Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ESSERE JOHN MALKOVICH

All'interno del forum, per questo film:
Essere John Malkovich
Titolo originale:Being John Malkovich
Dati:Anno: 1999Genere: commedia (colore)
Regia:Spike Jonze
Cast:John Cusack, John Malkovich, Cameron Diaz, Catherine Keener, Mary Kay Place, Orson Bean, Charlie Sheen, Sean Penn, Brad Pitt
Visite:1034
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 21
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Uno di quei film basati su di un'unica idea, talmente povero nella sceneggiatura da rischiare di apparire come un polpettone indigeribile, colmo di implicazioni filosofiche che in realtà il film si limita a suggerire con elementarità avvilente. L'idea è quella di un passaggio segreto che porta dall'interno di un ufficio al cervello (presumibilmente) dell'attore John Malkovich (nella parte di se stesso, quindi). Chi vi penetra "vede" attraverso gli occhi di Malkovich arrivando in poco tempo a controllarne il comportamento. Lo "scopritore" del passaggio è Craig Schwartz (John Cusack), un burattinaio costretto al lavoro da ufficio per mancanza di soldi e che, grazie al "potere" dell'uomo Malkovich riuscirà a realizzare il suo sogno. Tutto quello che gira attorno a questo striminzito (seppur originale) canovaccio è costruito maldestramnente (colpe da attribuire in egual modo all'autore Charlie Kaufman e al regista Spike Jonze) e comprende scipiti intrecci sentimental-trasgressivi tra i quattro protagonisti (oltre a Malkovich e Cusack ci sono le due donne, Camneron Diaz e Catherine Keener), una casa/zoo, implicazioni da fantascienza di serie B. BEING JOHN MALKOVICKH è in pratica la prova provata che non basta un'idea originale per fare un buon film, anche se poi a volte sembra sia sufficiente ingaggiare un buon cast, inserirci un paio di ammiccamenti da filosofia cosmica e confezionare il tutto decentemente per ottenere spesso una buona critica. L'inizio prometteva bene, era divertente e insolito, poi il film diventa ripetitivo, superficiale e noiosissimo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 27/8/08 18:26 - 10235 commenti

Idea assolutamente originale quella di concepire una vicenda che mostra al centro della narrazione la possibilità di entrare letteralmente nella testa di un attore. Paradossale sulla carta ma pregio del film è quello di strutturare una storia che fa apparire naturali le conseguenze della premessa assurda. Merito delle invenzioni narrative e visive dell'intelligente sceneggiatura e di personaggi ben concepiti e caratterizzati, interpretati da attori di grande talento.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 7/7/08 10:48 - 6915 commenti

Entri in una porticina e ti ritrovi dentro la testa di John Malkovich. Nientemeno. Film bizzarro, diciamo pure da trip alcolico (o lisergico), che però non è assolutamente sgangherato, anzi. Lucida e ferrea, la follia grottescamente kafkiana della trama avanza inquietante e bislacca, tra commedia e horror, avvincendo e convincendo. Applausi speciali a Malkovich, egocentrico e autoironico al punto giusto. E ovviamente al regista Spike Jonze per la sua frizzante e genialoide opera prima.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 8/5/09 17:56 - 5737 commenti

Il suo pregio è l’originalità dell’idea di base, dirompente soprattutto nella prima parte, molto surreale, grottesca, stralunata; quando però il gioco si complica troppo, il ritmo cala e la storia, perdendo il Nord, va ad incastrarsi in un vicolo cieco e diventa persino irritante. Molto buone invece le prestazioni della mdp e del cast: Cusack è dinoccolato come le sue marionette, la Keener fatale e cinica, la Diaz accetta orribili capelli crespi e Malkovich si riconferma uno dei più grandi attori contemporanei.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli innumerevoli Malkovich al ristorante.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 10/11/07 12:03 - 1495 commenti

Indubbiamente un'occasione persa. Con un soggetto del genere era davvero difficile sbagliare film, non renderlo quantomeno un'opera interessante da seguire, anche se magari piena di difetti. Ed invece... il film accumula situazioni via via più assurde, ed anziché suggerire insiste su temi piuttosto ovvi (il protagonista è un burattinaio, non so se mi spiego...). Il finale poi è totalmente fuori luogo. Infine -e questa è una annotazione personale- vedere una Dea come Cameron Diaz conciata in quel modo osceno è un delitto da codice penale.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 2/5/14 0:51 - 6598 commenti

C'è un idea di partenza che è sicuramente originale ma che, altrettanto certamente, non viene sfruttata a dovere e rivitalizzata qua e là. E così a parte qualche bel momento ( Malkovich dentro Malkovich) non c'è molto altro. Si procede stancamente ed in maniera ripetitiva verso una parte finale frenetica e nulla più. Anche certi snodi narrativi, non convincono più di tanto (la combriccola di vecchietti ed il "traghetto"). Sono in minoranza, lo so: ma proprio non la vedo la genialità di Jonze e Kaufman. Mediocre, pur con un suo perché.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Vstringer 16/12/09 2:20 - 349 commenti

