Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL NEMICO INVISIBILE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/11/15 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Galbo, Daniela


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/11/15 5:44 - 9752 commenti

Agente della CIA affetto da precoce demenza senile si mette sulle tracce di un terrorista creduto morto. A metà tra thriller spionistico ed action movie, il film di Schrader soffre di un evidente povertà di budget e di una sceneggiatura poco coerente e non priva di buchi logici. Il personaggio principale rappresenta l'anello di congiunzione tra vecchia e nuova attività di spionaggio ma il film valorizza poco quest'aspetto soffermandosi maggiormente sull'azione, peraltro non particolarmente brillante. Migliore del solito la prova di Cage.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Daniela 11/8/17 1:40 - 6457 commenti

Il protagonista è un agente della CIA, in età pensionabile e con una diagnosi di demenza precoce, che scalpita per tornare sul campo al fine di catturare un terrorista mediorientale dato erroneamente per morto... Action spionistico convenzionale e di scarso interesse anche dal punto di vista spettacolare, intriso di retorica patriottarda e con sparate forcaiole in cui si rimpiangono i bei tempi spicci di una volta, quando la CIA non stava a "leccare il culo a Obama" (testuale). Irriconoscibile la mano di Schrader in cabina di regia, Cage di routine, Yelchin poco credibile, Jacok di passaggio.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)