Cerca per genere
Attori/registi più presenti

STORIE DI VITA E MALAVITA

All'interno del forum, per questo film:
Storie di vita e malavita
Dati:Anno: 1975Genere: drammatico (colore)
Regia:Carlo Lizzani
Cast:Cinzia Mambretti, Nicola De Buono, Cristina Maranzoni, Annarita Grapputo, Walter Valdi, Mimmo Craig, Anna Curti, Danila Grassini, Lidia Di Corato, Susanna Fassetta, Bianca Verdirosi
Note:(aka "Il racket della prostituzione minorile")
Visite:2791
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 20
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Homesick 3/11/11 17:51 - 5721 commenti

L'inchiesta della Rusconi sul racket della prostituzione minorile apre uno spaccato sulla società, soffermandosi sui disagi e le miserie umane che percorrono trasversalmente i vari strati (sottoproletari e borghesi, Nord e Sud) e sulle diverse tipologie di sfruttatori e clienti delle baby-mercenarie del sesso. Una Milano truce e degradata imbottisce di realismo lo scenario su cui Lizzani rielabora i singoli episodi - non senza quel compiacimento per il voyeuristico e il pruriginoso comune a molte produzioni d'epoca - e muove con destrezza un gruppo di convincenti neofite del set. Crudo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La nonna che fa prostituire la nipotina tredicenne; Gisella che presenta i suoi magnaccia ai genitori; il triste episodio di Laura e del suo cane. .
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 24/10/07 18:34 - 1500 commenti

Interessante film di Lizzani, che rifiuta l'approccio da finto documentario per cercare di ricostruire la realtà de "il racket della prostituzione minorile" (il film è conosciuto anche così) tramite la fiction. Il punto è che alcuni degli episodi che ci vengono raccontati sono credibili e ben realizzati, altri sembrano usciti dalla penna di uno sceneggiatore di quart'ordine, cosicché il risultato finale è meno coeso di quanto avrebbe potuto essere. Circola anche una versione con inserti hard, con la quale Lizzani non ha nulla a che spartire.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Schramm 18/4/15 15:15 - 2072 commenti

L’italia senza pigiama, l’italia-bordello, l’italia tutta incesto pedofilia e pelosa assistenza sociale e più che spaccato sociale, il sociale spaccato. Prima ancora che da bere, Milano è un rospo da mandar giù, sasso in bocca al consorzio civile, caliginoso sottobosco tutto ostilità vizio e circonvenzione d’incapaci. Lizzani gira come se Polselli l’avesse mentalmente plagiato, in bilico tra mondo-movie fotoromanzato e degradato softcore disadatto a soddisfare prurigine, e aizzando imbarbarimento e squallore contro le caldane dello spettatore in cerca di libidine a buon mercato, il colpo basso gli riesce a tutto tondo.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 13/3/08 23:33 - 6526 commenti

Trattasi di uno dei tanti film semidocumentaristici del regista; uno dei meno interessanti, in cui la denuncia sociale è molto meno riuscita che in altri lavori di Lizzani, che qui sembra essere interessato più a inutili sensazionalismi che ad analizzare con serietà ed efficacia il fenomeno della prostituzione minorile che viene mostrato nella sua faccia più “facile” ed usuale soprattutto per ciò che riguarda le sue motivazioni. Inoltre la durata è un po’ eccessiva e certe cose potevano essere evitate.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 27/7/17 12:41 - 6590 commenti

Film-inchiesta sulla prostituzione minorile, con una serie di personaggi (la bambina accompagnata dall'anziana ruffiana, la provinciale ingenua che si fa abbindolare dal fidanzato, la studentessa che lo fa per protesta, ect.) in situazioni di crudo realismo: soggetto che pareva nelle corde del regista, specializzato in pellicole di questo tipo. Qui invece siamo al completo disastro: confezione da fotoromanzo con indugi voyeuristici contrastanti con gli intenti di denuncia, sceneggiatura sciatta con dialoghi fra il banale e il forzato, attori (quasi tutti non professionisti) inascoltabili.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Markus 15/1/16 19:30 - 2347 commenti

La piaga della prostituzione minorile (vittime disperate e ingenue) in tutte le sue tragiche sfaccettature. In forma di episodi incrociati, Lizzani denuncia un fenomeno allora come oggi doloroso, ma non lo fa con l’occhio commiserevole, piuttosto sceglie la via di una fedele e convincente ricostruzione basandosi sui fatti della cronaca. Una minor durata avrebbe forse dato più slancio alla pellicola, ma va riconosciuta la completezza del documento. Un'invernale e nebbiosa Milano del 1975 fa da diabolica cornice. A suo modo un capolavoro.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Matalo! 8/4/10 9:16 - 1308 commenti