La sceneggiatura di Kaufman è intelligente e originale, sebbene verso la fine vada in debito d'ossigeno (e con essa il film) e la regia di Jonze è brillante: è un film speciale, perché solo in un film speciale Cameron Diaz può accettare di imbruttirsi a tal punto, Malkovich e Sheen possono essere così autoironici e l'ottimo burattinaio Cusack può duettare in modo irresistibile con la maliarda Keener per realizzare i suoi sogni. Sarabanda grottesca di altissimo livello: sarebbe perfetto, se mantenesse sempre il brio della prima mezz'ora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Malkovich dentro Malkovich.
I gusti di Vstringer (Commedia - Drammatico - Musicale)

Deepred89 26/5/16 14:30 - 2938 commenti

Pellicola continuamente sospesa tra genialità e cadute nel grossolano, con uno spunto fantascientifico di rara intelligenza e rispettivi paradossi sprecati per animare uno insolito ma stancante threesome con al centro un Fantozzi schizzato e new age impersonato da un irriconoscibile Cusack. E così ciò che poteva essere un capolavoro (al di là di una forma non sgargiante ma con tanta voglia di sperimentare) diventa un calderone genialoide ma un po' annacquato, altalenante anche nei tentativi di ironia ma tanto curioso da risultare imperdibile.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 4/11/11 9:04 - 3379 commenti

Idea del tutto apprezzabile, ma la realizzazione è deprimente e con qualità visiva da film tv. L'inizio è burtoniano per via di quell'ambiente di lavoro grottesco e della scoperta del tunnel. Ma nello sviluppo della storia subentra troppa ripetitività, la regia non aspira a niente e i ghigni di Malcovich e della Keener non vengono sfruttati a dovere. Jonze, oltre a essere sparito dalla scena, ha pure sposato la figlia di Coppola (per fortuna non hanno avuto figli).
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Harrys 26/8/09 15:15 - 679 commenti

Strabiliante. Kaufman partorisce una delle sceneggiature più originali della storia del cinema, mescolando realtà e finzione sublimamente, generando un concentrato di meta-tutto. Malkovich si cimenta in un'interpretazione a dir poco divina: quando il protagonista Cusack "entra" definitivamente nella sua mente ci dimentichiamo all'istante dell'attore in quanto entità "fisica", ci immergiamo in un paradosso da cui ci si risveglierà solamente dopo i titoli di coda. Malkovich sparisce, come neanche il miglior illusionista sulla piazza. ****1/2
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Nando 12/10/10 9:14 - 3154 commenti

Pellicola surreale sull'identità e le attrazioni sessuali. Un piccolo varco consente per 15 minuti di essere l'attore americano del titolo e poter addirittura condizionare le sue scelte. Una narrazione nervosa fatta di picchi ironici e momenti insulsi. Cast di alto rilievo con una Diaz deliberatamente imbruttita ed una Keener fascinosa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: John Malkovich che entra in se stesso e vede un mondo popolato solo da suoi simili e pronunciano solo la parola Malkovich.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Didda23 19/9/13 19:20 - 1892 commenti

Il primo incontro da Jonze e Kaufman (successivamente daranno corpo al meraviglioso Adaptation, declinando differentemente alcuni spunti presenti pure qui) genera un'opera concettualmente bizzarra, un circo di stravaganti pulsioni personali che sfociano financo nella sfera sessuale, metaforizzando il cervello di Malkovich come vero e proprio orifizio vaginale. Ispiratissima la regia di Spike, che porge sul piatto d'argento un paio di sequenze da consegnare agli annali (Malkovich dentro Malkovich e il viaggio nell'inconscio).
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 12/7/13 9:58 - 1711 commenti

Unire la sceneggiatura di Kaufman e il talento di Jonze porta a un risultato irriverente e pieno di sorprese. Il dualismo tra i burattini e l’usare il corpo altrui fa riflettere sull’invidiare una vita migliore, senza pensare che si annulla la propria. Paragonati ad avere un inconscio come scimmie e a vivere come in una gabbia. Malkovich ha estro e si muove bene. Nota dolente le fasi delle varie liasion tra i protagonisti, un po’ da romanzetto rosa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il balletto del burattini iniziale e la versione reale di Malkovich; L’entrata di Malkovich nel suo inconscio; L’inseguimento finale stile videoclip.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Mickes2 6/8/13 17:56 - 1550 commenti

Essere qualcun altro per assecondare i propri istinti egoistici, le pulsioni sessuali, la sete di successo, al di là della ragione, delle apparenze, della propria carnale identità di essere umano. Bizzarra, genialoide, estrosa, finanche controversa sceneggiatura di un Kaufman in forma (tolta qualche ridondanza e un etto di farraginosità) che Jonze frulla attraverso uno stile eclettico, grottesco e visionario (formidabile il tunnel, straniante il 7° piano e mezzo con soffitti ribassati, inquietanti i Malkovich-clone). Vizioso e meta-paradossale.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Furetto60 9/3/15 9:14 - 1129 commenti

