Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A 30 MILIONI DI KM DALLA TERRA

All'interno del forum, per questo film:
A 30 milioni di km dalla Terra
Titolo originale:20 million miles to earth
Dati:Anno: 1957Genere: fantascienza (bianco e nero)
Regia:Nathan Hertz (Nathan Juran)
Cast:William Hopper, Joan Taylor, Frank Puglia, John Zaremba, Thomas Browne Henry, Tito Vuolo, Jan Arvan, Arthur Space, Bart Braverman, Ray Harryhausen (n.c.)
Note:(aka "A trenta milioni di chilometri dalla Terra") (aka "Twenty million miles to earth")
Visite:724
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
È stato il primo progetto del profeta della stop-motion Ray Harryhausen, che ne aveva scritto soggetto e sceneggiatura già cinque anni prima; successivamente rielaborati entrambi da altri, danno infine forma a un film che deve molto a KING KONG e GODZILLA. A quest'ultimo in particolare per la creazione del mostro venusiano, che pare appunto un incrocio tra Godzilla e una creatura rettiliana antropomorfa vicina agli antichi dinosauri. Ha però la particolarità di crescere di misura, a contatto con l'atmosfera terrestre, e da piccolo mostriciattolo si trasforma in pochi giorni in un nemico gigante da combattere con l'esercito. L'azione, inizialmente prevista in Francia con abbattimento sulla Torre Eiffel, è stata spostata in Italia per ragioni di budget, ma il finale sul Colosseo e con il mostro che si avventa sulle colonne dei Fori Imperiali e i ponti sul Tevere distruggendoli ha un fascino persino superiore. Come sempre piuttosto deludenti e scontate le parti senza la creatura, anche se in ogni caso la regia spigliata di Nathan Juran riesce a non farle pesare troppo. La tecnica di Ray Harryhausen oggi è ampiamente sorpassata e gli spostamenti “a scatti” caratteristici della stop-motion fanno sorridere, ma la cura lodevole nella loro realizzazione e l'esser riusciti a contestualizzare bene la bestia negli scenari permette ancora adesso di godersi l'avventura con gusto. Indimenticabile, ad esempio, la lotta tra il mostro e un grosso elefante fuggito dallo zoo, prolungata e d’effetto. La prima parte, in Sicilia, è ovviamente la più debole, anche se la meglio sceneggiata. Curioso veder sparare con il bazooka sul Colosseo distruggendolo proprio come si vedrà fare in INDEPENDENCE DAY con la Casa Bianca.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 8/12/16 9:22 - 6633 commenti

Anche il mostro venusiano fa le sue Vacanze romane, dopo essere sbarcato, come i soldati Usa, in Sicilia. Ovvero, l’Italia secondo la fantascienza americana: mare e Colosseo. Il lucertolone alieno ha il destino triste di un King Kong in fuga distruttiva ed è ben manovrato da un mago come Ray Harryhausen. Discreto il ritmo, con la sceneggiatura compatta e incalzante, con il film che entra rapidamente nel vivo, si sviluppa in crescendo e non si perde in chiacchiere. Ma la trama è fragile e i buchi di senso e di logica fioriscono in ogni dove.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 7/1/08 9:39 - 3930 commenti

Star indiscussa di questo film ambientato in Italia, con navicella spaziale Americana che si schianta nelle acque siciliane, è l'orrida creatura proveniente da Venere (assurdamente spassosa). Ghiotta di zolfo e tendente a diventare enorme, farà danni, sia in Sicilia, che a Roma (la portano allo zoo!). La prima metà, a parte l'esplorazione del razzo e un bell'attacco a un contadino, è piuttosto noiosa e parlata. Ma nella seconda il rettiloide Venusiano si scatena, demolendo, urlando e combattendo (attacca solo se provocato). Venderà comunque cara la pellaccia. Merita la visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Creatura contro elefante dello zoo.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 23/6/17 0:07 - 6444 commenti

Fantascienza di una volta che si segnala soprattutto per gli effetti speciale del grande Ray Harryhauesen: per il resto siamo dinanzi ad una trama povera e dagli sviluppi prevedibili che causano lo scarso coinvolgimento dello spettatore e per l'ambientazione sicula della vicenza. Per il resto c'è il solito mostro venusiano che fa un po' di sfracelli prima del solito finale. Carino e gustoso specie per chi ama i film d'antan. Lo spettatore contemporaneo, abituato a ben altro, potrà storcere (e pure tanto) il naso.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 29/1/09 9:28 - 6411 commenti