Carlo Lizzani, regista di derivazione neorealista (collabora a Germania anno zero) crede di fornire uno spaccato di realtà sociale girando in maniera sciatta e morbosa questo involontariamente imperdibile docufilm in cui, tra le brume lumbard, alcune sfortunate son costrette a prostituirsi. Il risultato offusca la denuncia perché attrae per il clima morboso e, oggi, di appeal retrò dei 70. Non manca nulla al campionario anche le sbirciate ipocrite ma sembra girato da Augusto Tretti senza la follia moralista di questi. Irriconoscibile Morricone!!!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Alla 25ma ora Lizzani ha spiegato che l'incipit del film fu un fatto successo a lui e Rossellini.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 13/1/16 1:18 - 3715 commenti

Notevole film di denuncia di Lizzani che sceglie un taglio realistico, quasi documentaristico, pur se qualche episodio risulta più romanzato o implausibile di altri; poco conta visto oggigiorno, in quanto tutto contribuisce al fascino malsano di una pellicola figlia dei suoi tempi, girata in una Milano periferica grigissima, con interpreti spesso non professionisti dai volti e dalle voci giuste (tra le ragazze spicca la bella Curti). Truce e crudo, ricco di situazioni turpi e di un'umanità marginale e disperata. Buona la ost morriconiana.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'autostop; La coppia di borghesi che s'intrattiene con la ragazza incinta; La fine misera di Laura.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 19/2/09 18:34 - 2242 commenti

Bellissimo. Anche se per certi versi rispetto alla cruda realtà odierna della prostituzione minorile rimane troppo falsato. Ci sono almeno 8 personaggi principali e "strani": la sarda ingenua che verrà traviata da un losco pappone, quella che batte con un cane da guardia (!!) e via dicendo. Date alcune scene molto forti (anche se non eccessivamente crudeli) dubito passerà mai integrale in tv.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il depravato che infila nel bidè scarpe e tozzi di pane.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Nando 24/9/11 18:03 - 3104 commenti

Un film semi-documentaristico di Lizzani che analizza, tramite sei vicende, l'annoso problema della prostituzione minorile nel milanese. La narrazione è interessante, anche se emerge un lieve sensazionalismo in alcune situazioni che risultano veritiere ma morbose. Cast ben appropriato nonostante nomi sconosciuti ai più.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Lucius  4/10/12 23:39 - 2584 commenti

Un film inchiesta sulla prostituzione minorile che muove milioni di euro, ancora oggi tanto attuale. Le schiave del sesso sono costrette alla strada da lusinghiere promesse, alcune finiscono per abituarsi al nuovo tenore di vita, altre si ritrovano prigioniere in una gabbia senza sbarra. Lizzani è riuscito a ricreare il giusto degrado anche sociale, in cui si muovono le lucciole. Interessante la scelta degli interni e dei dialoghi. Non sempre il film risulta realistico, ma è comunque ben realizzato. Efficace quanto basta.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 3/6/11 13:50 - 2346 commenti

Uno di quei film che in Italia ha fatto solo Lizzani, maestro di cinema che mai ha avuto paura di sporcarsi le mani con tematiche scabrose e budget risicati. Qui si cimenta (come esemplifica il sottotitolo) col terribile racket della prostituzione minorile che nei '70 milanesi si fa sempre più brutto, sporco e cattivo. Muovendosi da un'inchiesta pubblicata sull'Espresso, il nostro cuce una sorta di film a episodi mascherato in cui vengono registrate realtà mai fin ad allora eran emerse. La crudezza è encomiabile quanto emendabile la superficialità.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Fauno 19/12/11 22:13 - 1603 commenti

Ottima la storia interpretata dalla Grapputo, vera antecedente di Asia Argento, mentre a dir poco odiosa è la prima e raccapricciante l'ultima. Se tutte queste bestialità sono un cancro inestirpabile, che non conosce flessioni e non passa mai di moda, ci sarà un motivo. Allora, anche se questo film tale ragione non la svela chiaramente, lascia però arguire la soluzione più drastica e più immediata, che sarebbe anche la più comoda... Non per niente in 40 anni si è cambiato, sì, ma in peggio...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Rufus68 21/1/16 23:29 - 1376 commenti

