Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MANOLESTA

All'interno del forum, per questo film:
Manolesta
Dati:Anno: 1981Genere: commedia (colore)
Regia:Pasquale Festa Campanile
Cast:Tomas Milian, Giovanna Ralli, Paco Cardini, Armando Pugliese, Ennio Antonelli, Adriana Russo
Visite:1651
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 23/1/15 11:46 - 2090 commenti

Contro ogni convenzione sociale e preoccupato di dare una vita a suo modo dignitosa al figlio, Milian ragazzo-padre di borgata le escogita tutte per dribblare i gangli dell’assistenza sociale e di una vita scandita dalla schiavitù lavorativa. Non manca come sempre la contrapposizione di quell’umorismo panealpane caro al volgo in reazione a tutto ciò che è ottusamente parastatale che ha reso a suo modo eroico e mitico Milian, ma in mano a Festa Campanile, in tutto spregio di un happy end sbrigativo ed evidentemente girato di malavoglia, è un'amarezza quasi monicelliana a tonificare la commedia.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Fabbiu 4/3/09 14:15 - 1812 commenti

Non raggiunge i livelli degli episodi di Nico Giraldi, ma abituati allo stile di queste commedie e al personaggio di Milian, rozzo a prescindere dal ruolo sociale l'intrattenimento è garantito, risate da fare ce ne sono (le varie battute spesso in rima da autentico cafone d'altri tempi) con momenti di sentimentalismo piuttosto ben concepiti e sinceri. Una storia semplice ma molto seguibile, invero ripiena di ricadute (il terribile merlo parlante e tutta la parte sull'inseguimento per i soldi) ma con momenti di vertici milianeschi.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Enzus79 10/1/10 11:02 - 1539 commenti

Commedia fiacca. Anche se c'è Tomas Milian che interpreta il solito cafone, che dice parolacce a non finire. Storia che già si sa come va a finire. Non annoia certo, ma vedere Milian che fa il verso a quello che abbiamo già visto nei suoi precedenti film delude.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 10/1/10 9:47 - 635 commenti

Tomas Milian, il romanaccio, si ritrova invece che nei panni di Nico Giraldi, in quelle di Gino Quirino, padre e disoccupato che campa rubando. Simpatica nuova figura per l'attore cubano. Fiacco il risultato, anche se non ci si annoia più di tanto. Non è fra i peggiori.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Minitina80 15/4/18 8:45 - 1538 commenti

Gino Quirino è l’alter ego del personaggio maggiormente nelle corde di Tomas Milian. È più malinconico e meno dinamico dell’Ispettore Giraldi e meno sfrontato del Monnezza. Qui sembra prendersi più seriamente e dietro il linguaggio colorito e i modi rudi si nasconde l’animo umano di un padre che non vuole perdere il figlio. Dietro la maschera di Milian si consuma il dramma della povertà e degli emarginati a cui poco di buono riserva il destino. Sembra quasi una fiaba truce a cui l'arrrivo della Ralli risolve il lieto fine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: A te te piacciono i funghi velenosi? A me me fanno morì!
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Gabrius79 2/11/14 3:33 - 1032 commenti

Tomas Milian fa il verso al Monnezza, ma questa volta nei panni del ladruncolo Gino Quirino. Il risultato è abbastanza gradevole, anche se il linguaggio risulta essere più sboccato del solito. A far da cornice alla storia troviamo una bella Giovanna Ralli in un ruolo ingessato e un po' stridente che forse spreca le sue doti. Spazio anche per qualche breve momento sentimentale col piccolo Paco Fabrini.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Giuliam 10/1/10 9:37 - 178 commenti

Patetica commedia che non funziona proprio, con un Tomas Milian svogliato e retorico non aiutato particolarmente da un insulso soggetto. La credibilità è poca e poi, quando anche la noia si fa sentire, non si riesce a capire perché mai abbiano fatto un film del genere. Ma non è troppo difficile arrivarci. Una delle pellicole più dimenticabili di Milian, in cui l'eccesso di buonismo cade nella banalità, dove non ci sono versi o risvolti che possano rendere questo un film riuscito...
I gusti di Giuliam (Horror - Poliziesco - Western)