Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• GLI OCCHI DELLA MENTE

All'interno del forum, per questo film:
• Gli occhi della mente
Titolo originale:Visions...
Dati:Anno: 1972Genere: thriller (colore)
Regia:Lee H. Katzin
Cast:Monte Markham, Telly Savalas, Barbara Anderson, Tim O'Connor, Joseph Sirola, Lonny Chapman, Jim Antonio, Richard Erdman, Valentin de Vargas, Elizabeth Moore, Robert DoQui
Note:Aka "Visions of Death".
Visite:89
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/17 DAL DAVINOTTI
Mark Lowell (Markham) è un professore universitario che un giorno in aula, durante la lezione, è preda di improvvise visioni: qualcuno sta piazzando una bomba da qualche parte e lui lo "vede". Ripresosi, corre alla polizia per spiegare la cosa, ma naturalmente lì che possono fare, senza nemmeno una vaga indicazione circa il luogo del presunto crimine? E infatti di notte la bomba esplode, nello stabilimento di un'azienda. Subito contattato dal tenente Keegan (Savalas) che si occupa del caso, Lowell viene sottoposto prima alla macchina della verità, quindi a test sulla preveggenza, dove fa subito strike! Eppure Keegan non è convinto: scettico per natura, comincia a ipotizzare che l'uomo abbia una doppia personalità e gli perlustra la casa con grande scorno della bella compagna (Anderson), presenza piuttosto impalpabile nel corso delle indagini. Quando però Lowell "vede" una nuova bomba, pure il tenente capisce che non è il caso di scherzare e analizza il disegno astruso realizzato da questi durante una visione per capire cosa possa significare. Si apre la caccia al bombarolo e stavolta la polizia capisce che non può privarsi del prezioso aiuto del prof veggente. Siamo a Denver, in Colorado, e tra scenari urbani alla Kojak seguiamo un solido tv-movie di vecchio stampo che sfrutta l'idea delle "visioni" anticipatrici, già utilizzate di frequente su schermo ben prima della ZONA MORTA di King e Cronenberg. L'idea funziona ed è messa in scena con buon mestiere dall'esperto Lee H. Katzin. Potendo contare su un parco attori particolarmente valido, guidato da un Savalas tosto e deciso, il film segue bene una sceneggiatura che senza tanti grilli per la testa procede dritta per la sua strada, a metà tra thriller e poliziesco, rispettando le regole del genere. La prima parte specialmente sa far montare un discreto clima di mistero, per quanto stemperato dal crudo realismo suggerito dal carattere dei personaggi, dai grigi scorci cittadini e dalle musiche di Morton Stevens. L'indecisione di Lowell, che scopriamo avere il “dono” fin da bambino, riflette la sua scarsa capacità nel gestirlo, per questo guidato dalla praticità di Keegan in un rapporto cominciato freddamente ma rinsaldato dai nuovi sviluppi del caso. Peccato per un'ultima parte un po' troppo affrettata e gestita scolasticamente, coi titoli di coda che t'appaiono d'improvviso come non siamo più abituati a vedere. D'altra parte con una durata che supera a fatica l'ora e dieci era cosa preventivabile: niente fronzoli, dialoghi serrati, fantasia e ambizioni ridotte, freddezza e immediatezza da tipico prodotto televisivo. Ma si fa vedere e non è poco. Straniante l'insolito doppiaggio di Savalas.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Digital 5/12/17 9:25 - 715 commenti

Quando un professore universitario ha una visione di un uomo che piazza una bomba, si precipita dalla polizia per metterla al corrente della cosa. Inizialmente riluttanti, gli sbirri finiranno per affidarsi a lui per rintracciare il colpevole. Dallo specialista in thriller televisivi Katzin, un film non esattamente entusiasmante. Risente di una sceneggiatura poco ficcante che si riflette in un ritmo lento: nemmeno la breve durata riesce a scongiurare il tedio. Destinazione da piccolo schermo fin troppo palese, doppiaggio alquanto modesto.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)