Inizia come un poliziottesco di second'ordine, ma ben presto il film - tratta di prostituzione minorile femminile - diviene il resoconto oggettivo di un'Italia laida e amorale, ormai senza riferimenti politici e tradizionali: una visione più nichilista che di denuncia. E il finale, di inaspettata brutalità, getta a ritroso un'ombra ancor più cupa sull'intera pellicola. Peccato per certe lungaggini e alcuni passaggi un po' troppo facili che depotenziano la forza dell'operazione.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Faggi 6/12/17 0:22 - 947 commenti

Minorenni dedite alla prostituzione, aguzzini, predatori, contesto sociale squilibrato, famiglie scardinate; paesaggio urbano triste, prossimo alla tetraggine. Oggetto ruvido, cupo, senza speranza; ambiguo e persuasivo nella fusione tra finzione e taglio documentaristico (l'effetto è di crudo realismo straniato, divagante su tema unico). L'artefice dirige con sincerità un fotoromanzo nero; qua e là è impreciso ma l'espressività non ne resta gravemente inficiata e trova momenti di incisivo nichilismo. Truce, efficace e definitivo l'epilogo.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Lythops 22/9/15 14:49 - 897 commenti

Visto oggi appare girato mille anni fa. Nonostante tutto il film è uno spaccato della società di anni in cui era impensabile e "vietato" parlare di prostituzione minorile così come lo è oggi citare la mafia al Nord. Lizzani e Guarda scrivono la sceneggiatura prendendo in esame storie vere e in alcuni casi cercando di attenuarle nel loro dramma profondo. L'opera è un modo per descrivere la realtà in tempi in cui era sempre possibile una denuncia alla magistratura per offesa al pudore. Buon film per svegliare le coscienze di allora.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Alex75 13/5/15 9:11 - 437 commenti

Attraverso le vicende di alcune ragazze Lizzani descrive e analizza le cause di una condizione di solitudine e squallore da cui è impossibile uscire, se non a caro prezzo. Pur con qualche concessione al romanzesco, la denuncia è efficace nel mostrare un degrado e un vuoto di valori da cui nessuno strato sociale è immune e di fronte ai quali le istituzioni sembrano impotenti; tutti gli episodi suscitano disagio, se non orrore e il finale, che chiude il cerchio, non è per nulla liberatorio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La “zuppetta” nel bidet; Il medico che attesta la verginità; La “ragazza bene” che presenta i magnaccia ai genitori; Laura e il suo cane.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Maik271 7/6/15 18:25 - 397 commenti

Film documentaristico girato dal bravo Lizzani sul mondo della prostituzione minorile. Ambientato in un'algida Milano, il film racconta le vicende di giovani emigranti che vengono circuite con proposte lusinghiere e giovani di "buona" famiglia che si avviano alla professione per noia. A tratti molto duro, questo viaggio nelle bassezze del genere umano dimostra come ogni livello sociale possa essere intaccato da questa piaga. Duro ma reale.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Stuntman22 24/12/11 15:50 - 98 commenti

Deprimente polpettone che alla fine risulta indigesto per il mix intollerabile tra erotismo di bassa lega e pretenziose velleità sociologiche di denuncia, miste a un percettibile manicheismo e a un ipocrito moralismo di fondo. Se comunque lo scopo era far rabbrividire o pensare, una qualche rozza efficacia la mantiene. I personaggi però sono davvero troppo insopportabili e macchiettistici, anche quelli vagamente positivi. Da salvare però le musiche di Ennio Morricone, veramente sprecato in simile contesto.
I gusti di Stuntman22 (Avventura - Azione - Poliziesco)

Aborym 20/11/16 8:59 - 27 commenti

Un film crudo, triste e ambiguo. Lo squallore e la miseria umana vengono mostrati con pochi fronzoli e colpiscono duro. Resta però la sensazione che più che alla denuncia Lizzani punti in realtà a scioccare lo spettatore, rendendolo sì partecipe di situazioni sordide e desolate, senza tuttavia riuscire a esprimere un suo pensiero e una presa di posizione sulla realtà in oggetto. Anzi, il rischio di fare la figura del moralista che in verità sta spiando dal buco della serratura è sempre altissimo. Il finale, comunque, è uno dei più agghiaccianti che personalmente ricordi.
I gusti di Aborym (Drammatico - Giallo - Thriller)