Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA FUGA DI LOGAN

All'interno del forum, per questo film:
La fuga di Logan
Titolo originale:Logan's run
Dati:Anno: 1976Genere: fantascienza (colore)
Regia:Michael Anderson
Cast:Michael York, Richard Jordan, Jenny Agutter, Roscoe Lee Brown, Farrah Fawcett, Peter Ustinov
Visite:1431
Il film ricorda:L'uomo che fuggì dal futuro (a Buiomega71), The island (a Gestarsh99), Un mondo maledetto fatto di bambole (a Fabbiu, Lucius)
Approfondimenti:1) UN VELOCE SGUARDO SULLA FANTASCIENZA DEI '70
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 11/8/09 16:48 - 10325 commenti

In una poco rassicurabile e futuristica società, gli uomini vivono tra grandi agi ma sono condannati alla morte precoce per evitare l'invecchiamento della popolazione. La sinistra premessa dà lo spunto ad un film diventato un cult per molti ma invecchiato piuttosto rapidamente. Molto riuscito dal punto di vista formale e stilistico il film patisce una narrazione dai ritmi lenti e un finale troppo consolatorio.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 9/8/09 9:53 - 6962 commenti

Fuga da un mondo chiuso dove la felicità comporta la morte a 30 anni. E' un classico del genere, con una bella storia, ben raccontata, e con una sensibilità visiva molto interessante soprattutto per gli aspetti cromatici. Rischia la retorica patriottica nelle sequenze di Washington tra statue di Lincoln e bandiere americane, riportando l'opera a venature da guerra fredda, ma fortunatamente l'impianto narrativo ha una potenza che riesce a superare indenne la scivolata così come il frettoloso lieto fine. Ustinov simpatico come sempre.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 14/10/13 20:02 - 4049 commenti

Oggi può sembrare un po' datato, ma questa pellicola resta un buon esempio di fantascienza realizzata con una commistione di idee e immagini visivamente interessanti, rafforzate da modellini realizzati con una certa minuziosità, avveniristici (allora) e adatti a far credere allo spettatore che la storia era ambientata in un futuro lontano, ma non troppo. I protagonisti se la cavano dignitosamente, l'azione non manca; e il finale, dove la veneranda età, visto il tipo di organizzazione, è vista come un qualcosa di stupefacente, è piuttosto originale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il giorno del rinnovamento; Dal chirurgo plastico; La grotta-dispensa ghiacciata con guardiano; Gli occhi da psicopatico dell'amico arrabbiato.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 28/7/09 2:28 - 6606 commenti

Discreta e interessante antiutopia che dà il meglio di sè nella prima parte, mentre la seconda pecca di eccessiva convenzionalità fino ad arrivare ad un finale davvero troppo edulcorato. Più cupezza e pessimismo avrebbero giovato. Notevoli per l'epoca gli effetti speciali che, infatti, vinsero un meritato Oscar. In ogni caso gradevole e consigliato a chi ama il genere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 19/2/13 15:39 - 7066 commenti

Nel mondo di Logan, tutti vivono in mezzo agli agi, sani, belli, giovani... appunto, solo giovani, perché invecchiare è impossibile. Mi ricordo che, vista all'uscita, questa Fuga mi fece una bella impressione, a parte il solito ruolo ancillare delle femmine. Rivisto oggi, il film appare parecchio invecchiato, con una messa in scena in più punti manierata ed ingenua e un cast non molto convincente (a parte il grande vecchio Ustinov) però conserva un certo fascino, grazie alla bellezza della storia: non un capolavoro, ma un film da ricordare fra le distopie degli anni '70.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incontro con il vecchio.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 11/10/13 23:39 - 3393 commenti

A suo favore: le trovate visive e scenografiche, dalla città moderna alla Washington ricoperta dalla vegetazione e parecchi temi anticipatori. A suo sfavore la lentezza di fondo (ogni tanto ci vuole il FF), la vacuità dei dialoghi, alcune situazioni dirette in modo grossolano. Aggiungo ahimè il doppiaggio italiano. Voto mediano. In sintesi il film merita sicuramente la visione (e una riflessione), ma anche volendo definirlo un cult lo è solo a metà.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il Lincoln memorial; L'interrogatorio finale.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Fabbiu 21/3/07 21:39 - 1817 commenti

Un vero cult per gli amanti della fantascienza: la sua storia ha dato vita a diverse interpretazioni che hanno composto una miriade di film simili (tra cui anche il più moderno The island). Bellissima la ricostruzione della zone esterne della società (costruite con modellini e fatte sembrare vere con interessanti effetti visivi, per un film del 76), notevoli le scene interne girate al Dallas Market Center in cui scale mobili e vetri contribuivano a rendere l'idea del futuro.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Lucius  1/6/09 19:39 - 2613 commenti

Capolavoro di fantascienza, nonostante sia un film datato e nonostante lo svolgersi lento è ancor oggi un vero e proprio cult; immancabile in una cineteca di livello. Premio Oscar per gli effetti speciali nel 1977. L'anno successivo ispirò una serie televisiva per la CBS.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 11/10/11 12:59 - 2412 commenti

Invecchiato decisamente meno peggio sia rispetto ad altri prodotti consimili che del grande Ustinov Mosè, tanto più se si considera l'alto tasso di deteriorabilità del genere sci-fi. Deve la sua longevità non certo al plot, decisamente succedaneo e scontato (la fuga e l'intera seconda parte traggon troppi spunti da Planet of apes), quanto all'impianto scenografico, alla sfolgorante fotografia e al ritmo tiratissimo orchestrato da Anderson. York (vedere Fedora di Wilder) era l'effimero divo anni '70; Peter gigioneggia da par suo; Jenny Agutter fa sospirare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il Robot box nel suo dominio di ghiaccio; Il Carousel.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 9/4/14 21:43 - 2001 commenti

