Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NOTTE SULLA CITTà

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 13/7/14 7:40 - 9750 commenti

Luci ed ombre in questo noir di Jean Pierre Melville, peraltro il suo ultimo film. Lo stile delle riprese è senz'altro encomiabile anche se è a volte autocompiaciuto e patisce una lentezza eccessiva. La storia (sia quella criminale che quella riguardante il triangolo amoroso) non è molto originale, ma risente positivamente del contributo di un gruppo di ottimi attori (anche Delon convince nel complesso). Da dimenticare gli effetti speciali.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Homesick 27/2/12 17:44 - 5692 commenti

Con la sua faccia imbambolata che lo rende improbabile come commissario spiccio e malinconico, Delon è senz’altro fuori posto, ma a decidere le sorti del film è la regia di Melville: il suo noir sfuma in un rorido grigio crepuscolare e compone tese sequenze di maestria tecnica (l’incipit, la rapina in banca e quella sul vagone letto) con i dialoghi per lo più sostituiti dai rumori di fondo o dalla colonna sonora. Il nostro Cucciolla, impiegato di banca datosi al crimine in seguito al licenziamento, si accorda ai vari personaggi “politici” da lui più volte interpretati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La calamita che fa girare la chiave;la reazione di Cucciolla all’arrivo della polizia; l’incontro finale tra Delon e Crenna.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 30/5/09 11:18 - 1500 commenti

Certo non tutto funziona a dovere, ma nel complesso è un buon film: nero, cupo e con scene d'azione magistralmente costruite e montate. Con un ottimo cast (grandioso Riccardo Cucciolla in particolare) e purtroppo qualche scivolata, come nella scena dei modellini del treno e dell'elicottero, francamente ai limiti del ridicolo per motivi di budget. Qualche passaggio non è propriamente a fuoco, ma l'atmosfera c'è tutta. Ultimo film di Melville, purtroppo.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 8/3/11 23:20 - 6463 commenti

L'ultimo film di Melville è un noir diretto nel suo solito stile: dialoghi ridotti all'osso e lunghe scene d'azione, quasi mute, girate (ovviamente) benissimo e di grande impatto. In particolare quella iniziale della rapina ma anche quella del furto in treno (che a mio avviso ha ispirato tanti giocattoloni americani d'azione) non è male. La storia è un pò la solita con sviluppi narrativi prevedibili. Ma a mancare sono un pò le emozioni e, forse, anche la scelta di Delon nel ruolo del commissario non ha pagato.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 13/4/09 17:40 - 1441 commenti

L'inizio è folgorante, per quanto guastato da uno stacco che mira a presentare la star Delon. Ottima la rapina da cui prende il via la storia, notevole il cast, ottima la messa in scena. La sceneggiatura (dello stesso Melville) non è impeccabile e ha parecchi buchi, ma il film ha qualità visive (la stilizzazione tipica della fase matura del regista) che ne riscattano i limiti di struttura. Peccato per la "super-rapina" in elicottero fatta coi modellini.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sequenza iniziale sarebbe magnifica, se non ci fossero i quadri neri dei titoli e l'inserto con Delon.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 9/10/17 21:57 - 6457 commenti

Quattro uomini mettono a segno un colpo in banca con l'intenzione di finanziare con il bottino un colpo ancora più grosso, ma un commissario si mette sulle loro tracce... Melville si congeda dal cinema con un film non molto originale nella trama ma pregevole nella messa in scena in cui le sequenze migliori sono quelle d'azione, quasi mute e orchestrate con precisioni millimetrica. Buona nel complesso la prova del cast internazionale, anche se Delon è troppo giovane e glamour per il ruolo di poliziotto scafato. Bella la resa dei conti finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Elicottero e treno: realizzazione molto modesta dal punto di vista degli effetti speciali ma grande idea.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Daidae 14/4/12 2:01 - 2223 commenti

Ultimo film di Melville, regista che ho apprezzato ne I senza nome e Frank Costello faccia d'angelo, ma questo l'ho trovato di una noia mortale, con poche idee, lentissimo e con un Alain Delon davvero poco espressivo in una delle sue interpetazioni meno riuscite. Anche il resto del cast non brilla. Si poteva fare di molto meglio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio lascia ben sperare, ma poi..
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Nando 20/11/15 18:09 - 3084 commenti

