Cerca per genere
Attori/registi più presenti

RATCATCHER - ACCHIAPPATOPI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/7/12 DAL BENEMERITO MICKES2

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Saintgifts 19/6/13 10:32 - 4099 commenti

Parafrasando il titolo del famoso romanzo di J. D. Salinger, potrebbe essere The Ratcatcher in the Rye. ╚ proprio attraverso la finestra della casa in costruzione che James vede il campo di segale illuminato da un sole che sembra non esistere nella sua periferia di Glasgow e finalmente pu˛ liberare il suo corpo e la sua mente da tutte le brutture e dai tristi ricordi che ha accumulato in questa sua fase prepuberale. Eppure c'Ŕ anche del buono tra i cumuli di sacchi dei rifiuti: l'amore della mamma e delle sorelle, l'amicizia con Margaret Anne.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Mickes2 27/7/12 18:45 - 1550 commenti

Siamo nella squallida periferia di Glasgow invasa dai rifiuti (e dai topi) a causa di uno sciopero. James di 12 anni, un padre buono ma spesso ubriaco, una madre in balia degli eventi, due sorelle. Interessante esordio della Ramsay, a metÓ tra il documentario e l'affresco poetico. Racconto di formazione immerso nella desolata povertÓ della grigia e puzzolente periferia scozzese visto attraverso gli occhi di James, ragazzino vispo ma introverso, che porta con sŔ tutto il peso di una situazione famigliare e sociale con pochissime prospettive.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Kinodrop 19/4/18 21:00 - 718 commenti

Glasgow, un amaro sguardo sulla vita dell'adolescente James nel degrado di una periferia abbandonata e lurida, tra la durezza della realtÓ, sensi di colpa e speranze di riscatto. Lynne Ramsay, al suo esordio, racconta senza eccedere nella denuncia sociale, lasciando intravvedere piuttosto l'aspetto psicologico con risvolti non privi di affettivitÓ; e in questo senso la storia manca di mordente e in alcuni momenti gira un po' a vuoto. Nonostante l'ambientazione fatiscente, la fotografia riesce comunque a dare una patina ideale e poetica. Cast credibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il canale; I bulli e la "ragazza facile"; Topi e pidocchi; L'ultimo fotogramma: un omaggio al Truffaut dei 400 colpi?
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Cinecologo 21/3/18 19:53 - 15 commenti

Sullo sfondo socio-politico di una Scozia proletaria (alla Ken Loach), dove uomini e ratti si identificano nel condividere medesimi spazi e infausti destini, Lynne Ramsay costruisce questa buona opera prima in cui protagonista Ŕ un giovane adolescente che - similmente al bellissimo Paranoid Park di Van Sant - dovrÓ affrontare la tragicitÓ della morte con l'assenza di quegli strumenti emotivi che la realtÓ in cui Ŕ calato gli nega. Fotografia e montaggio, magari un po' furbescamente, sanno tuttavia come incantare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il topolino nello spazio; L'inquadratura dell'abbraccio sul divano tra i due protagonisti; La "gita" fuoriporta alla futura abitazione.
I gusti di Cinecologo (Commedia - Drammatico - Horror)