Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CIGNO DAGLI ARTIGLI DI FUOCO

All'interno del forum, per questo film:
Il cigno dagli artigli di fuoco
Titolo originale:Perrak
Dati:Anno: 1970Genere: poliziesco (colore)
Regia:Alfred Vohrer
Cast:Horst Tappert, Werner Peters, Hubert Suschka, Walter Richter, Erika Pluhar, Judy Winter, Wolf Roth, Berno von Cramm, Carl Lange, Hans Daniel
Visite:403
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/4/14 DAL BENEMERITO DUSSO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 17/2/16
Tra Perrack e Derrick non c'è molta differenza, nemmeno nel nome. E il fatto che a dare il volto a entrambi sia il bravo Horst Tappert li associa naturalmente ben al di là dello stesso ruolo di investigatore tutto d'un pezzo. Qui però Tappert gioca di più a fare il simpatico, si lascia andare a qualche battuta (specie col figlio) e s'inserisce in un poliziesco più all'americana, di quelli coi bassifondi e i brutti ceffi, dove il primo a morire è un omosessuale che ricattava un pezzo grosso. Amburgo non è Los Angeles, ma l'ambientazione non sarebbe nemmeno così male; a funzionare poco è in primis la sceneggiatura, povera e figlia pure lei degli analoghi prodotti di bassa lega. Il soggetto prevede un intreccio che coinvolga alti papaveri e boss da mezza tacca, tenutarie di bordelli per ricchi signori, fotografie compromettenti e un po' tutto l'armamentario del genere, compresa un po' d'azione che non guasta mai, in film così (nonostante la realizzazione della stessa sia piuttosto pedestre). Tappert si guadagna la scena, fa capire di che pasta è fatto e come il ruolo gli si addica alla perfezione (soprattutto quando non fa troppo lo strafottente, atteggiamento che in Derrick abbandonerà). Vohrer, che con lui protagonista dirigerà un buon numero di film (nonché 28 episodi dell'ispettore!) dirige nella norma, trova qualche spunto simpatico ma in generale non lascia il segno, confinando il film tra i tanti giallo-polizieschi anonimi che nei Settanta spunteranno un po' dappertutto. Curiosa la presenza del figlio di Perrack (che finirà pure sequestrato e oggetto di scambio in un paio di scene che si risolveranno molto velocemente) e ingombrante la presenza di un gruppo di gay destinato in parte ad aiutare le indagini. Probabilmente con un soggetto meno fumoso e organizzato meglio il film sarebbe risultato più piacevole da seguire, mentre così la carne al fuoco è tanta e spesso di cattiva qualità. Il titolo dato dalla distribuzione italiana è piuttosto fuorviante, perché delle atmosfere di mistero che aleggiano anche tra i meno riusciti prodotti para-argentiani non v'è traccia. Se non fosse per Tappert, già capace di caratterizzare molto bene il suo personaggio (qui ancora con tutti i capelli), difficile pensare che del film se ne ricorderebbe ancora qualcuno.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 23/5/16 4:04 - 2938 commenti

Vohrer abbandona i colori sgargianti per un'Amburgo livida e degradata, continua ad appesantire i suoi intrecci whodunit con storiacce di gangster ma inserisce, con una certa efficacia, un piacevole tocco giovanilistico (simpatico il personaggio del figlio di Perrak), la sua tipica ironia e a una componente morbosa più marcata del solito (tra transessuali, nudi, fetish neppure troppo celato e foto proibite di famiglie perbene). Tappert ormai collaudatissimo. Nonostante il titolo, l'unico elemento argentiano è Peters, antiquario ne L'uccello.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La rivincita dell'ultima ruota del carro, già immersa nella tinta (rimando di Vohrer ai precedenti lavori ultrapop?).
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Daidae 15/3/18 14:10 - 2336 commenti

Passabile. Poliziesco con forti venature thriller (anzi, in definitiva è più un thriller che un poliziesco). Ambientato in Germania, propone un buon cast, con l'ottimo Tappert in gran forma e in un ruolo molto simile a quello interpretato nel suo famoso Ispettore Derrick. Discrete scene d'azione, finale a sorpresa come si conviene a un buon thriller. Non un capolavoro, ma un film che piacerà ad appassionati o meno del genere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un uomo viene ricoperto di vernici; Un uomo finisce sulle rotaie.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Rufus68 22/3/18 12:33 - 1739 commenti

Simpatico proto-Derrick, abbastanza sempliciotto negli sviluppi ma già munito di quegli elementi che faranno la giusta fortuna del telefilm (l'umanità del poliziotto, la laidezza del sottobosco criminale, la Germania smitizzata e quotidiana, l'ipocrisia borghese). Nulla di che; Tappert, tuttavia, vince a piene mani (nato per il ruolo) e il cast a supporto è professionale e convincente (al netto del figliolo sciupafemmine, figura infatti eradicata dagli sviluppi futuri).
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Dusso 9/4/14 16:29 - 1517 commenti

Il titolo "argentiano" dato dalla distribuzione italiana non ha alcun senso (l'originale è il nome dell'ispettore protagonista impersonato dal mitico Derrick). Il miscuglio di giallo poliziesco con qualche siparietto umoristico con nudi e sangue non è male e Vohrer dona molto ritmo alla vicenda lasciando cadere le perplessità che da sempre mi accompagnano nei film tedeschi. Ci sono alcune scene particolarmente curiose (l'inizio con la macchina fracassata), altre fini a se stesse (il finale nello stadio) nonché qualche passaggio molto ingenuo.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Nicola81 16/4/18 17:06 - 1398 commenti

Titolo italiano decisamente fuori luogo per un film che del giallo argentiano non ha praticamente nulla ma che, al netto di una componente umoristica non troppo riuscita, si lascia seguire grazie al buon ritmo impresso da Vohrer e a un intreccio più articolato del previsto (pur con qualche ingenuità) che mette insieme ricatti a sfondo sessuale, vizi inconfessabili di personaggi al di sopra di ogni sospetto e traffico di droga. Non scontato il colpo di scena sull'identità del colpevole. Tappert si prepara per Derrick e naturalmente convince.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)