Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CLIENTE

All'interno del forum, per questo film:
Il cliente
Titolo originale:Forushande
Dati:Anno: 2016Genere: drammatico (colore)
Regia:Asghar Farhadi
Cast:Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Mina Sadati, Farid Sajjadi Hosseini, Shirin Aghakashi, Mehdi Koushki, Ehteram Boroumand, Sam Valipour, Maral Bani, Mojtaba Pirzadeh
Visite:529
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 13
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/1/17 DAL BENEMERITO GRADA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 16/1/17 22:26 - 6569 commenti

Farhadi conferma l'alta densità ed intensità (gli ultimi trenta minuti sono davvero notevoli e per certi versi "sfibranti" ed "insostenibili") del suo stile narrativo. Un cinema adulto, maturo e complesso che svela particolari e verità a poco a poco, col passare dei minuti. Un cinema che richiede concentrazione ed attenzione e magari anche più di una visione. Un cinema che ripaga ed appaga pienamente gli sforzi dello spettatore. E' una cosa rara e quindi degna di grande merito. Chapeau!
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 10/5/17 12:51 - 6822 commenti

Un banale equivoco, la leggerezza di una porta lasciata aperta: basta poco per cambiare la vita di una coppia fino ad allora molto unita... Farhadi si conferma maestro nel ritrarre drammi di vita quotidiana, di fronte ai quali è impossibile stabilire un confine netto fra giusto e sbagliato. Tutti i personaggi in campo hanno le loro ragioni e questa ambivalenza, frustrando le nostre certezze, pone di fronte a dilemmi morali urticanti: parte lentamente ma nell'ultima mezz'ora monta una tensione quasi insostenibile. Cinema adulto, impegnativo ma ripagante con spunti di riflessione non banali.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 25/7/17 10:39 - 2905 commenti

Una prima mezz'ora di rodaggio, poi il film si innesca e rivela un soggetto robusto e moralmente stimolante, abile nello sviscerare le psicologie dei suoi personaggi svelandone i lati nascosti con efficaci ribaltamenti dei binomi (forte/debole, vittima/carnefice) enunciati nelle premesse. L'eccesso di melodramma verso la chiusura (dalla discesa delle scale in poi) e le non funzionalissime parentesi teatrali inficiano solo in parte sul (buonissimo) risultato. Cast efficace, regia sobria ma non trasandata. Superiore a Una separazione.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 20/2/17 0:16 - 3340 commenti

Per arrivare alla resa dei conti finale, che registra un buon crescendo della tensione e sviluppi inaspettati, bisogna purtroppo passare per tre quarti del film abbastanza insipidi dove l'inconcludenza del narrato non è compensata dalle abilità degli attori. Rimangono dei dilemmi etici che possono salvarlo, sempre legati all'epilogo, ma nel complesso Fahradi ha fatto di meglio.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Nando 19/1/18 0:18 - 3132 commenti

Uno spaccato iraniano, medio borghese, che viene colpito da un'aggressione che cambia tutto il modo di pensare, nonostante la religione e la vergogna popolare. Ottimi dialoghi e interpretazioni eccelse per una pellicola validissima che ci offre pensieri persiani e mostra punti di vista variegati tra i due sessi. Talvolta basta una buona sceneggiatura per fare un film di ottimo livello.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 27/7/17 15:04 - 2376 commenti

Farhadi si conferma uno dei talenti più virtuosi e intensi del cinema mondiale attuale. Con ascetismo stilistico da Maestro Sufi e una irredimibile visione laica delle umane cose, il regista iraniano tesse una trama fittissima, procedendo per accumulo di elementi, riuscendo pefino nell'impresa cinematografica di dir qualcosa di nuovo sul rapporto vita-teatro. Con sguardo etico preciso e palpitante siam condotti tra le scenografie d'interni come nei complessi rapporti interpersonali, sbigottiti dalla loro fragilità e dalla cattiva coscienza di Emad.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "L'interrogatorio" di Emad al vecchio Barak.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 3/3/17 10:22 - 1627 commenti