L'ultima pellicola del maestro Melville, che da lì a un anno ci avrebbe lasciato per sempre. Un noir classico con atmosfere plumbee e un intreccio amoroso. Inizio folgorante, poi qualche momento lievemente prolisso; ma globalmente la pellicola è godibile, avvalendosi di un discreto Delon, una bellissima Deneuve, un anonimo Crenna e un sofferente ma bravissimo Cucciolla.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Fauno 30/7/12 9:54 - 1584 commenti

Per quanto nel ruolo di una mente criminale, è infinitamente più azzeccato Crenna di uno spento commissario Delon. Anche il solito Cucciolla scalognato e la bella Deneuve opportunista non scaldano i motori di un film che non decolla, che è molto espressivo e poco parlato, anche se è una caratteristica di Melville. Buono però il bluff della sottrazione delle valigie sul treno mediante un elicottero e molto umano il perdono di Delon ad un trans, reo di non aver dato l'informazione giusta.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 19/8/14 19:31 - 1288 commenti

Ultimo film di Melville e come congedo poteva essere migliore. Lo stile è quello dei suoi lavori precedenti, ma la profondità no e la noia si fa sentire, nonostante l'innegabile maestria di sequenze come quella iniziale della rapina in banca e quella del treno. Bravi Crenna e Cucciolla, Delon troppo giovane e affascinante per essere credibile nei panni del poliziotto cinico e disilluso, la Deneuve è solo un nome di richiamo sulla locandina nonché la conferma della difficoltà di questo regista a costruire personaggi femminili di rilievo.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 11/12/13 1:53 - 1137 commenti

Ben prima della fortunata saga di De Cataldo ci aveva già pensato il buon vecchio Melville al triangolo che vede un bandito di classe e un determinato commissario dividersi una donna ambigua e bellissima. L'ultimo film del Maestro non è il migliore, ma contiene un paio di blocchi da antologia (la rapina iniziale e quella sul treno). Straniante vedere Delon vestire, per una volta, i panni dello "sbirro": del resto "Flic", il titolo originale, è un vocabolo dispregiativo e il suo confronto con l'informatore trans è una delle scene più toccanti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Delon ripete la frase dei titoli di testa: "L'unico sentimento che un uomo abbia mai ispirato a un poliziotto è l'ambiguità o la derisione".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Lythops 17/5/15 16:40 - 888 commenti

Visto oggi sembra una grande lezione di cinema. Allora, quando il noir francese era sacro e tutti accorrevano, era normale visto che le lunghe sequenze senza una parola non dico che erano la norma, ma non meravigliavano nessuno (anzi, l'azione la si viveva di più). Il film è cupo, notturno, con un Delon che svolge freddamente la routine del proprio lavoro, grande nell'affrontare il proprio compito quasi inevitabilmente annoiato. Lui e Paul Crochet riescono ad affossare tutti gli altri, Deneuve compresa. Ultimo film di Melville. Che peccato.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Parsifal68 15/2/17 17:27 - 607 commenti

Quattro uomini rapinano una banca. Il colpo serve per finanziarne uno di più grossa entità, ma sulle loro tracce vi è un tenace commissario. L'ultimo lavoro del controverso regista Melville è un noir che non soddisfa appieno e denso di momenti di stanca. Troppo frammentario e disordinato nella prima parte quanto sbrigativo nella seconda. Esasperatamente lento in certe scene (la svestizione di Crenna in treno), il regista perde troppo tempo e non riesce ad approfondire i personaggi che sono interpretati da grandi attori mal utilizzati.
I gusti di Parsifal68 (Comico - Commedia - Drammatico)

Alex1988 17/7/15 18:21 - 284 commenti

E' vero, Melville non è per un pubblico omogeneo; il suo è un cinema secco, asciutto, fatto di pochi dialoghi e musica, difficilmente digeribile in quanto a ritmo e questa sua ultima opera ne è la prova. Ma è stupendo nel raffigurare una Parigi sempre cupa e nuvolosa e sempre attento nei dettagli (vedi tutta la scena del treno). Quanto agli attori, fanno tutti la loro parte senza strafare.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)