Cerca per genere
Attori/registi più presenti

FANGO, SUDORE E POLVERE DA SPARO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/1/11 DAL BENEMERITO SILENZIO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Saintgifts 2/9/13 18:29 - 4099 commenti

La massima aspirazione di Ben, giovane che vive con la madre lavandaia e che è riuscito ad acquistare un revolver, è quella di diventare un cowboy. Riesce perciò a farsi assumere come aiuto cuoco nella Culpepper cattle co. che deve trasferire una mandria nel Colorado. Western revisionista che riesce a dare un'esatta dimensione al momento storico e agli uomini che l'hanno vissuto, togliendo ogni velo di romanticismo, forse troppo, rendendo così tutta la durezza di una vita dove l'unica legge a cui affidarsi era in una fondina appesa al fianco.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Fauno 14/5/17 1:09 - 1596 commenti

Ci sono mercenari e uomini d'onore, ma paradossalmente in questo western il mercenario è il mandriano organizzatore (anche se si diverte a fare il filosofo) e gli uomini d'onore sono lo straordinario quartetto che si aggrega dopo la prima sparatoria-tritacarne. Di questi quattro il più encomiabile è Luke (Askew), ottimo manipolatore di pugnali, ma anche Russ (Lewis) è tosto col suo fisico e il suo sguardo adrenalinico, mentre Dixie Trick (Hopkins) non convince con la sua risata. Come si può arguire, le sparatorie fan da piatto forte e da unico potere decisionale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incontro tutt'altro che carino col latifondista Thornton Pierce; Le bevute agli emporii.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Rufus68 12/11/17 20:36 - 1340 commenti

Uno di quei filmini che restano nella memoria nonostante la totale assenza di originalità (o forse proprio per questo, esaltandosi lo spettatore nei luoghi comuni del genere). La parabola del ragazzetto aspirante cowboy che diventa uomo e trova la disillusione a fronte della realtà è condotta in modo elementare. I protagonisti, tuttavia, sono simpatici (la rozza gang capitanata da Lewis) e alcune scene (la sparatoria al saloon, l'uccisione dei cacciatori di pelle) girate con energia e amore per certo western "sporco" e ruvido.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Silenzio 10/1/11 13:46 - 59 commenti

Valido western incentrato sull’aspra e perigliosa vita dei cow-boy, in grado di coniugare efficacemente il rigore della cronaca alle esigenze spettacolari del genere. I temi del viaggio e dell’iniziazione alla vita emergono sullo sfondo di una Frontiera bellissima e sanguinosa, attraversata da uomini induriti dal lavoro e dall’abitudine alla violenza, capaci di accettare la morte con il sorriso sulle labbra. La sintassi delle sequenze d’azione ed il finale rimandano direttamente al cinema di Peckinpah. Ottimo cast.
I gusti di Silenzio (Gangster - Horror - Western)