Molto curioso, non tanto per il look della creatura venusiana creata da Harryhausen, che sembra provenire più dalla preistoria che dallo spazio, quanto per l'ambientazione in Italia, un po' cialtrona causa lo scarso budget. Nella prima parte la Sicilia appare più verde di una valle alpina, con tanto di cascate e fresche frasche, poi la creatura viene portata allo zoo di Roma, fugge (e ti pareva...) e combina guai, fino allo spettacolare finale. Carino come un vecchio libro illustrato, di quelli con le figurine pop-up.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La creaturina appena uscita dall'uovo, graziosissima.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 22/4/08 14:34 - 4604 commenti

Fa molto piacere vedere un film di fantascienza ambientato nella nostra bella Italia (un astuto stratagemma del tecnico degli effetti speciali e sceneggiatore Ray Harryhausen per viaggiare). Bravissima e bellissima Joan Taylor, convincente Hooper figlio della famosa Hedda Hooper, ma anche John Zaremba. Commovente la creatura proveniente da Venere che semina distruzione qua è là per la bella Roma (pure dentro il Colosseo).
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Fabbiu 16/5/17 15:54 - 1787 commenti

Film di fantascienza, oggi divenuto un piccolo classico, per molti versi abbastanza simile ad altri titoli del filone Anni Cinquanta (la creatura, la bella, l'eroe e un rapido ovvio finale serrato). Risulta però più divertente e ritmato di tanti altri più monotoni e spiegati; il merito è sia della memorabile e lucertolosa creatura (from Venere) di Ray Harryhausen, sia delle particolari ambientazioni italiane (Roma, con combattimenti e scontri sul Tevere e sul Colosseo, nonché "Gerra", paesino di una Sicilia di finzione).
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Furetto60 11/4/13 9:10 - 1133 commenti

Nessun dubbio che si tratti di fantascienza: umili pescatori siciliani ostentano un ottimo italiano e nel centro di Roma non c’è traccia di traffico! Si, perché questo film è ambientato sul pianeta... Italia, con scene che ricordano in parte i nipponici Godzilla, in parte King Kong (in particolare quando il lucertolone s’arrampica sul Colosseo, manco fosse l’Empire State Building); a completare l’opera dei Visigoti ci pensano l’alieno e i marines, che ne buttano giù un pezzo! Film che risulta divertente anche per quelle che oggi vediamo come ingenuità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il piccolo Comune siciliano con i panni appesi alle finestre; Ponte S. Angelo distrutto; L’alieno che mangia zolfo; Il sindaco tipo Prefetto di ferro.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

R.f.e. 11/8/09 16:37 - 836 commenti

Sorta di rilettura del King Kong (1933) in chiave di "space invasion", interpretata dalla stessa attrice mora e formosa che era apparsa in La terra contro i dischi volanti, Joan Taylor. In fondo un B-movie niente affatto male: lo Yimir venusiano in alcune scene fa persino tenerezza. Assurda e topograficamente delirante l'ambientazione italiana. Comunque molto 'sense of wonder' anni '50 (si ricordi che la 'novelization' del film, scritta da Henry Slesar, fu pubblicata in Italia il 7 novembre 1957, su Urania n. 164).
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Von Leppe 22/6/11 13:49 - 796 commenti

L'ambientazione italiana lo differenzia dalle altre pellicole di fantascienza del passato, come pure il mostro alieno dell'ormai famoso mago della stop motion Harryausen. Qui l'essere ha già l'aspetto da creatura mitologica (precede in questo molti film curati negli effetti speciali dallo stesso artista). Affascinante la prima parte in Sicilia, mentre la parte romana perde un po' seguendo la falsariga di King Kong. Poi ci sono personaggi come il Dott. Leonardo e il bambino: ingenuo, come quelli americani del periodo, ma che non fa niente gratis.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: È davvero orrendo... eppure ha un aria spaventata.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Jurgen77 18/5/17 8:39 - 508 commenti

Film datato, con un'ottima ambientazione nella nostra bella Italia. La trama è un po' debitrice a King Kong, ma gli spettacolari effetti di Ray Harryhousen, da soli, sono il valore aggiunto di questa pellicola fantascientifica che, se da un lato propone una trama abbastanza scontata, riescono a dare un tocco di magia tipica della "sci-fi" made in Usa degli Anni Cinquanta. Ad alcuni farà sorridere, ai sognatori e ai nostalgici piacerà...
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)

Max renn 10/4/12 19:02 - 80 commenti

Il povero Ymir, rettiloide venusiano, "atterra" suo malgrado sul nostro pianeta, ove viene aggredito da tutti e preso a cannonate dall'esercito in una Roma simil-cartolina. Sci-fi anni '50 piuttosto ingenua ma parimenti simpatica, caratterizzata da un'insolita ambientazione italica (un'improbabile Sicilia prima, la Capitale poi). La creatura è resa ottimamente dall'animazione in stop motion del mago Harryhausen (da antologia lo scontro allo zoo col pachiderma).
I gusti di Max renn (Fantascienza - Horror - Western)