Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AD UN PASSO DALL'AURORA

All'interno del forum, per questo film:
Ad un passo dall'aurora
Dati:Anno: 1989Genere: drammatico (colore)
Regia:Mark B. Light (Mario Bianchi)
Cast:Gerardo Amato, Tinì Cansino, Franco Caracciolo, Adriana Russo, Pier Maria Cecchini, Patrizia Falcone, Renzo Rinaldi, Barbara Giommi
Note:E non "A un passo dall'aurora". Ispirato al racconto "Traumnovelle" di Arthur Schnitzler, da cui Kubrick ricaverà "Eyes Wide Shut".
Visite:3767
Il film ricorda:Funny Frankenstein (a Gestarsh99)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/3/08 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/8/13


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 4/3/08 14:36 - 3971 commenti

Un medico chirurgo, altolocato e giunto al traguardo della posizione sociale (affermato, considerato, milionario e sposato ad una bellissima donna) scopre di avere altre "morbose" necessità: appagabili, unicamente, tramite messa in pratica d'azioni violente verso il prossimo. Uno dei più noti pornografi degli Anni Ottanta (Mario Bianchi) gira un drammatico film, dalle atmosfere tese e cupe per via di una malinconia (di fondo) generata dal "male di vivere". Sembra strano, ma pure Kubrick (con Eyes Wide Shut) percorre un plot pressoché identico: forse la fonte è il romanzo di Schnitzler.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Cotola 24/12/08 3:38 - 6526 commenti

Prima trasposizione cinematografica del romanzo "Doppio sogno" di Schnitzler, firmata da un non certo ispirato Mario Bianchi che riesce incredibilmente a rovinare un'opera letteraria raffinata ed elegante. Inutile dire che il confronto con il successivo Eyes wide shut di Kubrick, tratto dal medesimo libro, è assolutamente improponibile. Lasciate perdere questa robaccia e guardatevi direttamente il film del Maestro.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Iochisono 12/7/10 22:43 - 133 commenti

Pazzesco! Prima di Kubrick a trasportare cinematograficamente il "doppio sogno" di Schnitzler in epoca attuale fu Mario Bianchi... con Tinì Cansino! Alcune similitudini d'adattamento sono curiose ma il film di Bianchi grida vendetta da ogni lato. Girato sciattamente e in fretta e furia mette in scena una delle peggiori direzioni d'attori che si siano mai viste impressionare su pellicola. Ci sono perle di stracultismo, tipo Caracciolo che fa Stella, un travestito che vive con la Cansino e la trovata di ambientare il tutto a Venezia (deprimente).
I gusti di Iochisono (Commedia - Horror - Poliziesco)

Herrkinski 21/11/17 3:19 - 3724 commenti

Passato agli onori della cronaca più che altro per la somiglianza pregressa col film di Kubrick (in realtà è solo tratto dalla stessa novella), resta comunque uno dei lavori più ambiziosi di Bianchi; tolte un paio di sequenze "erotiche" con la Cansino (imbarazzante nella recitazione), il resto del film si muove tra una Venezia notturna come sempre suggestiva e oscure sette massoniche; certe trovate (come nel drammatico atto finale) sono di un'ingenuità disarmante e a tratti si rischia il colpo di sonno, ma in parte si apprezza lo sforzo creativo.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 5/12/15 19:46 - 2242 commenti

Kubrick anticipato da Mario Bianchi, qui in una delle sue migliori opere, anzi la migliore (perlomeno per il sottoscritto). Autore di opere quantomeno discutibili come Provincia violenta e Gola profonda nera, qui con un cast decente, una ambientazione valida seppur sfruttatissima come Venezia a carnevale se la cava piuttosto bene. Unico difetto la durata: troppo breve, lo avrei allungato almeno di 20 minuti.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Minitina80 31/8/16 9:39 - 1376 commenti

La premessa iniziale prevede che la prima mezz’ora venga saltata completamente poiché insopportabile. Soltanto dopo il assume una parvenza di decenza che lo fa assomigliare a qualcosa che possa avere un senso. Si nota quanto l’idea del soggetto sia interessante, anche in un contesto del genere, povero di risorse e senza una grossa regia alle spalle capace di valorizzarlo a dovere. Impalpabili gli attori, abusata la scelta della Venezia carnevalesca e molto altro sotto il livello della sufficienza.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Redvertigo 20/8/08 12:19 - 78 commenti

È un b-movie girato a basso budget, ma l'adattamento della "Traumnovelle" di Schnitzler, seppur in parte grossolano, risulta abbastanza interessante. La Venezia notturna fotografata da Bianchi risulta dark e misteriosa e ben si addice alla storia. Il cast, ad eccezione del discreto Gerardo Amato, è uno dei punti più deboli (Franco Caracciolo, Tini Cansino su tutti) del film. La parte finale Bianchi se la reinventa, rendendola più drammatica e disperata di quanto sia l'opera letteraria!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bianchi, noto pornografo, realizza una casta scena dell'orgia che, al confronto, fa apparire quella di Kubrick in Eyes wide shut molto, ma molto, più hard!
I gusti di Redvertigo (Erotico - Horror - Thriller)