Nella casualità di un trasloco un’aggressione sconvolgerà per sempre le dinamiche di una coppia. La priorità alla sceneggiatura non è data dal fatto violento in sé, tanto che resta avvolto da una nebulosità sulla dinamica, ma sull’implicazione psicologica che ne deriva. Giocando sulla commistione tra il teatro e la realtà, Farhadi dimostra che sono facce della stessa medaglia; inoltre non vengono risparmiate critiche alla società iraniana e sul modo di affrontare i problemi. Chiusa perfetta e simbolica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La recitazione aggressiva; Il ceffone.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Bruce 23/1/17 9:11 - 861 commenti

Se cinema per voi è evasione, sogno, spettacolo, emozioni e poesia, avventura, divertimento, fantasia, ricerca della bellezza e simili, non è questo il film che può piacervi. Se cercate un film drammatico con una valida sceneggiatura potrebbe interessarvi. Se volete invece un film drammatico, neorealista iraniano, pesante, lento e con un finale tragico, correte in sala a vederlo!
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Taxius 23/1/17 17:17 - 810 commenti

La storia di una violenza subita da una donna a casa sua a opera di uno sconosciuto e della voglia di vendetta del marito di questa. Il regista parla di vita quotidiana e degli effetti che può avere una violenza simile all'interno di una coppia qualunque. Il film è un continuo crescendo di emozioni che esplodono negli ultimi 30 minuti talmente potenti da diventare quasi insostenibili, in cui non ci sono più vittime e carnefici ma solo vittime che mostrano il loro lato più umano e indifeso. Ottima la regia e la fotografia.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Nancy 23/1/17 2:16 - 704 commenti

Farhadi con la sua tecnica d'acciaio ci pone di fronte a un'altra storia sull'agghiacciante del quotidiano, come già era parzialmente stato per Una separazione, un dramma estenuante per quanto mai avventato, che si consuma nel banale fluire degli eventi (tra cui una bellissima meta-cornice teatrale). Non si può non inchinarsi alla sensibilità sconfinata che avvolge ogni evento che l'iraniano Farhadi ci mostra e ci dimostra di conoscere profondamente, tanto da ricordare per certi versi l'ultimo Bresson. Un cinema che non si vede quasi più.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 22/1/17 1:05 - 605 commenti

Farhadi ripropone una storia drammatica in ambito familiare in una Teheran livida e in degrado, con un andamento che genera nello spettatore un crescendo di tensione e sofferenza. La violenza subita in casa dalla moglie a opera di uno sconosciuto fa crescere nel marito elementi di forte destabilizzazione e impotenza, favoriti anche da un ambiente umano circostante descritto con impietoso realismo. La ricerca di vendetta avrà sviluppi amari e sorprendenti. Cinema impegnativo di grande intensità.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Ira72 22/1/18 15:35 - 502 commenti

Un buon film: calibrato, ben fatto e con attori meritevoli. Senza inutili voli pindarici, ma in modo realistico e asciutto, Farhadi narra il quotidiano e i suoi drammi con grande sensibilità. Non enfatizza e non minimizza: apprezzabile semplicità. Però. Il film dura due ore. E per un'ora e mezzo accade ben poco: quel poco poteva essere ristretto e condensato a favore dell'epilogo incalzante, struggente che confonde le idee e gli idealismi. Dove non esistono buoni e cattivi, ma solo persone in balia dei propri demoni, debolezze e paure.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Grada 8/1/17 20:00 - 25 commenti

Storia di una violenza subita all’interno della propria casa da una giovane donna (che non farà denunce alla Polizia) e di un marito intenzionato a vendicarsi. Storia dell’autore della violenza che è un povero cristo, malato di cuore. Come già in Una separazione, il dilemma su quale comportamento tenere avvince i protagonisti e li oppone man mano che la realtà si scopre. Grande abilità del regista nel tradurre in immagini e parole il succedersi delle reazioni emotive, dallo choc alla rabbia alla paura alla pietas, inserite in una trama di vita quotidiana con perfetto realismo.
I gusti di Grada (Commedia - Drammatico - Giallo)