Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ODIO CHE UCCIDE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/9/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Herrkinski 22/9/15 5:18 - 3692 commenti

Fondamentalmente, un horror sul fenomeno del bullismo. Di giovani che tornano per vendicarsi dei torti (spesso mortali) subiti al college ne è piena la cinematografia slasher a partire da inizio '80; l'unica vera variante qui è che la rediviva uccide auto-infliggendosi ferite che compaiono contemporaneamente sui corpi delle vittime. La trovata regala qualche sprazzo gore, ma non basta a rendere interessante un film privo di mordente, con un'eroina negativa poco convincente e prove attoriali mediocri; anche il finale è alquanto discutibile.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Hackett 18/8/17 20:44 - 1441 commenti

La tematica del bullismo, sempre più al centro dell'attenzione da parte di cinema e tv, viene quì trattata in chiave horror partendo da una comunità di recupero che a tratti ricorda quella del film Venerdì 13: Il terrore continua. Lo spunto è buono, ciò che manca è la paura. Tutto avviene in maniera abbastanza prevedibile, con personaggi piatti per i quali non si riesce a provare molto. Alla fine la pellicola, nonostante i buoni propositi, risulta un po' vuota e per nulla coinvolgente.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Pumpkh75 4/4/17 14:12 - 980 commenti

Concettualmente parte con violenza ma arriva poi a motore spento, limitandosi in pratica a un "abbasso i bulli" che fa il solletico alla dura realtà. Cinematograficamente, invece, non parte proprio: slegato, disadorno, con una sceneggiatura disunita che alterna dialoghi esigui a scelte oscure (vedi il protagonista con cui si fa una fatica della malora a empatizzare o la love story friabile). Il doppiaggio malfatto non aiuta, ma il fatto di usare l’autolesionismo come tremenda arma d’offesa me lo fa almeno guardare con quel mezzo sorriso in più.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)