In una dimensione futurista, dove tutto è codificato sotto un dominio tirannico, la vita non dura più di trent'anni. Da qui Logan tenta una difficile, quasi impossibile fuga che lo aiuterà a capire. Un film poetico, in cui il mondo si è già estinto da un pezzo, invaso dal rigoglioso verde delle piante; dove la presenza di un unico anziano (il grande Peter Ustinov) ha molto da insegnare. Alcuni effetti ricordano le discoteche anni '70!
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Rufus68 18/7/17 22:14 - 1823 commenti

Ci sono l'apocalisse, la distopia, la fuga, persino un accenno alla leggenda del Buddha (Logan e la compagna che scoprono la vecchiaia e la solitudine). Il film funziona solo a tratti, risultando datato e un po' approssimativo nella progressione drammaturgica (la presa di coscienza del protagonista, il rapido precipitare degli eventi). Un piccolo classico, appassito ma pur sempre piacevole: la Agutter, scosciata all the time, alza il livello.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Buiomega71 18/12/10 14:23 - 1766 commenti

Grande gioiello della "fanta70". Visivamente affascinante, con eccelenti scenografie. Capolavoro di Michael Anderson, che oltre alle avanguardistiche (per allora) scenografie, preannunciava, in maniera alquanto profetica, l'avvento di internet (il computer madre, la capsula chat per scegliere i partner). Impressionante poi il "carousel", gioco infernale in cui i giovani, coperti con una maschera stile Jason e costumi alla All that jazz, vengono librati in aria per essere disintegrati. Per non parlare della sala delle orge in puro kitsh anni 70...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il robot box nella caverna di ghiaccio. La scoperta della civiltà in una spettrale New York.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Luchi78 11/8/11 9:41 - 1521 commenti

Visionario e anticipatore dei grandi film catastrofici di questi anni con le sue immagini di Washington sommersa dalla vegetazione e con le nuove città ecosostenibili che ricordano tanto realizzazioni architettoniche di attualissima concezione. Nota dolente per i dialoghi, dove si poteva osare di più per approfondire le tematiche offerte dal film (postnucleare, eutanasia forzata, controllo delle nascite). Non adatti gli attori protagonisti.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Il ferrini 18/4/18 12:30 - 1131 commenti

Cult fantascientifico che può vantare un discreto impiego di mezzi e che, a differenza del contemporaneo Guerre stellari, riesce a preservare una sua credibilità (tranne il robottone Box, che oggi fa tenerezza). Il tema affrontato è interessante (oggi potrebbe essere un episodio di Black mirror) e gli attori si muovono con eleganza in mezzo a imponenti scenografie. Dopo una prima parte claustrofobica i due protagonisti scoprono il mondo esterno: là si comprende l'Oscar agli effetti speciali. Memorabile l'incontro con l'anziano dei gatti.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Lythops 21/10/15 19:01 - 917 commenti

Da vedere tenendo ben presente ciò che era un certo tipo di cinema negli anni '70. Teoricamente interessante per la visione del futuro che propone, con un computer onnipresente che tutto rivela a guardiani tutto sommato idioti (guardando Logan e il suo amico), cede negli effetti speciali, piuttosto scadenti (i plastici). Ricorda, per alcune ambientazioni, Il dormiglione, girato tre anni prima e qualche sorriso ci scappa nonostante la drammaticità della trama. Utile per documentazione personale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La voce del computer generale.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Xamini   16/12/07 23:43 - 799 commenti

Pellicola fantascientifica di una certa lentezza; più che nella durata effettiva (un paio di ore secche), lo si percepisce durante i dialoghi privi di ritmo e nelle atmosfere futuristiche ovattate. Il sole e l'aria aperta sono un sollievo anche per lo spettatore e qualche idea resta buona (carino il vecchietto con i gatti, anche se, almeno nell'edizione italiana e fatta eccezione per la filastrocca, proprio qui i dialoghi stentano particolarmente); tuttavia troppe situazioni appaiono abbozzate e denunciano poca profondità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Insisto: quel sole rosso che tramonta e porta finalmente un po' di colore.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Alex1988 10/10/16 18:46 - 366 commenti

Mi hanno colpito molto di più le scenografie del film piuttosto che gli effetti speciali (premiati con l'Oscar) i quali, forse perché ancora molto artigianali, non lasciano il segno; da notare in particolare la Washington deserta. Storia interessante e alquanto profetica sotto molti aspetti. Buono.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Aal 28/8/09 23:24 - 244 commenti

Uno dei migliori film di fantascienza degli anni Settanta, sorretto da una bella storia, un cast di attori di prim'ordine, splendide ambientazioni, bei costumi, effetti speciali efficaci e ottima fotografia. Prodotto figlio del suo tempo, si lascia guardare ed affascina ancora oggi. Memorabile la rappresentazione di una Washington invasa dalla vegetazione. Il romanzo di William F. Nolan da cui è tratto il film è debitore di Asimov di cui riprende alcuni temi presenti in "Paria dei cieli".
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Monzaparco 31/8/12 23:45 - 41 commenti

Avevo molte aspettative per questo film (avendo letto il libro) e in parte sono state deluse. La MGM avendo investito molto nella produzione (meritato Oscar per gli effetti speciali) dovette per forza imporre una banalizzazione da botteghino che impoverisce i lati più profondi della storia di William F. Nolan. La sceneggiatura risulta quindi lenta e prevedibile. Un film da vedere sia per la storia comunque intrigante sia per la contestualizzazione del genere negli anni 70.
I gusti di Monzaparco (Fantascienza - Guerra - Western)