Cerca per genere
Attori/registi più presenti

COMANDAMENTI PER UN GANGSTER

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/10/16 DAL BENEMERITO COTOLA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/11/17
Dopo una solenne mitragliata in apertura ci ritroviamo all'obitorio, dove salta fuori il cadavere di Helene Cline: a vegliarla ci sono Northon (Tadic), un ex criminale specialista in casseforti a lei legato (scopriremo solo alla fine perché) e un ispettore, che gli spiega come il marito della giovane, Frank Cline, sia scomparso da un mese. A Northon interessa solo trovare l'omicida e per questo si mette alla ricerca di Frank contattando subito un suo amico - ex appartenente all'organizzazione - che vive in una sorta di capanna assieme a pappagalli ed altri uccelli: a vederlo ricorda da morire il Diomede di 4 MOSCHE DI VELLUTO GRIGIO ed è solo il primo dei richiami che Dario Argento, autore del copione assieme al regista Alfio Caltabiano, ci concede. Altri rimandano anche all'Argento co-autore di C'ERA UNA VOLTA IL WEST, perché l'esecuzione di un poveraccio con cappio al collo in soggettiva non può non riportare alla mente il flashback di quel classico, dove - come - qui le musiche di Morricone avevano parte importante. Le avventure di Northon lo portano innanzitutto a conoscere un criminale di piccolo taglio, 5cents (che gli si presenta come “un tipo con 10 suoi comandamenti, e tutti e dieci finiscono nella parola denaro”, giusto per dare un senso al titolo), col quale farà comunella per recuperare dell'oro da un relitto; poi un pezzo grosso, chiamato “Il Santo”, il tipico gangster col dente avvelenato che ama far fuori chiunque lo tradisca non prima di aver pronunciato frasi roboanti da uomo di poche parole. Ma di poche parole sono un po' tutti a dire il vero, e latitando anche l'azione non resta poi molto in un film che vive di qualche buona sequenza (la già citata esecuzione con cappio e cemento, Northon appeso a testa in giù...) e di un finale, quello sì, di grande suggestione, palesemente ispirato ai western leoniani (soffia persino il vento come nei deserti del maestro mentre Morricone fa salire la tensione, ma siamo in barca!). Troppo poco però per salvare un'opera modesta, poverissima nelle ambientazioni (ci si vorrebbe far credere di essere in Canada), sceneggiata al risparmio e che ricalca il genere senza gran fantasia, con un'unica donna tra i personaggi di un certo rilievo (la cantante serba Olivera Katarina, che si esibisce in un bel pezzo al night e si guadagna l'appellativo di “donna che ha tutto nel punto giusto”) e la mitragliatrice come arma quasi esclusiva fin dall'inizio (poteva quindi mancare l'omaggio a DJANGO nel finale?). La polizia non interviene praticamente mai; lo fa giusto prima di lasciare spazio sui titoli di coda a una didascalia su cui riflettere (e magari farsi due risate): "...ed il mondo continua ad andare, nel tempo, con le sue inesorabili leggi di arrivismo e supremazia, destinate tutte, nel tempo, alla fine".
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Cotola 9/10/16 13:29 - 6526 commenti

Gangster movie all'italiana con spruzzatine di thriller e palesi debiti di riconoscenza al western spaghettaro. La storia è sostanzialmente quella di una vendetta condita con tradimenti, sevizie, omicidi ed altri ingredienti tipici del genere. E anche se non ci sono particolari sorprese, il film scorre via veloce e godibilissimo, con qualche momento più che riuscito e di buona tensione, fino al finale che lascia un po' basiti, così come la didascalia che chiude il tutto. La sceneggiatura è cofirmata da Dario Argento e si notano già alcuni particolari tipici dello stile del regista romano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio con i tre omicidi; La parte finale, compresa la didascalia.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)