Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PRISONERS

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 30
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/11/13 DAL BENEMERITO DANIELA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 1/12/13
Dietro a quella che sembrerebbe una semplice storia di infanzia rapita c'è questa volta molto di più: l'accuratezza con cui viene messa in scena la vicenda è assolutamente fuori dell'ordinario; stupisce soprattutto la capacità di infondere nel film un'angoscia crescente che sconfina a tratti nell'orrore puro. La figura del sospettato numero 1, un ragazzo con evidenti ritardi a cui il padre (Hugh Jackman) di una delle due bambine rapite non dà tregua convinto com'è che lui sappia qualcosa che non vuole dire, ha sfumature inquietanti, e il modo con cui viene trattato colma di pesantissimi sottotesti psicologici un'opera encomiabile fin dal titolo, che gioca sulla doppia valenza del riferimento. In più, oltre a una regia assolutamente non comune, in grado di calare la storia in una dimensione da incubo che progressivamente s'incupisce, i due protagonisti si rivelano ideali a ricoprire i loro ruoli. Se Jackman è un padre che perde ben presto il lume della ragione precipitando in un vortice entro cui si fa accompagnare da chi non riesce ad opporglisi, Gyllenhaal rifugge la banalità nell'interpretazione, conferendo uno spessore eccellente al suo poliziotto pur non allontanandosi troppo, sulla carta, da personaggi visti in cento altre produzioni. Il tic agli occhi (di tanto in tanto li strizza involontariamente) è reso con encomiabile naturalezza, così come profondamente umano è l'atteggiamento nei confronti di chi gli sta attorno, fondamentale per immergere la truce vicenda in un realismo che ne aumenta l'agghiacciante portata. Ma la forza risiede anche in un soggetto più complesso del previsto, che si avvicina ai thriller più abilmente congegnati per inserire molteplici tracce inesplicabili, sospetti, suggestioni apparentemente fuori luogo che invece troveranno una loro precisa collocazione in un finale forse non del tutto all'altezza ma coerente e nient'affatto gettato via. Un'opera insomma altamente godibile, con qualche rallentamento e una prima parte che non si capisce bene dove voglia andare a parare ma che è propedeutica all'innesco definitivo: quando si comincia a comprendere come si muovono le pedine sulla scacchiera si resta inevitabilmente avvinti, ansiosi di conoscere la soluzione. Non tutto viene chiarito al meglio, qualche particolare sfugge e c'è sicuramente da fare molta attenzione a quanto accade, ma l'impressione è quella di assistere a un dramma insolito, ricco di spunti interessanti e condotto abilmente.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 10/11/13 10:07 - 10330 commenti

Dopo l'ottimo film precedente, Denis Villenuve si conferma regista di calibro, dirigendo una storia molto forte in modo quasi totalmente privo di retorica. La capacità della sceneggiatura è quella di dipingere ritratti in chiaroscuro dei personaggi che si muovono in un contesto cupo e ricco di ambiguità. La grigia linea di confine tra buoni e cattivi si mantiene fino allo splendido finale. Bravissimi gli attori, con una nota particolare di merito per Jake Gyllenhaal. Buono il doppiaggio italiano.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Puppigallo 5/12/13 18:18 - 4052 commenti

Pellicola dura, che non sembra dare adito a speranze. L'abisso di disperazione nel quale precipitano i genitori privati delle loro giovani figlie è reso con notevole maestria, coinvolgendo lo spettatore a tal punto da rischiare di parteggiare per il protagonista anche quando si scatena contro chi, secondo lui, è coinvolto nel rapimento (un semplice sospettato, per di più, con problemi mentali). Persino i freddi colori invernali contribuiscono a creare una pesante cappa su questa tetra, sinistra e contorta vicenda. Un grande esempio di cinema reso tale dalle interpretazioni dell'intero cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il faccia a faccia in auto col poliziotto; Massacrato di botte "Dimmi soltanto dove sono..."; La visita alla donna "Faccio ammenda"; Il fischietto.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 17/11/13 23:50 - 6606 commenti

