film in una sorta di palcoscenico. Se non fosse per i duetti fra McAvoy, la sua psichiatra e una delle tre vittime, il tutto sarebbe l'ennesimo film clastrofobico e angosciante.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Rambo90 30/1/17 23:08 - 4579 commenti

Thriller leggermente sovrannaturale intrigante, interessante nella costruzione del protagonista (ma anche delle sue vittime) e che coinvolge, nonostante un ritmo indubbiamente lento. Shyamalan ritrova freschezza in cabina di regia con belle inquadrature, supportate da un montaggio in alcuni momenti davvero fondamentale. McAvoy nel ruolo migliore della sua carriera fino a ora, la Buckley in parte così come le tre ragazze. Unico appunto la durata, forse eccessiva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ultimissima inquadratura...
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 3/2/17 19:00 - 2753 commenti

Nulla da eccepire sulla stratosferica interpretazione di James McAvoy, che si porta letteralmente sulle spalle il peso di un film che sembra sempre essere sul punto di svoltare e di cambiare ritmo ma che in realtà non ci riesce mai. Il delirio finale non giustifica tanta attesa soprattutto perché non regala alcuna emozione classificabile come forte. Nonostante tutto si potranno trovare chiavi di lettura interessanti che ne giustificheranno la visione.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Ryo 18/2/17 2:39 - 1405 commenti

Io adoro la regia di Shyamalan. Il cupo senso di claustrofobia che questo film riesce a esprimere è notevole. La storia è incentrata e retta da James McAvoy, che affronta bene il suo ruolo/i. Grandiosa la capacità di interpretare svariati personaggi tutti diversi uno dall'altro senza cadere mai nella macchietta (a parte, forse, la donna inglese). Bravissime anche le tre ragazze protagoniste. Epico il finale, forse troppo per chi cercava un thriller realistico e puramente psicologico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'orda; Il cameo finale.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Socrate 26/1/17 20:48 - 822 commenti

Una delle 24 personalità che tormentano Kevin rinchiude in una stanza tre ragazzine. Un film che come il protagonista soffre di "multi-personalità ("un'orda bestiale"): thriller con poca tensione, horror che incute poca paura, qualche momento di sciatta violenza psicologica e il messaggio (i diversi, gli straziati sono puri) rimane in sospeso; è tutto sballato. Non può salvarlo neppure l'eclettismo "animalesco" di James McAvoy.
I gusti di Socrate (Commedia - Drammatico - Gangster)

Xamini   20/2/17 19:04 - 713 commenti

Niente male in particolare sotto il profilo registico, questo lavoro di Shyamalan. Un inno alla tensione generata dal pericolo e dal chiuso, un attentato al claustrofobico, pur costruito sopra un racconto che non risulta arricchito da approfondimenti psicologici di rilievo (quando dovrebbe preferisce virare sul sovrannaturale). Ma funziona bene, come intrattenimento.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Digital 26/1/17 22:08 - 638 commenti

Psicopatico dalle molteplici personalità rapisce tre ragazze segregandole e spaventandole sempre più. La dottoressa che lo ha in cura, intuendo che sta per commettere un atrocità, proverà a fermarlo. Shyamalan torna alla grande con un thriller giocato perlopiù sulla psicologia distorta di un eccezionale McAvoy, il quale si cala con grande credibilità nelle varie personalità. La tensione regge bene e, sebbene si sappia sin da subito chi si salverà e chi farà una brutta fine, si arriva soddisfatti al teso finale.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Taxius 31/1/17 23:31 - 607 commenti

24 personalità racchiuse nello stesso corpo e due di queste, le più folli, rapiscono tre ragazze segregandole in un bunker. Shyamalan, dopo anni di pessimi film, torna in grande stile con un'opera che nella prima parte appare più un thriller mentre nella seconda sembra più un horror soprannaturale. James McAvay nella parte del matto è straordinario e il film è sorretto magistralmente tutto da lui. L'unico vero difetto è la lentezza delle scene con la psichiatra, che smorzano un po' troppo la tensione di quelle nel bunker. Non perfetto, ma notevole.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Azel 7/4/17 10:49 - 22 commenti

Più che guardabile, per la sua situazione curiosa, ma non del tutto soddisfacente: le tre ragazze sono imbelli e poco credibili (potevano inventarsi qualcosa di meglio contro un uomo disarmato dalla forza incostante) e la conclusione, seppure con qualche tocco di originalità (il dolore come segno di umanità e purezza), lascia un po' nel dubbio ed è inconcludente, in modo da permettere il seguito/crossover che a quanto pare si farà. Allo stesso modo mancano alcune delle personalità (avvistabili in un fermo immagine).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena pre-post-credit, molto simpatica per chi conosce il riferimento.
I gusti di Azel (Animazione - Comico - Horror)