Pellicola fantasiosa basata sulla possibilità di entrare e sostituirsi nella mente di un attore famoso, impreziosita da vari particolari di contorno: l’appartamento pieno di animali, il settimo piano e mezzo, le inquietanti marionette e il torbido triangolo amoroso, o meglio l’irregolare quadrilatero che si viene a creare. Insomma gli ingredienti ci sono, ma il polpettone che ne deriva è pesante da mandar giù. In definitiva sì originale, ma pretenzioso e noioso.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Lythops 5/5/16 15:25 - 913 commenti

Surreale e con ottime idee soprattutto nella prima parte, in cui si apprezza l'atmosfera quasi dichiaratamente burtoniana; scende progressivamente nella commedia semplice e alla fine si rimane delusi per una storia che avrebbe meritato una tenuta di tono per lo meno omogenea. Il film di punti di forza ne ha molti, ma non sono sviluppati adeguatamente. Piacevolmente irriconoscibile la Diaz, grande Malkovich, bellissima la Keener.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il teatrino del burattinaio; Il settimo piano e mezzo.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Mdmaster 14/10/10 7:37 - 802 commenti

Pellicola palesemente imperfetta e incapace nel trovare il senso di una storia completamente surreale e che, pensandoci bene, non necessitava per forza di una chiusura. Dopo una prima parte umoristica e davvero carina (graziata da una serie di personaggi memorabili), l'idea del "portale nel cervello" prende il sopravvento e tutto scompare nel nulla, confondendo le idee allo spettatore con un ghigno sardonico. Peccato perché un cast affiatato e spunti divertenti potevano far nascere un piccolo capolavoro. Per molti rimane un cult movie.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scoperta del "mezzo piano"; un tristissimo e patetico John Cusack.
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Lou 28/2/17 23:54 - 635 commenti

Se l'idea di base è geniale, l'articolazione è così complessa e bizzarra da lasciare sconcertati. Indubbiamente si rimane catturati da questo "viaggio allucinante", declinato con soluzioni originali frutto di fervida fantasia. Il buio cunicolo che conduce nella testa di Malkovich diventa strumento per appagare capricci e ambizioni di personaggi deboli e sconclusionati, con sviluppi sempre più aggrovigliati e sorprendenti, frutto di una sceneggiatura che si è fatta prendere un po' troppo la mano. Un debutto alla regia davvero notevole.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Tyus23 9/1/11 23:49 - 218 commenti

L'idea di partenza è davvero notevole, peccato però che a tratti la narrazione si trascini senza una direzione e non riesca ad infondere un ritmo che valorizzi le trovate (che ci sono eccome). In effetti è forse una mezza occasione persa visto l'importante cast ed il sorprendente tono ironico (ed autoironico) della pellicola e degli attori in primis ma nel complesso resta comunque un'opera più che interessante, se non altro per l'originalità e per i memorabili personaggi.
I gusti di Tyus23 (Drammatico - Horror - Thriller)

Ammiraglio 30/6/08 12:50 - 150 commenti

"Being John Malkovich" ha la rara capacità di estasiare e sorprendere. Merito dell'eccezionale lavoro dello sceneggiatore (il grande Kaufman) in grado di presentarci personaggi a tutto tondo e ben caratterizzati. L'assurdità della premessa passa così in secondo piano in quanto la bravura degli attori (in particolare la Keener) nell'immedesimarsi nei loro personaggi è spettacolare. Ci sono davvero tante, troppe, scene indimenticabili in questo film. Fortunatamente Kaufman terrà viva la sua penna per future produzioni, altrettanto ottime.
I gusti di Ammiraglio (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Ugopiazza 11/7/14 20:59 - 118 commenti

Come sarebbe la tua vita se trovassi il modo di comandare da dentro qualcuno più famoso e importante di te? E se quel qualcuno fosse nientepopodimeno che... l'attore John Malkovich? Prima gloriosa collaborazione Kaufman-Jonze, il film presenta una delle sceneggiature (riduttivo riassumerla in due righe) più originali, spiazzanti e cervellotiche di sempre. Ottima l'interpretazione di John Cusack, ma alla fine è proprio Malkovich che ci regala la prova più indimenticabile, spingendosi dove nessun attore aveva mai osato prima. Regia sopraffina.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Malkovich entra dentro se stesso: cosa accadrà?
I gusti di Ugopiazza (Commedia - Horror - Thriller)

Grottabuia 14/4/18 0:26 - 2 commenti

Il film è piacevole nella prima metà grazie a trovate surreali quali l'ufficio al settimo piano e mezzo o il cunicolo che porta alla mente di un'altra persona. Poi la trama si arriccia e si ingarbuglia senza offrire spunti di riflessione. Il finale politically correct con la coppia di mamme lesbo dà la mazzata finale a un film forse propagandistico e certamente sopravvalutato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La collega megera che in 30 secondi si trasforma inspiegabilmente in una amorevole mammina omosessuale.
I gusti di Grottabuia (Gangster - Poliziesco - Western)