Gran bel thriller che avvince ed emoziona come poche volte accade sullo schermo, nonostante la durata inusitata (150 minuti) per un film di genere. Villeneuve punta in alto ed il suo ritratto dell'America di provincia, pur con qualche cedimento, raggiunge un risultato finale assolutamente ragguardevole. La sceneggiatura è ben scritta e alla fine riesce a far tornare (quasi) tutti i conti. Ma il merito maggiore è l'aver costruito dei personaggi ambigui che sarebbero tanto piaciuti a Fritz Lang che vedeva in ogni uomo un potenziale criminale. Da vedere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 8/11/13 10:47 - 7074 commenti

Due bambine scomparse, l'unico sospetto rilasciato dalla polizia per mancanza di prove, un padre deciso a farlo confessare a qualsiasi costo... Dalla trama sembrerebbe l'ennesimo film sul bravo cittadino costretto a farsi giustizia da sé, ed invece è un thriller morale stratificato, non banale, in cui i confini fra vittime e carnefici sono labili. I personaggi, convincenti perché pieni di dubbi e di dolore, sono ben resi da un cast adeguato. Qualche sottolineatura di troppo e il cedimento nel finale non inficiano il risultato complessivo.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 21/11/13 20:32 - 2066 commenti

Ci sono almeno venti minuti di troppo, un goffo tentativo di smarcare i protagonisti dalle loro colpe e il sospetto che la densità morale sia meno sfuggente di quanto non dica il diffuso clima autoriale (in fondo i cattivi restano cattivi e l'ambiguità è limitata all'agire dei buoni). Tolti i peli dall'uovo, rimane un thriller intenso e d'impatto, costruito benissimo e diretto con grande rigore formale, in cui la regia di Villeneuve assume una statura pressoché demiurgica, dogmatica, senza per questo scadere nell'afflato tragico. Convincenti gli interpreti, inusuali a tanto livore umano.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 15/4/15 18:23 - 2952 commenti

Dopo una prima parte un po' troppo fredda e dilatata che pare ancorare il film al solito canovaccio tra Mystic river e Un borghese piccolo piccolo, il blocco narrativo si apre a inaspettate e sorprendenti contaminazioni thriller, con rivelazioni mai scontate e dettagli quasi da giallo argentiano (il medaglione), senza che la minuziosa cura a livello di scrittura venga minimamente intaccata. Interpreti ed estetica freddi e misurati, che prendono il volo in prossimità dei picchi narrativi. Finale con citazione giusta al momento giusto. Notevole.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 17/2/14 16:35 - 3395 commenti

Trenta minuti iniziali girati e montati in modo magistrale introducono a un thriller bello teso e ambiguo che ti avvinghia, senza abusare della violenza esplicita, per 2 ore e mezzo senza stancare (forse qualcosa nella parte centrale poteva essere tagliuzzato). Un buon cast e una efficace caratterizzazione dei tre ruoli principali (credibili ma non stereotipati, a cominciare da Gyllenhall). Qualche perplessità sul personaggio che irrompe a metà racconto ma nel complesso tanto di cappello a Villeneuve. Davvero notevole!
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Magnetti 4/6/15 11:37 - 1103 commenti

Thriller poliziesco bello e avvincente, di quelli che non si può smettere di vedere. Scandisce i tempi della vicenda l'inarrestabile agente di polizia interpretato da Jake Gyllenhaal che, con un metodo tutto suo, sbroglia la matassa. E così nel campo delle moltissime caratterizzazioni di poliziotti/agenti/ispettori visti al cinema, si ritaglia una parte degna di nota fornendo di sicuro la sua migliore interpretazione. Nella disperata vicenda dei due bambini spariti si ritaglia una buona parte anche Jackman che prima sembra esagerare salvo scoprire alla fine che l'esagerazione paga.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il poveretto preso a mazzate da Jackman. Il fischietto.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

Redeyes 1/3/14 10:21 - 1932 commenti

Il titolo, parzialmente, rovina la sorpresa della complessità della pellicola che finisce per, inequivocabilmente, lasciarci con una sorta di amaro in bocca. La marcescenza del clima, la realtà di periferia e una certa povertà di fondo accrescono il pathos, sovraccaricando la nostra percezione del dramma. Si apprezzano Gyllenhall, stereotipato ai minimi storici, e un perfetto Jackman. Nonostante una certa lunghezza si giunge al finale senza stanchezza. Villenueve dirige con bravura e ci lascia con un piacevole malessere addosso.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Mco 8/9/16 16:24 - 1920 commenti

