Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA FORESTA DEI SUICIDI - GRAVE HALLOWEEN

All'interno del forum, per questo film:
La foresta dei suicidi - Grave Halloween
Titolo originale:Grave Halloween
Dati:Anno: 2013Genere: horror (colore)
Regia:Steven R. Monroe
Cast:Kaitlyn Leeb, Cassi Thomson, Graham Wardle, Dejan Loyola, Jeffrey Ballard, Hiro Kanagawa, Jesse Wheeler, Tom Stevens, Kevan Ohtsji, Hyuma Frankowski, Maiko Miyauchi
Visite:88
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/11/15 DAL DAVINOTTI
Aokigahara è una foresta ai piedi del monte Fuji, in Giappone, in cui si concentra un altissimo numero di suicidi (circa 100 all’anno): un luogo che da lungo tempo attrae chi vuol togliersi la vita e che nel 1964 fu già teatro del tragico finale d’un romanzo di successo. Ecco allora anche un film tv, a base naturalmente horror. Un gruppo di studenti giunge nella foresta per ritrovare il punto esatto in cui si è suicidata due mesi prima la madre biologica di Maiko (Leeb), la splendida orientale che li ha coinvolti nella ricerca e che desidera dare alla donna una degna sepoltura. Partiti con telecamera e qualche zaino, i nostri si avventurano tra gli altissimi alberi incontrando subito un tizio che li ammonisce sui pericoli della zona: è un luogo sacro, bisogna restare in silenzio e pare vi si aggirino gli yurei, le anime in pena delle vittime di suicidio, sorta di fantasmi arrabbiati rimasti disgraziatamente in un limbo tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Inutile dire che questi non tarderanno a manifestarsi dando il via all’orrore; un orrore che sa ovviamente di già visto e che non può offrire nulla al di là della prevedibile sarabanda di presenze (nemmeno toppe) che si muovono tra gli alberi più o meno furtivamente. L’idea buona insomma è quella della foresta spettrale, pure discretamente ripresa, se si considera la destinazione televisiva. Ma gli sviluppi – se anche cerchiamo di non considerare la triste fase in cui i soliti imbecilli, visto che è Halloween, si producono in scherzi deficienti col risultato di non esser creduti quando urlano al pericolo reale – mancano di quel minimo di fantasia che potrebbe dare un senso al film. La tensione è bassa, nonostante l’efficace resa di un paio di apparizioni ectoplasmatiche, e riesce difficile appassionarsi alle disavventure del gruppetto. Se scenograficamente l’ambiente manda i segnali giusti (con i fogli scritti in giapponese appesi agli alberi e l’insolita localizzazione), non altrettanto si può dire della regia, incapace di cogliere il vero spirito horror di cui il film necessiterebbe (nemmeno quando nel finale cala la notte e sarebbe più facile farlo). Il flashback in bianco e nero è piuttosto inquietante comunque, a conferma che i mezzi per girare qualcosa di meglio c'erano. Il prezioso aggancio a una location e a una vicenda realmente esistenti meritava di meglio.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Rufus68 18/3/17 23:54 - 1065 commenti

Il solito teen movie americano. Stavolta, però, il filmino ha qualche merito: si barcamena con pochi soldi lasciando al paesaggio il compito di creare il disagio; limita i consueti luoghi comuni adolescenziali (e ignora il tritume degli ammicchi sessuali); organizza una discreta sequenza finale che ribalta le aspettative dello spettatore. Qualche effettaccio va pure a segno. Nulla di rilevante: un brodino più che altro.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)