Piove sul bagnato sulle strade della Pennsylvania. E lo fa in maniera estenuante, confondendo i sentieri della ragione, soprattutto allorquando due famiglie piangono il rapimento delle loro bambine. La violenza chiama violenza mentre la verità riposa da altre parti. Tutti gli intervenuti si muovono alla perfezione, Paul Dano è immenso nella parte di minus habens, Jackman in quella di nemesi scriteriata, Gyllenhaal come uomo di legge. Lungo ma per nulla pesante, si segue con attenzione sino all'ultima scena.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La doccia.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Pol 26/11/15 13:39 - 589 commenti

Raramente un thriller mi ha lasciato così soddisfatto: onestamente ero intimorito dalla durata ma fino all'ultima scena sono rimasto a occhi spalancati grazie a una sceneggiatura calibratissima (magari non perfetta, ma avercene) interpretata da un cast di alto livello. Lode a Villeneuve per una messa in scena che pur rinunciando a qualsiasi "effetto speciale" è tutt'altro che piatta (come i grandi classici) e per una scena finale di rara asciuttezza che ti fa concludere la proiezione con un applauso. Esemplare.
I gusti di Pol (Comico - Gangster - Thriller)

Rambo90 30/5/14 2:56 - 5135 commenti

Un thriller duro e teso, coinvolgente nonostante la lunga durata (che non inficia assolutamente sull'attenzione, tanto il film è girato bene). La fotografia è ottima, fredda e crepuscolare, quasi un accento sulla violenza dei personaggi; violenza che spesso colpisce ancora di più per quanto dettata da un'estrema umanità. Gyllenhall è bravo, ma Jackman (lontano da Wolverine) è sorprendente per immedesimazione e convinzione. Anche la soluzione non è banale. Ottimo.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 30/10/15 19:13 - 4099 commenti

Tutti prigionieri, spettatori compresi. Chi non è prigioniero fisicamente lo è psicologicamente; prigioniero delle sue angosce, prigioniero delle sue tare. Il film lo si può visionare su diversi piani, fino a significati più profondi, che chiamano in causa anche una giustizia superiore... funziona sempre. Era meglio forse più corto, ma capisco che anche l'eccessiva lunghezza faccia parte del gioco deciso da Aaron Guzikowski, lo sceneggiatore; Villeneuve e lo staff tecnico hanno materializzato bene una sceneggiatura di prim'ordine. Buone le interpretazioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Giùan 11/11/15 22:02 - 2415 commenti

Con Gone girl uno dei migliori esempi di thriller "post-conremporaneo" e, come il film di Fincher, cartina di tornasole di un genere che si nutre ormai soprattutto di metacitazioni. Villeneuve si propone come artefice e ordinatore di una serie di elementi il cui accumulo (spesso meccanico, nell'ultima parte a tratti indisponente) è gestito con cipiglio asciutto, restando lontano da qualsiasi coinvolgimento emotivo. Gyllenhal rende indimenticabile il suo detective cocciuto come Colombo, le cui stereotipie oculari testimoniano però una speciale fragilità.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Piero68 19/4/18 9:48 - 2325 commenti

Difficile trovare tare in un film come questo, che ti tiene col fiato sospeso dal primo all'ultimo dei 150 minuti di durata. Anche perché l'argomento è di quelli scomodi e sconvenienti. A voler essere pignoli solo il montaggio non sempre riesce a essere efficace. Ma per il resto Villeneuve alla regia dimostra tutte le sue qualità e Gyllenhaal, con tutti i suoi tic (posticci) è qui davvero un gigante. Una spanna più sotto Jackman, che in questo contesto è come un diesel: ci mette un po' a riscaldarsi. Ottimo cinema, comunque.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gyllenhaal al superiore scettico e rompi: "Va' a farti fottere, capitano!"; La tortura della doccia.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Myvincent 31/12/13 8:08 - 2009 commenti

Un drama-thriller lungo più di due ore che racconta del rapimento di due bambine e della catena di eventi che coinvolge famigliari e polizia per ritrovarle. Onore a Jake Gyllenhaal che riesce a tirar fuori un personaggio umanamente credibile; il resto non è straordinario, ma è comunque di qualità. Bello il finale alla E. A. Poe.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Didda23 10/2/14 22:09 - 1907 commenti

Ancor più straordinario alla luce della mancanza di originalità. Ebbene sì, Villeneuve si conferma regista talentuoso e in quest'opera mostra di saper prendere lo spettatatore per mano, rendendendo il girato significativo ed empatico. La sceneggiatura parte in sordina per esplodere con il passare dei minuti, dosando alla perfezione la tensione narrativa. la fotografia del veterano Roger Deakins è superba (giusta la candidatura agli oscar). L'umanità di Gyllenhaal, la ferocia di Jackman e la fragilità di Dano aumentano lo spessore psicologico. Grandissimo esempio di cinema.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 27/1/14 10:25 - 1751 commenti

Storia che attinge a un misto di tensioni tra omicidi seriali, indagini per simboli, reazioni fuori contesto. Lo stile registico lineare è da apprezzare come il taglio invernale, anche se l’eccessiva durata penalizza la resa emotiva. Poi ci sono le frasi epiche, il goccio bevuto dopo 9 anni, qualche deviazione che poteva essere tagliata. Gyllenhaal in parte col suo tic, bravo Dano, la Leo è truccata male, gli altri troppo stucchevoli. La chiusura può soddisfare. Per gli amanti del genere sicuramente più che un buon film.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Ryo 23/7/14 13:29 - 1611 commenti

Un ottimo film sul tema della prigionia. Il film inizia con un rapimento, che porta a un conseguente contro-rapimento e continua con un ulteriore rapimento. Tutti per motivi diversi, tutti (secondo la logica del rapitore) giustificati. Un alone di ansia e mistero costante, due magnifici attori come Jackman e Gyllenhaal incarnano benissimo personaggi di grande spessore psicologico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le escoriazioni inflitte a Alex; Il disegnatore di labirinti.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Mickes2 9/12/13 17:06 - 1550 commenti

Thriller di buona fattura dove l’oramai abusato tema della giustizia privata si riaffaccia deciso attraverso lo stile granitico e asciutto di Villeneuve. Ma dati gli obiettivi, più che l’impianto morale (un po’ grossolano) rimane l’emotività e il dolore dei personaggi, la costruzione corale pressoché chirurgica degli eventi, la capacità d’interessare lo spettatore scoprendo piano ma intensamente le proprie carte anche grazie a un’estetica plumbea e un’atmosfera piovosa. Ancora una volta, il confine fra demone e angelo è tremendamente sottile.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Dusso 20/11/13 12:13 - 1521 commenti

Thriller dallo svolgimento non entusiasmante comunque ben fotografato e dai toni cupi. Gyllenhaal, fin troppo imbranato in una prestazione molto meno convincente del solito, fa tutto da solo con una polizia quasi assente. Funziona decisamente di più sul versante drammatico che su quello giallo/thriller.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Greymouser 16/11/13 23:54 - 1441 commenti

Gran film al cospetto di Dio, questo thriller potente e denso, pieno di stratificazioni citazioniste sempre calibrate e sorprendenti, mi ha fatto riconciliare con un genere che negli ultimi tempi non aveva sfornato capolavori. Il regista, ispiratissimo, inchioda lo spettatore dal primo all'ultimo secondo, senza mai lasciargli la noiosa sosddisfazione di anticipare gli eventi. E la sceneggiatura, finalmente, è di ferro, e non butta fumo negli occhi per mascherare falle e incongruenze. Da applausi a scena aperta.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Nicola81 19/8/14 22:05 - 1412 commenti

Uno dei thriller più convincenti degli ultimi anni, nonostante una lunghezza che potrebbe preoccupare e un soggetto che, sulla carta, di originale avrebbe ben poco. Una trama ben strutturata (pur con qualche piccolo cedimento) e ricca di risvolti morali e religiosi, in cui tutti i personaggi e non solo le due bambine, appaiono prigionieri delle loro paure e contraddizioni. La regia di Villeneuve unisce talento e senso della misura e le ottime prove degli attori rendono ciascun personaggio estremamente credibile. Da vedere.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il ferrini 7/6/16 23:15 - 1135 commenti

Sceneggiatura ben scritta, fotografia gelida, regia solida. Prisoners è carico di tensione ma anche di dramma, affronta temi importanti come la tortura e il giustizialismo, il suo ritmo è lento ma inesorabile e i pezzi s'incastrano scena dopo scena in un macabro puzzle. Molto efficaci sia Jackman nel ruolo del padre impulsivo che Gyllenhaal in quello del misurato detective. Lo scontro fra le due personalità è il vero fulcro del film, che comunque può vantare una soluzione affatto banale e un finale che non si scorda difficilmente.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Jandileida 20/1/15 22:07 - 1027 commenti

Regia chirurgica, fotografia livida e dolente, sceneggiatura solida e che non perde quasi mai un colpo, personaggi disegnati a tutto tondo e attori in grande forma (fantastico Gyllenhaal, sorprendente Jackman): questi gli ingredienti fondamentali del notevole lavoro di Villeneuve. La durata importante è usata con perizia per tessere la tela di un dramma che parte da uno spunto abbastanza consunto ma riesce a catturare perché svela le sue carte con cura e non cede, quasi mai, a derive moraleggianti e di facile utilizzo. Ottimo.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Xamini   29/11/16 0:53 - 799 commenti

Ottimo lavoro di un Villeneuve che conferma di padroneggiare a meraviglia la tensione, evitando ove possibile il superfluo (il finale). Buona parte del merito va anche a una sceneggiatura che lavora bene sulla psicologia dei personaggi portando persone comuni sulla linea di confine (Jackman particolarmente incisivo, in questo senso). La vera protagonista è tuttavia un'angoscia di fondo che si insinua nello spettatore sin dalla rottura della normalità dell'incipit, per non lasciarlo sino all'ultima scena.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Delpiero89 21/9/14 11:59 - 263 commenti

Solido come una roccia, tiene incollato lo spettatore per quasi due ore e mezza senza mai stancare. Parte da un argomento già trattato (rapimento di bambini) anche da grandi registi (Eastwood e Affleck, per citarne due recenti) ma, nonostante tutto, riesce a essere efficace e diverso. Grande prova di Hugh Jackman. Ambientazioni da favola. Da non perdere, uno dei migliori film in assoluto del 2013.
I gusti di Delpiero89 (Giallo - Poliziesco - Western)

Nadir 26/2/14 11:11 - 56 commenti

Senz'altro un film girato e sceneggiato benissimo. Ruoli difficili resi efficacemente da attori che, sebbene non famosissimi, recitano in modo eccellente. Direzione della fotografia essenziale e giustamente scarna per un'ambientazione costantemente "fredda" e tendenzialmente triste, come d'altronde la maggior parte dei personaggi richiedeva. L'unica nota leggermente negativa è per la colonna sonora, quasi insufficiente per contornare una storia che meritava molto di più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'intera sequenza (girata in modo magistrale) della corsa in macchina verso l'ospedale.
I gusti di Nadir (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Decimamusa 21/9/17 10:59 - 47 commenti

Buon thriller, che sa miscelare i vari ingredienti soddisfacendo l'appassionato del genere: ben tratteggiata la provincia americana, inquietante nella sua apparente tranquillità, adeguatamente resi i contesti familiari e le psicologie individuali, suspense tenuta desta fino al prevedibile ma comunque intrigante finale. Forse un po' arzigogolata e non sempre facile da sbrogliare la "mappa" degli psicopatici. Bravi gli attori, con una nota particolare per Gyllenhaal, uomo "normale" che rischia di smarrirsi fra le spire più tenebrose del crimine.
I gusti di Decimamusa (Drammatico - Sentimentale - Thriller)

France 24/2/14 19:56 - 4 commenti

Grande film! Soprattutto per la suspense e la sensazione di mistero, davvero molto coinvolgente! Attori bravissimi. Ottima interpretazione di Hugh Jackman in un ruolo per lui insolito. Mi hanno colpito molto le caratteristiche somatiche dei personaggi, in particolare il ragazzo giovane sospettato e la sua "tutrice", attrice giovane ma resa anziana dal trucco. Fa più paura così!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La guerra contro Dio.
I gusti di France (Azione - Poliziesco - Teatro)